La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 + gli appunti delle lezioni Martin J. Gannon Rajnandini Pillai Understanding Global Cultures Quinta edizione + un testo da scegliere tra questi Chi sceglie.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 + gli appunti delle lezioni Martin J. Gannon Rajnandini Pillai Understanding Global Cultures Quinta edizione + un testo da scegliere tra questi Chi sceglie."— Transcript della presentazione:

1 1 + gli appunti delle lezioni Martin J. Gannon Rajnandini Pillai Understanding Global Cultures Quinta edizione + un testo da scegliere tra questi Chi sceglie Sassoon deve leggere un solo capitolo dei 5

2 2 Una nazione (dal latino natio, "nascita") è un complesso di persone che, avendo in comune caratteristiche quali storia, lingua, territorio, cultura, etnia, politica, si identifica in una comune identità Quelle persone sentono un sentimento di solidarietà. La coscienza di un'identità condivisa, un sentimento di appartenenza e di solidarietà diffusi a livello di massa e non solo tra ristrette cerchie di persone, rende una comunità una nazione.

3 3 Al fine di autodeterminare la propria esistenza, spesso la nazione aspira a diventare Stato, cioè a darsi un ordinamento giuridico che ne affermi la sovranità. Quando una nazione diventa Stato dà vita a quello che più specificatamente viene chiamato Stato-nazione.

4 4 PLATONE nasce ad ATENE nel 427 a.C. ARISTOTELE nasce a Stagira nel 384 a.C. PLATONEARISTOTELE

5 5 Agostino dIppona SantAgostino 354 – 430 algerino

6 6 Tommaso d'Aquino 1225 – 1274 Roccasecca, Frosinone

7 7 Jean-Jacques Rousseau Ginevra, 1712 Ermenonville, 1778

8 8 Georg Wilhelm Friedrich Hegel Stoccarda, 1770 Berlino, 1831

9 9 KARL MARX

10 10 s o c i e t à

11 11

12 12 Aula parlamento europeo

13 13 ISTITUZIONI ECONOMIA s o c i e t à

14 14

15 15 CULTURA ISTITUZIONI ECONOMIA s o c i e t à

16 16

17 17 s o c i e t à ISTITUZIONI ECONOMIA CULTURA religioni

18 18

19 19 ISTITUZIONI ECONOMIA CULTURA RELIGIONI RAPPORTO UOMO/DONNA s o c i e t à

20 20

21 21 G O V E R N A N C E Secondo la definizione coniata dalle Nazioni Unite la governance è lesercizio dellautorità politica, economica e amministrativa nella gestione degli affari del Paese a tutti i livelli della società. Fare governance significa agire sui meccanismi, sui processi e sulle istituzioni attraverso i quali

22 22 i cittadini definiscono i loro interessi, mediano le loro differenze ed esercitano i loro diritti e doveri. Istituzioni governative partecipative, trasparenti e responsabili richiedono il coinvolgimento del settore privato, della società civile e del governo Questo è fondamentale se si vuole assicurare che sia lampio consenso della società a stabilire quali siano le

23 23 priorità politiche, sociali ed economiche e se si vuole garantire che anche le voci dei più poveri e dei più vulnerabili siano ascoltate in sede dei processi decisionali. Una cattiva governance non può che minare qualsiasi sforzo di sviluppo se non addirittura condannarlo al fallimento.

24 24 CULTURA / CULTURE

25 25 Konrad Lorenz

26 26 Luigi Cavalli Sforza:

27 27 Luigi Cavalli Sforza : Con tutto il rispetto per filosofi e teologi, desidero dire che i discorsi sulluomo, sullo spirito, e sulla natura umana corrono il rischio di essere superflui, se non tengono conto delle conoscenze sul funzionamento del sistema nervoso, e più precisamente del cervello.

28 28 conoscenze che si stanno lentamente e faticosamente ma continuamente accumulando in neurofisiologia. Quanto dicevano sullargomento Platone, Aristotele, Agostino, Cartesio e i loro successori che si sono occupati dellargomento risulterà presto del tutto obsoleto, tanto quanto la fisica di Aristotele o la geografia di Tolomeo.

29 29

30 30

31 31

32 32 una differenza fondamentale tra civiltà occidentale e orientale consiste proprio in queste tendenze: Prevale il singolo sul tutto in Occidente prevale il tutto sullindividuo in Oriente

33 33

34 34 Arjuna

35 35 USA EUROPA ASIA

36 36

37 37

38 38 A r n o l d TOYNBEE

39 39 Toynbee formula 3 leggi __________________________________________________________________________ 1° legge il potere di penetrazione di un elemento culturale è proporzionale al grado della sua futilità e superficialità

40 40 2°legge 2°legge un elemento culturale innocuo o benefico nel corpo sociale di origine, tende a produrre nuovi e devastanti effetti in un corpo sociale nel quale si è alloggiato come un esotico e isolato intruso.

41 41 3°legge Nel processo di ricezione culturale scatta il meccanismo: «una cosa tira l'altra». Ne consegue: gli sforzi compiuti dalla società aggredita per impedire la penetrazione degli elementi culturali non desiderati sono votati allo scacco

42 42

43 43 rivoluzione iraniana di Khomeini ( )


Scaricare ppt "1 + gli appunti delle lezioni Martin J. Gannon Rajnandini Pillai Understanding Global Cultures Quinta edizione + un testo da scegliere tra questi Chi sceglie."

Presentazioni simili


Annunci Google