La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Servizio di Consulenza Agricola MISURA 4.12 – COSTITUZIONE E AVVIAMENTO DI SISTEMI DI CONSULENZA AZIENDALE E DI SERVIZI DI SOSTITUZIONE E DI ASSISTENZA.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Servizio di Consulenza Agricola MISURA 4.12 – COSTITUZIONE E AVVIAMENTO DI SISTEMI DI CONSULENZA AZIENDALE E DI SERVIZI DI SOSTITUZIONE E DI ASSISTENZA."— Transcript della presentazione:

1 Servizio di Consulenza Agricola MISURA 4.12 – COSTITUZIONE E AVVIAMENTO DI SISTEMI DI CONSULENZA AZIENDALE E DI SERVIZI DI SOSTITUZIONE E DI ASSISTENZA ALLA GESTIONE DELLE AZIENDE AGRICOLE P.O.R. SICILIA

2 Il 21 Dicembre 2006 è stato pubblicato il nuovo Decreto MiPAF n Disciplina del regime di Condizionalità della PAC e abrogazione del Decreto ministeriale 15 dicembre Questo Decreto regola la Condizionalità dal 1° Gennaio 2007 introducendo alcune importanti novità e propone un quadro completo dei vincoli che compongono una parte molto rilevante dellottemperanza che grava sulle aziende agricole. La Condizionalità dal 2007 Nel 2007: si sono aggiunti 3 nuovi ATTI, attinenti alligiene e benessere degli animali che scaturiscono dallapplicazione di ulteriori 3 Direttive. 19 Atti – Criteri di gestione obbligatori (CGO) 7 Norme – Buone Condizioni Agronomiche ed Ambientali (BCAA) La Condizionalità applica di fatto: 14 Direttive 5 Regolamenti 7 Norme agronomiche ed ambientali Quadro sintetico

3 La Condizionalità dal 2007 Le novità del nuovo Decreto I tempi per lintegrazione regionale: 60 giorni dalla data di applicazione del decreto (19 febbraio 2007) entro il 31 ottobre dellanno precedente a quello di applicazione (a regime) Eliminazione delle norme transitorie per lottemperanza allATTO A4 (ZVN) – Direttiva nitrati. Inserimento Decreto interministeriale 7 aprile 2006 recante Criteri e norme tecniche generali per la disciplina regionale dellutilizzazione agronomica degli effluenti di allevamento - disposizioni di cui al titolo V del citato decreto 7 aprile 2006 in assenza di disposizioni regionali. Introduzione nellAtto B11 dellobbligo di tracciare i flussi in uscita delle materie prime di origine animale (filiera latte bovino e uova) Gestione delle superfici a ritiro differenziata per durata del periodo stesso Introduzione del diserbo tra le deroghe per il controllo delle infestanti

4 La Condizionalità dal 2007 GLI ELEMENTI DELLOTTEMPERANZA La Condizionalità contiene elementi vincolistici che agiscono: Sugli elementi strutturali dellazienda: Adeguamento delle stalle ai criteri di benessere degli animali. Adeguamento dello stoccaggio degli effluenti zootecnici Adeguamento locali e strutture per carburanti, fertilizzanti, mangimi, fitofarmaci Sulla prassi agronomica: Adempimenti previsti dalle Norme agronomiche ed ambientali Sugli adempimenti obbligatori: Registro fitofarmaci Registro fertilizzanti Registro farmaci veterinari Registro fornitori Monitoraggio materie prime per mangimi ed igiene dei mangimi Monitoraggio produzione latte ed uova Piani di smaltimento e di concimazione (ZVN) Adempimenti per il benessere animale Quaderno di campagna

5 Compilazione del Quaderno Di Campagna. Compilazione del Registro Dei Trattamenti. Gestione del Magazzino dei Fertilizzanti e del Magazzino Dei Fitofarmaci. Report sulle attività in conformità alle normative vigenti IL QUADERNO DI CAMPAGNA Le operazioni La Condizionalità dal 2007

6 Il Quaderno di Campagna APPEZZAMENTI Unità territoriale aziendale di base Quadro dinsieme degli Appezzamenti Appezzamento A1 – podere Serre Rosse Appezzamento A2 – podere Avanella Appezzamento A3 - podere Donnalegge Definizione di appezzamento: Sommatoria di particelle che compongono una superficie contigua ed omogenea. La costituzione degli appezzamenti è operazione fondamentale, propedeutica a tutto il sistema quaderno di campagna. La definizione degli Appezzamenti deve essere eseguita dal tecnico.

7 Sequenza dellintervento APPEZZAMENTO A1 Scelta dellIntervento DISERBO chimico Trattamento Anticrittogamico Trattamento con Ormoni Fitoregolatori Trattamento Insetticida Tipologia degli Appezzamenti Seminativo – Oliveto – Vigneto – Frutteto – Bosco – Pascolo permanente – Serre – Superficie non agricola Trattamento con Geodisinfestanti INTERVENTI: LAVORAZIONI SEMINA/TRAPIANTO TRATTAMENTO CON FITOFARMACI CONCIMAZIONE RACCOLTA POTATURA CAMBIO COLTURA Il Quaderno di Campagna

8 Tipo dIntervento Lavorazioni LAVORAZIONI: Aratura Erpicatura Fresatura Rippaturra Estirpatura Rullatura ARATURA: Coltura Superficie utilizzata dellAppezzamento A1 Epoca (Fase fenologica): Pre semina Data esecuzione: Sequenza applicazione Il Quaderno di Campagna

9 ERBACEE Pre semina Semina/trapianto Inizio fioritura Raccolta Post raccolta ARBOREE Pre impianto Impianto Pre Fioritura Fioritura Raccolta Post raccolta Riposo vegetativo Sequenza dellintervento Coltura EPOCA (Fase fenologica) Il Quaderno di Campagna

10 Il sistema di consulenza aziendale nellambito della nuova politica agricola comune Servizio di Consulenza Agricola Reg. (CE) n. 1782/2003 del Consiglio Reg. (CE) n. 1783/2003 del Consiglio Reg. (CE) n. 817/2004 della Commissione I Regolamenti

11 Servizio di Consulenza Agricola 1. RIFORMA PAC: ISTITUZIONE sistema consulenza aziendale - Reg. CE 1782/2003: considerando 8, 9; art 13-16, SVILUPPO RURALE: AIUTI per servizi di consulenza agricola - Reg CE 1257/1999: art. 21 bis, 21 quinques, art Reg CE 817/2004: considerando 10, art. 12, Allegato II, punto 9 - I.2 3. SVILUPPO RUR 2007: AIUTI per servizi consulenza agricola Proposta di Regolamento sul sostegno dello sviluppo rurale: considerando 14,18,19 –art 19, 23, 24, Allegato I

12 OBIETTIVI sensibilizzare e informare gli agricoltori sui flussi materiali e sui processi aziendali che hanno attinenza con: lambiente la sicurezza alimentare la salute e il benessere degli animali fermo restando lobbligo di rispettare le norme in materia di sicurezza sul lavoro Servizio di Consulenza Agricola

13 AMBITI DINTERVENTO Obbligatori (condizionalità): criteri di gestione obbligatori (CGO) -ambiente -sanità pubblica -salute delle piante e degli animali -benessere degli animali buone condizioni agronomiche e ambientali (BCCA) Facoltativi: altro

14 Servizio di Consulenza Agricola istituzione entro il 1 gennaio 2007; adesione a titolo volontario; priorità agli agricoltori che ricevono più di lanno in pagamenti diretti; riservatezza delle informazioni (eccezioni: reati e infrazioni). Quando si attiva il servizio

15 Base legale: Reg. (CE) n. 1782/2003 del Consiglio Applicazione: Reg. (CE) n. 1783/2003 del Consiglio Reg. (CE) n. 817/2004 della Commissione Servizio di Consulenza Agricola

16 Reg. (CE) n. 1783/03 del Consiglio aiuti per conformarsi alle norme in materia di: -ambiente -sanità pubblica -salute delle piante e degli animali -benessere degli animali -sicurezza sul lavoro [costi di gestione] [costi per utilizzazione di servizi di c.a.] -avviamento di sistemi di consulenza aziendale Servizio di Consulenza Agricola

17 Reg. (CE) n. 1783/03 del Consiglio i servizi di c.a. individuano e, ove necessario, propongono miglioramenti per quanto riguarda il rispetto di norme obbligatorie in materia di: -ambiente -sanità pubblica -salute delle piante e degli animali -benessere degli animali -aiuto per lutilizzazione di servizi di c.a. Servizio di Consulenza Agricola

18 Reg. (CE) n. 817/04 della Commissione procedure di selezione dei soggetti attuatori dei servizi di c.a. requisiti dei soggetti attuatori dei servizi di c.a.: - personale qualificato - infrastrutture amministrative e tecniche - esperienza - affidabilità Servizio di Consulenza Agricola

19 MISURA 4.12 – COSTITUZIONE E AVVIAMENTO DI SISTEMI DI CONSULENZA AZIENDALE E DI SERVIZI DI SOSTITUZIONE E DI ASSISTENZA ALLA GESTIONE DELLE AZIENDE AGRICOLE P.O.R. SICILIA

20 La Riforma della PAC e LAPPLICAZIONE DELLE NORME PREVISTE DALLA CONDIZIONALITA Attività di informazione ed assistenza per la definizione di un modello di consulenza allottemperanza per imprenditori, coadiuvanti, titolari di azienda agricola INFORMAZIONE E CONSULENZA PER DEFINIRE IL PROPRIO PIANO DI ADEGUAMENTO

21 Utilizzo di servizi di consulenza per: a) rispetto delle norme obbligatorie b) sicurezza sul lavoro c) migliorare il rendimento dellazienda Servizio di Consulenza Agricola

22 Fornisce una serie di seminari, conferenze, visite ad aziende agricole per fornire un servizio di consulenza relativo a: Consulenza sulla tutela ambientale Agricoltura eco-compatibile Condizionalità e sistema di pagamento unico Servizio di consulenza per le aziende agricole Progettazione per il settore agricolo, mediante finanziamenti Comunitari, Nazionali e Regionale Servizio di Consulenza Agricola

23 In base alle specifiche necessità del coltivatore, il Servizio offrirà diversi livelli di consulenza, tra cui: Informazioni e consulenza telefonica; Visite allazienda workshop, conferenze,Stages. Aperta a tutti i coltivatori. Presentato da consulenti agricoli adeguatamente qualificati

24 Servizio di Consulenza Agricola MISURA 114 Utilizzo dei Servizi di Consulenza in Agricoltura e Silvicoltura Gli Imprenditori agricoli e forestali potranno usufruire dei servizi di consulenza accreditati dallAssessorato regionale Agricoltura e Foreste AMBITI obbligatori di CONSULENZA: Criteri di Gestione Obbligatori e mantenimento del terreno in Buone Condizioni Agronomiche e Ambientali Requisiti in materia di Sicurezza sul Lavoro Requisiti minimi in materia di gestione forestale Per il servizio di consulenza completo, è previsto un contributo max di euro/azienda con una percentuale di contribuzione pari all 80 % su una spesa ammessa a finanziamento di euro. P.S.R. SICILIA


Scaricare ppt "Servizio di Consulenza Agricola MISURA 4.12 – COSTITUZIONE E AVVIAMENTO DI SISTEMI DI CONSULENZA AZIENDALE E DI SERVIZI DI SOSTITUZIONE E DI ASSISTENZA."

Presentazioni simili


Annunci Google