La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Daniela DAloisi Fondazione Ugo Bordoni Coordinatore Gruppo di Lavoro Ambiente Digitale Televisione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Daniela DAloisi Fondazione Ugo Bordoni Coordinatore Gruppo di Lavoro Ambiente Digitale Televisione."— Transcript della presentazione:

1 Daniela DAloisi Fondazione Ugo Bordoni Coordinatore Gruppo di Lavoro Ambiente Digitale Televisione Digitale Terrestre e Territorio, Palermo 27 ottobre 2004 Ambiente Digitale Lecosistema della tv digitale come sfida industriale e di sistema

2 Televisione Digitale Terrestre e Territorio, Palermo 27/10/2004 Daniela DAloisi Ambiente Digitale Nasce su iniziativa della Fondazione Ugo Bordoni per studiare le opportunità e le migliori condizioni di sviluppo e di evoluzione di linguaggi, prodotti e servizi che caratterizzano linterattività della TV digitale esaltare il ruolo di aziende ed enti che possono trovare nellinterattività della TV digitale una occasione di business offrire a istituzioni ed enti (nazionali e locali) un modo nuovo per veicolare servizi e offerte attraverso un mezzo che raggiunge il 99% delle case mezzo vecchio ma nuove modalità di fruizione

3 Televisione Digitale Terrestre e Territorio, Palermo 27/10/2004 Daniela DAloisi Ambiente Digitale: scopi e obiettivi promuovere linterattività della TV digitale favorire lo sviluppo di applicazioni, servizi, prototipi editoriali piattaforme mirate alla esaltazione dellinterattività armonizzare il mondo dei broadcaster, delle macchine con quello dei servizi e applicazioni incentivare lo sviluppo e lintroduzione di nuovi servizi anche legati al territorio e alle realtà locali censire le proprietà intellettuali digitali italiane creare un modello italiano esportabile Raccoglie sviluppatori, integratori, TV locali e nazionali, telco, fornitori di servizi e contenuti, editori, banche, etc.

4 Televisione Digitale Terrestre e Territorio, Palermo 27/10/2004 Daniela DAloisi Enfasi su servizi e applicazioni Enfasi sui servizi perché nuove opportunità di sviluppo per soggetti locali e nuovi attori della catena del valore TV locali, produttori di applicazioni, fornitori di servizi e contenuti, PA locale, etc. tutto il paese ha unopportunità di sviluppo modello italiano della TV digitale possono aiutare a superare il digital divide convergenza digitale con gli altri media senza di essi la TV digitale sarà una replica di quella analogica Il loro valore è aumentato dallinterattività

5 Televisione Digitale Terrestre e Territorio, Palermo 27/10/2004 Daniela DAloisi Perchè linterattività? Linterattività non è un servizio in sè aumenta le potenzialità e le capacità di unapplicazione a prescindere dal mezzo con cui viene fruita la TV entra in tutte le case: se è interattiva, anche la tecnologia digitale entrerà in tutte le case sinergia possibile con tutti gli altri media digitali ogni utente può chiedere un programma personalizzato e individuale le azioni che lutente compie creano percorsi diversi rispetto agli altri utenti e rispetto a precedenti scelte dellutente stesso Individualizzazione del mezzo linterattività non è limitata a contenuti tipicamente televisivi

6 Televisione Digitale Terrestre e Territorio, Palermo 27/10/2004 Daniela DAloisi Cosa si trova nellambiente digitale? Finanza ed economia (banche, assicurazioni, carte) Educazione (scuole, università, T-learning) Intrattenimento (TV, giochi, editori per ragazzi, musica interattiva, quiz) Pubblicità (interattiva, diretta) Editoria (stampa, TV, specializzata) Sport interattivo Trasporti Directories (aziende, persone, mappe e percorsi) PA (centrale, locale, servizi pubblici) Broadcaster (nazionali, locali, tematici, specializzati) Salute (Sanità, Ospedali, Medical Care, Telemedicina) TLC/Utilities (Telefonia Fissa, Telefonia Mobile, Acqua e Gas, Energia) T-Commerce (Contenuti Digitali, Beni e Servizi) EPG (Electronic Program Guide) VOD (Video On Demand) … … … … … … … … … … … … … … …

7 Televisione Digitale Terrestre e Territorio, Palermo 27/10/2004 Daniela DAloisi Guida TV

8 Televisione Digitale Terrestre e Territorio, Palermo 27/10/2004 Daniela DAloisi Viaggi

9 Televisione Digitale Terrestre e Territorio, Palermo 27/10/2004 Daniela DAloisi Sport

10 Televisione Digitale Terrestre e Territorio, Palermo 27/10/2004 Daniela DAloisi Ambiente Digitale: Missione Il mercato italiano dei media costituisce oggi un ecosistema unico in Europa per qualità, quantità e opportunità di crescita lanticipo rispetto ad altri paesi crea uno spazio di sviluppo per lintera industria digitale italiana e la proietta potenzialmente sullo scenario europeo e internazionale vogliamo sostenere attraverso lo sviluppo di una innovativa filiera digitale la modernizzazione del sistema-Paese, finalmente in un settore strategico per la nuova economia della conoscenza ad elevato valore aggiunto Lunità di misura di questa nuova fase di sviluppo è misurabile attraverso il patrimonio delle proprietà intellettuali

11 Televisione Digitale Terrestre e Territorio, Palermo 27/10/2004 Daniela DAloisi Media in Italy Alcuni dati: la ricchezza generata dalle proprietà intellettuali negli Stati Uniti ammonta a oltre 150 miliardi di dollari (quasi una volta e mezzo il PIL italiano) lUnione Europea genera ricchezza intellettuale per 55 miliardi di Euro, lItalia concorre con un volume di appena 3 miliardi di Euro Ambiente Digitale e la Fondazione Bordoni hanno depositato il marchio media in italy Prima fase: ricognizione, selezione ed emersione della ricchezza inespressa Seconda fase: elaborazione di strumenti avanzati per proteggere, gestire, esportare e capitalizzare i valori intangibili propri della nuova economia della conoscenza liniziativa sarà affiancata da strumenti finanziari innovativi in grado di sostenere e finanziare lo sviluppo

12 Televisione Digitale Terrestre e Territorio, Palermo 27/10/2004 Daniela DAloisi Ambiente Digitale: GLAD Lattività dellassociazione è stata preceduta dagli incontri organizzati dal Gruppo di Lavoro Tre aree Interfacce ed evoluzione dei modelli I/O Applicazioni notevoli e certificazione Modelli di business e loro evoluzione Tre dimensioni trasversali Interattività Accesso Sicurezza

13 Televisione Digitale Terrestre e Territorio, Palermo 27/10/2004 Daniela DAloisi Interattività Da utenti passivi a soggetti attivi il telespettatore può comunicare tramite il canale di ritorno con la TV Diversi livelli di interattività per i servizi (Informativi, Interattivi, Transazionali) strumento innovativo per il quale devono essere elaborati specifici linguaggi ed interfacce AD ha lobiettivo primario di individuare le soluzioni più adeguate per armonizzare lo sviluppo di questo canale

14 Televisione Digitale Terrestre e Territorio, Palermo 27/10/2004 Daniela DAloisi Accesso Servizi ed applicazioni innovativi facilmente utilizzabili da tutti gli utenti nuove opportunità in termini di servizi e applicazioni per gli utenti: T-Services, servizi interattivi via televisione digitale, come il T- learning, il T-health, il T-government, il T- commerce AD opera per assicurarsi che questo sviluppo avvenga in modo da consentire laccesso ai servizi a tutti gli utenti, mediante strumenti di interazione semplici e immediati (menu vocali, telecomandi ergonomici, interfacce accessibili e usabili)

15 Televisione Digitale Terrestre e Territorio, Palermo 27/10/2004 Daniela DAloisi Sicurezza Garanzie per utenti e mercato tutela e massime garanzie di sicurezza non solo agli utenti finali (per esempio per i pagamenti e per la privacy), ma anche a tutti gli attori della catena del valore che partecipano al mercato che si sviluppa sulla nuova tecnologia AD lavora per individuare modelli di business applicabili e integrabili con la televisione digitale interattiva, approfondendo gli aspetti economici e quelli relativi alla sicurezza delle transazioni

16 Televisione Digitale Terrestre e Territorio, Palermo 27/10/2004 Daniela DAloisi Un pò di numeri 5 incontri plenari (18 febbraio, 24 marzo, 26 aprile, 9 giugno, 14 ottobre) Diversi incontri di coordinamento e workshop dei sottogruppi Più di 350 persone hanno partecipato agli incontri Più di 150 aziende ed enti coinvolte a vario titolo e livello forte partecipazione di PMI e realtà locali Interesse da parte degli organi di stampa Partecipazione ad eventi (SAT-EXPO, SMAU, convegni) È stata creata una community per fare circolare idee e progetti sinergie Si vuole dare unopportunità forte agli attori presenti

17 Grazie per lattenzione


Scaricare ppt "Daniela DAloisi Fondazione Ugo Bordoni Coordinatore Gruppo di Lavoro Ambiente Digitale Televisione."

Presentazioni simili


Annunci Google