La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

GEOLOGIA APPLICATA Maria Clorinda Mandaglio Università Mediterranea di Reggio Calabria FACOLTA DI ARCHITETTURA Anno Accademico 2008-09 Corso di.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "GEOLOGIA APPLICATA Maria Clorinda Mandaglio Università Mediterranea di Reggio Calabria FACOLTA DI ARCHITETTURA Anno Accademico 2008-09 Corso di."— Transcript della presentazione:

1 GEOLOGIA APPLICATA Maria Clorinda Mandaglio Università Mediterranea di Reggio Calabria FACOLTA DI ARCHITETTURA Anno Accademico Corso di

2 GEOLOGIA Scienza che studia la costituzione e la struttura della terra, nonché le cause che ne hanno determinato e ne determinano levoluzione GEOLOGIA APPLICATA interazione Scienza che studia e risolve i problemi di carattere ingegneristico ed ambientale che sorgono dall'interazione fra componente geologica di un territorio e attività umane svolte su di esso GEOMORFOLOGIA forme Scienza che studia ed interpreta le forme della superficie terrestre DIFESA DEL SUOLO Complesso di azioni riguardanti la sistemazione idrogeologica e la conservazione del territorio. Comprende: la difesa degli abitati, la regolazione dei corsi dacqua, le azioni contro la subsidenza, lutilizzazione ed il corretto sfruttamento delle risorse naturali, lindividuazione ed attivazione delle competenze e delle strutture operative ed istituzionali.

3 PAESAGGIO geodinamica Espressione geodinamica integrata di molteplici componenti naturali e antropiche (Panizza, 1998) Forme diverse del paesaggio, a causa di: -Rocce -Ambienti climatici -Agenti del modellamento (gravità, acque, vento, esseri viventi) Improvvise (eruzioni vulcaniche, inondazioni fluviali, frane, mareggiate) Lente (formazioni di valli, deserti, montagne) Trasformazioni e continua evoluzione nel tempo

4 Il rilievo terrestre come risultato della combinazione di processi La superficie terrestre, in quanto superficie-limite, è sede dellinterferenza tra processi della dinamica dellatmosfera, dellidrosfera, della litosfera e della biosfera. Atmosfera Atmosfera: Involucro gassoso che circonda la terra. Idrosfera Idrosfera: Insieme di tutte le acque della superficie della Terra, comprendente oceani, acque superficiali, falda idrica e acqua nellatmosfera. Litosfera Litosfera: Strato roccioso esterno. Biosfera Biosfera:Tutti gli organismi viventi della Terra e gli ambienti con cui essi interagiscono.

5 Processi endogeni ed esogeni Esogeni legati allatmosfera, biosfera, idrosfera Endogeni legati alla tettonica, sismica e ai vulcani Forme endogene Forme esogene

6 Forme causate o influenzate dallattività umana -Forme artificiali, forme del paesaggio elaborate direttamente dallattività umana (cave, rilevati artificiali, bacini artificiali) -Opere mirate a derivare, correggere o attenuare particolari processi naturali. Gli effetti possono andare al di là delle previsioni. (Abbassamenti del suolo causati da aumento del carico, da estrazioni di fluidi, da opere di bonifica) -Forme che derivano da modifiche dei processi naturali che risultano indirettamente dallattività umana (Disboscamento). PROBLEMA DI INTERAZIONE DELLE ATTIVITÀ UMANE CON I PROCESSI NATURALI

7 Processi esogeni Agenti del modellamento Gravità, Aria, Acqua e Uomo determinano fenomeni di frantumazione e alterazione delle rocce. Con il loro movimento operano il trasporto dei detriti, fenomeni di erosione e di deposizione. Condizioni climatiche Caldo, freddo, umidità e aridità favoriscono lalterazione e lerosione delle rocce. Presenza e tipo di vegetazione.

8 Forme strutturali Struttura geologica fattore genetico fondamentale del paesaggio Struttura ( definizione ): insieme di litologia, assetto e disposizione (condizioni di giacitura) delle rocce.

9 Il modellamento dei versanti. Fenomeni di denudazione Il materiale alterato e disgregato prodotto dalle rocce, può essere rimosso, specialmente se si trova esposto su una superficie sensibilmente inclinata. Processi di denudazione Processi di denudazione ( definizione ): fenomeni che, allontanando i materiali alterati, tendono a mettere a nudo la roccia sottostante. Alcuni di questi fenomeni possono rimuovere anche una parte non ancora alterata di roccia e provocarne direttamente la demolizione specialmente se la roccia ha scarsa resistenza. Tali fenomeni sono responsabili del modellamento dei versanti (ossia dei pendii). Leffetto finale è un abbassamento dei rilievi ed un colmamento delle depressioni.

10 Origine: Processi endogeni (eruzioni magmatiche), Fattore strutturale: serie di depositi vulcanici Agenti del modellamento: gravità, acqua, aria, uomo Condizioni climatiche: attualmente in clima temperato (O+FS+AM+CC)= = Forma osservata (O+FS+AM+CC)= = Forma osservata Esempio (isola di STROMBOLI)

11 ELEMENTI DI GEOLOGIA GENERALE

12 MODELLO CINEMATICO Mantello rigido + Crosta terrestre = PLACCA LITOSFERICA Mantello viscoelastico (parzial. fuso) = ASTENOSFERA

13 MOVIMENTI RELATIVI FRA PLACCHE Allontanamento due placche Scontro fra due placche Scontro fra due placche continentali MOVIMENTI RELATIVI FRA PLACCHE Allontanamento fra due placche => Scontro fra due placche (una continentale, laltra oceanica) => Scontro fra due placche (entrambe continentali )=>

14 Allontanamento fra due placche Allontanamento fra due placche Dorsali oceaniche: zone di accrescimento (fuoriuscita di materiale lungo fratture ed allontanamento delle placche simmetrico lungo lasse della dorsale)

15 Scontro fra due placche Scontro fra due placche (continentale + oceanica) (entrambe continentali) => zone di subduzione (inflessione della placca oceanica e suo progressivo riassorbimento nel mantello) => formazione di fosse oceaniche (e successivi processi di sedimentazione) => fusione e formazione di nuovo magma => origine di terremoti profondi => zone di obduzione (accavallamento fra due placche) => formazione di catene montuose (orogenesi), => loro progressivo innalzamento (e successivi processi di erosione).

16 EVOLUZIONE DELLA CROSTA TERRESTRE Deriva delle placche continentali nel corso del Mesozoico, con formazione di fosse e dorsali oceaniche [da Trevisan e Giglia, 1978] c.ca 220 Mac.ca 190 Ma c.ca 140 Mac.ca 65 Ma

17 PROCESSI ENDOGENI Collegati al movimento delle placche (continentali, oceaniche), alla formazione e risalita di magmi verso la superficie terrestre ed ai processi orogenetici. Comprendono:  PLUTONI: derivano dalla solidificazione di magmi (prevalentemente a composizione acida) allinterno della crosta terrestre, sotto forma di grandi ammassi, accompagnati da un reticolo di filoni (dovuti alla solidificazione entro fratture) e circondati da unaureola di rocce metamorfiche di contatto. Visibili solo dopo processi di erosione.  VULCANI: derivano dalla fuoruscita in superficie di magmi: i magmi basici danno luogo a colate laviche (con modesta emissione di gas); i magmi acidi danno luogo in prevalenza ad eruzioni esplosive (con emissione di prodotti piroclastici).  TERREMOTI: movimenti del suolo dovuti a rotture e/o dislocazioni di grandi masse rocciose, a seguito di: 1) movimenti relativi fra le masse rocciose, 2) lento accumulo di energia, 3) rapida liberazione dellenergia sotto forma di onde sismiche.

18 Relazioni tra le principali placche terrestri ed i fenomeni endogeni connessi ai loro movimenti relativi: posizione dei principali vulcani e degli epicentri di terremoti recenti. [da Bell, 1998]

19 Rappresentazione schematica di un plutone granitico, con relativi filoni e porzione superiore asportata dai processi di erosione. I PLUTONI

20 I VULCANI

21 Corso di Geologia Applicata – Maria Clorinda Mandaglio Volume di roccia che, sottoposto a tensione, si rompe dando luogo a scorrimento relativo lungo un piano di debolezza (piano di faglia). I TERREMOTI

22 ELEMENTI DI STRATIGRAFIA STRATIGRAFIA: disciplina che studia le rocce sedimentarie secondo lordine (cronologico) di deposizione, con ricostruzione degli ambienti di sedimentazione originari. Suddivisione della serie sedimentaria in unità litostratigrafiche di base (formazioni), in alcuni casi caratterizzate da un unico litotipo (ad es. calcare), in altri dallalternanza regolare di due o più litotipi (ad es. argillite/arenaria, o marna/calcare, …). [da Scesi et al., 2001]

23 PARAMETRI DI GIACITURA: - direzione degli strati (rispetto al Nord – senso orario); - immersione degli strati (lungo la massima pendenza); - inclinazione degli strati (rispetto allorizzontale). Rappresentazione della giacitura in carta => con simboli semplificati come in tabella: [da Cremonini, 1971, in Scesi et al., 2005]

24 LIMITI STRATIGRAFICI Stratificazione orizzontale: limite parallelo alle isoipse (curve di livello del terreno). [da Cremonini, 1971, in Scesi et al., 2005] Stratificazione verticale: limite rettilineo, ad andamento parallelo alla direzione degli strati.

25 [da Cremonini, 1971, in Scesi et al., 2005] Stratificazione a reggipoggio (limite con immersione opposta allinclinazione del pendio):

26 Stratificazione a franapoggio (con inclinazione maggiore del pendio): Stratificazione a franapoggio (con inclinazione minore del pendio):

27 ELEMENTI DI TETTONICA TETTONICA: disciplina che studia (a scale diverse) lassetto della crosta terrestre, le dislocazioni che ha subito nel corso delle diverse ere geologiche (processi orogenetici) e le deformazioni delle rocce. Le deformazioni delle rocce possono essere schematicamente divise in due tipi: deformazioni di tipo fragile formazione di fratture s.l. deformazioni di tipo duttile formazione di pieghe N.B. Per un dato litotipo, il passaggio tra un comportamento di tipo fragile ad un comportamento di tipo duttile è governato dal livello tensionale applicato, ad es. dalla profondità rispetto alla superficie topografica (=>)

28 [da Gonzalez de Vallejo, 2005] FRATTURE - FAGLIE Si definisce frattura s.l. o diaclasi una deformazione fragile, nella quale non è osservabile uno spostamento relativo fra le due labbra. Si definisce faglia una deformazione fragile della crosta terrestre, caratterizzata da uno spostamento relativo fra le due labbra (rigetto). Le faglie possono essere di estensione estremamente variabile, da poche decine o centinaia di metri fino a centinaia di chilometri. Esempio di faglia diretta, di (<=) modeste dimensioni

29 estensione Faglie dirette (o normali): derivano da un processo di estensione, con allungamento del settore roccioso coinvolto compressione Faglie inverse: derivano da un processo di compressione, con accorciamento del settore roccioso coinvolto [da Trevisan e Giglia, 1978, in Scesi et al., 2001]

30 Faglie trascorrenti: faglie con movimento prevalentemente orizzontale. [da Trevisan e Giglia, 1978, in Scesi et al., 2001] Le faglie, dirette e inverse, sono generalmente associate in sistemi più o meno complessi, come i sistemi distensivi a Horst e Graben (vedi es. per Appennino occ.le). [da Trevisan e Giglia, 1978, in Scesi et al., 2001]

31 [da Gonzalez de Vallejo, 2005] PIEGHE Si definisce piega una struttura di deformazione duttile della crosta terrestre, dovuta a fenomeni compressivi. Questo tipo di deformazione si forma soprattutto in rocce sedimentarie stratificate e in rocce metamorfiche scistose.

32 Sovrascorrimenti Derivano dallulteriore deformazione, per scorrimento lungo il piano di faglia suborizzontale, in ammassi rocciosi costituiti da unalternanza di litotipi a differente rigidezza (soprattutto in rocce sedimentarie). Questi fenomeni possono essere a scala variabile, dando luogo in zone orogeniche attive alla formazione di vere e proprie falde di ricoprimento. [da Heim, in Scesi et al., 2001]


Scaricare ppt "GEOLOGIA APPLICATA Maria Clorinda Mandaglio Università Mediterranea di Reggio Calabria FACOLTA DI ARCHITETTURA Anno Accademico 2008-09 Corso di."

Presentazioni simili


Annunci Google