La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 CNIPA - Marco Gentili Linee Guida per la Qualità delle Forniture ICT negli appalti pubblici Marco Gentili Responsabile Area Governo e Monitoraggio delle.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 CNIPA - Marco Gentili Linee Guida per la Qualità delle Forniture ICT negli appalti pubblici Marco Gentili Responsabile Area Governo e Monitoraggio delle."— Transcript della presentazione:

1 1 CNIPA - Marco Gentili Linee Guida per la Qualità delle Forniture ICT negli appalti pubblici Marco Gentili Responsabile Area Governo e Monitoraggio delle Forniture ICT Strategie di acquisizione

2 2 CNIPA - Marco Gentili Manuale 2 Strategie Manuale operativo Governo dei contratti ICT Manuale d’uso Presentazione e utilizzo delle Linee Guida Manuale applicativo Strategie di acquisizione forniture ICT Manuale applicativo Appalto pubblico di forniture ICT Manuale operativo Dizionario delle forniture ICT Manuale applicativo Esempi di applicazione Manuale di riferimento Modelli per la qualità forniture ICT GovernoContrattoAppaltoStrategia

3 3 CNIPA - Marco Gentili Manuale 2 Contenuti Identificazione della corretta strategia di acquisizione analizzando in modo sistematico le possibili forme di acquisizione  full o selective outsourcing, insourcing, joint venture, consorzi, project financing implicazioni strategiche, organizzative, economiche, operative  approccio per lo sviluppo sw ad hoc, reingegnerizzazione, riuso, open source, utilizzo di prodotti commerciali Manuale 2 Strategie di acquisizione di forniture ICT GovernoContrattoAppaltoStrategia

4 4 CNIPA - Marco Gentili Manuale 2 Contenuti Identificazione della corretta strategia di acquisizione definendo le architetture contrattuali necessarie  Architetture contrattuali contratti quadro, suddivisione in lotti, subappalto, integrazione di più contratti  Tipologie di contratti ICT Fornitura/locazione di sistemi ICT, acquisto di sw, licenza d’uso sw, sviluppo di sw, prestazione di servizi ICT Organizzazione dei contratti, corpo contratto, capitolato, offerta, piani Manuale 2 Strategie di acquisizione di forniture ICT GovernoContrattoAppaltoStrategia

5 5 CNIPA - Marco Gentili Manuale 2 Contenuti Identificazione della corretta strategia di acquisizione definendo i contenuti dei contratti ICT  norme regolatrici e durata contrattuale  modalità di definizione dell’oggetto del contratto  modalità e condizioni della prestazione  modalità di controllo e verifica della prestazione  modalità di determinazione dei corrispettivi  forme di tutela Manuale 2 Strategie di acquisizione di forniture ICT GovernoContrattoAppaltoStrategia

6 6 CNIPA - Marco Gentili Manuale 2 Contesto d’acquisto Tecnologie Architetture efficienza competitività innovazione trasparenza privacy Corretta Strategia di acquisizione capacità di governo attori / processi esigenze interoperabilitàcooperazione sicurezza finanziamenti GovernoContrattoAppaltoStrategia

7 7 CNIPA - Marco Gentili Evoluzione contesto d’acquisto Infrastrutture IT Evoluzione

8 8 CNIPA - Marco Gentili Evoluzione contesto d’acquisto Sviluppo Sw Evoluzione

9 9 CNIPA - Marco Gentili ICT Governance 5 domini decisionali Principi  Affermazioni di alto livello su come l’ICT deve essere usata nei procedimenti amministrativi  Allineamento delle strategie ICT alle strategie della PA Infrastruttura  Strategie per definire servizi ICT trasversali ai procedimenti amministrativi  Valorizzare l’ICT come fattore abilitante massimizzandone i benefici Architettura  Scelte tecniche integrate (inerenti dati, tecnologie, applicazioni) per soddisfare le necessità della PA inerenti i procedimenti amministrativi Applicazioni  Individuazione delle applicazioni di supporto ai procedimenti amministrativi da acquisire o realizzare Investimenti  Decisioni su quanto investire in ICT e su come selezionare i progetti

10 10 CNIPA - Marco Gentili ICT Management 5 domini decisionali Missione da affidare al fornitore  Scelta tra IT Outsourcing e Business Process Outsourcing Strategie di acquisizione (Forme di acquisizione)  Scelta tra make or buy in funzione dell’analisi dei pro e dei contro (Strategici e Organizzativi, Economici e Finanziari, Operativi ) Scelta del fornitore (Modalità di appalto)  Stabilità finanziaria ed affidabilità (capacità di rispettare gli impegni)  Attitudine al servizio (soddisfazione cliente, assicurazione qualità)  Capacità tecnica ICT e di innovazione (competenze, conoscenze, metodologie, infrastrutture) Definizione del contratto (Cosa succede se … ?)  Attività, Prodotti, Indicatori di qualità, Livelli di servizio  Responsabilità, Pagamento corrispettivi, Applicazione penali, Flessibilità Governo del contratto (Direzione dei lavori)  gestione attività e varianti in corso d'opera  monitoraggio livelli di qualità e gestione non conformità

11 11 CNIPA - Marco Gentili ICT Governance & Management Criticità dell’esternalizzazione in Italia Criticità  Difficoltà a confrontare i costi dell’esternalizzazione con quelli delle strutture interne del Cliente  Scarsa flessibilità dei contratti che spesso porta a rinegoziarli entro mesi  Limitato uso di meccanismi di misurazione delle prestazioni del Fornitore  Mancanza di professionalità adeguate a governare il contratto ICT Governance  strutture, meccanismi organizzativi, decisioni e quadri di controllo  preposti a garantire che l’IT sia coerente e funzionale al perseguimento degli obiettivi della PA ICT Management  decisioni, quadri di controllo, strumenti (di misura)  per gestire i progetti (contratti di esternalizzazione)  al fine di raggiungere gli obiettivi preposti minimizzando i rischi

12 12 CNIPA - Marco Gentili ICT Governance & Management Best Practices Più strategie focalizzate, grande differenziazione tra  soddisfazione degli utenti  innovazione tecnologica  eccellenza operazionale Chiari obiettivi per gli investimenti in ICT, differenziazione tra  supporto di nuovi modi di effettuare i procedimenti amministrativi  incremento della flessibilità  facilitazione delle comunicazioni con gli utenti Partecipazione del top management, grande coinvolgimento di  Seg. Generali, Capi Gabinetto, Direttori Generali, Capi Dipartimento Stabilità, pochi cambiamenti anno per anno Processi per gestire le eccezioni, formalizzati e ben funzionanti  per garantire la flessibilità necessaria ed evolvere gli standard ICT Metodi formali di comunicazione, per assicurare la trasparenza  pianificazione strategica ed esecutiva  controllo di gestione e misura dei livelli di servizio

13 13 CNIPA - Marco Gentili Strategie di acquisizione delle forniture ICT

14 14 CNIPA - Marco Gentili Forme di acquisizione Due possibili modalità di classificazione delle forme di acquisizione Cosa esternalizzare, tipo di mandato al Fornitore  servizi ICT Information Technology Outsourcing, ITO  servizi inerenti la missione della PA Business Process Outsourcing, BPO in cui il sistema informativo è una componente strumentale per l’erogazione di servizi Come esternalizzare: ampiezza del mandato conferito  Outsourcing globale (Full Outsourcing)  Outsourcing selettivo (Selective Outsourcing)

15 15 CNIPA - Marco Gentili Forme di acquisizione esternalizzare Delega operativa dei servizi connessi all’informatica che un Cliente concede ad un Fornitore per demandare all’esterno ciò che tradizionalmente si è fatto all’interno  delega operativa data dal Cliente al Fornitore  esternalizzazione di attività già svolte dal Cliente  trasferimento di attività dal Cliente al Fornitore  affidamento di attività al Fornitore

16 16 CNIPA - Marco Gentili Forme di acquisizione cosa esternalizzare - ITO Esternalizzare attività precedentemente svolte all’interno inerenti attività di sviluppo, esercizio e manutenzione dei sistemi ICT e servizi ICT legati alle infrastrutture hw e di rete, ai centri di elaborazione dati, al patrimonio applicativo sw  Consulting services  Application management  Desktop Management  Help Desk  Contact Centre  CRM  Network outsourcing  Facility management  System integration  Application Service Provider (ASP) o e-Sourcing

17 17 CNIPA - Marco Gentili Forme di acquisizione cosa esternalizzare - BPO Esternalizzazione dei processi operativi di supporto al raggiungimento della missione della PA ovvero, in una modalità ancora più avanzata, di processi propri della missione istituzionale dell’amministrazione  processi di back-office, strumentali al funzionamento della PA, accessori rispetto alla missione istituzionale gestione delle risorse umane servizi di assistenza servizi di contabilità e finanza, ecc.  Generalmente prevede contratti pluriennali convenzione quadro convenzione di concessione società a partecipazione pubblica - privata

18 18 CNIPA - Marco Gentili Forme di acquisizione come esternalizzare

19 19 CNIPA - Marco Gentili Outsourcing (Globale e Selettivo) Outsourcing Globale  La PA intende creare una partnership strategica con il Fornitore  La PA delega ad un unico Fornitore i servizi sulla base di un unico contratto di servizio Outsourcing selettivo  La PA affida ad un Fornitore parte dei servizi ICT, oppure dei propri processi istituzionali, mantenendone al proprio interno una componente, più o meno rilevante Multisourcing (più outsourcing selettivi simultanei)  La PA vuole creare un ambiente competitivo  la PA affida i propri servizi in maniera separata a più fornitori diversi

20 20 CNIPA - Marco Gentili Insourcing (Fornitore Interno) La realizzazione dei servizi ICT è assegnata ad una unità organizzativa interna alla organizzazione che provvede ad acquisire dall’esterno le risorse strumentali ed infrastrutturali necessarie  La funzione ICT interna fornisce servizi, ed implementa nuove soluzioni ed architetture informatiche, mediante progetti interni  La funzione ICT è delegata ad una società di servizi separata dalla PA a cui i servizi sono erogati posseduta dalla PA (Fornitore Interno)  Co-sourcing attua una applicazione congiunta e selettiva dei modelli Insourcing ed Outsourcing

21 21 CNIPA - Marco Gentili Società Partecipata (Joint Venture) Applicabile dove sia necessaria una forte partnership tra PA e Fornitore, in un rapporto contrattuale in cui possano essere rilevanti gli investimenti iniziali di start-up Prevale la scelta strategica di un rapporto stabile, affidabile e controllabile Coniuga l’affidabilità ed la controllabilità di una società pubblica con la flessibilità e l’abilità di una società privata  La funzione ICT è delegata ad una società di servizi separata dalla PA a cui i servizi sono erogati realizzata dalla PA in partecipazione con un Fornitore (costituito anche da un Consorzio o da un Raggruppamento Temporaneo di Imprese)

22 22 CNIPA - Marco Gentili Consorzi e RTI (Best of Bread) Applicabile quando la PA intenda creare una alleanza strategica con il consorzio, o richiedere di servizi eterogenei che necessitano diverse specializzazioni non tutte presenti all’interno di un unico fornitore  La funzione ICT è delegata ad una entità giuridica costituita da più fornitori che fornisce ed implementa servizi sulla base di un unico contratto di servizio Consorzio o Società consortile Raggruppamento Temporaneo d’Impresa (RTI)  la PA non partecipa a questa entità diversamente dal caso della società partecipata

23 23 CNIPA - Marco Gentili Finanza di Progetto (Project Financing) Applicabile a progetti in cui esiste un rapporto diretto tra il finanziamento di una infrastruttura, la sua realizzazione, la sua gestione ed il relativo sfruttamento commerciale  Metodo di finanziamento tipico delle infrastrutture in cui la PA dà in concessione ad un Fornitore una propria attività  Esempi tipici di ambiti possibili di applicazione autostrada capace di attrarre traffico sufficiente a garantirne la redditività museo costruito e gestito con i proventi che derivano dalla vendita dei biglietti di ingresso e dall’attività di merchandising

24 24 CNIPA - Marco Gentili Forme di acquisizione Comparazione Ogni forma di acquisizione presenta “pro” e “contro”. La strategia migliore deve essere individuata analizzando correttamente il contesto della PA  Valutazioni Strategiche e Organizzative  Valutazioni Economiche e Finanziarie  Valutazioni Operative e tecnologiche La scelta non deve necessariamente essere effettuata una volta per tutte, può essere rivista  sulla base di una strategia di approccio progressivo  per adattarsi al mutare di condizioni endogene od esogene all’organizzazione

25 25 CNIPA - Marco Gentili Forme di acquisizione Comparazione

26 26 CNIPA - Marco Gentili Forme di acquisizione Benefici e Rischi Minimizzare i rischi Ottenere i benefici E-business Focus su core-business Costo elevato del personale Mancanza di risorse specializzate L’outsourcing non riduce i costi Rapidi cambiamenti tecnologici Esperienze negative Globalizzazione e decentramento Preoccupazioni circa la perdita di controllo Cattiva pubblicità per contratti fallimentari crescita esternalizzazione dei servizi

27 27 CNIPA - Marco Gentili Forme di acquisizione Benefici e Rischi Per il Cliente  l’Outsourcing ha senso se il Fornitore eroga il servizio ad un costo inferiore a condizioni finanziarie più vantaggiose con una qualità uguale o superiore con la capacità di adeguarlo alle proprie esigenze  I rischi per la PA sono superiori a quelli del Fornitore ed i loro effetti potenzialmente più pesanti Per il Fornitore  L’Outsourcing è un buon affare se incrementa il fatturato i margini la penetrazione nel mercato Tale situazione si deve esplicitare sull’intero ciclo di vita dell’acquisizione di forniture ICT

28 28 CNIPA - Marco Gentili Forme di acquisizione Impatto organizzativo Servizi ICT  sempre più combinazione di attività interne ed esterne Interazioni PA - Fornitore  molto più complesse di quanto descritto in un contratto ben fatto Servizi ICT come una torta Contratto di Outsourcing selettivo Contratto interno/informale Contratto esterno/formale Strategia di Outsourcing selettivo Insieme di Contratti esterni/formali e interni/informali

29 29 CNIPA - Marco Gentili Forme di acquisizione Organizzazione Funzione ICT interna La funzione ICT interna non va soppressa, è però necessario modificarla profondamente perchè non è più una unità di servizio  Struttura organizzativa, compiti e responsabilità  Conversione e riallocazione delle risorse Oggi fare operativi e tecnici poco specializzati Domani far fare manager e tecnici molto specializzati

30 30 CNIPA - Marco Gentili Forme di acquisizione Competenze Funzione ICT interna Gestione del personale Obiettivi interni Comunicazioni informali Integrazione di fornitori e servizi Relazioni formali ed escalation Gestione delle RisorseGestione del Servizio Gestione di contratti complessi Oggi Domani Le competenze vanno evolute (outplacement)

31 31 CNIPA - Marco Gentili Forme di acquisizione Sistema dei valori dei dipendenti La nostra PA è diversa da ogni altra perciò richiede soluzioni ICT fatte su misura E’ meglio produrre internamente i prodotti e servizi ICT perché si raggiunge il livello di qualità più elevato Oggi Domani Processi produttivi industriali si traducono in qualità costante, preferibile alla variabilità della produzione artigianale interna E’ più importante progettare soluzioni, scegliere fornitori, governare contratti che realizzare prodotti e servizi ICT Regole non scritte che determinano la cultura della PA e influenzano i comportamenti individuali che la esprimono, modalità di gestione dei conflitti e stile di direzione delle risorse

32 32 CNIPA - Marco Gentili Forme di acquisizione Fattori critici di successo Scelta della Strategia di Acquisizione  approccio progressivo  adattarsi al mutare di condizioni endogene o esogene Selezione del Fornitore  ricerca delle garanzie necessarie a contenere i rischi Definizione del Contratto  impostazione di un rapporto Cliente-Fornitore  eliminazione delle possibili ambiguità  pariteticità, correttezza, funzionalità, flessibilità Governo del Contratto  responsabilità finale del Cliente

33 33 CNIPA - Marco Gentili Strategie inerenti il Sw Applicativo

34 34 CNIPA - Marco Gentili Acquisto di sw applicativo Scelte sull’oggetto di acquisto:  Sviluppo ad hoc  Reingegnerizzazione / Riuso  Prodotti commerciali (ERP, DSS, WFM, DWH, KM, ecc.) Scelte tecnologiche / commerciali  Sw open source  Sw proprietario Scelte di modalità realizzative:  Soluzione progettuale  Realizzazione su specifiche

35 35 CNIPA - Marco Gentili Strategie inerenti il Sw applicativo Esigenze  nuove esigenze di automazione non coperte o coperte in modo insufficiente da Sw esistente  mantenimento di applicazioni esistenti manutenzione correttiva, adeguativa, migliorativa Modalità (Codice PA digitali)  sviluppo di Sw ad hoc, sulla scorta dei requisiti indicati dalla stessa PA committente  riuso di Sw sviluppato ad hoc per altre PA  acquisizione di Sw di tipo proprietario (ERP) mediante ricorso a licenza d’uso  acquisizione di Sw a codice sorgente aperto (open source)  combinazione delle modalità di cui ai punti precedenti

36 36 CNIPA - Marco Gentili Strategie inerenti il Sw applicativo Sviluppo di Sw ad hoc Scelta più idonea laddove i procedimenti da informatizzare  sono peculiari della singola PA  non sono condivisi (riusabili) con altre PA  è necessaria una forte personalizzazione/integrazione con altri sottosistemi o funzioni  è necessario un forte adattamento del sistema informativo al modello organizzativo della PA l’analisi dei pro e dei contro va fatta tenendo conto anche della  dimensione del sistema informativo pre-esistente  patrimonio informativo storico gestito  investimenti effettuati negli anni  architettura  livello di integrazione/interoperabilità con le nuove funzioni

37 37 CNIPA - Marco Gentili Strategie inerenti il Sw applicativo Reingegnerizzazione di Sw esistente Due principali tipologie di reingegnerizzazione nella PA  Reingegnerizzazione tecnologica dell’applicazione il Sw ha buona copertura funzionale rispetto alle esigenze Il Sw deve essere “modernizzato” perché scritto su piattaforma Sw e/o Hw obsoleta  Manutenzione evolutiva la copertura funzionale del sw in uso o che si intende riusare in un nuovo contesto, deve essere rivista e/o integrata per soddisfare nuove o diverse esigenze

38 38 CNIPA - Marco Gentili Strategie inerenti il Sw applicativo Riuso di Sw esistente Tre principali tipologie di riuso di sw applicativo nella PA cessione del Sw semplice  è il caso più diffuso in cui una PA cedente trasferisce ad altre PA acquirenti un applicativo Sw o una sua componente e, successivamente, ciascuna PA si fa carico autonomamente di tutti i successivi interventi evolutivi sul Sw cessione del Sw associata a forme di cooperazione  per le attività di gestione, manutenzione, evoluzione dell’applicativo cessione del Sw e attivazione di un servizio ASP da parte della PA cedente  a seguito della cessione dell’applicativo, la PA cedente garantisce alle altre PA un servizio di manutenzione, gestione ed esercizio dell’applicativo

39 39 CNIPA - Marco Gentili Strategie inerenti il Sw applicativo Utilizzo di soluzioni Sw open source Il ricorso a soluzioni OSS facilita logiche di riuso e cooperazione  Ogni scelta riguardante politiche di sviluppo del Sw deve essere basata su uno studio di fattibilità approfondito Il modello OSS può essere efficacemente combinato con lo sviluppo di sw ad hoc  facendo evolvere il sw Open in termini di personalizzazioni, integrazioni, adattamenti alla realtà organizzativa e funzionale della PA Non può essere fatta una distinzione netta fra OSS e Sw commerciale  Il modello OSS non è alternativo al Sw commerciale  non preclude la presenza di distributori commerciali e fornitori di valore aggiunto o di servizi di supporto

40 40 CNIPA - Marco Gentili Strategie inerenti il Sw applicativo Utilizzo di soluzioni Sw open source Casistiche possibili  Sw applicativo commerciale o sviluppato ad hoc, su piattaforma Sw di base e/o di sistema open source  Sw applicativo open source, su piattaforma Sw di base e/o di sistema commerciale  Sw applicativo open source su piattaforma Sw di base e/o di sistema open source

41 41 CNIPA - Marco Gentili Strategie inerenti il Sw applicativo Utilizzo di soluzioni commerciali L’utilizzo di soluzioni commerciali (ERP) può essere una ulteriore e valida alternativa per la realizzazione di Sw applicativo Elementi di valutazione  grado di copertura delle funzionalità richieste  flessibilità di parametrizzazione  scalabilità  infrastrutture di elaborazione e di rete richieste  compatibilità con altri sistemi informativi (interni/esterni)  costi e condizioni di licenza/utilizzo  competenze interne e dipendenza da personale esterno  tempi di sviluppo  stabilità del fornitore sul mercato

42 42 CNIPA - Marco Gentili Strategie inerenti il Sw applicativo progetto vs. specifiche Soluzione progettuale (Appalto concorso)  acquisizione in cui i prodotti/servizi sono individuati dalla PA solamente per le linee di indirizzo generale, lasciando ai concorrenti la definizione dell’intera articolazione progettuale Realizzazione su specifiche (Licitazione privata)  acquisizione in cui nel capitolato sono già definiti i requisiti che deve avere la soluzione, in cui il grado di libertà lasciato ai concorrenti in sede di offerta è basso

43 43 CNIPA - Marco Gentili Direttiva CE 2004/18/CE

44 44 CNIPA - Marco Gentili Direttiva CE 2004/18/CE Testo unico per appalti  GU 10 giugno 2004, II serie speciale n° 145  Forniture (beni)  Lavori (opere)  Servizi sostituirà il D.Lgs 157/95 Gli Stati possono decidere se recepire le novità  Dovevano essere emanate leggi di recepimento a livello nazionale entro il 31 gennaio 2006  In Italia non è accaduto Presentato uno schema di D.Lgs nel consiglio dei ministri n° 39 del 13 gennaio 2006 (testo De Lise)  recepisce tutti gli elementi di novità introdotti dalla Direttiva  elimina la prederminazione per legge tra criterio di aggiudicazione del prezzo più basso e offerta economicamente più vantaggiosa GovernoContrattoAppaltoStrategia

45 45 CNIPA - Marco Gentili Novità Direttiva CE 2004/18/CE Novità  accordi quadro  dialogo competitivo  sistemi dinamici di acquisizione Aspetti messi in evidenza (cose che si possono già fare)  Criteri di aggiudicazione  Principio dell’avvalimento  Avvalimento e subappalto  Prestazioni in House  Specifiche tecniche

46 46 CNIPA - Marco Gentili Accordi Quadro Possibilità per le amministrazioni aggiudicatrici di concludere accordi quadro per gli appalti di forniture e di servizi  da utilizzare nell’ipotesi di forniture di beni per i quali l’amministrazione appaltante non è in grado a priori di quantificare in modo adeguato il numero di prodotti da acquisire in un arco temporale di medio periodo  periodo massimo 4 anni  Art. 32 DIRETTIVA 2004/18/CE

47 47 CNIPA - Marco Gentili Dialogo Competitivo Introduzione di una nuova procedura da utilizzare nel caso di appalti particolarmente complessi qualora la PA ritenga che la procedura aperta o ristretta non permetta l'aggiudicazione  contiene elementi propri delle procedure ristrette (licitazione privata, appalto concorso) assieme ad altri tipici della trattativa privata  Domanda di partecipazione alla gara Preselezione imprese da parte dell’amministrazione Invito a presentare proposte Presentazione proposte tecniche e non economiche  Apertura dialogo competitivo con le imprese scelta della proposta ritenuta migliore  Chiusura del dialogo competitivo con le imprese invito alle imprese preselezionate a formulare una offerta tecnica ed economica sulla soluzione prescelta  Valutazione delle offerte da parte dell’amministrazione aggiudicazione offerta economicamente più vantaggiosa  Art. 29 DIRETTIVA 2004/18/CE

48 48 CNIPA - Marco Gentili Sistemi dinamici di acquisizione Possibilità per le amministrazioni aggiudicatrici di ricorrere a sistemi dinamici di acquisizione  modalità di acquisizione che prevede che l’intero procedimento di appalto venga svolto tramite l’impiego di mezzi elettronici  processo interamente elettronico per acquisti di uso corrente  limitato nel tempo e aperto per tutta la sua durata a qualsivoglia operatore che abbia presentato offerta indicativa conforme al capitolato d’oneri  Art. 33 DIRETTIVA 2004/18/CE Ricorso alle aste elettroniche  Art. 54 DIRETTIVA 2004/18/CE

49 49 CNIPA - Marco Gentili Criteri di aggiudicazione Obbligo di indicazione dei pesi, deve essere prevista la ponderazione relativa degli elementi scelti per determinare l’offerta economicamente più vantaggiosa  nel bando di gara o nel capitolato  in caso di dialogo competitivo nel “documento descrittivo”  Art. 53 DIRETTIVA 2004/18/CE Per i servizi ICT dovrebbe essere applicato, quasi esclusivamente, il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa Norme sui criteri di aggiudicazione dell’appalto  codice De Lise Art. 81 scelta della migliore offerta  codice De Lise Art. 82 prezzo più basso  codice De Lise Art 83, 84 offerta economicamente più vantaggiosa

50 50 CNIPA - Marco Gentili Avvalimento e Subappalto Principio del cosiddetto “avvalimento”, secondo il quale una impresa, nella partecipazione ad una gara di appalto, ha facoltà di fare affidamento sulla capacità economica e tecnica di altri soggetti  non necessariamente imprese  a condizione che dimostri, all'ente appaltante, la disponibilità di dette capacità  dandone prova concreta Per esempio attraverso la presentazione di un impegno, da parte del soggetto di cui intende avvalersi, di mettere tali capacità a disposizione dell'impresa concorrente.  Art. 47 e 48 DIRETTIVA 2004/18/CE Subappalto  Art. 25 DIRETTIVA 2004/18/CE

51 51 CNIPA - Marco Gentili Prestazioni in House Prestazioni in house  una amministrazione che si avvale di un’altra amministrazione in base ad un diritto di esclusiva conferito con disposizione di legge, regolamentare o amministrativa Appalti di servizi aggiudicati sulla base di un diritto esclusivo  È confermata la disposizione della direttiva 92/50/CEE che consente, per i soli appalti di servizi, la prestazione in house e stabilisce che tale modalità è lecita laddove le norme che conferiscono tale diritto di esclusiva “siano compatibili con il Trattato”  Art. 18 DIRETTIVA 2004/18/CE

52 52 CNIPA - Marco Gentili Specifiche Tecniche Caratteristiche  devono figurare nella documentazione di gara  devono consentire pari accesso e non comportare ostacoli ingiustificati all’apertura alla concorrenza  previsione in termini di prestazioni e requisiti funzionali  sempre possibili le offerte basate su soluzioni equivalenti (dimostrazione con qualsiasi mezzo di prova)  possibilità di inserire esigenze ambientali ed esigenze sociali  Art. 23 DIRETTIVA 2004/18/CE


Scaricare ppt "1 CNIPA - Marco Gentili Linee Guida per la Qualità delle Forniture ICT negli appalti pubblici Marco Gentili Responsabile Area Governo e Monitoraggio delle."

Presentazioni simili


Annunci Google