La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

IL CARCINOMA TIROIDEO Centro E.C.M. Istituto Ninetta Rosano - Clinica Tricarico Sabato 5 Aprile 2008 Hotel Belvedere Belvedere M.mo (CS)

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "IL CARCINOMA TIROIDEO Centro E.C.M. Istituto Ninetta Rosano - Clinica Tricarico Sabato 5 Aprile 2008 Hotel Belvedere Belvedere M.mo (CS)"— Transcript della presentazione:

1 IL CARCINOMA TIROIDEO Centro E.C.M. Istituto Ninetta Rosano - Clinica Tricarico Sabato 5 Aprile 2008 Hotel Belvedere Belvedere M.mo (CS)

2 IL CARCINOMA TIROIDEO Il carcinoma della tiroide è il tumore endocrino maligno più frequente e rappresenta la 2^ causa di morte dopo il carcinoma ovarico

3 CLASSIFICAZIONE DEI NODULI TIROIDEI ECOGRAFICA SCINTIGRAFICA ISTOLOGICA SOLIDI MISTI CISTICI NON CAPTANTI NORMOCAPTANTI IPERCAPTANTI BENIGNI MALIGNI

4

5

6 EPIDEMIOLOGIA INCIDENZA Lincidenza annuale del cancro della tiroide è di per negli uomini e di nelle donne Lincidenza annuale del cancro della tiroide è di per negli uomini e di nelle donne MORTALITA La mortalità annua per cancro della tiroide è compresa tra per negli uomini e di nelle donne (rappresenta meno dell1% di tutti i decessi per cancro)

7

8

9 FREQUENZA DEL CARCINOMA TIROIDEO La frequenza del carcinoma tiroideo è del 3% nei gozzi pluri-nodulari; del 12% nei noduli singoli. Letà media alla diagnosi è vicino ai 40 anni per i Ca. papillari, di 50 anni o più per i Ca. follicolari e di 70 anni per i Ca.anaplastici

10 DIAGNOSTICA CLINICA La possibilità di identificare un nodulo tiroideo alla palpazione è correlata alla: Localizzazione nella tiroide (superficiale o profonda) Anatomia del collo del paziente Esperienza dellesaminatore La palpazione del collo deve essere accurata e deve mirare ad individuare le caratteristiche del/dei nodulo/i: La consistenza La dimensione I limiti La superficie Il rapporto con le strutture adiacenti La cute sovrastante La presenza di linfoadenopatie latero – cervicale.

11 CLINICA DEI NODULI TIROIDEI La maggior parte dei pazienti con nodularità tiroidea è asintomatica ed il riscontro è spesso occasionale. I sintomi più frequenti sono: Tensione nella regione del collo che si accentua soprattutto con i movimenti di flesso – estensione del capo. Compressione e/o deviazione della trachea fino ad assumere fenomeni di tracheomalacia DISPNEA. Compressione e/o deviazione dellesofago DISFAGIA. Sindrome mediastinica (nei gozzi nodulari di lunga durata) da compressione sui vasi e sulle parti molli CONGESTIONE DEL VOLTO E TURGORE DELLE GIUGULARI. Raucedine e/o disfonia da compressione del nervo laringeo ricorrente (suggestivo per neoplasia). Tumefazione acuta e dolente del collo per emorragia ad improvvisa insorgenza in uno dei noduli AGGRAVAMENTO DEI SINTOMI COMPRESSIVI

12 DIAGNOSTICA DI LABORATORIO Ft3,Ft4,TSH : Valutazione funzione tiroidea Ft3,Ft4,TSH : Valutazione funzione tiroidea AbTg,AbTPO : Valutazione di fenomeni auto-immunitari AbTg,AbTPO : Valutazione di fenomeni auto-immunitari CT : Identificazione del carcinoma midollare della tiroide CT : Identificazione del carcinoma midollare della tiroide TG : Nessuna utilità TG : Nessuna utilità

13 DIAGNOSTICA STRUMENTALE FONDAMENTALI Esame citologico mediante ago-aspirato Ecografia tiroidea COMPLEMENTARI Scintigrafia tiroidea Rx torace Rx toraceTC

14

15 FATTORI DI RISCHIO DEL CANCRO DELLA TIROIDE I principali fattori di rischio del cancro della tiroide evidenziati negli studi epidemiologici sono i seguenti: PRECEDENTE IRRADIAZIONE ESTERNA ANAMNESI FAMILIARE DI CARCINOMA TIROIDEO ANAMNESI FAMILIARE DI POLIPOSI (Sindrome di Gardner) APPORTO ALIMENTARE DI IODIO ALTRI FATTORI LEGATI ALLALIMENTAZIONE ED ALLAMBIENTE PREESISTENTE MALATTIA TIROIDEA (Gozzo congenito da disormonogenesi ; Morbo di Graves, Tiroidite di Hashimoto) SESSO ( F M ) ETA ( V decennio di vita, 15 ANNI 65 ANNI) FATTORI ORMONALI E GRAVIDANZE

16

17 FATTORI PROGNOSTICI La grande maggioranza dei pazienti con CA tiroideo differenziato, hanno un alta probabilità di guarigione ed una bassa possibilità di recidive. Tuttavia, una piccola percentuale di pazienti è ad ALTO RISCHIO di recidive e di morte Varianti istologiche Varianti istologiche Metastasi locali o a distanza (MOLTEPLICITA DELLE METASTASI, LOCALIZZAZIONE ALLO SCHELETRO, DIMENSIONE, ETA AVANZATA, ATTIVITA IODIO- CAPTANTE) Metastasi locali o a distanza (MOLTEPLICITA DELLE METASTASI, LOCALIZZAZIONE ALLO SCHELETRO, DIMENSIONE, ETA AVANZATA, ATTIVITA IODIO- CAPTANTE) Estensione del tumore primitivo Estensione del tumore primitivo Età al momento della diagnosi Età al momento della diagnosi Sesso Sesso Coesistenza di patologia tiroidea auto-immune Coesistenza di patologia tiroidea auto-immune Fattori prognostici legati al trattamento iniziale Fattori prognostici legati al trattamento iniziale

18

19

20

21

22 RADIAZIONI E CANCRO DELLA TIROIDE Circa i 2/3 dei tumori RADIO-INDOTTI sono di natura benigna ed 1/3 sono di natura maligna (quasi esclusivamente supportato dallistotipo PAPILLARE) Circa i 2/3 dei tumori RADIO-INDOTTI sono di natura benigna ed 1/3 sono di natura maligna (quasi esclusivamente supportato dallistotipo PAPILLARE) Il carcinoma indotto dallesposizione a radiazioni esterne si manifesta tipicamente con una LATENZA tra 5 e 40 anni dallepoca dellesposizione, con un picco tra 15 e 19 anni. Il carcinoma indotto dallesposizione a radiazioni esterne si manifesta tipicamente con una LATENZA tra 5 e 40 anni dallepoca dellesposizione, con un picco tra 15 e 19 anni. Il fattore di rischio più importante per lo sviluppo di un CA tiroideo è rappresentato dall ETA al momento dellesposizione (al di sotto di 5 anni, il rischio è 2 volte superiore a quello dei soggetti tra 5 e 9 anni, e 5 volte superiore a quello dei soggetti tra i 10 ed i 14 anni). Il fattore di rischio più importante per lo sviluppo di un CA tiroideo è rappresentato dall ETA al momento dellesposizione (al di sotto di 5 anni, il rischio è 2 volte superiore a quello dei soggetti tra 5 e 9 anni, e 5 volte superiore a quello dei soggetti tra i 10 ed i 14 anni). Negli adulti, sebbene i dati disponibili siano scarsi, il rischio di CA tiroideo radio-indotto è molto basso, se non addirittura trascurabile. Negli adulti, sebbene i dati disponibili siano scarsi, il rischio di CA tiroideo radio-indotto è molto basso, se non addirittura trascurabile. Leffetto delle radiazioni è massimo in periodi di rapida proliferazione cellulare, come è il caso della tiroide in epoca evolutiva. Leffetto delle radiazioni è massimo in periodi di rapida proliferazione cellulare, come è il caso della tiroide in epoca evolutiva.

23

24

25 GENETICA DEI TUMORI TIROIDEI La proliferazione delle cellule follicolari normali è controllata da fattori extra-cellulari che, agendo per il tramite di recettori di membrana, modulano le vie intra-cellulari della trasmissione del segnale Nelle cellule follicolari, il principale fattore di regolazione della proliferazione cellulare è il TSH La crescita tumorale è legata ad uno squilibrio irreversibile dei meccanismi di proliferazione cellulare, che può essere dovuto ad unesaltata attività stimolatoria, o da una ridotta attività del controllo inibitorio Il carattere monoclonale della maggior parte dei tumori benigni e maligni della tiroide suggerisce che la loro genesi è dovuta ad anomalie genetiche e più precisamente allattivazione di un oncogene o all inattivazione di un anti-oncogene Numerose anomalie genetiche(mutazioni puntiformi o riarrangiamenti) sono state descritte a livello dei geni RAS;GSP;p53;RET-TRK e del gene del recettore del TSH

26 ONCOGENI E TUMORI DELLA TIROIDE Oncogene RAS: Proteina ras attivata stimola la divisione ed inibisce la differenziazione delle cellule follicolari. Oncogene RAS: Proteina ras attivata stimola la divisione ed inibisce la differenziazione delle cellule follicolari. Oncogene GSP : Mutazione presente nei noduli funzionanti. Oncogene GSP : Mutazione presente nei noduli funzionanti. Oncogene RET-PTC: Mutazione presente nei carcinomi papillari Oncogene RET-PTC: Mutazione presente nei carcinomi papillari Oncogene TRK Oncogene TRK Oncogene MET: potente mitogeno capace di promuovere la motilità e linvasività cellulare Oncogene MET: potente mitogeno capace di promuovere la motilità e linvasività cellulare GENI ONCOSOPPRESORI: normalmente inibiscono o arrestano la divisione cellulare GENI ONCOSOPPRESORI: normalmente inibiscono o arrestano la divisione cellulare

27

28

29

30 Migliore educazione sanitaria.Utilizzo diffuso dellEs. EcograficoMigliore tecnica citologica ed istologica. Maggiore accuratezza e precocità diagnostica. Maggiore capacità di individuare più precocemente il tumore Dimensioni medie dei tumori. Metastasi a distanza Linfoadenopatie cervicali. Aumento delle diagnosi di tumori papillari meno aggressivi e di dimensioni < 1cm (microcarcinomi). Il numero delle diagnosi dei tumori scarsamente differenziati non è aumentato. La mortalità non è aumentata Laumento dellINCIDENZA sarebbe solo apparente; in realtà non ci sono oggi più persone malate di tumore rispetto a 30 anni fa, ma solo più persone con DIAGNOSI di tumore. Apporto alimentare di iodioMigliore tecnica di trattamento e follow-up.

31

32

33

34 GRAZIE PER LATTENZIONE


Scaricare ppt "IL CARCINOMA TIROIDEO Centro E.C.M. Istituto Ninetta Rosano - Clinica Tricarico Sabato 5 Aprile 2008 Hotel Belvedere Belvedere M.mo (CS)"

Presentazioni simili


Annunci Google