La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Uso dei test per la prescrizione dialitica G. Virga XV Convegno Gruppo di Studio di Dialisi Peritoneale Società Italiana di Nefrologia Bari, 18-20 marzo.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Uso dei test per la prescrizione dialitica G. Virga XV Convegno Gruppo di Studio di Dialisi Peritoneale Società Italiana di Nefrologia Bari, 18-20 marzo."— Transcript della presentazione:

1 Uso dei test per la prescrizione dialitica G. Virga XV Convegno Gruppo di Studio di Dialisi Peritoneale Società Italiana di Nefrologia Bari, marzo 2010

2 Method of Peritoneal Function Testing Aspect of Peritoneal Function PETSPAPDC-test Small solute transportD/P CrMTAC creatinineArea permeability UF capacityDrain volume Estimates UF coeff. UF via water channelsD/P NaModel for Na channel --- Fluid absorption---Dextran 70Derived Peritoneal blood flow --- Permeability to macromolecules---Restriction coeff.Large-pore flow Peritoneal Dialysis Adequacy Work Group. Clinical practice guidelines for peritoneal dialysis adequacy. Am J Kidney Dis 2006; 48 Suppl 1:S Test di funzionalità peritoneale

3 Tests di funzionalità peritoneale

4 PET originale PET originale PET 4 ore 2.27% PET 4 ore 2.27% PET modificato PET modificato PET 4 ore 3.86% PET 4 ore 3.86% Mini-PET Mini-PET PET 1 ora 3.86% PET 1 ora 3.86% Doppio Mini-PET Doppio Mini-PET PET 1 ora 1.36% + PET 1 ora 3.86% PET 1 ora 1.36% + PET 1 ora 3.86% PET modificato con drenaggio temporaneo PET modificato con drenaggio temporaneo PET 4 ore 3.86% con drenaggio dopo 1 ora e ricarico del dialisato PET 4 ore 3.86% con drenaggio dopo 1 ora e ricarico del dialisato Evoluzione del PET

5 PET PD-Adequest (Baxter) modello a un poro, modificato (Pyle-Popovich-Vonesh) PDC-test Synergy (Gambro) modello a tre pori (Rippe-Haraldsson) PFT Patient-On-Line (Fresenius) modello cinetico (Garred-Gotch) Software per prescrizione dialitica

6 PD-Adequest (Baxter): PET + 1 scambio notte Synergy-PDC (Gambro): CAPD-5 o CCPD-2 Patient-On-Line (Fresenius): CAPD o APD + 1 scambio in reparto Software per prescrizione dialitica Input dei dati

7 di tecnica (CAPD, DAPD, NTPD, CTPD1, CTPD2) Prescrizione dialitica di volumi (2 L x 4, 3 L x 4, 15 L, 20 L, 15 L + 2, 15 L + 4) Obiettivo 1 clearance idonea Obiettivo 2 ultrafiltrazione idonea

8 Domanda n° 1 Un rapporto dialisato/plasma (D/P) della creatinina alla 4 a ora del Peritoneal Equilibration Test uguale a 0.85 è compatibile con un peritoneo 1. molto permeabile ai piccoli soluti 2. mediamente permeabile ai piccoli soluti 3. poco permeabile ai piccoli soluti.

9 Parametri di funzionalità peritoneale 1. Small solute transport 1. Small solute transport Creat D/P, MTAC, Surface Area Creat D/P, MTAC, Surface Area 2. Permeability to protein 2. Permeability to protein Restriction coefficient, large pore flux Restriction coefficient, large pore flux 3. Ultrafiltration capacity 3. Ultrafiltration capacity Measured or estimated net UF Measured or estimated net UF 4. Free water transport 4. Free water transport 60 Na D/P, 60 Δ Na, UF – CLNa Na D/P, 60 Δ Na, UF – CLNa Fluid absorption 5. Fluid absorption Destrano 70, derived Destrano 70, derived

10 PET (Peritoneal Equilibration Test 2.27%) Twardowski ZJ. Peritoneal equilibration test. Perit Dial Bull 1987; 7:

11 SPA (Standard Peritoneal Permeability Analysis) Test di 4 ore con somministrazione IP di destrano 70 (1.36%) 1.Mass Transfer Area Coefficient dei piccoli soluti 2.Percentuale di glucosio riassorbito 3.Clearance peritoneale delle proteine (restriction coefficient) 4.Cinetica dei fluidi (assorbimento, volume residuo)

12 Twardowski [1] USA [2] Messico [3] UK [4] NZ-Australia [5] Netherland [6] Italy [7] H>0.81>0.79>0.80>0.78>0.81>0.82>0.80 HA Media LA L<0.50<0.55<0.56<0.52<0.57< Twardowski ZJ, et al. Perit Dial Bull Mujais S, et al. Kidney Int Cueto-Manzano AM, et al. Perit Dial Int Davies SJ. Kidney Int Rumpsfeld M, et al. J Am Soc Nephrol Smit W, et al. Perit Dial Int La Milia V, et al. Kidney Int Da: La Milia V. Test di equilibrazione peritoneale: attualità e prospettive future. GIN 2007; 6: Peritoneal Equilibration Test Categorie nelle varie casistiche

13 Domanda n° 2 LAPD notturna (NPD), cioè la dialisi peritoneale effettuata solo la notte con il cycler, trova la sua particolare indicazione nei pazienti 1. con bassa permeabilità peritoneale ai piccoli soluti 2. con media permeabilità peritoneale ai piccoli soluti 3. con alta permeabilità peritoneale ai piccoli soluti.

14 Prescrizione dialitica da PET Twardowski ZJ. PET- A simpler approach for determining prescriptions for adequate dialysis therapy. Adv Perit Dial 1990; 6:186.

15 High and Low transporters APD vs CAPD Johnson DW, et al. Superior survival of high transporters treated with automated versus continuous ambulatory peritoneal dialysis. Nephrol Dial Transplant 2010.

16 Kt/V 0.24 x 7= : 74.1= 140 mL/Kg CAPD: la prescrizione dialitica negli anurici

17 pKt/V Peso (Kg) Volume (L / die) VOLin / die Autore Autore CAPD CAPD > mL / Kg Szeto 2001 Szeto 2001 CAPD CAPD = mL / Kg Virga 1994 Virga 1994 CAPD CAPD > mL / Kg Lo 2005 Lo 2005 CAPD CAPD > mL / Kg Bhaskaran 2000 Bhaskaran 2000 CAPD CAPD= (1.90 x 4) 7.55 (1.90 x 4) 125 mL/kg CAPD CAPD= (2.20 x 4) 8.75 (2.20 x 4) 125 mL/kg CAPD CAPD= (2.50 x 4) 125 mL/kg CAPD CAPD= (2.80 x 4) 125 mL/kg CAPD: la prescrizione dialitica negli anurici

18 CAPD Prescrizione dei volumi dai risultati di trasporto dei piccoli soluti 1. D/P creat (0.70) 2. MTAC creat (11 mL/min) 3. Area parameter (23,600 cm/1.73) medio VOLin 125 mL/Kg die VOLout 140 mL/Kg die 31 (35) mL/Kg x 4 die pKt/V=1.7 (2.0) 2.0 L x 4 (Kg 65) medio-basso / basso 34 mL/Kg x 4 die 2.2 L x 4 (Kg 65) basso 37 mL/Kg x 4 die 2.4 L x 4 (Kg 65) 3.3 L x 4 (Kg 90) HD

19 NTPD (8 h 30) Prescrizione dei volumi secondo PET Durand PY, Freida P, Issad B, Chanliau J. How to reach optimal creatinine clearances in automated peritoneal dialysis. Perit Dial Int 1996; 16 (Suppl 1):

20 NTPD (8 h 30 – tidal 50% - VOLin 2.0 L) Prescrizione dei volumi secondo PET Durand PY, Freida P, Issad B, Chanliau J. How to reach optimal creatinine clearances in automated peritoneal dialysis. Perit Dial Int 1996; 16 (Suppl 1): D/P D/PVOL High (0.80) High (0.80) 20 L Average (0.70) Average (0.70) 25 L Low (0.60) Low (0.60)-----

21 Kumano K, et al. Optimal number of dialysate exchanges in Automated Peritoneal Dialysis. Adv Perit Dial 1993; 9: NPD (8 h 00) Prescrizione dei volumi secondo PET Laumento del VOLin da 2.0 a 3.0 L induce unincremento di clearance del 7% nei LOW e del 14% negli HIGH.

22 Domanda n° 3 Il deficit di ultrafiltrazione è definito come una ultrafiltrazione netta al Peritoneal Equilibration Test % 1. minore di 200 mL 2. minore di 300 mL 3. minore di 400 mL.

23 Deficit di ultrafiltrazione Definizione UF al PET 3.86%< 400 mL UF al PET 2.27%< 100 mL UF al PET 1.36%< 0 mL Definizione clinica: uso di soluzioni ipertoniche, ritenzione idrosalina

24 Domanda n° 4 La riduzione della concentrazione di sodio nel dialisato dopo 60 di un PET al 3.86% è lespressione 1. della produzione di ultrafiltrazione 2. del riassorbimento di sodio 3. della produzione di acqua libera.

25 Intraperitoneal volumes (RISA) and sodium concentrations Circles= 3.86% glucose. Freida P et al. The contribution of combined crystalloid and colloid osmosis to fluid and sodium management in peritoneal dialysis. Kidney International 2008; 73:S102–S111. Peritoneal Equilibration Test 3.86% Il dip del sodio

26 Ho-dac-Pannekeet MM et al. Peritoneal transport characteristics with glucose polymer based dialysate. Kidney Int 1996; 50: Peritoneal Equilibration Test 3.86% Il D/P del sodio 60

27 Domanda n° 5 La produzione di acqua libera è indotta soprattutto 1. dallo stimolo osmotico dellicodestrina 2. dallo stimolo osmotico del glucosio 3. dalla diffusione dei soluti osmoticamente attivi.

28 Lultrafiltrazione dai pori ultrapiccoli Produzione di acqua libera Dipendente dalla forza osmotica cristalloide del glucosio Dipendente dalla forza osmotica cristalloide del glucosio Trancellulare (transcapillare), da pori virtuali Trancellulare (transcapillare), da pori virtuali Prodotta mediante il trasporto dellacqua con aquaporine Prodotta mediante il trasporto dellacqua con aquaporine Quantificata grossolanamente dal D/P Na-60 (o ΔNa) al PET 3.86%* Quantificata grossolanamente dal D/P Na-60 (o ΔNa) al PET 3.86%* Corrisponde UF tot – UF piccoli pori (Na clearance 60) al mini-PET 3.86% Corrisponde UF tot – UF piccoli pori (Na clearance 60) al mini-PET 3.86% In dialisi peritoneale costituisce il 50% circa dellultrafiltrazione In dialisi peritoneale costituisce il 50% circa dellultrafiltrazione Si riduce nel tempo per effetto della glicazione delle aquaporine Si riduce nel tempo per effetto della glicazione delle aquaporine * Valori normali indicativi D/P Na-60 5 mEq/L

29 Deficit di ultrafiltrazione (UF< 400 mL) Diagnosi e prescrizione Peritoneo iperpermeabile Elevato riassorbimento Deficit di aquaporine Peritoneo ipopermeabile Permeabilità ai soluti (D/P, MTAC, Area Parameter) Elevata Media Bassa Produzione di acqua libera (Na D/P, ΔNa, calcolo esatto) Normale Bassa APDHD Esclusi: leakage e malposizionamento del catetere ICO

30 Prescrizione della tecnica in base al PET HIGH transporters APD LOW transporters high-dose CAPD (HD) HIGH AVERAGE transporters CAPD o CCPD1 LOW AVERAGE transporters CAPD o CCPD2

31 PDC-test (Peritoneal Dialysis Capacity) Sviluppato sul modello a tre pori (in Sinergy-Gambro) Schema CAPD 5 scambi (2-3 h, 4-6 h x 2, 2-3 h, overnight) Schema APD notturno + 2 scambi CAPD 1. Surface area over diffusion distance (A 0 /Δx) (superficie effettiva disponibile per la diffusione piccoli soluti) 2. Riassorbimento fluidi (JvR) (riassorbimento linfatico) 3. Flusso del fluido dai grandi pori (JvL) (perdita proteica) Haraldsson B. Assessing the peritoneal dialysis capacities of individual patients. Kidney International 1995; 47:1187–98. Rippe B, Stelin G, Haraldsson B. Computer simulations of peritoneal fluid transport in CAPD. Kidney International 1991;40:315–325.

32 PDC-test (Peritoneal Dialysis Capacity) Sviluppato sul modello a tre pori (in Sinergy-Gambro) Haraldsson B. Assessing the peritoneal dialysis capacities of individual patients. Kidney International 1995; 47:1187–98. Rippe B, Stelin G, Haraldsson B. Computer simulations of peritoneal fluid transport in CAPD. Kidney International 1991;40:315–325.

33 PDC-test (Peritoneal Dialysis Capacity) Sviluppato sul modello a tre pori (in Sinergy-Gambro) 1. Surface area over diffusion distance (A 0 /Δx) (superficie effettiva disponibile per la diffusione piccoli soluti) 2. Riassorbimento fluidi (JvR) (riassorbimento linfatico) 3. Flusso del fluido dai grandi pori (JvL) (perdita proteica) Haraldsson B. Assessing the peritoneal dialysis capacities of individual patients. Kidney International 1995; 47:1187–98. Rippe B, Stelin G, Haraldsson B. Computer simulations of peritoneal fluid transport in CAPD. Kidney International 1991;40:315–325. a)Area effettiva e Riassorbimento fluidi indicazioni di prescrizione (larga e alto APD ± ICO) b) Area effettiva / Perdita proteica diagnosi differenziale iperpermeabilità anatomica vs. infiammatoria

34 Clearance peritoneale proteica Flusso dei fluidi dai grandi pori (Jv L ) Effetto negativo sulla sopravvivenza del paziente Perl J, et al. Peritoneal protein clearance and not peritoneal membrane transport status predicts survival in a contemporary cohort of peritoneal dialysis patients. Clin JASN 2009; 4: Heaf JG, et al. A high peritoneal large pore fluid flux causes hypoalbuminaemia and is a risk factor for death in peritoneal dialysis patients. NDT 2005; 20: Van Biesen W, et al. The PDC test is superior to the peritoneal equilibration test to discriminate inflammation as the cause of fast transport status in peritoneal dialysis patients. Clin JASN 2006; 1:

35 Sánchez-Villanueva R, et al. Higher daily peritoneal protein clearance when initiating peritoneal dialysis is independently associated with peripheral arterial disease (PAD): a possible new marker of systemic endothelial dysfunction? Nephrol Dial Transplant 2009; 24: Clearance peritoneale proteica Flusso dei fluidi dai grandi pori (Jv L ) Nessun effetto sulla sopravvivenza del paziente

36 PFT (Peritoneal Function Test) Gotch FA and Keen ML. Kinetic modelling in peritoneal dialysis. In: Nissenson AR, Fine RN, Gentile DE, and Eds. Clinical Dialysis, 3rd eds Norwalk CT: Appleton & Lange, 1995: Sviluppato sul modello di Garred (in POL-Fresenius) Raccolta di tutti gli scambi e delle urine + 1 scambio in reparto (QA= quality assurance exchange) come controllo 1.Peritoneal mass transfer area coefficient espresso come Pt50 (tempo per raggiungere un D/P di 0.5 H – HA – LA – L) Gotch FA, Lipps BJ, Keen ML, Panlilio F. Computerized urea kinetic modeling to prescribe and monitor delivered Kt/V (pKt/V, dKt/V) in peritoneal dialysis. Adv Perit Dial 12:43-45, 1996

37 PatientOnLine (POL) 1.Raccolta di tutti gli scambi e delle urine + QA (PFT) 2.PFT semplificato (sPFT): QA exchange + urine 3.Peritoneal Equilibration Test 4.Raccolta dialisato 24 ore + urine 5.PET + raccolta 24 ore

38 Uso dei test per la prescrizione dialitica (G. Virga) XV Convegno Gruppo di Studio di Dialisi Peritoneale (SIN) Bari, 18 marzo 2010 CONCLUSIONI 1. La prescrizione dialitica in dialisi peritoneale condiziona la sopravvivenza del paziente. 2. Le decisioni di prescrizione dialitica possono avvalersi di test di funzionalità peritoneale affidabili e sempre più completi. 3. Lesecuzione periodica di test di funzionalità peritoneale è consigliabile per una prescrizione dialitica personalizzata sulle caratteristiche della membrana peritoneale.

39 Uso dei test per la prescrizione dialitica (G. Virga) XV Convegno Gruppo di Studio di Dialisi Peritoneale (SIN) Bari, 18 marzo 2010 Grazie per lattenzione


Scaricare ppt "Uso dei test per la prescrizione dialitica G. Virga XV Convegno Gruppo di Studio di Dialisi Peritoneale Società Italiana di Nefrologia Bari, 18-20 marzo."

Presentazioni simili


Annunci Google