La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Prof. Ernesto Trinaistich. ASSORBIMENTO E una operazione unitaria la cui finalità è leliminazione di un soluto volatile contenuto in una miscela gassosa.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Prof. Ernesto Trinaistich. ASSORBIMENTO E una operazione unitaria la cui finalità è leliminazione di un soluto volatile contenuto in una miscela gassosa."— Transcript della presentazione:

1 Prof. Ernesto Trinaistich

2 ASSORBIMENTO E una operazione unitaria la cui finalità è leliminazione di un soluto volatile contenuto in una miscela gassosa. Il solvente liquido scende dallalto mentre la miscela gassosa entra dal basso. Si usano colonne a stadi o a riempimento. La velocità di assorbimento deve essere elevata. Solvente e soluto devono avere la stessa natura (affinità). Il solvente deve avere volatilità bassa e bassa viscosità. La tendenza del sistema delle due fasi è quella di portarsi alle composizioni di equilibrio. La solubilità del gas nel liquido dipende dalla sua natura, dalla t°( diminuisce aumentando la t°) e aumenta allaumentare della pressione parziale. Per soluzioni diluite vale la legge di Henry: P A = H * C A : con C A concentrazione del gas disciolto ( g/l ) e H costante di Henry che dipende dalla natura della coppia liq-gas e dalla t°. La PA è quindi funzione lineare della concentrazione. La pressione parziale è: P A = Y * Ptot. L,X US L,X IN G I,Y US G I,Y IN

3 Le due fasi in contatto tenderanno alle condizioni di equilibrio in modo che alla fine le composizione del soluto in fase liquida e in fase vapore devono soddisfare la legge di Henry. Il problema consiste nel ricavare PA e CA e da questi la quantità di gas assorbibile nel tempo τ. attraverso la superficie di contatto necessaria perché avvenga lassorbimento di una quantità di gas. Cioè arrivare a dimensionare lapparecchiatura di assorbimento in funzione della quantità oraria di Gas da assorbire e delle rispettive pressioni parziali e concentrazioni in fase gassosa e in fase liquida. Si fa uso pertanto di equazioni di trasferimento di materia e di bilancio. Per quanto riguarda il trasferimento di materia si utilizza il concetto di forza spingente e si fa riferimento al modello del doppio film. Allinterfase di separazione liq-gas si viene a formare un film stagnante sia nella fase liquida che nella fase gas dove le concentrazioni soddisfano la legge di Henry. Lontano dallinterfase, oltre il film stagnante, le concentrazioni sono costanti.

4 Nel caso di assorbimento di soluto gassoso nel liquido le composizioni possono essere descritte alternativamente in termini di pressioni parziali o frazioni molari per la fase gas e di concentrazioni o frazioni molari per la fase liquida. Allinterfase pi = H * ci trasferimento interfase P film fase liq. pi=H * ci C Profilo della concentrazione C Attraverso il doppio film. Y film fase gas Yi=H * Xi X

5 Il trasferimento del soluto è descritto dalla legge di Fick,: d C S N S = – D L * d Z dove N S rappresenta la quantità di soluto che attraversa lunità di superficie nellunità di tempo. d C S è la variazione infinitesima di concentrazione tra due punti a distanza d Z D L è il coefficiente di diffusione del soluto gas nella fase liquida. Applicata al film liquido di spessore Z L diventa: Ci - C N S = D L Z L D L Essendo lo spessore di difficile calcolo si usa K L = = coefficiente di trasferimento di massa. Z L Il calcolo di K L si effettua tramite analisi dimensionale o con lutilizzazione di numeri dimensionali.

6 Per la diffusione lato gas si ha N S = K G * ( p – p i ) con K G coeff. trasf. gas. Essendo il flusso, a regime, costante, si può definire un coefficiente di trasferimento globale, da sinistra a destra nel doppio film. Cioè si può scrivere: 1 1 H = + U G K G K L che interessa entrambi i flussi relativi ai film stagnanti fase gas e fase liquida. Nella legge di Henry la quantità H * C rappresenta la pressione in equilibrio con la concentrazione C C, indicandola con p* ( che prende il nome di pressione fittizia), lequazione di trasferimento si esprime in funzione di U G e della forza spingente complessiva, data dalla differenza tra la pressione nella massa del gas e la p* corrispondente allequilibrio con la composizione C del liquido: N S = U G * ( p – p* ) = portata gas soluto trasferito (considerando la superficie unitaria).

7 Lequazione di trasferimento globale riferendoci al lato liquido si può scrivere: N S = U L * ( c*– c ) dove la differenza di concentrazione rappresenta la forza spingente = + U L K L H*K G Esprimendo ambedue in frazioni molari o rapporti molari si ottiene: N S = U L * ( y– y* ) frazioni molari riferite al gas N S = U X * ( x*– x ) frazioni molari riferite al liquido N S = U Y * ( Y– Y* ) rapporti molari riferite al gas N S = U X * ( X*– X ) rapporti molari riferite al liquido Le apparecchiature usate sono colonne a riempimento (anelli raschig) o a stadi. Maggiore è la superficie specifica del riempimento maggiore sarà il trasferimento. Il gas deve avere una pressione sufficiente a vincere le perdite di carico dovute al riempimento.

8 DIMENSIONAMENTO DELLE COLONNE DI ASSORBIMENTO A STADI Il dimensionamento delle colonne di assorbimento consiste nella risoluzione delle equazioni di bilancio e nel caso di colonne a stadi nel calcolo del numero di piatti necessari ad effettuare la separazione. Si opera graficamente, analogamente a Mc Cabe, riferendosi ad una retta di lavoro che rappresenta la relazione tra le composizioni delle correnti allinterstadio ed una curva di equilibrio (può essere una retta) che rappresenta la relazione tra le correnti in uscita da ogni piatto.

9 Bilanci di materia A differenza della rettifica continua, nellassorbimento non vi è costanza tra le portate di vapore e liquido lungo la colonna ma, la portata della fase gas diminuisce dallingresso verso luscita mentre la portata della fase liquida aumenta. Per questo motivo è opportuno riferirsi alla portata dellinerte per la fase gassosa e alla portata del solvente per la fase liquida. Utilizzando i rapporti molari. Sostanza Soluto / Solvente L o Inerte GI Il bilancio di materia riferito al soluto è: Sostanza che entra dal basso della colonna in fase gassosa assieme allinerte GI (avente Y IN ) + Sostanza presente nel solvente L, (in fase liquida) che entra dalla testa della colonna ( con X IN ) = Sostanza che esce assieme al solvente L, dalla coda della colonna (con X US ) + Sostanza che non è stata assorbita che esce assieme a GI dalla testa della colonna ( con Y us ) Bilancio: GI * Y in + L * X in = GI * Y us + L * X us

10 Dove: GI * Yin rappresentano le moli iniziali di A nella fase gas in ingresso dalla coda; L * X in rappresentano le moli di A nella fase liquida iniziale in ingresso dalla testa. Questo perché : Moli di sostanza da assorbire Yin = GI(Inerte) sost. non ass. Sost. In L sost assorbita da L Yus = ; Xin = ; Xus = G I ( I nerte) L L GI è la portata di inerte nel gas; L la portata molare di solvente Yin e Yus i rapporti molari del soluto in fase gas allingresso e alluscita Xin e Xus i rapporti molari del soluto in fase liquida allingresso e alluscita; x e y frazioni molari

11 x y X Y X = ; Y = ; x = ; y = 1 – x 1 – y X + 1 Y + 1 Per capire meglio cosa rappresenta GI consideriamo per esempio di avere HCl gassoso al 30%, in questo caso linerte GI avrà la portata pari al rimanente 70%. Si può scrivere: GI * ( Y in - Y us ) = L * (X us - X in ) questa equazione rappresenta L una retta avente il valore come coefficiente angolare e GI passante per i punti: (X in ; Y us ) e ( X us ; Y in ) che rappresentano le composizioni in testa e in coda alla colonna. Considerando un piatto generico ( Y e X generiche ) : GI * Y in + L * X = GI * Y + L * X us che può essere scritta come: GI * ( Y in - Y ) = L * (X us - X ) la quale rappresenta la retta di lavoro per tutta la colonna di assorbimento. Relazioni tra frazioni molari e rapporti molari

12 L,X IN G I,Y US L,X US G I,Y IN Y IN y Y US X IN x X US Coda colonna testa G

13 Rapporto minimo: solvente / gas La retta di lavoro dovrà avere linclinazione tale da non toccare la curva di equilibrio ( almeno nel campo delle concentrazioni considerate ) e deve giacere, per il caso dellassorbimento al di sopra della curva di equilibrio, e al di sotto per lo stripping. Nel punto ( X us ; Y in ) coda e ( X in ; Y us ) testa si ha: Lmin Yin - Y us == tg α GI X us - X in Al limite, quando la retta di lavoro interseca la curva in ( X T ; Y T ) si ha una condizione pinch (piatti infiniti ). Per avere una retta di lavoro con un numero di piatti ideale si opera con una portata di solvente opportuna. Lmin Dalla pendenza della retta: m = si calcola Lmin. GI

14 Retta di lavoro effett. coda Y IN retta per 5 (L/GI )min Y T Yus curva di equilibrio testa Xin =0 X T Xus Normalmente si determina la portata minima di liquido e poi si opera una maggiorazione in modo da avere un numero di piatti sufficientemente basso e evitare rischi di ingolfamento. La maggiorazione del valore di Lmin / GI dipende da considerazioni economiche. Crescendo questo valore cresce il diametro della torre, diminuisce laltezza e cresce il costo totale).

15 Si opera nel seguente modo: DATI: 1) si conosce y IN e quindi Y IN, pure la % C di gas da recuperare rispetto a quanto ne era presente in G. Inoltre nel solvente L l X IN è generalmente = 0 o si conosce. 2) G portata ( Inerte G I + Gsost. (sostanza presente). 3) La portata di sostanza presente inizialmente è Gsost. = G I * Y IN 4) Portata Inerte: G I = G – Gsost. 5) Portata sost. rimossa che esce con il liquido dalla coda: GR = %C * Gsost. 6)Portata sost. che esce non assorbita col gas di testa G I, che è: sost. non rimossa = G sost. - GR sost. non rimossa che esce in testa 7) calcolo di: Y US = GI inerte che esce inalterato in testa 8) La retta di lavoro si traccia da (Xin=0, Yus) fino al punto di tangenza Q (X T, Y T ) Lmin Y T – Yus 9) Con la formula = GI X T – 0 è possibile determinare la portata minima di solvente.

16 10) Normalmente Lmin va aumentato di una % data. 11) E possibile così calcolare Leff. Leff. e quindi il coeff. angolare: m = GI che rappresenta la pendenza della retta di lavoro effettiva sulla quale è possibile determinare il numero di piatti teorici. Questultima parte sempre dal punto Yus. Per i gradini si parte dal punto : (Xin=0, Yus) (in basso nel grafico) che rappresenta la testa della colonna, fino ad arrivare a Y IN, N teorici Poi per il numero di piatti reali si calcola: Nreali = ; η con ηrendimento dato.

17 STRIPPING Si usa per eliminare un componente più leggero di una miscela liquida. Si utilizza una colonna di solo strippaggio alimentata in testa, senza riflusso, senza condensatore e ribollitore e facendo uso di una corrente di vapore entrante dal basso. In questo caso la portata molare totale non resta costante (manca lequilibrio liquido – vapore). Si opera pertanto non con le frazioni molari ma con i rapporti molari: moli di sost. in fase vap. moli di sost. in fase liq. Y = ; X= moli di V moli di inerte FI in fase liq. Il bilancio di materia al componente più volatile, considerando anche il vapor dacqua viene: sost. contenuta in F + sost. presente nel V = sost. non strippata che esce con FI (basso) + sost. stripp. (testa) FI * Xi + V * Yi = FI * Xu + V * Yu

18 da cui, con Yi = 0 (vapore puro) FI * (Xi - Xu ) = V * Yu Legenda: moli di A in F Indicando con Xi = (frazione molare) moli di F F I * Xi = moli di sost. entranti con lalimentazione F I * Xu = moli di sost. us. con il liquido dal basso (non strippata) V * Yi = moli di A entranti con il vapore V * Yu = moli di A uscenti con il vap. in testa F I = moli di inerte entranti = moli di inerte uscenti V = moli di vapore entranti = moli di vapore uscenti FI,X IN V,Y US FI,X US V,Y IN

19 Dividendo il bilancio per V, diventa lequazione di una retta: FI FI Y = * X - Xu V V FI Passante per ( Xu, Yi ) di coefficiente angolare ; V Da cui si può scrivere : FI Yu = (retta di lav.) V max X – Xu La retta di lavoro rappresenta la relazione espressa in rapporti molari delle correnti allinterstadio

20 Con: x y X= e Y= dove x e y sono le frazioni molari. 1 – x 1 – y Come si opera: 1) Si traccia la retta di equilibrio da 0 ad A, (si conosce lequazione) 2) Si conoscono: Yi = 0 e Xi e Xu dati del problema. Si traccia la retta di lavoro da ( X = Xu e Yi = 0) al punto A (Xi,YM); Il punto Y M si calcola dalla equazione della retta di equilibrio YM = m * Xi FI Y M Calcolo del rapporto: = V max X IN - X US si calcola poi la % di diminuzione del rapporto max FI Y US Si trova così il quale è = ; V eff X IN - X US FI da cui Y US = * (X IN – X US ) V eff.

21 Che è il punto H in cui da X US si traccia la retta di lavoro effettiva. (Diminuendo il rapporto (F/V)max diminuisce la tg α,quindi α e la retta di lavoro si abbassa). Per determinare il numero di stadi si opera con metodo grafico partendo dallalto fino a Xu. Y M A Y US 1 H 2 Retta di 3 equilibrio 4 α 0 Xu X IN (F/V) max (F/V) eff retta di lavoro I piatti si contano dallalto verso il basso (al contrario dellassorbimento)

22


Scaricare ppt "Prof. Ernesto Trinaistich. ASSORBIMENTO E una operazione unitaria la cui finalità è leliminazione di un soluto volatile contenuto in una miscela gassosa."

Presentazioni simili


Annunci Google