La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

G. Mecca – – Università della Basilicata Basi di Dati Modello Concettuale Dettagli e Approfondimenti versione 2.0 Questo lavoro è concesso.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "G. Mecca – – Università della Basilicata Basi di Dati Modello Concettuale Dettagli e Approfondimenti versione 2.0 Questo lavoro è concesso."— Transcript della presentazione:

1 G. Mecca – – Università della Basilicata Basi di Dati Modello Concettuale Dettagli e Approfondimenti versione 2.0 Questo lavoro è concesso in uso secondo i termini di una licenza Creative Commons (vedi ultima pagina)

2 2 G. Mecca - - Basi di Dati Dettagli e Approfondimenti m Classi e identificatori Identificatori Esterni m Generalizzazioni m Cardinalità m Associazioni m Il Modello Entità-Relazione Sintassi grafica Mod. Concettuale >> Sommario

3 3 G. Mecca - - Basi di Dati Introduzione m Schema concettuale diagramma delle classi di UML alto livello di astrazione (fase di analisi) m Costrutti classi e attributi associazioni cardinalità generalizzazioni Modellazione Concettuale >> Dettagli e Approfondimenti >> Introduzione

4 4 G. Mecca - - Basi di Dati Classi m In questo contesto concetti della realtà di interesse con esistenza autonoma m Successivamente classi dellapplicazione tabelle della base di dati m Attributi proprietà rilevanti per lapplicazione Modellazione Concettuale >> Dettagli e Approfondimenti >> Classi

5 5 G. Mecca - - Basi di Dati Classi m Identificatori non tutte le classi hanno identificatori espliciti ma gli oggetti della classe sono comunque distinti (es: due mele nella classe Mele) nellapplicazione, tutti gli oggetti hanno un identificatore implicito (nascosto): OID gli identificatori espliciti (es: matricola, codice fiscale, targa) esistono per la catalogazione sono rilevanti per la base di dati Modellazione Concettuale >> Dettagli e Approfondimenti >> Classi

6 6 G. Mecca - - Basi di Dati Classi m Identificatori esterni alcuni oggetti sono identificabili sulla base degli oggetti a cui sono associati esempio: un tirocinio può essere identificato con lo studente che lo ha sostenuto per identificarlo è necessario attraversare un arco di una associazione la cardinalità allaltro estremo deve essere 1 Modellazione Concettuale >> Dettagli e Approfondimenti >> Classi

7 7 G. Mecca - - Basi di Dati Classi m Identificatore esterno indicato con unannotazione in cui viene indicata lassociazione da attraversare m Esempio: tirocinio universitario Modellazione Concettuale >> Dettagli e Approfondimenti >> Classi Studente > matricola cognome nome annoDiCorso Tirocinio luogo dataInizio durata ha svolto > identificatore esterno ha svolto

8 8 G. Mecca - - Basi di Dati Classi Modellazione Concettuale >> Dettagli e Approfondimenti >> Classi Studente > matricola cognome nome annoDiCorso Tirocinio sede dataInizio durata ha svolto > identificatore esterno ha svolto {77777, Bruno Pasquale, 1} {444, Pinco, Palla, 3} {88888, Pinco, Pietro, 1} Studenti {111, Rossi, Mario 1} i due tirocini sono distinguibili usando la matricola dello studente {Microsoft, 25/06/2002, 3 mesi} Tirocini {Microsoft, 25/06/2002, 3 mesi} {SOGEI 1/7/2002, 4 mesi}

9 9 G. Mecca - - Basi di Dati Classi m Identificatore esterno complesso una o più associazioni, uno o più attributi int. m Esempio: esame universitario Modellazione Concettuale >> Dettagli e Approfondimenti >> Classi Studente > matricola cognome nome annoDiCorso Esame voto lode data ha sostenuto > 0..* 1..1 identificatore esterno ha sostenuto, relativo a Corso > codice titolo ciclo relativo a > *

10 10 G. Mecca - - Basi di Dati Classi m Nel caso volessimo tenere traccia anche degli esami non andati a buon fine lo studente può sostenere più volte lesame Modellazione Concettuale >> Dettagli e Approfondimenti >> Classi Studente > matricola cognome nome annoDiCorso ProvaDiEsame voto lode data ha sostenuto > 0..* 1..1 identificatore esterno ha sostenuto, relativo a, data Corso > codice titolo ciclo relativo a > * in questo caso lidentificatore esterno deve contenere la data

11 11 G. Mecca - - Basi di Dati Generalizzazioni m Relazioni di ereditarietà tra i concetti consentono di descrivere gerarchie m Possono essere di vario tipo completa o incompleta: tutte le istanze della superclasse sono classificate o meno nelle sottoclassi disgiunte o non disgiunte: le sottoclassi hanno intersezione vuota o meno sottoinsiemi: ununica sottoclasse Modellazione Concettuale >> Dettagli e Approfondimenti >> Generalizzazioni

12 12 G. Mecca - - Basi di Dati Modellazione Concettuale >> Dettagli e Approfondimenti >> Generalizzazioni Persona Generalizzazioni Dipendente Studente UomoDonna Segretario completa disgiunta incompleta non disgiunta incompleta disgiunta sottoinsieme Professore Amministrativo Tecnico

13 13 G. Mecca - - Basi di Dati Cardinalità m Cardinalità vincoli sulle istanze degli attributi e delle associazioni m Cardinalità degli attributi vincoli sul numero di valori dellattributo m Cardinalità delle associazioni vincoli sul numero di istanze (archi) dellassociazione Modellazione Concettuale >> Dettagli e Approfondimenti >> Cardinalità

14 14 G. Mecca - - Basi di Dati Cardinalità m Cardinalità minima normalmente 0 oppure 1 le cardinalità minime 1 vengono usate raramente m Cardinalità massima normalmente 1 oppure * m Possono esserci altri numeri es: associazione tra Partita e Squadra 2..2 m Forme Compatte 1 sta per 1..1; * sta per 0..* Modellazione Concettuale >> Dettagli e Approfondimenti >> Cardinalità

15 15 G. Mecca - - Basi di Dati Cardinalità m Per gli attributi cardinalità standard 1..1 cardinalità minima 0: attributo opzionale cardinalità massima *: attributo multivalore Modellazione Concettuale >> Dettagli e Approfondimenti >> Cardinalità Docente cognome nome qualifica numTelefono [0..*] Supplente universitaDiappartenenza [0..1]

16 16 G. Mecca - - Basi di Dati Associazioni m Relazioni logiche tra le classi m Istanza dellassociazione arco che collega due oggetti delle classi m Cardinalità vincoli sul numero di archi per un oggetto m Classificazione rispetto alle cardinalità uno a uno: cardinalità massime pari a 1 uno a molti: cardinalità massime 1 e * molti a molti: cardinalità massime * e * Modellazione Concettuale >> Dettagli e Approfondimenti >> Associazioni

17 17 G. Mecca - - Basi di Dati Associazioni m Ruolo descrizione della funzione di una classe nellassociazione Modellazione Concettuale >> Dettagli e Approfondimenti >> Associazioni Dipartimento nome telefono indirizzo Docente cognome nome qualifica numTelefono [0..*] GruppoDiRicerca nome temiDiRicerca [1..*] 11..*< afferisce 1 1 < dirige 1..* partecipa > direttore ricercatore membro ruoli

18 18 G. Mecca - - Basi di Dati Associazioni m Normalmente associazioni binarie m Ma ci sono altre forme associazioni ricorsive: associazione tra oggetti della stessa classe associazioni n-arie (poco usate): associazioni che coinvolgono oggetti di n classi (3 o più) Modellazione Concettuale >> Dettagli e Approfondimenti >> Associazioni

19 19 G. Mecca - - Basi di Dati Associazioni Ricorsive m Esempio Modellazione Concettuale >> Dettagli e Approfondimenti >> Associazioni ciclo > codice titolo Corso propedeuticità 0..* prerequisito {a01, Analisi 1, laurea tr.} Corsi {a02, Analisi 2, laurea tr.} {p01, Prog. 1, laurea tr.} {p02, Prog. 2, laurea tr.} prerequisito

20 20 G. Mecca - - Basi di Dati Associazioni Ternarie m Si utilizza il simbolo del rombo associano elementi di tre classi m Esempio: forniture di vini ai ristoranti Modellazione Concettuale >> Dettagli e Approfondimenti >> Associazioni CantinaTipo di Vino Ristorante rapporto di fornitura 1* *

21 21 G. Mecca - - Basi di Dati Associazioni Ternarie Modellazione Concettuale >> Dettagli e Approfondimenti >> Associazioni CantinaTipo di Vino Ristorante rapporto di fornitura 1* * {Aglianico del Vulture} {Cantina Martino} {La Taverna Oraziana} {Cantina Sociale} {Brachetto} Cantina Tipo di Vino Ristorante

22 22 G. Mecca - - Basi di Dati Associazioni Ternarie m Sono di difficile gestione sarebbe opportuno sostituirle con più binarie m Attenzione agli errori. Esempio: Ristorante si rifornisce da Cantina Ristorante serve Tipo di Vino Modellazione Concettuale >> Dettagli e Approfondimenti >> Associazioni CantinaTipo di Vino Ristorante * ** * si rifornisce serve

23 23 G. Mecca - - Basi di Dati Associazioni Ternarie Modellazione Concettuale >> Dettagli e Approfondimenti >> Associazioni {Aglianico del Vulture} {Cantina Martino} {La Taverna Oraziana} {Cantina Sociale} {Brachetto} Tipo di Vino Cantina Ristorante CantinaTipo di Vino Ristorante * ** * si rifornisce serve le due istanze non sono equivalenti (chi fornisce lAglianico ?)

24 24 G. Mecca - - Basi di Dati Associazioni Ternarie m Possono essere sostituite da una classe aggiuntiva tre associazioni binarie Modellazione Concettuale >> Dettagli e Approfondimenti >> Associazioni CantinaTipo di Vino Ristorante fornisce > Rapporto di Fornitura riguarda > utilizza > 1**1 1 * identificatore esterno fornisce, riguarda utilizza

25 25 G. Mecca - - Basi di Dati Attributi di unAssociazione m Le associazioni possono avere attributi m Esempio: corsi tenuti nel passato tengo traccia del primo anno di titolarità Modellazione Concettuale >> Dettagli e Approfondimenti >> Associazioni Docente cognome nome qualifica numTelefono [0..*] Corso > codice titolo ciclo * titolarità attuale titolarità passate 1..* primoAnnoDiTitolarita attributo dellassociazione (surrogato della classe di associazione)

26 26 G. Mecca - - Basi di Dati Attributi di unAssociazione m Identificazione dellassociazione gli attributi possono essere identificatori per le istanze dellassociazione tra gli stessi nodi possono esserci più archi è consentito solo per associazioni molti a m. Modellazione Concettuale >> Dettagli e Approfondimenti >> Associazioni > dataInizio dataFine tutor passati * * StudenteLaurea Specialistica tutor attuale * StudenteLaurea Triennale

27 27 G. Mecca - - Basi di Dati Altre forme di Associazione – Cenni m Esistono altre forme di associazione aggregazione e composizione m Aggregazione associazione tra un tutto e le sue parti simbolo rombo vuoto dalla parte del tutto esempio: dipartimento e impiegati m Composizione aggregazione e le parti non esistono senza il tutto simbolo rombo pieno dalla parte del tutto esempio: libro e capitoli Modellazione Concettuale >> Dettagli e Approfondimenti >> Associazioni TuttoParteTuttoParte

28 28 G. Mecca - - Basi di Dati Modello Entità-Relazione m Sintassi grafica alternativa per il modello concettuale precedente ad UML tradizionalmente usato per lanalisi e la modellazione concettuale delle basi di dati UML è in parte ispirato allER meno generale del diagramma delle classi non include funzionalità dinamiche Modellazione Concettuale >> Dettagli e Approfondimenti >> Modello ER

29 29 G. Mecca - - Basi di Dati Modello Entità-Relazione m Per la modellazione concettuale sostanzialmente la semantica è equivalente m Costrutti dei due modelli Modellazione Concettuale >> Dettagli e Approfondimenti >> Modello ER Diagramma delle classiModello ER classeentità attributo associazionerelazione cardinalità generalizzazione

30 30 G. Mecca - - Basi di Dati Modello Entità-Relazione: Sintassi m Entità: rettangolo m Attributi: due sintassi linee esterne allentità sintassi equiv. a quella UML m Relazione: rombo m Cardinalità: posizione invertita m Generalizzazione: freccia Modellazione Concettuale >> Dettagli e Approfondimenti >> Modello ER Esame voto lode data Esame voto lode data Docente DocIntSuppl (1,1) (0,n) relativo a CorsoEsame

31 31 G. Mecca - - Basi di Dati Progettazione della BD >> Dettagli e Approfondimenti >> Modello ER Studente > matricola cognome nome annoDiCorso Docente cognome nome qualifica numTelefono [0..*] DocenteInterno facolta SupplenteStudente Laurea Triennale Studente Laurea Specialistica 0..*0..1 tutor > relatore > 0..*0..1 Corso > codice titolo ciclo titolarità 0..* Esame voto lode data ha sostenuto > 1 0..* < relativo a 0..*1 Tirocinio luogo dataInizio durata ha svolto > relatore solo se al 3 anno

32 32 G. Mecca - - Basi di Dati Progettazione della BD >> Dettagli e Approfondiementi >> Modello ER Studente matricola cognome nome annoDiCorso Docente cognome nome qualifica numTelefono (0,n) DocenteInterno facolta Supplente Studente Laurea Triennale Studente Laurea Specialistica (0,1)(0,n) (0,1)(0,n) Corso codice titolo ciclo (0,n) (1,1) (0,n) (1,1)(0,n) Tirocinio luogo dataInizio durata (0,1) (1,1) titolarità relativo a relatore ha sostenuto ha svolto tutor Esame voto lode data

33 33 G. Mecca - - Basi di Dati Dettagli e Approfondimenti m Classi e identificatori Identificatori Esterni m Generalizzazioni m Cardinalità m Associazioni m Il Modello Entità-Relazione Sintassi grafica Modellazione Concettuale >> Sommario

34 34 G. Mecca - - Basi di Dati Termini della Licenza m This work is licensed under the Creative Commons Attribution- ShareAlike License. To view a copy of this license, visit or send a letter to Creative Commons, 559 Nathan Abbott Way, Stanford, California 94305, USA. m Questo lavoro viene concesso in uso secondo i termini della licenza Attribution-ShareAlike di Creative Commons. Per ottenere una copia della licenza, è possibile visitare oppure inviare una lettera allindirizzo Creative Commons, 559 Nathan Abbott Way, Stanford, California 94305, USA.


Scaricare ppt "G. Mecca – – Università della Basilicata Basi di Dati Modello Concettuale Dettagli e Approfondimenti versione 2.0 Questo lavoro è concesso."

Presentazioni simili


Annunci Google