La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 Trieste, 4 luglio 2006 ETICA E DEONTOLOGIA PROFESSIONALE Ing. Alberto Guglia A.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 Trieste, 4 luglio 2006 ETICA E DEONTOLOGIA PROFESSIONALE Ing. Alberto Guglia A."— Transcript della presentazione:

1

2 1 Trieste, 4 luglio 2006 ETICA E DEONTOLOGIA PROFESSIONALE Ing. Alberto Guglia A

3 2 La libera professione Il lavoro nelle aziende (pubbliche o private)

4 3 LORDINE PROFESSIONALE LOrdine Professionale Istituito con Legge 24 giugno 1923 n Tutela del titolo e dellesercizio professionale degli ingegneri e architetti. Art. 4 Le perizie e gli incarichi relativi alla professione di ingegnere e architetto sono conferiti dallautorità giudiziaria agli iscritti allalbo. Le pubbliche amministrazioni, quando devono avvalersi dellopera di ingegneri e architetti esercenti la professione libera, devono affidare gli incarichi agli iscritti nellalbo.

5 4 LORDINE PROFESSIONALE LOrdine Provinciale Le Federazioni Regionali (non ancora formalizzate) Il Consiglio Nazionale Ingegneri CNI In dipendenza del Ministero di Grazia e Giustizia

6 5 LALBO LAlbo Professionale LAlbo professionale è suddiviso in due sezioni e tre settori: Sezione A: per la laurea specialistica Sezione B: per la laurea (triennale) tre settori relativi alla specializzazione Civile e ambientale Industriale Dellinformazione

7 6 LESAME DI STATO Lesame di stato Lesercizio della libera professione è autorizzato solamente dopo il superamento dellesame di stato e liscrizione allAlbo Professionale nella sezione e nel settore di competenza. Gli ingegneri abilitati con il vecchio ordinamento, se lo scelgono, possono operare in ogni settore di specializzazione.

8 7 LETICA E LA DEONTOLOGIA PROFESSIONALE

9 8 LETICA Con lilluminismo, che pervade tutto il 1700, matura una nuova presa di coscienza (in Francia sfocia nella Rivoluzione e più tardi in Italia porta al Risorgimento, in Slovenia alla coscienza nazionale); nel campo scientifico trovano spazio personaggi fondamentali per lo sviluppo delle scienze, e soprattutto della tecnologia moderna, quali Papin, Watt, Faraday, Röegent, Laplace e Volta, solo per citarne alcuni, anche grazie alle nuove tecniche matematiche, chimiche e soprattutto quelle relative alla trasformazione dellenergia. Si intravede lintreccio tra la maturazione umanistica della persona con la presa di coscienza delle realtà tecniche: un intreccio tra concetti tecnici, a volte ancora lacunosi, con le sfere scientifiche ed il campo sociale.

10 9 LETICA Questo stato rende necessaria ed urgente linterazione tra lambito tecnico e quello filosofico per due ordini di ragioni: Il primo è quello della conquista: la tecnica spinge luomo ad esplorare nuovi scenari ai limiti della conoscenza praticata. Il secondo è quello filosofico: rappresenta il contrappeso capace di esprimere le proprie perplessità per il configurarsi di uno scenario in cui le azioni delluomo sono divenute più pericolose di quanto un tempo la natura fosse per luomo stesso.

11 10 LETICA Se la scienza è indirizzata a conoscere le cose senza intervenire sulle stesse per modificarle (scienza pura), la tecnica, nellideale baconiano, è volta a considerare il sapere in termini di servizio del progresso e del controllo della natura in vista di precise finalità socialmente utili. Questa è una funzione creativa che permette, passo passo, di aprire nuovi orizzonti: lo è stato, lo è, lo sarà sempre.

12 11 LETICA Ma lo sviluppo non può prescindere dalle conseguenze che certe nuove applicazioni comportano sulla vita umana oppure dallevidenza che scelte o tecnologie, anche di largo uso, vanno a rivelare nel tempo. A puro titolo desempio: le radiazioni nucleari, luso di farmaci che possono creare effetti collaterali dannosi, luso dellamianto, limpatto ecologico di certe strutture, dighe, insediamenti urbani, elettrodotti, o nel campo finanziario azioni che portano al dissesto di patrimoni e perdita di ricchezza. (alcuni nomi: Cernobil, il DDT, il Vajont, il mesotelioma, il talidomide, enron, …)

13 12 LETICA Letica è quella parte della filosofia che studia la morale, e cioè quanto attiene ai costumi, agli atti ed ai pensieri umani correlati al bene ed al male; letica di frontiera è quella che attiene alla scienza quando essa si avvicina ai confini della vita per influenzarne i meccanismi naturali, ma attiene anche alle responsabilità nei confronti delle future generazioni per lasciare agli eredi un ecosistema vivibile. [etica (greco ), mos moris (latino), costume (italiano)]

14 13 LETICA Nasce da ciò la necessità di individuare paradigmi, sempre più articolati, utili a definire il modo delle nostre azioni nei confronti degli altri, siano essi i singoli o le collettività. Questo concetto è letica che interviene a qualificare unazione in rapporto ai valori da salvaguardare nel compiere lazione stessa. Tale etica non può essere mono-direzionale, ma piuttosto bi- direzionale in quanto deve coinvolgere entrambe le parti attiva e passiva che sono oggetto dellazione.

15 14 LA DEONTOLOGIA PROFESSIONALE La deontologia traduce letica, nella teoria dei doveri, dal valore morale di unazione al valore effettivo che lazione stessa ha di promuovere il bene o la felicità. Il filosofo inglese Jeremy Bentham (1748 – 1836) è colui che tese a trasformare letica in una scienza esatta (aritmetica morale) attraverso il calcolo delle conseguenze di ogni azione. Egli definì la deontologia come un sistema etico in cui prevale lidea di dovere su quelle di diritto o di utilità essendo le regole rivolte alla parte delle nostre azioni in cui il diritto lascia campo alla libertà. [ – dovere e discorso, studio]

16 15 LA DEONTOLOGIA PROFESSIONALE È chiaro che tutto ciò deve tradursi in indicazioni, regole che esprimano tali concetti. Il primo esempio di norme deontologiche risale al 400 a.C.: è il giuramento di Ipocrate che stabilisce la competenza tecnica e ladesione a comportamenti moralmente elevati e peculiari della professione medica. Laggiornamento e la formazione permanente sono parti rilevanti della deontologia. La dignità professionale si basa anche sulladeguamento delle norme deontologiche in funzione dellevoluzione del mondo tecnico e scientifico.

17 16 LA DEONTOLOGIA PROFESSIONALE Costantemente la giurisprudenza ha lasciato agli Ordini professionali ampia facoltà nel definire le regole deontologiche, e la relativa valutazione degli atti lesivi della dignità professionale, il che comporta anche libertà nel definire ed applicare le relative sanzioni. Ciò deriva dal potere autonomo che gli Ordini hanno per prevenire e reprimere le azioni contrarie alletica della professione.

18 17 LA DEONTOLOGIA PROFESSIONALE È doveroso fare presente che le prestazioni intellettuali si basano su un rapporto di fiducia tra chi offre il proprio lavoro e il committente. Questo concetto non si limita al campo della libera professione, ma per vari gradi è presente anche nelle aziende in cui il rapporto di lavoro è di tipo subordinato.

19 18 IL CODICE DEONTOLOGICO DEGLI INGEGNERI ITALIANI Premessa 1.1. La professione dell'Ingegnere deve essere esercitata nel rispetto delle Leggi dello Stato e costituisce attività di pubblico interesse. L'ingegnere è personalmente responsabile della propria opera e nei riguardi della committenza e nei riguardi della collettività Chiunque eserciti la professione di Ingegnere in Italia, anche se cittadino di altro stato, è impegnato a rispettare e far rispettare il presente codice deontologico finalizzato alla tutela della dignità e del decoro della professione Le presenti norme si applicano per le prestazioni professionali rese in maniera sia saltuaria che continuativa.

20 19 IL CODICE DEONTOLOGICO DEGLI INGEGNERI ITALIANI Il Codice Deontologico si sviluppa in più direttrici: I rapporti verso se stesso I rapporti con la struttura Ordine I rapporti con i colleghi I rapporti con la committenza I rapporti con la comunità e territorio

21 20 VERSO SE STESSI Nei confronti di se stesso Diligenza Compatibilità con il proprio stato giuridico in coerenza con i doveri professionali Rifiuto di assumere incarichi quando non si ha la conoscenza specifica o la potenzialità Sottoscrivere solamente quanto si è prodotto personal- mente o in forma collegiale avendone definito preventiva- mente i limiti Obbligatorietà dellaggiornamento professionale

22 21 VERSO LORDINE Nei confronti dellOrdine L'appartenenza dell'Ingegnere all'Ordine professionale comporta per liscritto Il dovere di collaborare con il Consiglio dell'Ordine: ogni Ingegnere ha pertanto l'obbligo, se convocato dal Consiglio dell'Ordine o dal suo Presidente, di presentarsi e di fornire tutti i chiarimenti che gli venissero richiesti. Di adeguarsi alle deliberazioni del Consiglio dell'Ordine se assunte nell'esercizio delle relative competenze istituzionali.

23 22 VERSO LORDINE Nei confronti dellOrdine (segue) Di osservare le indicazioni di comportamento sopra descritte e di dare ragione, qualora richiamati, delle proprie azioni: lOrdine infatti deve tutelare sia il singolo, ma soprattutto limmagine della categoria. La violazione di tali norme comporta una serie di sanzioni* che vengono comminate dallOrdine, ma che possono essere perseguite parallelamente anche sul piano giudiziale. [* Capo III del R.D. 23 ottobre 1925, n° 2537]

24 23 VERSO I COLLEGHI Nei confronti dei Colleghi I rapporti professionali con i colleghi devono essere improntati alla massima lealtà e correttezza allo scopo di affermare una comune cultura ed identità professionale pur nei differenti settori in cui si articola la professione. Tale forma di lealtà e correttezza deve essere estesa e pretesa anche nei confronti degli altri colleghi esercenti le professioni intellettuali ed in particolar modo di quelle che hanno connessioni con la professione di Ingegnere. L'Ingegnere deve astenersi da critiche denigratorie nei riguardi di colleghi; se ha motivate riserve sul comportamento professio- nale di un collega deve informare il Presidente dell'Ordine di ap- partenenza ed attenersi alle disposizioni ricevute.

25 24 VERSO I COLLEGHI Nei confronti dei Colleghi (segue) Dovendo subentrare in un incarico già affidato ad altri, potrà accettarlo solo dopo che la Committenza abbia comunicato ai primi incaricati il definitivo esonero; dovrà inoltre informare per iscritto il o i professionisti a cui subentra, e in situazioni controverse il Consiglio dell'Ordine, relazionando a quest'ultimo sulle ragioni per cui ritiene plausibile la sostituzione. Si deve astenere dal ricorrere a mezzi incompatibili con la propria dignità per ottenere incarichi professionali come l'esaltazione delle proprie qualità a denigrazione delle altrui o fornendo vantaggi o assicurazioni esterne al rapporto professionale.

26 25 VERSO LA COMMITTENZA Nei confronti della committenza Il rapporto con il committente è di natura fiduciaria e deve essere improntato alla massima lealtà, chiarezza e correttezza. È tenuto al segreto professionale; non può quindi senza esplicita autorizzazione della committenza, divulgare quanto sia venuto a conoscere nell'espletamento delle proprie prestazioni professionali. Deve definire preventivamente e chiaramente con il committente i contenuti e termini degli incarichi professionali conferitigli, nel rispetto del presente codice.

27 26 VERSO LA COMMITTENZA Nei confronti della committenza (segue) È compensato per le proprie prestazioni professionali a norme delle vigenti tariffe che costituiscono minimi inderogabili, la cui osservanza è preciso dovere professionali, salvo per le sole eccezioni previste dalla Legge *. Non può accettare compensi diretti o indiretti da terzi oltre a quelli dovutigli dal committente senza comunicare a questi natura, motivo ed entità ed aver avuto per iscritto autorizzazione alla riscossione. (* Da chiarire quanto disposto dal decreto del C.d.M )

28 27 VERSO LA COMMITTENZA Nei confronti della committenza (segue) È inoltre tenuto ad informare il committente, nel caso sia interessato, in merito a materiali o procedimenti costruttivi proposti per lavori a lui commissionati, quando la natura e la presenza di tali rapporti possono ingenerare sospetto di parzialità professionale o violazione di norme di etica.

29 28 VERSO LA COMUNITÀ E TERRITORIO Nei confronti della comunità e territorio Le prestazioni professionali dell'Ingegnere saranno svolte tenendo conto preminentemente della tutela della vita e della salvaguardia della salute fisica dell'uomo. L'Ingegnere e' tenuto ad una corretta partecipazione alla vita della collettività cui appartiene e deve impegnarsi affinché gli ingegneri non subiscano pressioni lesive della loro dignità. Nella propria attività l'Ingegnere è tenuto, nei limiti delle sue funzioni, ad evitare che vengano arrecate all'ambiente nel quale opera alterazioni che possano influire negativamente sull'equilibrio ecologico e sulla conservazione dei beni culturali, artistici, storici e del paesaggio.

30 29 VERSO LA COMUNITÀ E TERRITORIO Nei confronti della comunità e territorio (segue) Nella propria attività l'Ingegnere deve mirare alla massima valorizzazione delle risorse naturali e al minimo spreco delle fonti energetiche.

31 30 LEUROPA Lunificazione europea ha introdotto numerose questioni sulla reciprocità della valenza del titolo professionale per chi vuole operare in uno stato diverso da quello dorigine. Molto cè ancora da fare per raggiungere un riconoscimento automatico della formazione acquisita nei diversi stati. Anche le normative relative ai materiali o alle procedure non sono mutuamente riconosciute: ad esempio, la Slovenia impone il riconoscimento di proprie norme più restrittive; nel campo navale nonostante listituzione dellIACS, non tutte le Società di Classificazione sono aderenti a tale associazione pur avendo regolamenti molto simili.

32 31 LEUROPA Le altre organizzazioni europee in merito alletica: FEANI (Fédération Européenne des Associations nationales d Ingégnieurs) NSPE (National Society of Professional Engineers – USA) ASCE (American Society of Civil Engineers) ENGINEERING COUNCIL (Inghilterra) THE INSTITUTION OF ENGINEERS OF IRELAND (Irlanda)

33 32 LEUROPA (indagine conoscitiva del dic Lubiana) 4.01: Le tariffe professionali sono regolate per legge o sono libere? 4.02: Le tariffe sono dei prezzi bloccati per tutti i servizi? 5.01: Pubblicità e marketing sono proibite per gli ingegneri liberi professionisti? 5.02: Ci sono norme speciali per pubblicità e marketing? 6.01: Ci sono restrizioni per collaborazioni tra professionisti? 7.01: Il vostro Ordine professionale dispone di un codice deontologico? 7.02: Il codice deontologico è stabilito per legge?

34 33 LA FORMAZIONE CONTINUA È un obbligo etico già formalizzato in alcuni paesi (ad esempio Irlanda e Inghilterra) e dovrà essere formalizzato anche per gli ingegneri italiani, così come previsto dal codice deontologico. Tale obbligo è già in atto per la professione medica e per altre professioni tecniche. Pertanto è estremamente importante promuovere e monitorare il processo di formazione continua individuale: è una delle strade perseguite dallOrdine di Trieste.

35 34 LE VOSTRE DOMANDE


Scaricare ppt "1 Trieste, 4 luglio 2006 ETICA E DEONTOLOGIA PROFESSIONALE Ing. Alberto Guglia A."

Presentazioni simili


Annunci Google