La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Tesi di laurea triennale in Optoelettronica Laureando: Goran Velan Relatore: prof. Ing. Paolo Sirotti.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Tesi di laurea triennale in Optoelettronica Laureando: Goran Velan Relatore: prof. Ing. Paolo Sirotti."— Transcript della presentazione:

1 Tesi di laurea triennale in Optoelettronica Laureando: Goran Velan Relatore: prof. Ing. Paolo Sirotti

2 Breve descrizione dei sistemi dallarme anti-incendio ed anti-intrusione (la centrale di comando, i sensori ed linstallazione) Sensori con principio di funzionamento elettro-ottico Processo di produzione e verifica di varie componenti dei sistemi dallarme

3 La tesi è il proseguimento dellattività di tirocinio svolto preso lazienda Vlado elektronika S.r.l. L azienda specializzata nella produzione, progettazione ed installazione dei sistemi anti-intrusione ed anti-incendio

4 Si possono classificare in base a: Tipo di pericolo Edifici che devono assicurare Comunicazione tra varie parti del sistema, ecc... Componenti principali sono: I sensori allarme La centrale di comando I dispositivi dallarme Il gruppo di alimentazione

5 Prima di progettare ed installare il sistema si deve: Individuare i punti deboli Individuare il livello di rischio Essere a conoscenza di esigenze e abitudini dellutente Riferimenti normativi Legge 46/90 art.7 comma 1 – determina i criteri per la realizzazione di impianti anti-intrusione; fa riferimento alle norme: CEI 79 – 2 costruzione apparecchiature CEI79 – 3 realizzazione dellimpianto

6 sistema wireless Tutte le componenti protette contro il sabotaggio (Tamper) centrale di comando: fino a 32 sensori indirizzabili con 32 miliardi di combinazioni - combinatore telefonico e modulo GSM integrati - Fino a 16 telecomandi - attivazione e disattivazione tramite codice a 6 cifre

7 Durante linstallazione si deve fare attenzione alla copertura wireless La centrale si installa al punto più alto possibile delledificio Cause di diminuzione del segnale: Calcestruzzo armato Porte metalliche Tapparelle metalliche Specchi Oltre alla copertura wireless si deve evidenziare i possibili disturbi per i vari tipi di sensori e di escluderli dalla copertura del sensore o di usare sensore differente

8 Obbligatori per gli edifici ad uso pubblico e industriale Legge 46/70 art.1 riferimento alle norme CEI e UNI Oltre a rilevatori composto di dispositivi preventivi cause che possono provocare un incendio: Fiamme libere Particelle incandescenti Scintille di origine elettrica Scintille di origine elettrostatica Scintille provocate da un urto o sfregamento Superfici e punti caldi Compressione gas Reazioni chimiche Stabilito il rischio si può realizzare il progetto del sistema seguendo le norme

9 Centrale di comando analogica-indirizzata FX/20 due loop (fino a 254 dispositivi per loop) Raggruppamento dei dispositivi in 40 zone Gestione e configurazione tramite software WINFIRE Dispositivi nel loop analogici indirizzati: Rilevatori di fumo ST-P-AS Pulsanti ST-NCP-AS2 Moduli isolatori di linea SCI-3 e SCI-4 -Escludono una parte di loop in caso di corto circuito -consigliato: ogni 32 rivelatori

10 Possono essere passivi o attivi Classificazione a seconda del tipo di protezione: Perimetrali A contatto (elettromeccanici o elettromagnetici) Vibrazionali Volumetrici Anti-incendio – cambiamento oltre una soglia di un parametro (temperatura, composizione aria, ecc.) Anti-intrusione – movimento di un corpo (ma non la sua presenza)

11 Rivelano innalzamento della temperatura nella zona controllata dovuta al passaggio di una persona costituiti da: Trasduttore piroelettrico Filtro IR (8 – 14 µm ) FET Lente di Fresnel (SML/15) Interferenze: -Dissipatori di calore -Scambiatori di calore -Finestre che lasciano un passaggio di aria anche chiuse -camini

12 Operano a circa 10 GHz Basano il loro funzionamento sulleffetto Doppler Attraversano la plastica, il vetro, il legno e sottili pareti di mattoni Regolabili con due trimmer Interferenze: -Oggetti in movimento o liberi da muoversi -Tubazioni con passaggio di liquidi -Tubi fluorescenti puntati verso sensore -Superfici instabili soggette a vibrazioni -Ambienti soggetti a forti correnti daria

13 Su un unico circuito vengono realizzati un dispositivo allinfrarosso passivo ed uno a microonde sistemi AND – rilevazione dellintrusione quando entrambi la rivelano maggiore sensibilità – le imperfezioni di uno sono sopperite dallaltro

14 Basano il suo funzionamento sulleffetto Tyndall Sensori volumetrici attivi Emettitore (normalmente un LED) Rivelatore (normalmente un foto-diodo) Sconsigliati nei locali: molto polverosi per fumatori dove la tipologia dei materiali che possono bruciare sono tali da: produrre fiamma e poco fumo produrre fumi poco opachi o trasparenti

15 Per la maggior parte dei prodotti il processo di produzione dura una settimana (cinque giorni lavorativi) Si divide in cinque stadi: Inserzione dei componenti con macchina SMD e controllo visuale Inserzione dei componenti classici Test nella camera di prova Test con PC e apparecchiature specializzate imballaggio

16 I fori della scheda vanno ricoperti con una pasta speciale (mediante distributore di pasta) Inserzione dei componenti SMD Saldatura (pasta si indurisce) Controllo visivo

17 Nellordine in cui devono essere montati sulla scheda: Diodi Resistori Reti resistive Condensatori ceramici Transistori Oscillatori a quarzo Condensatori plastici Zoccoli Condensatori elettrolitici DIP switches Connettori Le componenti devono essere posizionate in modo che sia possibile leggere i loro valori

18 Osservazione dei dispositivi per un tempo predeterminato (10 ore – i sensori; 24 ore – le centrali di comando) Esempio: sensore radio SCORPIO4 46 sensori vengono connessi con la centrale di test Coprire i sensori e aspettare 10 ore dopo le quali controllare la memoria dallarme della centrale Scoprire i sensori, muoversi a distanza di 5m in modo tale da controllare leffettivo funzionamento dei sensori e controllare di nuovo la memoria dallarme della centrale

19 Attrezzatura: banco di verifica, PC + software, multimetri e analizzatore di spettro Esempio SCORPIO4: Lalimentazione Consumo in trasmissione Consumo in riposo Frequenza di trasmissione/ricezione DIP switches La copertura

20 Tagliare i cavi e parti della scheda che servivano unicamente per la verifica Dispositivi posti nelle rispettive confezioni con: Dati tecnici Istruzioni per luso Vite per il fissaggio a muro Dispositivo è pronto per essere messo in vendita.

21 Metodi di produzione, di verifica e di installazione dei sistemi dallarme spiegati tralasciando i dati riservati Cè un costante sviluppo delle tecnologie impiegate nei sensori allarme

22


Scaricare ppt "Tesi di laurea triennale in Optoelettronica Laureando: Goran Velan Relatore: prof. Ing. Paolo Sirotti."

Presentazioni simili


Annunci Google