La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Gli antibiotici in Italia: conoscenza e uso conoscenza e uso Roma, 17 dicembre 2009 Auditorium Lungotevere Ripa – Ministero della Salute.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Gli antibiotici in Italia: conoscenza e uso conoscenza e uso Roma, 17 dicembre 2009 Auditorium Lungotevere Ripa – Ministero della Salute."— Transcript della presentazione:

1 Gli antibiotici in Italia: conoscenza e uso conoscenza e uso Roma, 17 dicembre 2009 Auditorium Lungotevere Ripa – Ministero della Salute

2 La Giornata Europea Il fenomeno dellantibiotico-resistenza ha raggiunto una dimensione tale da allarmare lUnione Europea che attraverso lECDC ha chiesto ai Paesi membri di istituire una giornata europea per promuovere il corretto uso degli antibiotici Il fenomeno dellantibiotico-resistenza ha raggiunto una dimensione tale da allarmare lUnione Europea che attraverso lECDC ha chiesto ai Paesi membri di istituire una giornata europea per promuovere il corretto uso degli antibiotici La giornata è dedicata ad iniziative rivolte a sensibilizzare il pubblico e le professioni mediche sul rischio dellantibiotico-resistenza e sulluso consapevole di antibiotici. Il contributo dellItalia a questo sforzo congiunto di tutti i Paesi è rappresentato dalle istituzioni pubbliche (Ministero Salute, AIFA, ISS) nella promozione ancora una volta di una campagna di sensibilizzazione alla popolazione generale rivolta alluso consapevole del farmaco. La giornata è dedicata ad iniziative rivolte a sensibilizzare il pubblico e le professioni mediche sul rischio dellantibiotico-resistenza e sulluso consapevole di antibiotici. Il contributo dellItalia a questo sforzo congiunto di tutti i Paesi è rappresentato dalle istituzioni pubbliche (Ministero Salute, AIFA, ISS) nella promozione ancora una volta di una campagna di sensibilizzazione alla popolazione generale rivolta alluso consapevole del farmaco.

3 Conoscenza e uso degli antibiotici in Italia Per comprendere levoluzione della percezione del fenomeno dellantibioticoresistenza e dellappropriatezza duso nella popolazione abbiamo ripetuto lindagine (condotta con in collaborazione con lIPR) interrogando un campione rappresentativo di 2200 persone residenti Italia Per comprendere levoluzione della percezione del fenomeno dellantibioticoresistenza e dellappropriatezza duso nella popolazione abbiamo ripetuto lindagine (condotta con in collaborazione con lIPR) interrogando un campione rappresentativo di 2200 persone residenti Italia Il campione è stato stratificato per sesso, età, area di residenza, per individuare possibili discriminanti sulla conoscenza e luso del farmaco antibiotico Il campione è stato stratificato per sesso, età, area di residenza, per individuare possibili discriminanti sulla conoscenza e luso del farmaco antibiotico Fasce detà: giovani anni; adulti 35-54; Fasce detà: giovani anni; adulti 35-54; anziani oltre 54 anni. anziani oltre 54 anni.

4 Effetti delle campagne Nei paesi che hanno monitorato da tempo i risultati delle campagne di informazione sullantibioticoresistenza è stato osservato che per ottenere un cambiamento significativo in termini di comportamento nella popolazione sono necessarie Nei paesi che hanno monitorato da tempo i risultati delle campagne di informazione sullantibioticoresistenza è stato osservato che per ottenere un cambiamento significativo in termini di comportamento nella popolazione sono necessarie

5 Cosè cambiato in Italia ? Le conoscenze e luso di antibiotici dopo la prima campagna ha subito alcune variazioni positive ma altri aspetti necessitano ancora di intervento. Evoluzioni positive: Più italiani hanno dichiarato che gli antibiotici devono essere prescritti dal medico (67% contro 64% nel 2008) e non acquistati autonomamente o su consiglio del farmacista Area ancora maggiormente critica: Solo il 52% degli italiani ha sentito parlare di resistenza agli antibiotici (contro il 57% del 2008) E più chiara quindi nella popolazione lequazione tra lassunzione di antibiotici e la prescrizione medica, mentre ancora è poco diffusa la conoscenza degli effetti dovuti alluso scorretto di questi farmaci, al fenomeno dellantibioticoresistenza. E più chiara quindi nella popolazione lequazione tra lassunzione di antibiotici e la prescrizione medica, mentre ancora è poco diffusa la conoscenza degli effetti dovuti alluso scorretto di questi farmaci, al fenomeno dellantibioticoresistenza.

6 Antibiotici e influenza INFLUENZA STAGIONALE il 13% degli Italiani ritiene che gli antibiotici siano sempre necessari il 13% degli Italiani ritiene che gli antibiotici siano sempre necessari il 25% che non siano mai necessari il 25% che non siano mai necessari il 52% ritiene che gli antibiotici possano essere talvolta utili in caso di complicanze il 52% ritiene che gli antibiotici possano essere talvolta utili in caso di complicanze il 10% non sa rispondere il 10% non sa rispondere Una larga maggioranza degli Italiani sa che gli antibiotici non curano linfluenza stagionale Una larga maggioranza degli Italiani sa che gli antibiotici non curano linfluenza stagionale INFLUENZA PANDEMICA il 10% ritiene che gli antibiotici siano sempre necessari il 10% ritiene che gli antibiotici siano sempre necessari il 30% che non siano mai necessari il 30% che non siano mai necessari il 28% ritiene che gli antibiotici possano essere talvolta utili in caso di complicanze il 28% ritiene che gli antibiotici possano essere talvolta utili in caso di complicanze il 32% non sa rispondere il 32% non sa rispondere Si nota maggiore indecisione riguardo linfluenza pandemica

7 I giovani e gli antibiotici Allarme giovani I giovani hanno meno conoscenze sugli antibiotici di adulti e anziani I giovani usano antibiotici quanto gli anziani e li usano peggio

8 I giovani e gli antibiotici: poche conoscenze Rispetto ad adulti e anziani, sono meno i giovani che ritengono che gli antibiotici debbano essere prescritti dal medico e solo il 36% ha sentito parlare di antibiotico-resistenza, contro il 64% degli adulti e il 47% degli anziani

9 I giovani e gli antibiotici: tanti e male I giovani nel 2009 hanno assunto antibiotici su prescrizione medica in percentuale inferiore rispetto agli anziani (52% contro 55%) preferendo i consigli del farmacista o lautoprescrizione e hanno assunto antibiotici almeno tanto quanto i soggetti anziani

10 Antibiotici e bambini Il 61% dei genitori intervistati ha dichiarato che i suoi figli hanno fatto uso di antibiotici nellultimo anno Il 61% dei genitori intervistati ha dichiarato che i suoi figli hanno fatto uso di antibiotici nellultimo anno Nell 82% dei casi lantibiotico era stato prescritto dal pediatra/medico di famiglia Nell 82% dei casi lantibiotico era stato prescritto dal pediatra/medico di famiglia Questultimo dato è costante in tutte le aree geografiche e per tutte le classi di età dei genitori Questultimo dato è costante in tutte le aree geografiche e per tutte le classi di età dei genitori

11 Antibiotico-resistenza Negli ultimi anni in Europa la percentuale di antibiotico-resistenza è aumentata in maniera significativa per molti batteri e verso molti antibiotici Negli ultimi anni in Europa la percentuale di antibiotico-resistenza è aumentata in maniera significativa per molti batteri e verso molti antibiotici In Europa esiste un trend Nord-Sud per il consumo di antibiotici e per lantibiotico-resistenza In Europa esiste un trend Nord-Sud per il consumo di antibiotici e per lantibiotico-resistenza LItalia è uno dei Paesi che contribuisce maggiormente a questo trend di resistenze in Europa LItalia è uno dei Paesi che contribuisce maggiormente a questo trend di resistenze in Europa

12 La resistenza ai fluorochinoloni in Escherichia coli, un batterio responsabile di infezioni urinarie e sepsi, è aumentata con una rapidità senza precedenti in tutti i paesi Europei. Molti paesi, sulla mappa del Report EARSS sono passati dal giallo al rosso dal 2003 al In Italia la resistenza è aumentata dal 21 al 35% in 5 anni. Antibiotic Resistance Surveillance System- Report 2008

13 Per lo Staphylococcus aureus resistente alla meticillina (MRSA), un frequente agente di infezioni nosocomiali, si è registrata per la prima volta una flessione in alcuni paesi europei, compresa lItalia, anche se nel nostro paese la situazione è ancora molto critica, come indicato dal colore rosso. In Italia la proporzione di MRSA è tra il 30% e il 40% Antibiotic Resistance Surveillance System- Report 2008

14 Antibiotici e antibiotico-resistenza Molti batteri Gram-negativi multiresistenti (sensibili a pochi o addirittura un solo antibiotico) Molti batteri Gram-negativi multiresistenti (sensibili a pochi o addirittura un solo antibiotico) Pseudomonas aeruginosa Pseudomonas aeruginosa Klebsiella pneumoniae Klebsiella pneumoniae Acinetobacter baumanii Acinetobacter baumanii Streptococchi resistenti ai macrolidi (eritromicina) Streptococchi resistenti ai macrolidi (eritromicina) Pneumococchi resistenti alla penicillina Pneumococchi resistenti alla penicillina Enterococchi resistenti alla vancomicina Enterococchi resistenti alla vancomicina Altri patogeni critici per lantibiotico-resistenza

15 La conoscenza degli Italiani sugli antibiotici e sullantibiotico- resistenza si conferma insufficiente La conoscenza degli Italiani sugli antibiotici e sullantibiotico- resistenza si conferma insufficiente Lequazione antibiotico=prescrizione medica è ancora poco radicata, con leccezione degli antibiotici per i figli Lequazione antibiotico=prescrizione medica è ancora poco radicata, con leccezione degli antibiotici per i figli I giovani, più delle altre classi di età, hanno conoscenze scarse ed errate e di conseguenza un uso di antibiotici in cui predomina il fai da te. I giovani usano antibiotici come e più dei cittadini anziani, sicuramente più fragili e a rischio di infezioni. I giovani, più delle altre classi di età, hanno conoscenze scarse ed errate e di conseguenza un uso di antibiotici in cui predomina il fai da te. I giovani usano antibiotici come e più dei cittadini anziani, sicuramente più fragili e a rischio di infezioni. Anche sullutilità degli antibiotici per contrastare linfluenza, sia stagionale che pandemica, i giovani hanno le idee meno chiare delle altre classi di età. Anche sullutilità degli antibiotici per contrastare linfluenza, sia stagionale che pandemica, i giovani hanno le idee meno chiare delle altre classi di età. Conclusioni

16 Questi comportamenti determinano un sempre maggior rischio di antibiotico-resistenza nel nostro Paese. Un comportamento consapevole nelluso dei farmaci antibiotici ha uno straordinario valore individuale e sociale. Assumere in modo errato un antibiotico non è come assumere in modo errato un altro tipo di farmaco es. un antinfiammatorio, poiché le conseguenze cadono sullintera collettività. Si deve mirare a modificare i comportamenti poiché lantibiotico-resistenza è un importante problema di sanità pubblica.

17 Le prossime campagne sulla conoscenza di questo fenomeno devono privilegiare come target i giovani Se luso eccessivo di antibiotici dovesse continuare in un futuro non troppo lontano potremmo non essere più in grado di trattare molte infezioni batteriche.


Scaricare ppt "Gli antibiotici in Italia: conoscenza e uso conoscenza e uso Roma, 17 dicembre 2009 Auditorium Lungotevere Ripa – Ministero della Salute."

Presentazioni simili


Annunci Google