La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Appropriatezza e variabilità nel SSN a cura della Prof.ssa Sabina Nuti Laboratorio Management e Sanità Scuola Superiore SantAnna di Pisa Roma 14 gennaio.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Appropriatezza e variabilità nel SSN a cura della Prof.ssa Sabina Nuti Laboratorio Management e Sanità Scuola Superiore SantAnna di Pisa Roma 14 gennaio."— Transcript della presentazione:

1 Appropriatezza e variabilità nel SSN a cura della Prof.ssa Sabina Nuti Laboratorio Management e Sanità Scuola Superiore SantAnna di Pisa Roma 14 gennaio 2013

2 APPROPRIATEZZA Sul vocabolario di lingua italiana troviamo il termine appropriato in sanità: Niente di più ma neanche niente di meno di quanto è necessario per rispondere al bisogno del paziente Adatto, adeguato, pertinente, giusto, … azzeccato Appropriatezza…. Qualità!

3 APPROPRIATEZZA QUALITA EQUITA Verticale: non si fanno parti uguali per disuguali (don Lorenzo Milani) Orizzontale: cittadini con pari bisogni richiedono lo stesso livello di risposta Inter-generazionale: ai giovani le stesse opportunità di vita e di salute degli anziani di oggi Quale relazione tra appropriatezza e variabilità?

4 Variabilità positiva (giustificata) e variabilità nociva (ingiustificata) Se tutta la variabilità fosse nociva, la soluzione sarebbe semplice. Il problema sta nel ridurre la variabilità nociva, che riflette i limiti delle competenze cliniche e il fallimento della loro applicazione, e allo stesso tempo mantenere e incentivare la variabilità positiva, centrata sui bisogni del singolo paziente. Lerrore sta nellerogare ad alcuni pazienti servizi non necessari o non richiesti e negare ad altri servizi necessari o che avrebbero scelto. Tutto questo ha come conseguenza degli alti costi per labuso o il sottoutilizzo di determinate prestazioni. Al Mulley, 2010 Director of the Dartmouth Center for Health Care Delivery Science at Dartmouth Colllege

5 Primi studi negli anni 30 (Glover, 1938) John Wennberg iniziò a misurare la variabilità regionale negli Usa negli anni 70 Negli anni 80 iniziarono molteplici studi anche in Europa Medical practice variation research

6 Residents of New Haven are about twice as likely to undergo a bypass operation for coronary artery disease as their counterparts in Boston, who are more likely to be treated by other means. On the other hand Bostonians are much more likely to have their hips and knees replaced by a surgical prosthesis than are New Havenites, whose physicians tend to prescribe medical treatment for these conditions. Bostonians are twice as likely to have a carotid endarterectomy … (Wennberg, 1990). La variabilit à geografica

7 Postcode lottery medicine

8 Cause della variabilità Le cause della variabilità sanitaria sono molteplici e interconnesse tra loro (es. lefficacia clinica è negativamente correlata con situazioni socio-economiche di deprivazione). Per analisi accurate della variabilità è necessario utilizzare metodologie di misurazione ed elaborazione statistica appropriate Kings Fund report, Variations in health care- the good, the bad and the inexplicable, 2011

9 Variabilità per categorie di servizi sanitari * C lassificazione adattata da proposta originale di Wennberg et al. nel Dartmouth Atlas Project (2002). Tipologia di servizi sanitariImpatto della variabilità Servizi di provata efficacia clinica (es. volumi erogati per determinate prestazioni chirurgiche) La variabilità in questo caso è nociva, in quanto riflette il fallimento del sistema sanitario nella risposta appropriata ed equa al bisogno di salute. Servizi elettivi, da erogare in base ai bisogni, alle scelte e alla propensione al rischio dei pazienti (es. interventi di sostituzione dellanca) Parte di tale variabilità è positiva in quanto riflette i diversi bisogni e preferenze dei pazienti. Unaltra parte di tale variabilità è nociva perché riflette le scelte discrezionali dei medici. Servizi erogati in base allorganizzazione dei setting assistenziali Variabilità determinata dallorganizzazione, che a volte ricorre a trattamenti o modalità di erogazione del servizio meno efficaci ed efficienti ( es. ricorso a ricovero ordinario per interventi eseguibili in day surgery) Servizi influenzati dallofferta, ossia la cui erogazione aumenta allaumentare della disponibilità degli stessi (es. posti letto, disponibilità ambulatoriale dei medici di famiglia, tecnologie per la diagnostica per immagini, ecc.) La variabilità è nociva, in quanto riflette problemi di equità e appropriatezza. Vi possono essere infatti problemi di abuso o sottoutilizzo di determinate prestazioni.


Scaricare ppt "Appropriatezza e variabilità nel SSN a cura della Prof.ssa Sabina Nuti Laboratorio Management e Sanità Scuola Superiore SantAnna di Pisa Roma 14 gennaio."

Presentazioni simili


Annunci Google