La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Focus groups e questionari. Il focus group è una tecnica di rilevazione utilizzabile per svolgere consultazioni. Nonostante lattuale ricorso massiccio.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Focus groups e questionari. Il focus group è una tecnica di rilevazione utilizzabile per svolgere consultazioni. Nonostante lattuale ricorso massiccio."— Transcript della presentazione:

1 Focus groups e questionari

2 Il focus group è una tecnica di rilevazione utilizzabile per svolgere consultazioni. Nonostante lattuale ricorso massiccio al focus group, la scarsa conoscenza, legata inizialmente al non utilizzo, spesso risulta non colmata. In particolare, ci si riferisce a tre situazioni:

3 - cè una grande confusione tra focus groups ed altre tecniche, di ricerca e non; basta mettere insieme un gruppo di persone, perché si parli di focus group; tutti affermano di fare focus groups, anche quando, ad esempio, stanno svolgendo una riunione déquipe;

4 - non si conoscono gli aspetti tecnici e regna limprovvisazione, dalla selezione dei partecipanti, alla moderazione, allanalisi dei risultati; - sono diffusi un modello ed una modalità di utilizzo standard, che non tengono conto delle tante innovazioni introdotte nel corso degli anni.

5 Il focus group può essere definito una tecnica di rilevazione per la ricerca sociale basata sulla discussione tra un piccolo gruppo di persone, alla presenza di uno o più moderatori, focalizzata su un argomento che si vuole indagare in profondità

6 Il focus group si differenzia dallintervista individuale per la presenza di un gruppo di partecipanti. Questo è un motivo necessario, ma non sufficiente, per evitare di definire il focus group unintervista.

7 Anche lintervista collettiva, che prevede la presenza contemporanea di più persone nel ruolo di intervistati. La differenza, però, tra unintervista, individuale o collettiva che sia, e il focus group, risiede nella richiesta, nel primo caso, di risposte individuali ad ogni singolo intervistato, mentre nel focus group, anche quando vengono poste delle domande, queste vengono rivolte al gruppo, con la funzione di sollecitare la discussione e il confronto tra i partecipanti.

8 Teoricamente un partecipante potrebbe accettare di prendere parte ad un focus group, ma poi astenersi dal parlare, anche se ciò non si verifica mai. Lintervista, quindi, è caratterizzata dal rapporto diadico tra intervistatore e intervistato, anche quando, soprattutto per motivi economici, cioè per risparmiare risorse di tempo e di denaro, vengono coinvolte più persone contemporaneamente, come nellintervista collettiva; il focus group, invece, si contraddistingue per linterazione tra i partecipanti, alla presenza di uno o più moderatori.

9 Attualmente possiamo distinguere vari tipi di focus group, diversi per composizione dei gruppi, grado di strutturazione, e ruolo del moderatore.

10 focus group diversi per composizione dei gruppi - Conoscenza/estraneità dei partecipanti - Omogeneità/eterogeneità interna - A uno o a più stadi

11 Il modello standard prevedeva che i membri del gruppo fossero tra loro estranei. Si temeva che la conoscenza previa potesse inibire lespressione delle opinioni: i partecipanti, infatti, potrebbero non voler esporsi di fronte a persone che frequentano e/o evitare di contraddire amici o conoscenti, per non incrinare il rapporto con loro.

12 Alcune esperienze di ricerca hanno tuttavia dimostrato che talvolta è preferibile prendere gruppi preesistenti (famiglie, amici, colleghi di lavoro, membri di associazioni), quando, ad esempio, per alcuni obiettivi dindagine può essere utile avvalersi di discussioni e confronti già avvenuti in precedenza e riportati nel focus group, o si vogliono affrontare problematiche che riguardano particolari categorie di popolazione.

13 Tra laltro, spesso può essere interessante studiare i cambiamenti nel tempo: ai membri del gruppo si chiede allora di partecipare non ad un solo focus group, ma a più sessioni. Questi focus group, chiamati a più stadi, nei quali ai partecipanti viene richiesto un impegno prolungato nel tempo, non necessariamente sono costituiti sempre dalle stesse persone: negli stadi successivi i gruppi possono essere mescolati, oppure nei vecchi gruppi possono essere inserite altre persone, per esempio per sottoporre le opinioni emerse al vaglio di nuove idee.

14 Un altro requisito del modello standard è lomogeneità interna del gruppo: la percezione di trovarsi tra pari facilita indubbiamente linstaurarsi di un clima favorevole al libero scambio di opinioni. Ma quali caratteristiche dei partecipanti devono essere uniformate? E impossibile trovare persone totalmente simili.

15 E la similarità assoluta non è neanche auspicabile: un minimo di differenze, infatti, permette lemergere e il confronto di punti di vista diversi. La scelta deve essere guidata dagli obiettivi di ricerca: le persone dovranno essere selezionate in modo da essere accomunate e coinvolte dallargomento di discussione, così che abbiano qualcosa da dire e sentano di condividere esperienze.

16 Particolare cautela va posta sul livello di istruzione e sul livello gerarchico: il primo influisce fortemente sulla capacità dialettica, e la sensazione di essere culturalmente inferiori potrebbe inibire qualcuno dallesprimere le proprie opinioni; similmente, la differenza di status potrebbe operare nella stessa direzione ed ostacolare un dialogo sereno.

17 Per quanto riguarda le altre caratteristiche strutturali, però, a volte è interessante e produttivo inserire nello stesso gruppo persone diverse, per esempio per fascia detà, per stimolare un confronto più accesso, ipotizzando posizioni presumibilmente differenti.

18 Non strutturati o semistrutturati I focus group possono essere più o meno strutturati: si va da gruppi in cui è definito semplicemente il tema di discussione e si lascia che i partecipanti ne parlino liberamente tra loro, ad altri in cui viene seguita una traccia, di aspetti da trattare o di vere e proprie domande da porre.

19 Non strutturati o semistrutturati Le eventuali domande sono sempre aperte, cioè non prevedono risposte prefissate tra cui scegliere. Inoltre, le domande vanno rivolte allintero gruppo, non ai singoli componenti, quindi non si chiede una risposta ad ognuno di essi. La scelta tra un tipo più o meno strutturato dipende dallobiettivo specifico della ricerca: si opterà per il primo quando sono stati individuati dei sotto-temi precisi sui quali si ha bisogno di apprendere il punto di vista dei partecipanti, per il secondo se si vuole conoscere la prospettiva del target sul fenomeno oggetto di studio, senza imporre una direzione alla discussione e un quadro concettuale definiti dal ricercatore.

20 Ruolo del moderatore I focus group meno strutturati prevedono un intervento minimo del moderatore, che si limita a fornire al gruppo il compito e le regole di interazione da rispettare (in questo caso il focus group può essere definito autogestito), intervenendo soltanto in caso di gravi conflitti o eccessive deviazioni dal tema. Nei gruppi più strutturati il moderatore ha un controllo maggiore sia sui contenuti sia sullandamento della discussione e le dinamiche di gruppo.

21 Ruolo del moderatore I gruppi più strutturati e maggiormente diretti sono più facili da condurre e anche da analizzare, ma limitano lemergere di nuove idee, non previste in precedenza, poiché viene imposta una determinata direzione al dibattito.

22 Ruolo del moderatore Su alcuni argomenti su cui si teme possano emergere soltanto opinioni conformiste e rispetto ai quali sia particolarmente difficile manifestare posizioni minoritarie e meno ortodosse, può essere utile prevedere la presenza di due (o più) moderatori, che rappresentano e legittimano due (o più) tesi contrapposte sul tema ed invitano ad esprimere motivi per sostenerle. Altre volte due moderatori possono assumere ruoli diversi: uno può occuparsi delle dinamiche di gruppo e laltro, esperto sul tema, intervenire sui contenuti, ponendo domande e chiedendo approfondimenti.

23 Ruolo del moderatore Il numero di moderatori dipende da quello delle principali posizioni individuabili sul tema, ma non si deve eccedere (possono essere fino a 3, o 4 in casi eccezionali), sia per non alterare lequilibrio tra membri del team di ricerca e partecipanti, sia perché aumenterebbe la difficoltà di coordinamento tra i moderatori. Per fare un esempio, se largomento fosse la proposta di legalizzazione di droghe leggere, un moderatore potrebbe rappresentare la posizione favorevole e un altro quella contraria.

24 Non necessariamente, poi, devono essere operate delle scelte nette, ma si possono adottare dei tipi, per così dire, misti: un focus group può iniziare autogestito e poi, verso la fine, il moderatore può proporre qualche aspetto del tema che interessa particolarmente il ricercatore e che non è emerso spontaneamente. Oppure si può tenere una serie di focus group autogestiti per definire le aree più rilevanti per il target, che possono essere utilizzate per costruire la traccia per una serie di focus group più strutturati.

25 Lo stesso per la composizione dei gruppi: si possono tenere delle serie di gruppi omogenei per far emergere i principali punti di vista di diverse categorie di popolazione e poi una serie di focus group eterogenei che prevedono un confronto allinterno del gruppo tra persone con caratteristiche diverse. Occorre essere consapevoli sin dallinizio, tuttavia, che, quanto più aumenta il numero dei focus group, tante più risorse sono necessarie, poiché cresce vertiginosamente il tempo per lorganizzazione e lanalisi dei risultati, alquanto complesse con questo tipo di tecnica

26 A proposito di organizzazione, un problema supplementare sorge quando il target della ricerca è costituito da persone difficili da trovare perché possiedono caratteristiche molto particolari, o perché molto impegnate a causa del proprio lavoro. In questi casi è stata sperimentata lintroduzione di tecnologie per mettere in contatto partecipanti singoli o sottogruppi di essi, che vengono collegati tramite telefono, video-conferenza o webcam.

27 Vi è chi ritiene che in questi casi, soprattutto quando i membri del gruppo comunicano tramite Internet, non sia corretto parlare di focus group, perché viene sacrificata la caratteristica peculiare di questa tecnica, linterazione tra i partecipanti. Daltra parte, pur essendo innegabile che la comunicazione diretta - comprendente quella verbale e non verbale - contraddistingue il focus group, in certi casi non rimane che usufruire delle nuove tecnologie o rinunciare a questa tecnica di rilevazione e decidere di adottarne altre.

28 In unintervista, quando lintervistato non ha opinioni sullargomento oggetto dindagine, per non apparire disinformato o senza idee, è indotto a scegliere una risposta a caso o quella più accettabile socialmente. In un focus group, invece, è assolutamente accettabile, ed esplicitato dal moderatore, non avere opinioni precostituite sul tema di discussione: i partecipanti possono formarsene una ascoltando gli interventi degli altri, rispetto ai quali possono trovarsi in accordo o in disaccordo, e sui quali possono porre domande per capirne meglio le ragioni.

29 Anche coloro che già possiedono un proprio punto di vista sul tema proposto, possono modificarla, in tutto o in parte, arrivando comunque alla fine ad una posizione più consolidata, perché passata al vaglio del confronto con altre persone. Tra laltro, in questo modo, il ricercatore può avere anche delle informazioni sul grado di superficialità o di radicamento delle opinioni e sulla loro dinamica.

30 In un focus group ai partecipanti viene chiesto di usare una forma consueta di comunicazione: il dialogo con altre persone. Il compito consiste nel dire ciò che pensano, parlando semplicemente con gli altri, usando il proprio linguaggio, il proprio quadro concettuale, con i propri tempi, senza essere forzati a rispondere, intervenendo quando e come ritengono più opportuno. I partecipanti si trovano a loro agio perché non sentono lattenzione focalizzata individualmente su se stessi, ma sul gruppo, contrariamente a quanto accade nellintervista, in cui lintervistato ha spesso la sensazione di essere interrogato, giudicato, sottoposto a un test.

31 I partecipanti a un focus group sono stimolati a parlare dalla percezione di condividere esperienze; si crea in genere una sorta di effetto a valanga, per cui un episodio riportato da una persona fa affiorare dei ricordi in unaltra, associazioni, considerazioni, domande, e così via. Non solo il ricercatore, ma anche i partecipanti sono stimolati a prendere in considerazione aspetti che prima non avevano considerato e che li spingono a riflettere in modo diverso e più ampio.

32 Il focus group, a giudicare dal giudizio dei partecipanti, è considerato unesperienza piacevole, che molti chiedono di ripetere, offrendosi volontariamente per altre situazioni di ricerca. Ciò è dovuto probabilmente al desiderio di confrontarsi con il punto di vista di altre persone e di esprimere la propria opinione in un modo semplice, senza essere costretti, come in unintervista, specie se strutturata, a comprendere il senso della domanda, le modalità di risposta, ecc. La facilità del compito - parlare con altre persone - rende il focus group utilizzabile anche con persone molto giovani, o con un basso livello distruzione, o socialmente emarginate.

33 Spesso si dimentica la distanza culturale che si frappone tra la comunità scientifica e la gente comune, e si costruiscono strumenti di ricerca che rispecchiano il quadro concettuale e il linguaggio dei ricercatori, lontani da quelli delle categorie di popolazione che si vogliono studiare. Implicitamente, chiedendo agli intervistati di adeguarsi agli strumenti proposti, si dà per scontato che ci sia una corrispondenza tra i modelli di pensiero, tra i linguaggi, tra i significati attribuiti ai termini, usati dal gruppo di ricerca da una parte e dalla popolazione dallaltra.

34 Moderatore Si ritiene che il focus group produca buoni risultati quanto più la discussione fluisce liberamente, con interventi minimi del moderatore, in modo che possa emergere la prospettiva del target sullargomento, scevra da condizionamenti da parte del ricercatore e del suo quadro concettuale. Perché tutto ciò si verifichi, tuttavia, è necessario un moderatore professionista che riesca a limitare: (a) la propria influenza e (b) quella di eventuali membri del gruppo che vogliono assumere un ruolo di leader.

35 Moderatore Il moderatore di un focus group deve riuscire a creare il clima adatto perché i partecipanti si sentano liberi di manifestare ciò che pensano, deve spiegare ciò che ci si aspetta da loro con chiarezza, fornendo le principali regole di interazione, ma rifiutando il ruolo di guida che il gruppo vorrebbe affidargli, per evitare di suggerire una direzione al dibattito.

36 Moderatore In alcune situazioni il moderatore può essere un membro dellistituzione, ente, azienda o associazione che ha promosso lindagine. Proprio la difficoltà di trovare moderatori professionisti, infatti, a volte fa propendere per lutilizzo di personale interno che viene addestrato in maniera mirata - in base al particolare argomento e agli specifici obiettivi dellindagine - alla conduzione dei gruppi.

37 Moderatore Il ruolo del moderatore-intervistatore varia al variare del livello di strutturazione: - livello minimo di strutturazione = moderatore con ruolo marginale; - livello intermedio di strutturazione = moderatore con ruolo di guida della discussione, propone stimoli e domande; - livello massimo di strutturazione = moderatore con ruolo fortemente direttivo.

38 Moderatore Ogni intervento del moderatore, anche una semplice regolazione dei turni di parola, rischia di influenzare le opinioni dei partecipanti, dando indirettamente un segnale su quello che potrebbe essere il suo punto di vista, o su quello che si aspetta venga espresso. Anche inconsapevolmente, i suoi cenni del capo, i suoi sguardi, i gesti, la postura del corpo, ecc., possono esser letti come modi di giudicare le opinioni espresse.

39 Moderatore Con un moderatore non sufficientemente addestrato, e inconsapevole delle distorsioni che può causare, si rischia di vanificare uno dei vantaggi del focus group sopra riportati: la possibilità di superare i problemi derivanti dal rapporto diadico intervistatore/intervistato, con i conseguenti problemi di acquiescenza, risposte socialmente desiderabili, ecc.

40 Moderatore Il moderatore deve riuscire, con la sua presenza e il suo atteggiamento, a rappresentare e a ricordare il compito assegnato al gruppo, facendo attenzione al suo comportamento verbale e non verbale. Il tentativo di non influenzare la libera espressione delle opinioni, lasciando fluire spontaneamente la discussione, non significa che egli debba assolutamente astenersi dallintervenire in alcun modo.

41 Moderatore Egli dovrebbe capire quando è il momento e il modo giusto di intervenire, il che può essere necessario per vari motivi: per far proseguire il dibattito arrivato a un punto morto; per riportarlo sul tema centrale in caso di eccessive deviazioni; per incoraggiare la manifestazione di opinioni minoritarie qualora si accorga che stanno emergendo soltanto posizioni conformiste e tese a dare una buona immagine di sé (ibidem); per proporre degli aspetti che il gruppo non ha affrontato ma che interessano il ricercatore; per gestire problemi derivanti dalle dinamiche di gruppo.

42 Moderatore In questultimo caso il ruolo del moderatore è particolarmente importante perché un suo mancato intervento può compromettere lesito del focus group. Nei gruppi, infatti, possono esserci persone autoritarie ed egocentriche che tendono a monopolizzare la discussione e che vorrebbero a tutti i costi imporre le proprie idee. Di fronte a casi del genere, il moderatore non può astenersi dallintervenire, ma deve farlo nel modo giusto, tentando strategie via via più incisive, per non aggravare ulteriormente la situazione.

43 Moderatore Talvolta sono gli stessi partecipanti a ricordare le regole dellinterazione, ma, se ciò non accadesse o non fosse sufficiente, sarà compito del moderatore farlo, rivolgendosi in un primo tempo allintero gruppo; se ancora tale invito restasse inascoltato, il moderatore dovrà cercare di essere più direttivo, intervenendo sui turni di parola dapprima tramite il comportamento non verbale (attraverso lo sguardo, ad esempio).

44 Moderatore Se ancora non dovesse funzionare, dovrà rivolgersi direttamente alla persona in questione utilizzando prima di nuovo il comportamento non verbale e poi, se necessario, anche un invito esplicito a dar spazio alle altre persone e a rispettare le loro opinioni.

45 Moderatore Lintervento del moderatore è ancora più difficile quando lespressione delle opinioni e ladesione ad una tesi piuttosto che ad unaltra è influenzata, più inconsapevolmente, da simpatie/antipatie tra i partecipanti o da sentimenti di ammirazione nei confronti di un membro del gruppo con una capacità dialettica particolarmente spiccata, anche se questi non cerca di convincere gli altri della giustezza della sua posizione. Il moderatore deve essere in grado di riconoscere situazioni di questo tipo e intervenire.

46 Moderatore Illustrando tali problemi non si vuole scoraggiare ladozione del focus group, ma, daltra parte, si vuole suggerire di evitare limprovvisazione, che può vanificare i vantaggi di questa tecnica. Esistono persone che sanno condurre focus group, e si può diventare moderatori sufficientemente capaci dopo un addestramento, anche progettato e mirato per una specifica ricerca. Come base di partenza, può essere utile una conoscenza, e magari anche unesperienza, di tecniche di ricerca e di conduzione di gruppi.

47 Moderatore Non è invece necessario, come alcuni credono, che il moderatore sia uno psicologo. Tale convinzione deriva dal fatto che la maggior parte dei moderatori impegnati nelle ricerche di mercato lo sono. Ma in quel tipo di ricerche questo requisito ha un senso: lì, infatti, lobiettivo consiste prevalentemente nel far emergere le motivazioni inconsce dei comportamenti di consumo, il che richiede competenze di carattere psicologico.

48 Il gruppo: premessa Un profilo cruciale è quello della creazione dei gruppi di partecipanti. Una volta assicurata la disponibilità a collaborare da parte di singole persone, occorre organizzare un incontro che le riunisca tutte insieme. Diversamente dallintervista individuale, in cui lintervistato può scegliere il luogo e lappuntamento, che, tra laltro, può essere rinviato in caso di contrattempi, i partecipanti al focus group devono recarsi in una sede a loro estranea (salvo in alcuni casi, in cui vengano coinvolti gruppi preesistenti) ed accettare appuntamenti fissati dal moderatore o da un'altra figura dellamministrazione.

49 Il gruppo: premessa In genere, si chiede alle persone, durante il primo contatto, di indicare delle preferenze rispetto ai giorni della settimana e agli orari, ma poi vanno costituiti i gruppi e fissati gli appuntamenti, prevedendo anche liste di riserva, perché rinunce dellultimo minuto possono far saltare una sessione per un numero insufficiente di partecipanti.

50 Il gruppo: premessa Oltre ai moderatori e agli assistenti moderatori non dovrebbero assistere al focus group altre persone, come i committenti o altri interessati per svariati motivi alla ricerca, ché potrebbero creare imbarazzo e disturbare la creazione di quel clima necessario allinstaurarsi di una discussione libera.

51 Altro problema è la sede: non deve avere connotazioni ideologiche di alcun tipo per non influenzare lespressione delle opinioni ed anche la stessa adesione a partecipare; deve essere facilmente e rapidamente raggiungibile, con un parcheggio per le automobili, ma lontana da rumori del traffico che potrebbero disturbare la discussione e la relativa registrazione; talvolta, a seconda del tipo di target, occorrerebbe prevedere servizi particolari, come, ad esempio, una stanza dove tenere i bambini con relativa baby-sitter.

52 Una volta risolti i problemi organizzativi e logistici e condotti i focus group, una fase molto complessa è quella dellelaborazione e analisi dei risultati. Se si decide di trascrivere le registrazioni delle discussioni di gruppo per effettuare unanalisi rigorosa, occorre tener conto della quantità di tempo da dedicare a questa operazione.

53 La trascrizione di un focus group ne richiede molto di più rispetto a quello necessario per trascrivere il contenuto di unintervista individuale non strutturata, perché, nonostante lavvertenza ai partecipanti di parlare uno alla volta, inevitabilmente ci saranno sovrapposizioni di voci difficili da decifrare, oppure voci con toni bassi di persone più timide e lontane dal registratore.

54 Una volta trascritta, una discussione di gruppo si presenta abbastanza caotica, con aspetti del tema abbandonati e poi ripresi, interventi interrotti o lasciati in sospeso, ecc. Per prima cosa, quindi, occorre ordinare il materiale, costruendo uno strumento che permetta unanalisi sistematica del testo. Oggi esistono anche degli ausili informatici, che, però, non possono eliminare il lavoro dellanalista, ma soltanto integrarlo o facilitare alcune operazioni, automatizzandole.

55 Sarebbe auspicabile che lanalisi non venisse effettuata da una sola persona, ma da più soggetti che potrebbero analizzare il materiale separatamente per poi confrontare il lavoro svolto, o direttamente in gruppo. Ovviamente tutto ciò richiede un investimento di risorse economiche e di tempo. Risorse che non sono inesauribili. Quindi, come in ogni indagine, occorrerà arrivare a dei compromessi e scegliere le modalità ritenute più adeguate, tenendo conto delle risorse a disposizione.

56 Il focus group può essere una tecnica indipendente, da usare da sola o in combinazione con altre per ottenere informazioni complementari. Ovvero strumentale a scelte relative al disegno di ricerca e utilizzabile in una fase preliminare dellindagine (ad esempio, la selezione delle unità danalisi, la costruzione di questionari, ecc.). Questultima modalità finora è stata prevalente, ma non è sicuramente lunica legittima

57 I gruppi nella comunicazione pubblica Nel momento in cui si devono costituire i gruppi di partecipanti, la prima operazione consiste nellindividuazione delle caratteristiche che dovrebbero possedere i potenziali componenti. Perché il focus group abbia buon esito, infatti, non devono essere inserite nei gruppi persone alle quali largomento dindagine presumibilmente non è familiare, e quindi tale da non coinvolgerle nel dibattito.

58 I gruppi nella comunicazione pubblica Nel caso della comunicazione pubblica, le categorie interessate saranno diverse a seconda del settore di competenza dellamministrazione; in alcuni casi, potrà essere utile invitare anche comuni cittadini, se si ritiene che la regolazione riguardi la popolazione generale.

59 I gruppi nella comunicazione pubblica Le decisioni preliminari da adottare riguardano i seguenti punti: tipologia dei partecipanti gruppi ad hoc ovvero preesistenti Focus ad uno o più stadi Omogenei o eterogenei mini/full groups numero dei gruppi campionamento probabilistico/mediatore

60 I gruppi nella comunicazione pubblica Per avere una maggiore ampiezza di punti di vista, sarebbe preferibile invitare persone che provengono da ambienti differenti. Se, però, largomento lo consente, si potrebbero coinvolgere gruppi preesistenti, soluzione che farebbe sicuramente risparmiare tempo e risorse. In questo caso, ovviamente, occorrerà verificare la disponibilità a partecipare da parte dellintero gruppo o, almeno, di un numero sufficiente di membri.

61 I gruppi nella comunicazione pubblica Si dovrà poi decidere se prevedere focus groups ad uno o a più stadi: losservazione ripetuta nel tempo avrebbe lobiettivo di cogliere un trend o di ricostruire un processo. Uno o più stadi successivi potrebbero anche consistere nel mescolamento degli elementi dei gruppi precedenti o nellinserimento in essi di nuovi membri, per mettere alla prova le opinioni emerse e sondare quanto resistono al confronto con idee differenti. Aumentare il numero dei focus groups, però, comporta parallelamente un investimento maggiore, in termini di tempo e di risorse, quindi bisogna chiedersi se più stadi siano veramente necessari.

62 I gruppi nella comunicazione pubblica Il budget va considerato anche rispetto alla composizione interna dei gruppi. Si è detto che esistono vari tipi di focus group (omogenei o eterogenei). Bisogna tener conto del fatto, però, che, per ogni differente composizione si deve condurre una serie (almeno 3 o 4) di focus group. In altre parole, se si è interessati, per esempio, allopinione di cittadini di varie fasce detà, si dovranno condurre tre serie, una per i giovani, una per gli adulti e una per gli anziani (la determinazione delle categorie, ovviamente, dipende dalla tematica trattata).

63 I gruppi nella comunicazione pubblica Se poi si volessero porre a confronto le diverse posizioni emerse allinterno di uno stesso gruppo, andrebbe condotta unaltra serie con gruppi eterogenei. Occorrerebbe realizzare tre o quattro focus group per ogni diversa composizione per trarre qualche conclusione fondata.

64 I gruppi nella comunicazione pubblica Il numero di focus group da condurre, quindi, dipende dalle scelte in merito alla loro composizione interna. Anche qualora tale decisione sia stata presa, comunque, in sede di progettazione può essere stabilito solo indicativamente il numero dei gruppi: sin dallinizio, infatti, bisogna mettere in conto leventualità di condurne altri per il cattivo esito di uno o più dovuto a problemi contingenti (molte rinunce dellultimo minuto o conflitti tra membri, con conseguenze negative sui risultati) o, al contrario, perché sono emersi elementi informativi talmente interessanti e inaspettati che meritano un approfondimento focalizzato su di essi.

65 I gruppi nella comunicazione pubblica Una decisione che deve essere presa in fase di programmazione è se tenere mini–groups o full-groups: i primi sono gruppi composti da pochi elementi (4 o 5), gli altri gruppi più grandi (8-10 persone). Al di là delle distinzioni terminologiche, un gruppo dovrebbe essere composto da un minimo di 4 persone ad un massimo di 12 (il numero ideale viene considerato 8). I gruppi più piccoli permettono un maggior approfondimento ma sono più vulnerabili a problemi di dinamica di gruppo, quelli più grandi fanno emergere una quantità più ampia di idee.

66 I gruppi nella comunicazione pubblica Al di là delle decisioni prese, comunque, occorre adattarsi alla situazione contingente: può capitare, infatti, di aver invitato un certo numero di persone, ma che, tra queste, alcune non si presentino. Per tale motivo, conviene sovradimensionare il gruppo di almeno due unità rispetto a quelle che vorremmo e creare delle liste di riserva per operare delle sostituzioni, nel caso in cui le persone che non vengono avvertano in tempo.

67 I gruppi nella comunicazione pubblica Se si presentano un numero di persone troppo esiguo, il focus group dovrebbe essere tenuto ugualmente, per rispetto di chi ha mantenuto fede allimpegno preso. In ogni caso, potremmo utilizzare ugualmente le informazioni che emergono, anche qualora dovessimo ritenere opportuno aggiungere un focus group supplementare a quelli progettati.

68 I gruppi nella comunicazione pubblica Sulla garanzia di partecipazione, incide sicuramente il tipo di campionamento adottato, probabilistico o non probabilistico. Nel campionamento probabilistico la scelta delle specifiche persone da invitare, una volta individuate le caratteristiche che devono possedere, è lasciata al caso (tramite tavole di numeri casuali o generatori di numeri). In quello non probabilistico ci si affida ad un mediatore, che si occupa di trovare i partecipanti.

69 I gruppi nella comunicazione pubblica Entrambe le soluzioni hanno dei pro e dei contro. Il ricorso ad un mediatore, oltre che far risparmiare tempo e risorse, offre delle garanzie sulla partecipazione ed anche sul buon esito del focus group: la conoscenza previa, diretta o indiretta, infatti, aumenta il grado di fiducia da parte dei potenziali partecipanti e diminuisce ampiamente la possibilità di avere nel gruppo persone con problemi di comunicazione interpersonale (perché troppo timide o invece particolarmente aggressive), che non saranno prescelte dal mediatore. Il rischio, però, è che il mediatore, anche inconsapevolmente, tenda a scegliere soltanto determinati tipi di persone e/o ad evitarne sistematicamente altri, con ricadute inevitabili ed irrimediabili sui risultati finali.

70 I gruppi nella comunicazione pubblica Tale errore sistematico può essere evitato con il campionamento probabilistico che, però, richiede tempi, e quindi risorse, maggiori. In questo caso, infatti, occorre dapprima costruire la lista della popolazione, dopo aver chiesto i relativi permessi a chi gestisce le banche dati contenenti nominativi ed indirizzi, necessari dopo la legge sulla privacy. Una volta selezionate casualmente le singole persone, ci si deve inevitabilmente aspettare un numero più alto di rifiuti, vista la mancanza di conoscenza previa.

71 I gruppi nella comunicazione pubblica I rifiuti, comunque, possono essere limitati dalla cura delle modalità di contatto, aspetto da non trascurare anche nel caso del ricorso al mediatore. Limitare il numero di rifiuti è importante non soltanto per chiudere in tempi rapidi la fase della creazione dei gruppi, ma anche perché il sub- campione delle persone riluttanti a collaborare non è casuale, e rende di conseguenza non casuale il sub-campione di coloro che accettano.

72 Organizzazione della sessione di lavoro Per preparare un focus occorre: - costruire il calendario degli incontri; - individuare i partecipanti per ogni singolo focus; - individuare luoghi di svolgimento del focus sufficientemente confortevoli e con la possibilità di registrare i lavori; - costruire lagenda; - inviare, con almeno due settimane di anticipo, un primo invito ai partecipanti.

73 In tale invito: - si descrive in due righe cosa è un focus - si specifica lo scopo del focus - si indicano i temi di discussione (ordine del giorno) - si indica la durata del focus ed il luogo in cui si svolgerà - si allega eventuale documentazione - si allega lelenco dei partecipanti previsti

74 Per contattare i soggetti selezionati occorrono i seguenti passaggi: lettera di presentazione primo contatto telefonico per verifica di disponibilità e preferenze per lappuntamento secondo contatto telefonico per comunicare lappuntamento telefonata di sollecito il giorno precedente lincontro (eventuale contatto sostitutivo in caso di defezioni)

75 Solitamente si evita di menzionare il committente, per non condizionare laccettazione e la successiva espressione delle opinioni: non sempre, infatti, la popolazione nutre la stessa stima che ha per la comunità scientifica anche nei confronti di altri enti pubblici o privati. Considerata però la peculiarità della comunicazione pubblica, tale accorgimento sarà difficile da attuare. Nellesplicitare listituzione che ha promosso la consultazione, si avrà però cura di sottolineare la massima apertura nei confronti delle diverse posizioni, per prevenire eventuali scetticismi.

76 Particolare cura va posta nella presentazione. Nel nostro caso il committente – si avvalga o meno di un istituto specializzato, il cui intervento deve anzi essere legittimato – è sempre lamministrazione. Conviene prima di tutto inviare una lettera su carta intestata, con la quale si illustra brevemente e con un linguaggio semplice lo scopo della ricerca (rimanendo ad un livello generico, per evitare che le persone si preparino prima, a scapito della spontaneità), limpegno richiesto (partecipazione ad uno o più discussioni di gruppo, durata dellincontro, ecc), la garanzia di anonimato nella diffusione dei risultati, e si preannuncia un contatto telefonico, lasciando comunque un recapito a cui rivolgersi per richiedere informazioni.

77 La successiva telefonata deve servire a fornire eventuali chiarimenti e ad individuare, una volta appurata la disponibilità a collaborare, i giorni e gli orari in cui la persona non potrebbe partecipare. La domanda va posta in negativo (giorni e orari in cui non si potrebbe partecipare), altrimenti sarebbe difficile formare i gruppi rispettando tutte le preferenze indicate in positivo. Raccolte un numero sufficiente di adesioni, vengono creati i gruppi e fissati gli appuntamenti in base alle preferenze indicate.

78 Con una seconda telefonata si comunicano gli appuntamenti e si verifica laccettazione in base allo specifico giorno proposto. Se la persona si dichiara disponibile, si deve pregare di comunicare un eventuale impedimento a partecipare. Nel caso invece di rinunce dovute a ripensamenti o ad impegni precedenti in quel giorno, si contattano altre persone che avevano indicato la stessa preferenza (per prevenire problemi di tal genere, comunque, conviene sovradimensionare il gruppo). Il giorno prima dellincontro, va effettuata una telefonata di sollecito, per ricordare limpegno preso ed avere una conferma della partecipazione, in modo da poter trovare, in caso di defezioni, dei sostituti attingendo alle liste di riserva.

79 Contrariamente a quanto avviene nella ricerca di mercato, in quella scientifico-sociale – e a maggior ragione nelle consultazioni condotte a scopi di comunicazione pubblica - solitamente non si usano incentivi, economici o di altro tipo (ad esempio, buoni da spendere in supermercati o in librerie, negozi di dischi, ecc.), per convincere le persone invitate a partecipare, per due motivi principali.

80 Innanzitutto, in generale, le persone dimostrano interesse a collaborare ad uno studio scientifico e a dare il proprio contributo ad un progetto che ritengono utile. In cambio della loro disponibilità e del loro impegno, però, i partecipanti ai focus group dovranno essere informati delluso dei risultati della ricerca, resa possibile anche grazie alla loro collaborazione.

81 In particolare, poi, linvito a prendere parte ad una discussione di gruppo viene accettato ancora più volentieri rispetto ad unintervista individuale, sia per lopportunità di confrontarsi con altre persone, sia perché non si è obbligati a rispondere a domande dirette, ma è possibile esprimersi liberamente, con i propri tempi. Per di più, un incentivo potrebbe essere controproducente, per il rischio che i partecipanti tendano, per ricambiare in qualche modo, a compiacere il moderatore, fornendo risposte che ritengono essere quelle giuste e non esprimendo il loro eventuale dissenso rispetto alle tesi manifestate dagli altri presenti.

82 Possono, però, essere messe in atto delle misure per agevolare la partecipazione: fornire una cartina e delle istruzioni per raggiungere il luogo dincontro, offrire il pagamento delle spese di viaggio, organizzare un servizio taxi, etc.

83 Prima che il focus group inizi, i momenti di attesa dellarrivo di tutti gli invitati possono essere usati per permettere una conoscenza informale dei partecipanti tra loro e con il moderatore, utile a familiarizzare e a rompere il ghiaccio. Per facilitare questo momento di conoscenza informale, si può predisporre un tavolo con bibite e snack.

84 Lattesa, comunque, deve essere breve, per rispetto degli accordi sugli orari presi telefonicamente e per non innervosire e creare problemi a coloro che hanno altri impegni successivi. Dopo linizio della discussione, per non disturbarne landamento, ai ritardatari non sarà consentito di entrare ed inserirsi nel gruppo (ovviamente occorre preannunciare questa regola durante il contatto telefonico).

85 E bene far sì che i partecipanti si siedano intorno ad un tavolo, il quale permette di coprire almeno parzialmente il corpo, e quindi disimpegna dallattenzione ad esso e alla propria postura, eliminando una possibile fonte di imbarazzo. Inoltre può servire come base di appoggio nel caso si vogliano utilizzare tecniche per stimolare la discussione che richiedono luso di materiale cartaceo o di altro tipo.

86 Agenda Lagenda del focus costituisce lo strumento attraverso cui si struttura la conduzione del focus stesso. E una sorta di scaletta da seguire durante la sessione di lavoro.

87 Unagenda ben strutturata dovrebbe prevedere: - un saluto di benvenuto e ringraziamenti per la partecipazione al focus; - una breve introduzione ai lavori in cui si ricorda cosa è un focus e a cosa serve; - gli obiettivi specifici della giornata; - l ordine del giorno dei lavori; - le modalità di svolgimento del focus; - la specificazione che i risultati della giornata di lavori saranno successivamente inviati ai singoli partecipanti; - le domande stimolo da utilizzare per la conduzione del focus.

88 Conduzione del focus group Invito ai partecipanti a dire il proprio nome Premessa: illustrazione del compito e delle regole di interazione Comunicazione dellargomento e invito alla discussione Interventi del moderatore per proporre eventuali aspetti del tema non emersi o gestire problemi di dinamica di gruppo Sintesi finale dellassistente moderatore e feedback del gruppo Chiusura sessione

89 Prima di iniziare il dibattito, conviene chiedere ai presenti di dire il proprio nome, nel caso in cui qualcuno non si sia presentato mentre si aspettava larrivo di tutti gli invitati.

90 A questo punto il moderatore dovrà ricordare ai partecipanti il motivo dellincontro (conoscere le loro opinioni sullargomento oggetto di indagine), illustrare con chiarezza il compito (parlare tra loro del tema proposto e confrontarsi), e fornire alcune principali regole di interazione. La premessa ha unimportanza cruciale nel focus group: eventuali equivoci iniziali, infatti, comprometterebbero lesito del focus group.

91 In questo momento iniziale il moderatore ha un ruolo fondamentale: deve far capire chiaramente a tutti cosa si chiede loro e fare in modo di creare da subito, con il suo atteggiamento, il clima ideale perché si sentano liberi di esprimersi.

92 Tutto ciò che succederà dopo dipende fortemente da questo momento: un eventuale stato di ansietà del moderatore non controllato, un modo frettoloso di spiegare il compito, sarà inevitabilmente percepito dal gruppo, visto che ora lattenzione è focalizzata unicamente su di lui, e questa tensione sarà trasmessa a tutti i presenti, minando la possibilità di instaurare latmosfera adatta ad aprirsi e a manifestare le proprie posizioni.

93 Importanti, ovviamente, oltre al modo di essere del moderatore, sono i messaggi di natura verbale, visto che devono guidare tutto landamento del focus group: - la regola base è il rispetto reciproco, che si esprime contemporaneamente nellascolto di chi sta parlando, che non deve essere interrotto, e dalla concessione di spazio a tutti, quindi nellattenzione a non monopolizzare la discussione; - si può, anzi si deve, esprimere il proprio dissenso, motivandolo, sulle tesi espresse dagli altri, ma senza dare giudizi sulla persona o sulla razionalità delle sue idee;

94 - è assolutamente accettabile non avere una posizione iniziale sul tema proposto e modificarla nel corso della discussione; - infine, per il moderatore non esistono opinioni giuste o sbagliate, ma il suo interesse è volto a conoscere ciò che pensa la popolazione (o una particolare categoria, a seconda dei casi) sullargomento indagato.

95 A questo punto il moderatore deve far capire, con il suo modo di porsi, che la palla è lanciata al gruppo e lasciare che siano i partecipanti a decidere da dove cominciare, quali aspetti del tema sollevare per primi, ecc. Anche in un focus group semistrutturato, occorre fare attenzione a non imporre il quadro concettuale del team di ricerca: va sempre lasciata la libertà ai partecipanti di stabilire la direzione della discussione. Gli aspetti del tema contenuti nella traccia dovrebbero essere introdotti, qualora non trattati spontaneamente dal gruppo, riallacciandosi possibilmente agli stessi interventi dei partecipanti.

96 Bisogna sempre ricordarsi che un focus group, anche quello semistrutturato, non è unintervista collettiva. Il ricercatore può essere interessato a conoscere lopinione del target su alcuni particolari aspetti del tema, che, però devono essere 4 o 5 al massimo, pena una loro trattazione superficiale. Il focus group è una tecnica vocata allindagine in profondità; se si vuole acquisire la posizione della popolazione, o di un particolare sottogruppo di essa, su una serie di item, allora si dovrà optare per unaltra tecnica.

97 Il moderatore, quindi, deve saper capire quando e come è il momento di intervenire, per introdurre eventuali aspetti del tema non emersi, per gestire problemi legati alla dinamica di gruppo e per stimolare la ripresa della discussione arrivata ad un punto morto. La sua professionalità si manifesta anche nella capacità di saper reggere momenti di contrasto tra i partecipanti o di silenzio, utili alla riflessione peraltro, senza intervenire subito a gestire la situazione.

98 Per la conduzione efficace di un focus group è utile tenere presenti alcuni semplici principi: - mantenere costante lattenzione del gruppo sul problema che si intende focalizzare; occorre cercare di evitare discussioni a ruota libera, ed essere poco disponibili a digressioni di carattere generale che esulano dalle questioni che si stanno indagando; - cercare di dare ritmo alla discussione fornendo stimoli e domande in successione; occorre evitare pause troppo lunghe e tempi morti;

99 - favorire la partecipazione dei presenti; occorre evitare che ci siano persone che non intervengono mai ed altre che parlano in continuazione; - quando una questione si è esaurita va dichiarata chiusa; occorre capire quando un tema è stato sufficientemente analizzato; - dosare adeguatamente i tempi; tutte le domande presenti nellagenda devono poter essere sottoposte al gruppo; - evitare atteggiamenti eccessivamente direttivi e favorire la creazione di un clima informale e cooperativo.

100 La discussione di gruppo solitamente viene registrata, con modalità audio o video, per non perdere informazioni preziose che sfuggirebbero alla memoria o alla scrittura simultanea dei dialoghi. Tale motivazione va riferita al gruppo allinizio del focus group, chiedendo implicitamente il permesso ed essendo pronti a non registrare qualora qualcuno non fosse daccordo.

101 Laudioregistrazione è maggiormente diffusa ed talora da preferire. La videoregistrazione, infatti, crea problemi di rispetto dellanonimato: mentre le voci registrate non sono facilmente riconoscibili, limmagine in un video sicuramente lo è. La telecamera, inoltre, è uno strumento molto più invadente, considerando anche che una fissa non riuscirebbe a riprendere il dibattito tra i partecipanti, e quindi un operatore potrebbe girare nel gruppo per inquadrare di volta in volta gli autori degli interventi.

102 Bisogna allora comparare linvadenza introdotta e limbarazzo conseguente, da una parte, con i vantaggi che si possono trarre da questo strumento dallaltra. La telecamera in più, rispetto al registratore audio, unisce limmagine. Ma poi ciò che viene analizzato è spesso il dialogo parlato. Il comportamento non verbale interessa soltanto nella misura in cui serve ad interpretare quello verbale: ad esempio, una frase pronunciata in modo ironico ha un significato diverso rispetto a quello che avrebbe se interpretata letteralmente. Ma, in questi casi, possono essere presi degli appunti per ricordarsi il senso dato alla frase

103 Il compito di prendere appunti sul dialogo spetta allassistente moderatore, figura spesso trascurata. Eppure il suo contributo è di fondamentale importanza e il suo compito nientaffatto semplice da realizzare. Mentre il moderatore è occupato a seguire la discussione e ad intervenire, verbalmente e non, lassistente deve sintetizzare per iscritto le principali posizioni che emergono, insieme a quegli aspetti del comportamento non verbale ritenuti utili allinterpretazione dei risultati.

104 Tale materiale sarà utilizzato nella fase di analisi, ad integrazione del dialogo registrato, ma è prezioso già durante il focus group. La sintesi delle posizioni emerse, infatti, dovrebbe essere proposta ai partecipanti prima del commiato, sia per una sorta di restituzione, sia per avere un feed-back, in modo da correggere da subito cattive interpretazioni. Si ribadisce che si tratta di un compito tuttaltro che semplice: lassistente moderatore deve avere capacità di sintesi e selezionare le principali opinioni espresse, riportandole in modo neutrale, senza introdurre in alcun modo, verbalmente e non, elementi di giudizio.

105 Dopo la sintesi, lassistente moderatore chiederà ai partecipanti se, a loro avviso, è stato tralasciato o male interpretato qualche punto. Se non ci sono aggiunte, il moderatore, dopo aver ringraziato per la partecipazione, chiuderà il focus group, per rispetto di chi ha preso altri impegni. Se, come spesso succede, alcuni tendono a continuare il dibattito, occorre invitare a farlo informalmente, concludendo però ufficialmente l'incontro.

106 Cosa occorre fare subito dopo il Focus Group Per evitare di perdere informazioni, ricordi, suggestioni, idee ed intuizioni suggerite dal focus è buona norma trascrivere immediatamente i contenuti della registrazione, integrandola con gli appunti presi dal moderatore del focus che svolge funzione di osservatore. La scheda per la trascrizione può essere articolata in tre parti (v. modello seguente):

107 Cosa occorre fare subito dopo il Focus Group 1) trascrizione della registrazione, che viene a sua volta suddivisa in relazione alle domande-stimolo poste; 2) annotazione, accanto alla trascrizione, delle note del moderatore-osservatore cercando di tenere presenti: il clima della discussione; gli argomenti che suscitano maggiore o minore interesse; la possibilità di individuare soggetti che meglio di altri potrebbero svolgere funzioni di soggetti agenti nei confronti dei destinatari diretti del provvedimento; 3) descrizione sintetica dei principali risultati raggiunti rispetto agli obiettivi del focus.

108 Modello di scheda per la trascrizione di un focus group DATI FISSI Data: ………………………………………………………….…… Luogo di svolgimento del focus: ……………………………..………………………………… Oggetto: ……………….……………………………………………… Moderatori: ……………………………………………………………

109 Modello di scheda per la trascrizione di un focus group Partecipanti: Nome/Cognome: ……………………….………………..……..……………… Ente: ….……………………………………..……………………… Qualifica/Attività: ……………………………..……………………………… Ruolo: ……………………….…………………..……………….

110 Modello di scheda per la trascrizione di un focus group Sezioni 1) e 2) TRASCRIZIONE DELLA REGISTRAZIONE Dom. 1: ………………………………………………….…………… (Osservazioni del moderatore) …………………………………………………………………… Dom. 2: ………………………………………………….……………… (Osservazioni del moderatore) …………………………………………………………………… (…)

111 Modello di scheda per la trascrizione di un focus group Sezione 3) Descrizione sintetica dei principali risultati raggiunti

112 Indicazioni per lanalisi 1) Lunità di analisi è lintero gruppo, non i singoli partecipanti. 2) È bene cominciare lanalisi al più presto, subito dopo la fine del focus group, sia per apportare eventuali modifiche al successivo incontro, sia per non perdere importanti impressioni e interpretazioni scaturite durante il focus group. 3) Per questultimo motivo, allanalisi dovrebbero partecipare i membri del team di ricerca presenti al focus group (moderatore/i e assistente), gli unici che possono riportare elementi informativi che sfuggirebbero alla sola analisi della registrazione e alla lettura degli appunti.

113 Indicazioni per lanalisi 4) Lanalisi dovrebbe essere condotta da più persone, in modo da limitare la singola soggettività e lo spazio di discrezionalità, inevitabili in un lavoro interpretativo. 5) Quale che sia la tecnica di analisi scelta, occorre procedere in modo sistematico, motivando ed esplicitando le decisioni prese, così da permettere un controllo ed una valutazione esterni.

114 Esistono vari modi per analizzare il materiale scaturito dalle discussioni di gruppo. La scelta dipende da vari fattori, quali gli obiettivi della specifica ricerca in atto, il modo in cui saranno utilizzati i risultati dei focus group, il tempo a disposizione, le risorse economiche. La prima decisione da prendere riguarda il tipo di materiale da utilizzare come base per lanalisi. Il punto di partenza è solitamente una registrazione, audio o video, e gli appunti presi dallassistente moderatore. La modalità che permette unanalisi maggiormente rigorosa è la trascrizione completa della registrazione, integrata dagli appunti.

115 La trascrizione completa consiste nel riportare per iscritto tutto ciò che è registrato, completando il testo con alcuni aspetti del comportamento non verbale, quando servono per interpretare il senso letterale degli interventi. Questo tipo di trascrizione, però, richiede tantissimo tempo ed anche se il lavoro viene delegato ad unagenzia esterna, occorre poi effettuare un controllo riascoltando il nastro.

116 Unalternativa che consente di risparmiare tempo e denaro consiste in una trascrizione parziale: si tratta di scrivere solamente le parti che si ritiene siano strettamente collegate al tema centrale, tralasciando deviazioni, ripetizioni, frasi interrotte, ecc. Si può scegliere se riportare gli interventi selezionati nel linguaggio originale, o se modificarli fino a sostituirli con concetti rielaborati per sintetizzarne il contenuto. In questo caso si deve essere consapevoli del taglio operato sin dal principio: le scelte iniziali condizioneranno il lavoro successivo, perché le parti di dialogo non riportate saranno escluse dallanalisi e quasi impossibili da recuperare in caso di ripensamento.

117 E vero che rimane il nastro, ma è molto difficile recuperare un passaggio se non riascoltando tutta la registrazione o gran parte di essa. Perciò conviene effettuare questo lavoro di selezione in gruppo, ascoltando insieme la cassetta e decidendo man mano le parti che vale la pena trascrivere. La trascrizione va poi integrata con gli appunti presi dallassistente moderatore.

118 Sicuramente più veloce, anche se ancora più selettivo, è il procedimento contrario: partire dagli appunti e integrarli ascoltando il nastro. In questo caso, però, si corre il rischio che la prima sintesi ed interpretazione effettuata durante il focus group guidino e condizionino fortemente il risultato finale, quindi è ancora più importante il lavoro collegiale.

119 A volte i focus group vengono condotti per risolvere un problema urgente e prendere una decisione, per cui ci si basa solamente sugli appunti presi durante la discussione di gruppo, integrati eventualmente dalle impressioni a caldo dei membri del team di ricerca presenti.

120 Una volta pronto il testo, che sia il risultato di una trascrizione completa, parziale o semplicemente gli appunti integrati con alcune parti scelte della registrazione, occorre decidere il tipo di tecnica di analisi da utilizzare. Di nuovo la scelta dipende da vari fattori, quali le risorse, la lunghezza complessiva dei testi e le competenze possedute dai membri del team di ricerca. Principalmente lanalisi può essere effettuata manualmente o avvalendosi di programmi informatici. In realtà non si tratta di unalternativa, perché i software possono solamente velocizzare alcune operazioni o integrare il lavoro interpretativo dellanalista, ineliminabile e insostituibile.

121 Elaborazione ed analisi dei risultati Trascrizione registrazione con integrazione appunti dellassistente moderatore Individuazione posizioni prevalenti Eventuale analisi comparata per categorie di partecipanti

122 – La prima operazione consiste in una classificazione ex- post, cioè in una individuazione di categorie e sotto- categorie di risposta. Ciò può essere fatto personalmente dallanalista, che costruirà le categorie leggendo il testo e facendosi guidare dagli obiettivi di ricerca, o con lausilio di programmi di analisi testuale, che individuano le parole o le espressioni maggiormente ricorrenti.

123 Tale operazione di classificazione è meno complessa nel caso di un focus group semistrutturato, perché gli aspetti del tema o le domande contenute nella traccia possono servire ad orientare lanalisi; il materiale, inoltre, sarà sicuramente già in partenza meno caotico e più ordinato.

124 Il prodotto finale consiste principalmente in una sintesi delle posizioni emerse nei gruppi sul tema. Può essere utile arricchirla con citazioni prese dal dialogo avvenuto nei focus group, per esemplificare i concetti rielaborati dal ricercatore. Soprattutto se i gruppi erano numerosi, si potrebbero codificare le categorie di risposta ed effettuare un conteggio delle frequenze, al fine di individuare le posizioni prevalenti, senza farsi condizionare dalle impressioni personali. Succede, infatti, di essere particolarmente colpiti da certe opinioni perché simili oppure fortemente contrapposte alle nostre, anche se, in realtà, non sono quelle emerse con maggiore frequenza.

125 Se vengono coinvolte diverse categorie di popolazione, si può distinguere lanalisi per sottogruppi, in modo da attribuire le posizioni alle varie appartenenze ed effettuare unanalisi comparativa.

126 Questionari: domande chiuse Vantaggi: a) La domanda chiusa offre a tutti lo stesso quadro di riferimento. In altre parole: di fronte cioè al fatto che una stessa domanda può avere differenti interpretazioni, la domanda chiusa, attraverso le sue risposte prestabilite chiarisce all'intervistato qual è il quadro di riferimento inteso e dovrebbe offrire (salve diversità di interpretazione) lo stesso quadro a tutti gli intervistati.

127 Questionari b) La domanda chiusa facilita il ricordo: ogni alternativa proposta è lequivalente di un promemoria per l'intervistato. c) La domanda chiusa stimola l'analisi e la riflessione; costringe ad uscire dalla vaghezza e dall'ambiguità. Aiuta l'intervistato a separare alternative che sono ancora confuse nella sua mente e che probabilmente di fronte ad una domanda aperta verrebbero espresse in maniera indistinguibile.

128 Questionari Svantaggi: a) La domanda chiusa lascia fuori tutte le alternative di risposta che il ricercatore non ha previsto. Imponendo alla situazione studiata lo schema concettuale del ricercatore, si produce una "chiusura prematura dell'orizzonte teorico", che peraltro è un limite generale della ricerca quantitativa.

129 Questionari b) Le alternative proposte dalla domanda chiusa influenzano le risposte. Le categorie prestabilite corrono il rischio di suggerire la risposta anche a chi non ha un'opinione sull'argomento. La domanda chiusa agevola le "pseudo opinioni", induce la risposta a caso; problema che non si pone quando la domanda è aperta, in quanto l'intervistato non può mascherare il suo "non so" aggrappandosi ad alternative che non gli vengono offerte.

130 Questionari c) Le risposte offerte non hanno un uguale significato per tutti. La pre-codifica delle risposte, finalizzata ad ottenere la comparabilità delle stesse, può di fatto essere un'illusione, se i singoli individui attribuiscono loro un diverso significato. In effetti la domanda chiusa richiede una duplice interpretazione-comprensione da parte dell'intervistato, che non deve capire solo la domanda, ma anche il ventaglio delle risposte.

131 Questionari La domanda chiusa richiede che tutte le possibili alternative siano prestati nel ventaglio di risposte offerte all'intervistato. L escamotage di aggiungere alla fine dell'elenco la voce "altra risposta" è spesso necessario, ma poco efficace: infatti le alternative presentate all'intervistato attirano la sua attenzione, ed egli è portato a scegliere" fra quelle proposte; difficilmente, a meno che abbia idee molto chiare ed una ferma posizione in merito, rifiuterà espressamente le risposte elencate per offrirne un'altra.

132 Questionari Pertanto, la domanda chiusa esige e presuppone un accuratissimo studio esplorativo condotto con le stesse domande ma in forma aperta - e su un campione (non troppo limitato) di soggetti tratto dalla stessa popolazione alla quale verrà poi somministrato il questionario - al fine di individuare larco completo delle possibili alternative.

133 Questionari In alcuni casi la domanda chiusa non è praticabile: quando le possibili alternative di risposta non sono perfettamente chiare; quando esse sono troppo numerose o vertono su argomenti troppo complessi (per esempio, una domanda sulle ragioni per le quali un figlio ha un rapporto conflittuale con i genitori); quando gli intervistati sono di livello culturale molto basso e poco abituati al linguaggio astratto delle risposte pre-codificate; quando si tratta di argomenti delicati, accessibili solo attraverso un'intervista in profondità (per esempio, comportamento sessuale, assunzione di droga, ecc.).

134 Questionari Se la domanda aperta ha difetti quali: vaghezza delle espressioni, mancanza di omogeneità negli interventi degli intervistatori, difficoltà in fase di interpretazione e di codifica delle risposte, altrettanto evidenti sono quelli della domanda chiusa: gli individui possono dare diverso significato alla stessa domanda, sono forzati in alternative di risposta innaturali, non hanno possibilità di articolare le loro risposte o di spiegare meglio le loro posizioni.

135 Questionari Tuttavia, sui grandi numeri (da quattro-cinquecento casi in su) non c'è alternativa alla domanda chiusa. Solo in un piccolo gruppo di ricerca, dove il responsabile controlla e dirige direttamente l'operato degli intervistatori, dove gli intervistatori sono in continuo contatto fra di loro, dove ancora un gruppo integrato e coeso analizza ed interpreta sulla base di quadri di riferimento comuni le trascrizioni delle interviste e dove soprattutto il numero delle interviste rimane contenuto, è possibile pensare di applicare una strategia basata sulle domande aperte.

136 Questionari: tipi di domande Proprietà sociografiche di base: caratteristiche permanenti (genere, età, luogo di nascita...); connotati sociali ereditati dalla famiglia (classe sociale d'origine, titolo di studio...); caratteristiche individuali non permanenti e contestuali (professione, stato civile, residenza...). La maggior parte di queste domande vengono poste in tutte le inchieste campionarie (quale che sia l'oggetto della ricerca) e per esse esistono delle formulazioni standard alle quali conviene uniformarsi (si vedano per esempio le classificazioni dell'Istat per la professione, ecc.).

137 Questionari AtteggiamentiOpinioni, motivazioni, sentimenti, giudizi, valutazioni, valori. Problemi: Multidimensionalità e difficoltà di rilevazione Su una stessa questione è più facile rispondere se essa ha dato luogo ad un comportamento, rispetto al caso che si tratti di una pura e semplice opinione. Per esempio è più facile chiedere se uno ha votato sì o no al referendum sull'aborto, piuttosto che chiedere se egli sia favorevole o contrario all'aborto in mancanza di un comportamento conseguente come il voto al referendum.

138 Questionari Gli atteggiamenti spesso sono complessi e multidimensionali: il soggetto in questione può essere favorevole all'aborto in certe situazioni e contrario in altre; o può non avere una ferma opinione in proposito. Inoltre le motivazioni di un atto spesso sono inconsce allo stesso soggetto (uno può andare regolarmente alla messa per motivi che neppure lui conosce bene).

139 Questionari Infine gli atteggiamenti - come abbiamo già detto - variano fortemente fra le persone in termini di intensità, e questo elemento e difficilmente rilevabile con un questionario. Per tutti questi motivi, ed in primo luogo per quell'intrinseca complessità ed ambiguità che abbiamo menzionato, le domande sugli atteggiamenti sono fra le più difficili da formulare e le loro risposte sono facilmente influenzate dal modo in cui la domanda è espressa, dalla sua collocazione nel questionario, dal modo di porsi dell'intervistatore, ecc.

140 Questionari Comportamenti Qui si rileva quello che il soggetto dice di fare o di avere fatto, sue azioni. I comportamenti sono inequivoci e osservabili. L'esistenza di una risposta esatta fa sì che alle domande sui comportamenti sia più facile rispondere; e la sua controllabilità esterna fa sì che sia meno facile mentire.

141 Questionari: come formulare le domande Semplicità di linguaggio - Adeguato alle caratteristiche del campione studiato - Soprattutto nel questionario autocompilato, perché non ci sono spiegazioni - Non bisogna contare su eventuali interventi esplicativi, perché lintervistato si imbarazza ad ammettere di non aver capito

142 Questionari Domande sintatticamente complesse - Ad esempio, evitare la doppia negazione.

143 Questionari Lunghezza delle domande - domande lunghe in genere distraggono, impiegano tempo, favoriscono dimenticanze rispetto a quanto detto o ltto in precedenza. -Talvolta, tuttavia, sono preferibili perché: * Facilitano il ricordo * Danno tempo per pensare *Agevolano risposte più articolate (ad esempio per questioni personali-delicate, o che richiedono ricorso alla memoria).

144 Questionari Alternative di risposta - Non possono essere troppo numerose (di norma non + di 5).

145 Questionari Espressioni in gergo - Vanno evitate. E meglio non fingere di aderire alla subcultura, mantenendosi quali osservatori esterni

146 Questionari Definizioni ambigue e domande con risposta non univoca vanno evitate Sempre usare termini dal significato ben definito, nel contesto della frase. Evitare, ad esempio, una domanda del tipo: i suoi genitori sono religiosi? che non distingue fra padre e madre. Ovvero domande multiproblematiche.

147 Ad esempio: "Lei è favorevole o contrario all'aborto?", senza distinguere al suo interno casi molto diversi fra loro (uno può essere contrario all'aborto in linea di principio, ma essere favorevole in caso di malformazione del feto o di pericolo per la vita della madre). O ancora la domanda "Lei lavora?" posta ad un giovane, senza precisare quando, se d'estate, d'inverno o per tutto l'anno, se vanno inclusi anche i lavori saltuari, quelli per poche ore alla settimana come baby sitter, ecc.

148 Oppure: Ritiene che la politica economica del governo sia giusta ed efficace?" Non saprà come rispondere chi per esempio la ritiene efficace ma ingiusta. In questi casi il problema può essere facilmente risolto sdoppiando la domanda in due domande distinte.

149 Oppure, la domanda "Il suo è un lavoro stabile?" implica un concetto di stabilità del lavoro che ha un significato non sempre univoco. Per esempio, è da considerare stabile una supplenza annuale nelle scuole? O un contratto rinnovabile di anno in anno? E così nella domanda su Quanti sono i locali della sua casa? cosa si intende per locale? Il bagno e il cucinotto vanno inclusi nel computo?

150 Questionari Parole con una forte connotazione negativa - Evitare termini carichi di significato emotivo, soprattutto se a carattere negativo (es. picchiare, delinquente..).

151 Questionari Domande non discriminanti - Evitare le alternative che presumibilmente attirerebbero un alta quota di consensi. (Ad es. in una domanda sulle persone nei cui confronti si nutre fiducia, non mettere la categoria genitori).

152 Questionari Domande tendenziose o viziate - Riguardano la presentazione involontariamente non equilibrata della domanda, che influenza lintervistato. Ad esempio, connotando positivamente o negativamente certi comportamenti.

153 Questionari "Ci sono 700 preti francesi che hanno detto che il Vangelo è un messaggio per i poveri e gli sfruttati e per questo vivono poveramente, lavorano in fabbrica e si danno da fare nel sindacato e nelle organizzazioni politiche per aiutare i lavoratori a maggiori conquiste sociali. Lei pensa che questi preti facciano bene?".

154 Questionari Nel testo abbiamo evidenziato col corsivo sette espressioni che connotano in maniera palesemente positiva il comportamento dei soggetti attorno al quale si chiede il parere dell'intervistato. Sono evidenti gli elementi di forzatura presenti in questa domanda, che nel contesto nascevano dallesigenza di presentare, all'intervistato ignaro del problema, una descrizione della figura del prete-operaio. Ma tale descrizione è fatta con tali accenti positivi orientare l'intervistato - a meno che egli non abbia già chiare in merito - verso la risposta affermativa.

155 Questionari Una forma di tendenziosità è quella di formuulare una domanda chiusa omettendo di collocare fra le alternative alcune delle possibili risposte (le alternative esplicitamente presentate risulteranno sotto-rappresentate nelle risposte, rispetto alla loro reale consistenza).

156 Questionari Ad esempio, la domanda: "Lei come passa il suo tempo libero, guardando la televisione oppure facendo dell'altro?". Oppure ancora la domanda: "Alcuni pensano che le donne dovrebbero avere nella società una posizione uguale a quella degli uomini nel dirigere uffici, nel guidare industrie e nel ricoprire cariche pubbliche. Altri pensano che il posto della donna sia a casa e che il loro compito principale sia quello di allevare i figli e di curarsi della famiglia. Lei cosa ne pensa?". Senza la seconda parte (Altri pensano che...) la domanda sarebbe stata viziata.

157 Comportamenti presunti - Non dare mai per scontati dei comportamenti che non lo sono (Esempio non chiedere cosa si è votato se non si è sicuri che quel soggetto ha votato, o senza avergli prima chiesto se è andato a votare).

158 Focalizzazione nel tempo - Quanto più indeterminata è la collocazione temporale, tanto più il soggetto sarà indotto a sfruttare tale indeterminatezza per dare una certa immagine di sé.(Es. non va spesso al cinema? – ma: negli ultimi 15 giorni è andato al cinema? – non qual era loccupazione di suo padre? ma qual era loccupazione di suo padre quando lei aveva 14 anni?).

159 Concretezza-astrattezza - Evitare domande astratte che darebbero luogo a risposte generiche, superficiali, o normative. (Ad esempio, piuttosto che parlare del senso della patria dellintervistato, meglio chiedere se si andrebbe a combattere o no in caso di guerra).

160 Comportamenti e atteggiamenti Meglio focalizzare comportamenti che opinioni. Non le piace leggere?, ma quanti libri ha letto negli ultimi sei mesi?.

161 Desiderabilità sociale delle risposte Si può attenuarne gli effetti: Cercando di rendere accettabile anche la risposta meno desiderabile Considerando normale e diffuso un comportamento in genere ritenuto negativo Mettendo in dubbio che per una delle alternative ci sia consenso maggiore che per le altre Attribuendo allintervistato il comportamento condannabile, e lasciandogli il compito della smentita Formulando le domande in terza persona

162 Per esempio, non chiedere "Lei legge il giornale?", ma "Normalmente lei trova il tempo di leggere il giornale?"; oppure ancora "Il 21 aprile di quest'anno ci sono state le elezioni politiche. Molte persone non vanno a votare perché sono malate, oppure sono le lontane dal loro comune di residenza, oppure perché ritengono inutile votare, o per altri motivi ancora. Lei è andato a votare?". Un'altra indicazione è quella di considerare normale e diffuso (e quindi più deviante) il comportamento negativo; ad esempio: "A tutti è capitato in un momento o l'altro della vita di pensare al suicidio. A lei è mai capitato, in un momento di depressione, di pensare [...] ecc.".

163 Un altro modo ancora è quello di formulare la domanda equilibrando la desiderabilità delle risposte, presentandole come possibilità tutte egualmente legittime, per mettere in dubbio il fatto che su di una ci possa essere un consenso maggiore Ad esempio: "Alcuni dicono che fumare marijuana sia il primo passo verso le droghe più pesanti; altri dicono invece che essa sia del tutto innocua. Lei cosa ne pensa?". Questa forma del "Alcuni dicono che […] Altri pensano che [...] Lei cosa ne pensa?" è in genere assai raccomandabile per presentare in maniera equilibrata diverse alternative.

164 Un'altra, discutibile, possibilità consiste nell'attribuire all'intervistato, dandolo per scontato, il comportamento socialmente condannato, lasciandogli il compito dell'eventuale smentita. C'è chi propone anche di formulare le domande in terza persona, spostando l'attenzione su una persona diversa dall'intervistato. Fermo restando che è al più delle volte irrealistico pensare di poter sapere attraverso un questionario se un giovane fa uso di droga, tuttavia si può arrivare a cogliere qualcosa delle motivazioni di un comportamento con una domanda indiretta del tipo: "Molti giovani oggi sono dediti alla droga; mi sapresti dire per quali ragioni, secondo te, lo fanno?".

165 Questionari Domande imbarazzanti - Sono quelle relative a questioni delicate: quali comportamento sessuale, deviante, situazione economica. Tali questioni sono pienamente investigabili attraverso interviste non strutturate, a risposte aperte, dopo che si sia instaurato un rapporto di fiducia tra intervistatore e intervistato.

166 Questionari Mancanza dopinione e non so - Importanza della neutralità dellintervistatore Legittimare il non so facendo ben presente all'intervistato che si tratta di una risposta del tutto accettabile, come tutte le altre Un modo leggermente diverso consiste nel far precedere alla domanda vera e propria una domanda "filtro" del tipo: "C'è chi sostiene che molti degli amministratori pubblici sono corrotti, altri dicono che solo una piccola minoranza lo sono. Lei ha un'opinione in merito? Se sì: Lei con chi è d'accordo?".

167 Questionari


Scaricare ppt "Focus groups e questionari. Il focus group è una tecnica di rilevazione utilizzabile per svolgere consultazioni. Nonostante lattuale ricorso massiccio."

Presentazioni simili


Annunci Google