La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Recenti sviluppi in neuropsicologia clinica Giuseppe Sartori Università di Padova

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Recenti sviluppi in neuropsicologia clinica Giuseppe Sartori Università di Padova"— Transcript della presentazione:

1 Recenti sviluppi in neuropsicologia clinica Giuseppe Sartori Università di Padova

2 Disturbi organici e disturbi funzionali Disturbi organici (es. schizofrenia) Disturbi funzionali (es. fobia ) Posizione originata dalla impossibilità di visualizzare la microstruttura e il funzionamento cerebrale Dominante fino al momento dello sviluppo delle neuroimmagini funzionali

3 Attualmente Disturbi psichici Con correlati neurali Macrostrutturali Si evidenziano a TAC e MRI Es. Afasia, Alzheimer Con correlati neurali Funzionali e microstrutturali Si evidenziano a PET, fMRI, VBM-MRI Es. Fobia, DPTS

4 LA RISONANZA MAGNETICA La risonanza magnetica è divenuta indagine medica diagnostica di elezione in molte patologie, con possibilità di studiare ogni apparato umano sotto qualunque angolo di incidenza, individuando natura e composizione biologica degli organi

5 LA RMI STRUTTURALE

6 VANTAGGI nelluso della RMI Nessun effetto dannoso a causa di radiazioni ionizzanti Buona risoluzione spaziale e di contrasto Possibilità di simultaneo multislice imaging Assenza di artefatti ossei Possibilità di imaging vascolare non invasivo Possibilità di imaging funzionale e metabolico Possibilità di usare metodi di contrasto a bassa tossicità Opportunità di realizzare procedure interventistiche

7 IMAGING FUNZIONALE fMRI

8 La strumentazione necessaria

9 Meccanismo BOLD Attività cerebrale Consumo di ossigenoFlusso sanguigno cerebrale Ossiemoglobina Deossiemoglobina Suscettibilità magnetica T2* Intensità del segnale MRI

10 Poprietà magnetiche della Deossiemoglobina e dellOssiemoglobina Deossiemoglobina: paramagnetica ( > 0) paramagnetica in relazione al tessuto circostante Ossiemoglobina: diamagnetica ( < 0) isomagnetica in relazione al tessuto circostante

11 Lossiemoglobina e la deossiemoglobina durante lattivazione cerebrale Ossiemoglobina Deossiemoglobina Riposo Attivazione Flusso cerebrale normaleFlusso cerebrale maggiore

12 Come si genera il segnale fMRI

13 VANTAGGI nelluso della fMRI Rispetto alla PET, la fMRI: ha risoluzione temporale migliore si basa su un segnale intrinseco che non richiede alcun tipo di tracciante Le misurazioni ottenute per fMRI dellattività legata al compito svolto dal soggetto in sede sperimentale possono essere rapportate direttamente alle immagini anatomiche tridimensionali del soggetto ricavate con la stessa tecnica.

14 POSSIBILI APPLICAZIONI DELLA fMRI Neurologia Neuroradiologia e radiologia interventistica Neurochirurgia Neuropsichiatria Neuropsicologia Psicofarmacologia Neuroscienze cognitive

15 fMRI: perché? Strumento di elezione nei seguenti ambiti clinici: Accidenti cerebrovascolari Anomalie metaboliche Tumori cerebrali Epilessie Malattia di Alzheimer e morbo di Parkinson Schizofrenia

16 La fMRI viene usata per studiare i correlati neurali Dei meccanismi mentali nel soggetto normale

17

18 Valori morali Alterati nella Psicopatia, nella schizofrenia

19 Menzogna Bloccare la risposta automatica per produrre la menzogna

20 Scelte e decisioni e preferenze

21 Cognizione sociale

22 Controllo degli impulsi Impulsività ed inibizione delle risposte. Più alta è la capacità di inibire le risposte impulsive e maggiore È lefficienza del lobo frontale Alterati nella Psicopatia, alcuni Disturbi di personalità, Schizofrenia

23 Usata per studiare la maturazione cerebrale e studiare i correlati neurali della maturazione psicologica

24 Regioni con aumento densità sinapstica fra 7 e 12 anni

25 Viene usata per studiare i correlati neurali dei disordini psichici Che una volta venivano chiamati funzionali

26 Riduzione della Grey Matter Density nella Schizofrenia Metodo vbm Anche disturbi pers.

27

28 Riduzione di volume Amigdala nei disturbi Borderline di Personalità Il correlato neurale dimostrabile Disturbi di personalità

29 Limaging funzionale come predittore della schizofrenia

30 Neural dysfunction and violence in schizophrenia: An fMRI investigation

31 Limbic over-activity in depression during preserved performance on the n-back task

32

33 Che cosa succede nel cervello dei pazienti che rispondono alla psicoterapia?

34

35

36 Terapia della Balbuzie

37 Potenziali evocati O Potenziali evento-correlati

38

39 Definizione dei PE Modificazioni dellattività elettrica del cervello in risposta a: - stimoli ambientali (ad es. presentazione di un suono) - processi cognitivi (ad es. decidere se una frase è grammaticalmente corretta) - preparazione di movimenti

40 ANALISI PE: AMPIEZZA LUNGHEZZA DONDA TOPOGRAFIA

41

42

43

44 Principali tipi di PE Potenziali sensoriali (< 100 ms) N100, P100 MMN e N2 P300a e b N400 Potenziale di prontezza motoria Variazione contingente negativa

45

46 La P300 e una componente ERP endogena (si osserva anche in assenza di stimolo) che compare in risposta a stimoli rilevanti ma rari. Il classico paradigma per evidenziare la P300 e l oddball task, compito in cui il soggetto e istruito a rispondere al più raro di una serie di stimoli. Lampiezza della P300 e maggiore quanto e minore la probabilità di comparsa dello stimolo. Inoltre, la sua latenza è funzione del tempo necessario per analizzare lo stimolo. La P300 rifletterebbe il cambiamento o l aggiornamento del modello interno con cui il soggetto svolge il compito e interagisce con gli stimoli esterni. COMPONENTI di PE : P300

47

48 COMPONENTI di PE : MMN

49 COMPONENTI di PE : N400 La componente N400 degli ERP e un indice di incongruenza semantica. Ai soggetti e presentata una frase la cui ultima parola e congruente o meno con il significato della frase: Mi piace bere il te con zucchero e limone. Mi piace bere il te con zucchero e calza. La N400 si osserva anche quando figure anomale (o incongruenti) sono mostrate durante lascolto di una frase, o quando la frase presenta una violazione sintattica.

50

51

52 Vantaggi e svantaggi degli ERP Vantaggi: - Ottima risoluzione temporale (accuratezza circa 1 msec) - Basso costo e semplicita della tecnica - Molte componenti periferiche e centrali degli ERP sono note (P300, N400) - Poco invasivi Svantaggi: - Risoluzione spaziale molto povera - Necessita di numerose prove per estrarre i potenziali - Numerosi artefatti, soprattutto dovuti ai movimeneti oculari (ammiccamento) e allo stato di tensione dellla mandibola


Scaricare ppt "Recenti sviluppi in neuropsicologia clinica Giuseppe Sartori Università di Padova"

Presentazioni simili


Annunci Google