La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

ANALISI E GESTIONE STANDARDIZZATA DEI FLUSSI DI MATERIALI DURANTE LE FASI DI MONTAGGIO DI UN MOTORE DIESEL Laureando: Andrea Villalta Relatore: Prof. Dario.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "ANALISI E GESTIONE STANDARDIZZATA DEI FLUSSI DI MATERIALI DURANTE LE FASI DI MONTAGGIO DI UN MOTORE DIESEL Laureando: Andrea Villalta Relatore: Prof. Dario."— Transcript della presentazione:

1 ANALISI E GESTIONE STANDARDIZZATA DEI FLUSSI DI MATERIALI DURANTE LE FASI DI MONTAGGIO DI UN MOTORE DIESEL Laureando: Andrea Villalta Relatore: Prof. Dario Pozzetto Correlatori: Ing. Dario Pramparo Ing. Paolo Pierdomenico FACOLTÀ DI INGEGNERIA Corso di Laurea in INGEGNERIA ELETTRONICA curriculum GESTIONALE

2 Analisi effettuata 1.Lean Manufacturing 2.Distinta base tecnica e di produzione 3.Logistica interna 4.Montaggio dei motori Diesel

3 1. Lean Manufacturing Design for Manufacturing (DFM) Design for Assembly (DFA) Design for Manufacturing and Assembly (DFMA) Semplificazione e standardizzazione dei componenti Linee guida per il progetto Gestione del know-how aziendale Progettazione del prodotto ai fini di semplificare lassemblaggio Base per studi ingegneristici volti a semplificare la struttura del prodotto Strumento di revisione per studiare i prodotti della concorrenza e quantificare le difficoltà di produzione e assemblaggio Strumento indicatore dei costi di riferimento durante la negoziazione con i fornitori

4 P>D 1. Lean Manufacturing P: tempo totale di produzione D: tempo di consegna Tempo di attraversamento cumulativo di un prodotto dal momento in cui vengono ordinate le materie prime a quello in cui esse vengono trasformate in prodotto finito passando attraverso le varie fasi del processo. Intervallo di tempo che intercorre tra il momento in cui il cliente ordina un prodotto ed il momento in cui vuole che gli venga consegnato. PD SISTEMA PUSH SISTEMA PULL Gestire i processi in anticipo rispetto i fabbisogni dei clienti. Gestire unazione su richiesta.

5 2. Distinta base tecnica e di produzione EBOMPBOM Engineering Bill Of Materials (Distinta base tecnica) Product Bill Of Materials (Distinta base di produzione) Descrive un prodotto in termini di sistemi, sottosistemi e componenti elementari e, nel caso in esame, è lelenco o una lista della componentistica che costituisce il motore da produrre. Descrive una gerarchia di lavorazione (cicli/fasi), indicando anche i relativi impieghi del materiale

6 2. Distinta base tecnica e di produzione PROJECT MANAGEMENT IN WÄRTSILÄ ITALIA S.P.A. SLOT Reservation IOS + ECKOMBOM + POAPurchaseAssemblyFATExhaust Il project management è lapplicazione di conoscenze, attitudini, tecniche e strumenti alle attività di un progetto al fine di conseguirne gli obiettivi.

7 2. Distinta base tecnica e di produzione SLOT RESERVATION Archi di tempo liberi riservati alla costruzione dei motori. INTERNAL ORDER SPECIFICATION & ENGINE CONFIGURATION NellIOS vengono presi i contatti con lacquirente per definire le caratteristiche dellordine e nellEC vengono definite le caratteristiche tecniche del motore. KICK OFF MEETING Primo incontro con il cliente per fare il punto sulla situazione e capire le sue esigenze. BILL OF MATERIAL & PLAN OF ACTION Viene creata la distinta tecnica di base dalla quale viene poi creata la distinta tecnica di produzione

8 2. Distinta base tecnica e di produzione EXHAUST (Consegna) Trasporto del motore verso il punto definito assieme al cliente. FINAL ACCEPTANCE TEST Test sul motore in presenza del cliente per controllare funzionamento ed efficienza. ASSEMBLY (Assemblaggio) Fase di montaggio dei componenti sul motore. PURCHASE (Acquisto) Quando si conoscono le caratteristiche del motore e le tempistiche del montaggio avviene la vendita del motore.

9 3. Logistica interna - Magazzini Ricezione e logistica dei materiali per la produzione Area: 4000 mq Ricezione e posizionamento dei materiali per i magazzini e le aree di produzione Magazzino Media Meccanica Area: 2000 mq Magazzino principale dotato di una specifica area atta alla preparazione dei kit logistici Magazzino automatico Area: 800 mq Magazzino di piccoli componenti

10 3. Logistica interna - Magazzini Magazzino kanban Area: 800 mq Magazzino per il rifornimento di materiali kanban Magazzino di componenti pesanti Area: mq Grande area utilizzata per limmagazzinamento di componenti di grandi dimensioni Area dedicata alla spedizione di componenti Area: 1300 mq Centro dedicato al servizio di raccolta, imballaggio e ritiro dei componenti verso fornitori o clienti

11 3. Logistica interna - Processo logistico Fase di ricezione dei materiali provenienti da rifornitori esterni Fase dimmagazzinamento dei materiali Fasi di controllo del prossimo ordine di produzione Fase di richiamo e di raccolta dei materiali trilaterale scaffalature tradizionali cantilever Preparazione del kit logistico Trasferimento verso la produzione Consegna presso il punto che richiede il materiale I materiali arrivano nellarea di ricevimento. La merce viene inviata ai magazzini di competenza e stoccata nei depositi appropriati caratterizzati dalla tipologia di scaffalature:

12 3. Logistica interna - Gestione kanban Magazzino Linea di assemblaggio PC Area dei box vuoti Ricezione dei materiali Fornitore Un addetto alla logistica passa a raccogliere i cartellini kanban dei contenitori vuoti e registrerà il cambio di stato della cassetta (da full a empty). 2 Lo stato empty fa scaturire la richiesta di trasferimento dal magazzino e lordine di trasferimento corrispondente. 3 Viene effettuato il prelievo dei materiali dal magazzino secondo il TO ed il carrelista preleva i contenitori. 4 Vengono trasportati i materiali presso la linea di assemblaggio e viene confermato il TO. 5 I contenitori vuoti vengono recuperati ed immagazzinati in un area specifica del magazzino. Vantaggi: Gestione semplificata Ridotto il carico di lavoro per gli operatori Incremento dellutilizzo dei carrelli sollevatori

13 4. Montaggio dei motori Diesel W12 V50DF Sigla che identifica i motori Diesel Lettera presente in tutti i motori Wärtsilä Numero dei cilindri Disposizione dei cilindri Alesaggio in cm Carburante utilizzato Motori analizzati: W8L46 W12V46 W6L26

14 4. Montaggio dei motori Diesel – W46 MONTAGGIO HP0HP1HP2HP3HP4 HEAVY PRE-ASSEMBLY (Pre-Montaggio Pesante) 1 Il motore sosta 2 giorni in ogni postazione I montaggi vengono effettuati durante i 2 turni diurni Lo spostamento alla stazione successiva viene effettuato durante il turno notturno tramite un film pallet MAIN ASSEMBLY (Montaggio Principale) 2 Montaggio ad isola Il motore resta per tutta la durata delle operazioni nella stessa postazione

15 4. Montaggio dei motori Diesel – W46 TEMPISTICHE DI MONTAGGIO NEL MAIN ASSEMBLY Fase di MontaggioW12V46W8L46 L – Montaggio pompe e servizi M – Montaggio mensole ed isolamento scarico N – Montaggio scarico, turbo e overspeed O – Montaggio testate P – Completamento montaggio Q – Tubature 130, ,5 42, Tempi (h) Totale524,5464

16 4. Montaggio dei motori Diesel – W46 GESTIONE LOGISTICA DEI COMPONENTI Arrivo dellOrdine di Produzione Materiale disponibileMateriale in arrivo o da ordinare Ritardo produzione Consegna posticipataPreparazione kit logistici CONSEGNA PRESSO LAREA DI MONTAGGIO 5 GIORNI

17 4. Montaggio dei motori Diesel – W26 MONTAGGIO HEAVY PRE-ASSEMBLY (Pre-Montaggio Pesante) 1 Impalcatura ad isola a ridosso delle postazioni di Main Assembly Montaggio dellalbero motore MAIN ASSEMBLY 1 (Montaggio Principale 1) 2 Montaggio ad isola Il motore resta per tutta la durata delle operazioni nella stessa postazione La suddivisione dei Main Assembly serve solo per il raggruppamento dei kit logistici e per lordine di montaggio MAIN ASSEMBLY 2 (Montaggio Principale 2) 3 MAIN ASSEMBLY 3 (Montaggio Principale 3) 4

18 4. Montaggio dei motori Diesel – W26 Fase di MontaggioW6L26 A – Montaggio albero motore e incastellatura supporti motore B – Completamento albero motore e copertura estremità C – Montaggio distribuzione e collettore di scarico D – Montaggio stantuffi e testate E – Montaggio coppa dellolio e sportelli incastellatura F – Montaggio regolatore e tiranteria G – Montaggio modulo dellolio e refrigerante dell aria H – Montaggo turbo e completamento tubazione I – Completamento dellhot box e montaggio splash guard Q – Montaggio e assistenza dei tubi a rilievo Tempi (h) Totale368 TEMPISTICHE DI MONTAGGIO HPA MA -1 MA-2 MA-3 Totale + fasi di preparazione nellHPA409

19 4. Montaggio dei motori Diesel – W46 GESTIONE LOGISTICA DEI COMPONENTI Arrivo dellOrdine di Produzione Materiale disponibileMateriale in arrivo o da ordinare Ritardo produzione Consegna posticipataPreparazione kit logistici POSIZIONAMENTO DEI MATERIALI NELLE SCAFFALATURE PRESSO LAREA DI MONTAGGIO 3 GIORNI

20 4. Montaggio dei motori Diesel – W26 SCAFFALATUREMONTAGGI AD ISOLA I kit logistici vengono prelevati dalle scaffalature e riposti sotto la postazione ad isola dove avverrà il montaggio MA-1 Vengono riportati i kit vuoti dellMA-1 nel magazzino Vengono prelevati i kit logistici della seconda fase dalle scaffalature adiacenti e posti sotto la postazione ad isola MA-2 Vengono riportati i kit vuoti dellMA-2 nel magazzino Vengono prelevati i kit logistici della terza fase dalle scaffalature adiacenti e posti sotto la postazione ad isola MA-3 Main Assembly

21 Situazione attuale Elevato lead time di montaggio Elevato numero di componenti Montaggio complesso Rappresentazione basata sulla definizione di EBOM

22 Ridotto il lead time di montaggio Ridotto il numero di componenti Semplificate le operazioni di montaggio Rappresentazione basata sulla definizione di PBOM Situazione proposta

23 Metodologie proposte SITUAZIONE ATTUALE SITUAZIONE PROPOSTA PROGETTAZIONE MODULARE Permette lutilizzo della PBOM Suddivisione in moduli già a livello di progetto Libertà di assemblaggio a seconda delle richieste del cliente


Scaricare ppt "ANALISI E GESTIONE STANDARDIZZATA DEI FLUSSI DI MATERIALI DURANTE LE FASI DI MONTAGGIO DI UN MOTORE DIESEL Laureando: Andrea Villalta Relatore: Prof. Dario."

Presentazioni simili


Annunci Google