La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

COSTI DELLA TERAPIA DELLA MALATTIA CELIACA IN ITALIA (LUIGI GRECO) POPOLAZIONE 56.000.000 TASSO DI PREVALENZA ATTESO IN BASE AI DATI MARZO 2003 DEL CLUSTER.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "COSTI DELLA TERAPIA DELLA MALATTIA CELIACA IN ITALIA (LUIGI GRECO) POPOLAZIONE 56.000.000 TASSO DI PREVALENZA ATTESO IN BASE AI DATI MARZO 2003 DEL CLUSTER."— Transcript della presentazione:

1 COSTI DELLA TERAPIA DELLA MALATTIA CELIACA IN ITALIA (LUIGI GRECO) POPOLAZIONE TASSO DI PREVALENZA ATTESO IN BASE AI DATI MARZO 2003 DEL CLUSTER DI RICERCA EUROPEA1 OGNI 140 CASI DI CELIACHIA ATTESI IN ITALIA CASI DIAGNOSTICATI E CURATI CASI NON DIAGNOSTICATI E NON CURATI COSTO DELLA DIETA PER I CASI NOTI (1500/ANNO/CASO) MILIONI 84 COSTO DELLA DIETA PER I CASI NON NOTI MILIONI 516

2 Nuove strategie terapeutiche per la malattia celiaca Problemi aperti Rischi possibili (diverso approccio per le forme non complicate e per quelle refrattarie) Diverso approccio per una protezione intermittente vs permanente Mancanza di modello animale Scarso interesse da parte dellindustria farmaceutica La ricerca sulla celiachia non fa parte dei programmi finanziati dal Ministero della Salute

3 HLA-E CD94 CD25 CD83 CoX2 CD4 + Tr IL10 TGF From Cerf-Bensussan, modified

4 Terapia della malattia celiaca Dieta senza glutine Rigorosa, per tutta la vita Compromissione della qualità di vita Problemi di compliance Sicura Diminuzione del carico antigenico Immunomodulazione Attuale terapia Strategie future

5 Effects of Gliadin-Derived Peptides from Bread and Durum Wheats on Small Intestine Cultures From Rat Fetus and Coeliac Children S.AURICCHIO, G.DE RITIS, M. DE VINCENZI, P. OCCORSIO, AND V. SILANO Pediatr. Res 1982;16:

6 Diminuzione del carico antigenico Selezione/produzioni di varietà prive delle sequenze biologicamente rilevanti Il database delle sequenze di prolamine rivela varietà prive di una o più sequenze immunologicamente rilevanti: è possibile selezionare varietà non tossiche o poco tossiche (Koning, Gastroenterology 2005) Strategie possibili: Breeding selettivo Mutazione di sequenze immunologicamente rilevanti Small interfering RNA technology

7 TERAPIE ALTERNATIVE ALLA DIETA La possibilità di terapie della malattia celiaca, alternative alla terapia dietetica, viene oggi prospettata sempre più frequentemente e da più parti. VIA ENDOLUMINALE Per sequestro dei peptidi tossici, per esempio ad opera di oligomeri del mannosio o della N-acetilglucosammina (Chitosano?) (Auricchio et al., 1990 – Gastroenterology 99, ). Per digestione enzimatica dei peptidi lesivi della gliadina, per esempio usando per la levitazione della farina (criscito), lattobacilli ricchi di proteasi attive sui peptidi a prolina di gliadina (Di Cagno et al, 1993). INIBITORI DELLA TRANSGLUTAMINASI TISSUTALE

8 Mannan and Oligomers of N-Acetylglucosamine Protect Intestinal Mucosa of Celiac Patients With Active Disease From In Vitro Toxicity of Gliadin Peptides SALVATORE AURICCHIO, GIORGIO DE RITIS, MASSIMO DE VINCENZI, GIUSEPPE MAGAZZU, LUIGI MAIURI, ELENA MANCINI, MAURIZIO MINETTI, ORAZIO SAPORA, and VITTORIO SILANO GASTROENTEROLOGY 1990;99:

9 1.GLYCY-PROLYL-DIPEPTIDYLAMINOPEPTIDASE 2.PROLYL-CARBOXYPEPTIDASE S.AURICCHIO ET AL. GASTROENTEROLOGY 1978;75, THE LOW DIGESTIBILITY OF TOXIC PROLAMINS IN THE BRUSH BORDER OF HUMAN AND RABBIT ENTEROCYTES ARE PRESENT ENZYMES SPECIALIZED IN THE DIGESTION OF PROLYL-PEPTIDES :

10 33mer (α2-gliadin 56-88) Prodotto finale della digestione, resistente allidrolisi a causa dellelevato contenuto in proline (13 su 33 residui) Contenente 6 copie parzialmente overlappanti di 3 epitopi T: potente stimolatore della risposta T Khosla & Sollid, 2004

11 Diminuzione del carico antigenico Terapia enzimatica supplementare o digestione di cereali tossici mezzo di proteasi batteriche Prolilendopeptidasi (PEPs) sono enzimi endoproteolitici: al contrario delle proteasi del tratto gi possono digerire sequenze ricche di prolina e ridurre il carico di epitopi T (Hausch 2002, Marti 2005) Pretrattamento di glutine con PEPs inibisce lo sviluppo di malassorbimento di grassi e carboidrati in soggetti sottoposti a challenge con 5 g di glutine per 2 settimane (Pyle et al, 2005)

12 Interferenza con la presentazione della gliadina a cellule T La deamidazione dei residui di glutamina in acido glutammico, ad opera della transglutaminasi tissutale, è critica per il legame peptide- molecola HLA (HLADQ2 - DQ8) Possibili strategie: Inibizione della transglutaminasi Blocco molecole HLA

13 gluten peptides APC tTG HLA-DQ2(8) Enhanced binding Amplification of the immune response deamidation QE T cell recognition in the small intestine Tissue damage: Release of intracellular tTG tissue repair s T Cell

14 Amines Protect In Vitro the Celiac Small Intestine From the Damaging Activity of Gliadin Peptides SALVATORE AURICCHIO, GIORGIO DE RITIS, MASSIMO DE VINCENZI, VITTORIO GENTILE, LUIGI MAIURI, ELENA MANCINI, RAFFAELE PORTA, and VALERIA RAIA GASTROENTEROLOGY 1990;99:

15 TERAPIE ALTERNATIVE ALLA DIETA In vitro, Tentativi già fatti per deprimere la risposta immune alla gliadina nellintestino: a)Blocco del secondo messaggio, tra le cellule che presentano la gliadina e le cellule T, con CTLA4 – Ig solubile (Maiuri et al., 1998) b)Esposizione alla gliadina + IL10, per indurre cellule T regolatorie gliadino – specifiche (Salvati, 2003) c)Inibizione dell IL15 e della p38 MAP chinasi (Maiuri et al., 2003) In vivo, Nel topo la somministrazione di gliadina per via nasale deprime la risposta immune alle proteine (Maurano, 2001).

16 lume intestinale gliadina Th1 CD25 IL-2 IFN- APC HLA-DR ICAM-1 B7.1 Th1 infiammazione Tr IL-10 ? Th1 gliadina Th1 APC Th1 Tr IL-10 Tr IFN- Th1 HLA-DR ICAM-1 B7.1 Tr NO infiammazione

17 AN ATTEMPT OF SPECIFIC DESENSITISING TREATMENT WITH GLIADIN IN CELIAC DISEASE G.PATRIARCA, N. POGNA, G. CAMMAROTA, D. SCHIAVINO. C. LOMBARDO, E. POLLASTRINI, T. DE PASQUALE, A. BUONOMO, F. NOCENTE, L. GAZZA, D..PIETRINI, L. MIELE, E. NUCERA and G. GASBARRINI INTERNATIONAL JOURNAL OF IMMUNOPATHOLOGY AND FARMACOLOGY 2005;4:

18 Fattori della dieta che influenzano il rischio di celiachia Eta di introduzione Quantita Tipo di alimento contenente glutine Allattamento al seno

19 Dieta nel primo anno di vita e rischio di celiachia Bambini celiaci rispetto a fratelli non celiaci risultano allattati al seno piu a lungo (Auricchio, JPGN 1983) Bambini allattati al seno per tre o piu mesi mostrano un chiaro ritardo nel manifestarsi della malattia rispetto a bambini non allattati al seno. Nessun effetto dellepoca di introduzione del glutine (Greco, JPGN 1985) Effetto protettivo dellallattamento al seno. Nessun effetto dellepoca di introduzione del glutine (Peters, Ann Nutr Metab 2001)

20 Epoca di introduzione del glutine nel primo anno di vita e celiachia In una popolazione a rischio per celiachia (HLA-DR3 positiva), la precoce esposizione al glutine (prima del 3° mese) o la ritardata esposizione (dopo il 7° mese), sono associate ad un significativo aumento nella comparsa di anticorpi anti-transglutamimnasi (Norris, JAMA 2005)

21 Il futuro Attribuire il rischio Attribuire il rischio Intervenire nel gruppo ad alto rischio Intervenire nel gruppo ad alto rischio

22 Quale possibile intervento? Posticipare lepoca di introduzione del glutine Somministrare piccole quantita di glutine nel corso dellallattamento al seno ?? Introdurre il glutine insieme con molecole immunomodulanti

23 DIPARTIMENTO DI PEDIATRIA UNIVERSITA FEDERICO II R TRONCONE R AURICCHIO MV BARONE L GRECO G LIMONGELLI M MAGLIO F PAPARO L RAPACCIUOLO D ZANZI INSTITUTE OF FOOD SCIENCE AND TECHNOLOGY CNR, AVELLINO, ITALY M ROSSI C GIANFRANI F MAURANO G MAZZARELLA


Scaricare ppt "COSTI DELLA TERAPIA DELLA MALATTIA CELIACA IN ITALIA (LUIGI GRECO) POPOLAZIONE 56.000.000 TASSO DI PREVALENZA ATTESO IN BASE AI DATI MARZO 2003 DEL CLUSTER."

Presentazioni simili


Annunci Google