La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Fondamenti di Informatica I CDL in Ingegneria Elettronica - A.A. 2006-2007 CDL in Ingegneria Elettronica - A.A. 2006-2007 12. Il Sistema Operativo Ing.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Fondamenti di Informatica I CDL in Ingegneria Elettronica - A.A. 2006-2007 CDL in Ingegneria Elettronica - A.A. 2006-2007 12. Il Sistema Operativo Ing."— Transcript della presentazione:

1 Fondamenti di Informatica I CDL in Ingegneria Elettronica - A.A CDL in Ingegneria Elettronica - A.A Il Sistema Operativo Ing. Simona Colucci

2 Sistemi Informativi DEE - Politecnico di Bari Fondamenti di Informatica I CDL in Ingegneria Elettronica - A.A E uno strato software che opera direttamente sullhardware Isola gli utenti dai dettagli dellhardware fornendo funzionalità di alto livello Mono-utente o multi-utente: –Il SO deve garantire che ogni utente avverta la macchina come dedicata E organizzato a strati: –Architettura a buccia di cipolla –Ogni strato costituisce una macchina virtuale: Una macchina che maschera le caratteristiche di una macchina hardware ed offre ai suoi utenti delle funzionalità Una macchina che esporta funzionalità allesterno senza mostrare i propri meccanismi implementativi: struttura modulare del SO Il sistema operativo(SO)

3 Sistemi Informativi DEE - Politecnico di Bari Fondamenti di Informatica I CDL in Ingegneria Elettronica - A.A Programmi utente Interprete comandi attivazione programmi dutente o di sistema File system controllo e gestione degli accessi a file Gestione delle periferiche gestione di ingresso/uscita da periferica Gestione della memoria allocazione e gestione della memoria Gestione dei processi (nucleo) gestione dei processi e delle interruzioni Macchina fisica Kernel Architettura del sistema operativo

4 Sistemi Informativi DEE - Politecnico di Bari Fondamenti di Informatica I CDL in Ingegneria Elettronica - A.A Funzioni del sistema operativo Il gestore dei processi (o nucleo) –è responsabile dellesecuzione dei programmi da parte dellunità di elaborazione –gestisce lesecuzione contemporanea di molti processi –reagisce agli eventi esterni –offre la visione di ununità di elaborazione dedicata a ciascun utente Il gestore della memoria –ha la funzione di allocare la memoria e partizionarla tra i vari programmi –offre la visione di una memoria dedicata a ciascun utente I driver sono responsabili delle operazioni di ingresso/uscita che coinvolgono le periferiche Il file system –è responsabile della gestione dei file in memoria di massa –fornisce allutente funzioni di alto livello per operare sui file L interprete comandi usa gli strati sottostanti per: –accedere al programma in memoria di massa tramite file system –allocare la memoria e caricarvi il programma tramite gestore della memoria –attivare un processo, tramite il nucleo

5 Sistemi Informativi DEE - Politecnico di Bari Fondamenti di Informatica I CDL in Ingegneria Elettronica - A.A Obiettivo del SO Ottimizzare le prestazioni del sistema informatico determinando le politiche migliori di gestione delle risorse sotto il suo controllo Attività necessarie: –gestire leventuale sovraccarico di richieste –ridurre il tempo di attesa dellutente in condizioni di carico complessivo elevato

6 Sistemi Informativi DEE - Politecnico di Bari Fondamenti di Informatica I CDL in Ingegneria Elettronica - A.A Processo: esecuzione(oggetto dinamico) di un programma(oggetto statico) Un processo P è una coppia di elementi (E, S) –E: codice eseguibile del programma –S: stato del processo(insieme di tutti i valori contenuti nella memoria centrale e nei registri della CPU, in particolare il PC) Lo stesso programma può essere associato a più processi(assenza di corrispondenza biunivoca): –Un programma può essere scomposto in varie parti e ognuna di esse può essere associata ad un diverso processo –Lo stesso programma può essere associato a diversi processi quando diverse copie del medesimo processo sono mandate in esecuzione –Alcuni linguaggi di programmazione (concorrenti) prevedono lesecuzione di un programma in più processi Lunità di elaborazione che esegue i processi prende nome di processore nel contesto dei SO(in generale vi possono essere n processori, ma ne supporremo uno solo) Gestione dei processi

7 Sistemi Informativi DEE - Politecnico di Bari Fondamenti di Informatica I CDL in Ingegneria Elettronica - A.A Classificazione dei processi in esecuzione: eseguiti istante per istante dal processore(uno solo nelle nostre ipotesi) pronti: possono andare immediatamente in esecuzione se il gestore dei processi lo decide in attesa: attendono il verificarsi di un evento esterno per passare in stato di pronto

8 Sistemi Informativi DEE - Politecnico di Bari Fondamenti di Informatica I CDL in Ingegneria Elettronica - A.A Interruzioni interne Il processo di esecuzione richiede unoperazione di I/O: –lesecuzione del processo si sospende –il processo passa dallo stato in esecuzione allo stato in attesa –il nucleo diviene attivo Sono eventi sincroni rispetto alle attività del processore Corrispondono allesecuzione di una istruzione detta chiamata a supervisore(SVC, supervisor call) che fa passare il processore dallesecuzione di un processo utente allesecuzione di un processo di sistema operativo Bloccano il processo in esecuzione per evitare lattesa di unoperazione di I/O prima della prosecuzione

9 Sistemi Informativi DEE - Politecnico di Bari Fondamenti di Informatica I CDL in Ingegneria Elettronica - A.A Interruzioni interne: context switching Sospensione: il processo sospeso deve poter riprendere esattamente nello stato al momento dellinterruzione interna, per cui cè necessità di: –salvataggio del contesto al momento dellinterruzione: copia del contenuto dei registri del processore nellarea di memoria chiamata descrittore del processo –ripristino del contesto prima di rimandare in esecuzione il processo: copia del descrittore di processo nei registri del processore Scelta del processo pronto da avviare al posto di quello sospeso Esecuzione del nuovo processo pronto: ripristino del suo contesto ed esecuzione dellistruzione contenuta nel registro Program Counter

10 Sistemi Informativi DEE - Politecnico di Bari Fondamenti di Informatica I CDL in Ingegneria Elettronica - A.A Interruzioni esterne Causano il passaggio di un processo da stato di attesa(dovuto a sospensione per interruzione interna) a stato di pronto Si verificano quando la periferica ha terminato di eseguire loperazione e chiede la sospensione del processo in esecuzione per il completamento delloperazione di I/O al fine di trasformare in pronto il processo in attesa Sono eventi asincroni rispetto alle attività del processore Vengono segnalate al processore tramite il registro delle interruzioni(INTR): –ha varie posizioni corrispondenti alle possibili interruzioni, segnalate da un bit posto ad 1(se levento non è presente il bit rimane a 0 per convenzione) –la CPU verifica la presenza di uninterruzione calcolando lOR dei bit di registro INTR tramite circuiti elettronici

11 Sistemi Informativi DEE - Politecnico di Bari Fondamenti di Informatica I CDL in Ingegneria Elettronica - A.A Interruzioni esterne: gestione Il nucleo: –salva il contesto del programma attivo che passa da stato in esecuzione a stato di pronto –richiama il sottoprogramma gestore delle interruzioni che esegue le operazioni necessarie a far fronte alla particolare interruzione –dopo la gestione dellinterruzione sceglie uno dei programmi in stato di pronto e lo manda in esecuzione

12 Sistemi Informativi DEE - Politecnico di Bari Fondamenti di Informatica I CDL in Ingegneria Elettronica - A.A Processi: passaggi di stato Interruzioni interne(passaggio da esecuzione a in attesa) Interruzioni esterne(passaggio da in esecuzione a pronto) Evento esterno atteso(passaggio da in attesa a pronto) Processo pre-empted: sospeso dal nucleo dopo un certo intervallo temporale per garantire un uso paritario della CPU(passaggio da in esecuzione a pronto) Processo aborted: interrotto e terminato forzatamente dal nucleo a seguito di un errore(da in esecuzione a terminato)

13 Sistemi Informativi DEE - Politecnico di Bari Fondamenti di Informatica I CDL in Ingegneria Elettronica - A.A Passaggi di stato: diagramma stato/trasizioni Processo in esecuzione Processo pronto Processo in attesa Inizio esecuzione Evento esterno atteso Abort per errore Interruzione esterna, fine quanto di tempo Interruzione interna Primo processo pronto Fine esecuzione

14 Sistemi Informativi DEE - Politecnico di Bari Fondamenti di Informatica I CDL in Ingegneria Elettronica - A.A Gestione dei processi della CPU Obiettivo: ogni programma utente deve essere eseguito entro un tempo approssimativamente proporzionale alla sua complessità(necessità di processi pre-empted) Politica più semplice: rotazione dei processi(round robin): –si assegna il processore ad un processo per un quanto di tempo (sufficientemente maggiore del tempo di context switching e sufficientemente minore del tempo di esecuzione del programma) –dopo il quanto di tempo il processo viene interrotto di autorità e passato nei processi pronti –si gestisce una coda di processi pronti con strategia FIFO(First In First Out) Risultato: –attesa proporzionale alla lunghezza del programma e al numero di operazioni I/O richieste –programmi brevi favoriti nel completamento –massimizzazione del throughput di sistema: programmi completati nellunità di tempo

15 Sistemi Informativi DEE - Politecnico di Bari Fondamenti di Informatica I CDL in Ingegneria Elettronica - A.A Gestione delle priorità: –si crea una coda dei processi pronti per ogni livello di priorità –si preleva sempre il primo processo della coda a priorità più alta Scenario applicativo: sistemi di sicurezza Problema: attesa troppo lunga per priorità basse Soluzione: cambio dinamico della priorità in base allo stato Gestione dei processi della CPU: politiche alternative

16 Sistemi Informativi DEE - Politecnico di Bari Fondamenti di Informatica I CDL in Ingegneria Elettronica - A.A Coordinamento delle attività di diversi processi: –coordinamento sequenziale: un processo termina invocando lattivazione di un altro processo(coordinamento semplice) –coordinamenti complessi: competizione: due processi vogliono accedere simultaneamente a una medesima risorsa (risorsa critica) cooperazione: un processo ha bisogno dellaltro per evolvere Fanno uso di variabili condivise(semafori) per laccesso a parti critiche dei programmi e della comunicazione esplicita tra processi tramite scambio di messaggi. Sincronizzazione

17 Sistemi Informativi DEE - Politecnico di Bari Fondamenti di Informatica I CDL in Ingegneria Elettronica - A.A La gestione concorrente di molti processi comporta la presenza di molti programmi in memoria centrale: la MM diventa una risorsa unica, in generale scarsa, da suddividere tra i vari programmi Problemi connessi con la gestione della memoria: –Per allocare i programmi in memoria è necessario rilocarli : trasformare gli indirizzi logici, presenti nei programmi, in indirizzi fisici(luso degli indirizzi simbolici consente il caricamento del programma in porzioni di memoria differente. Gestione della memoria centrale

18 Sistemi Informativi DEE - Politecnico di Bari Fondamenti di Informatica I CDL in Ingegneria Elettronica - A.A Meccanismi di gestione Paginazione: –il gestore della memoria la considera partizionata in pagine, che occupano aree contigue di dimensione fissata –i programmi vengono partizionati in pagine Segmentazione: –durante la compilazione un programma viene frazionato in parti che svolgono differenti funzioni –la dimensione dei segmenti è variabile perché essi sono semanticamente significativi –il gestore della memoria può caricare in maniera indipendente i segmenti NON sono tecniche alternative. Spesso sono applicate contemporaneamente

19 Sistemi Informativi DEE - Politecnico di Bari Fondamenti di Informatica I CDL in Ingegneria Elettronica - A.A La memoria virtuale Sia nel caso della paginazione, sia in quello della segmentazione, il gestore della memoria offre al programma applicativo la visione di una memoria virtuale La memoria virtuale v può essere maggiore di quella fisica p: è sufficiente allocare più pagine o segmenti di quelli che possono stare contemporaneamente in p(quelli non caricati in MM rimangono disponibili in memoria di massa dove i programmi con i relativi dati sono organizzati in file): –i programmi con dimensione s>p possono essere eseguiti se s>v; in questo caso gli indirizzi di s sono riferiti a v quindi: i registri devono potere indirizzare tutta v; il gestore della memoria converte gli indirizzi virtuali in fisici

20 Sistemi Informativi DEE - Politecnico di Bari Fondamenti di Informatica I CDL in Ingegneria Elettronica - A.A Gestione dei processi e della memoria La gestione della memoria è coordinata con la gestione dei processi: –le pagine e i segmenti di programma che sono attualmente in esecuzione o che contengono dati attualmente indirizzati devono risiedere in MM –se una pagina o un segmento necessari ad un processo in esecuzione non si trovano in MM, il processo viene sospeso e passa in stato di attesa –dopo loperazione di input da memoria di massa della pagina o segmento il processo torna ad essere pronto

21 Sistemi Informativi DEE - Politecnico di Bari Fondamenti di Informatica I CDL in Ingegneria Elettronica - A.A Il compilatore trasforma un modulo di programma sorgente in un modulo di programma oggetto; trasforma le variabili locali ai moduli in indirizzi rilocabili 2.Il linker trasforma diversi moduli oggetto in un unico programma eseguibile collega il programma utente a librerie di programmi di utilità trasforma le variabili esterne a tutti i moduli in indirizzi rilocabili 3.Il loader carica il programma eseguibile in memoria se il programma ha indirizzi assoluti il loader non ha margini di intervento se il programma ha indirizzi rilocabili il loader si occupa della rilocazione Rilocazione: La catena di programmazione

22 Sistemi Informativi DEE - Politecnico di Bari Fondamenti di Informatica I CDL in Ingegneria Elettronica - A.A La rilocazione Rilocazione statica: –Allatto del caricamento in memoria –Trasforma il codice: indirizzi rilocabili indirizzi assoluti Registro base Indirizzo rilocabile + Indirizzo calcolato Rilocazione dinamica: –Non comporta una conversione del codice –Richiede lutilizzo di due registri speciali: Il registro base contiene il valore dellindirizzo della prima cella di memoria a partire dalla quale il programma è stato caricato Il registro dimensione contenente la dimensione del programma; permette di verificare che lindirizzo generato dal programma rientri nello spazio indirizzabile

23 Sistemi Informativi DEE - Politecnico di Bari Fondamenti di Informatica I CDL in Ingegneria Elettronica - A.A Modo S e modo U La memoria è suddivisa in: –Memoria di modo S (supervisore): contiene i programmi di sistema operativo (possono usare tutte le istruzioni del calcolatore, possono essere allocati in memoria in maniera ottimale,devono essere protetti da errori procurati da altri programmi) e le strutture dati da esso utilizzate –Memoria di modo U (utente): contiene i programmi utente Se il processore sta eseguendo un processo utente: –Lo si dice attivo in modo utente (in modo U) –può accedere soltanto alla memoria di modo U Se il processore sta eseguendo un processo di sistema: –E attivo il nucleo –Si dice attivo in modo supervisore (in modo S) –Può accedere alla memoria di modo S e di modo U –Può eseguire istruzioni privilegiate

24 Sistemi Informativi DEE - Politecnico di Bari Fondamenti di Informatica I CDL in Ingegneria Elettronica - A.A Sono meccanismi software cui è affidato il compito di comunicare dati da e verso le periferiche Garantiscono ai programmi che li usano una visione di alto livello –E possibile leggere o scrivere tramite primitive indipendenti dalla struttura hardware delle periferiche Si distingue fra: –Driver fisici (hardware): Vengono attivati direttamente dal gestore delle interruzioni –Driver logici (software): Fanno parte del sistema operativo e forniscono una gerarchia di operazioni, con unorganizzazione a strati I driver

25 Sistemi Informativi DEE - Politecnico di Bari Fondamenti di Informatica I CDL in Ingegneria Elettronica - A.A Il file system Consente di gestire i file sulla memoria di massa: –Creare un file –Dargli un nome –Collocarlo in un opportuno spazio nella memoria di massa –Accedervi in lettura e scrittura Gestione dei file indipendente dalle caratteristiche fisiche della memoria di massa I file vengono inclusi allinterno di directory (o cataloghi): –Hanno una tipica organizzazione ad albero –Alcuni sistemi operativi permettono una struttura a grafo(un file può appartenere a più directory)

26 Sistemi Informativi DEE - Politecnico di Bari Fondamenti di Informatica I CDL in Ingegneria Elettronica - A.A La struttura ad albero

27 Sistemi Informativi DEE - Politecnico di Bari Fondamenti di Informatica I CDL in Ingegneria Elettronica - A.A Organizzazione dei file A ciascun utente è normalmente associata una directory specifica, detta home directory, che ha lo stesso nome dellutente Il livello di protezione di un file indica quali operazioni possono essere eseguite da ciascun utente Ciascun file ha un pathname (o nome completo) che include lintero cammino dalla radice dellalbero: nome unico Il contesto di un utente allinterno del file system è la directory in cui correntemente si trova

28 Sistemi Informativi DEE - Politecnico di Bari Fondamenti di Informatica I CDL in Ingegneria Elettronica - A.A File System: funzioni disponibili agli utenti creazione di file creazione di directory elencazione dei file cambiamento del contesto copia di un file visualizzazione di un file rinomina di un file cancellazione di file o directory


Scaricare ppt "Fondamenti di Informatica I CDL in Ingegneria Elettronica - A.A. 2006-2007 CDL in Ingegneria Elettronica - A.A. 2006-2007 12. Il Sistema Operativo Ing."

Presentazioni simili


Annunci Google