La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Presentazione di italiano di Alessandro Bonardi e Simone Rossetti.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Presentazione di italiano di Alessandro Bonardi e Simone Rossetti."— Transcript della presentazione:

1 Presentazione di italiano di Alessandro Bonardi e Simone Rossetti

2 2 Abbandonato dal padre prima della nascita Soggiorna nel ghetto ebraico Fu affidato per breve tempo alla nutrice, Peppa, e restò traumatizzato una volta riconsegnato alla madre Il Piccolo Berto, 1931

3 3 Primi segni della nevrosi Fece 2 anni di leva militare Ebbe delle vicende travagliate con la moglie, Lina Versi militari, 1908 A mia moglie, 1911

4 4 Nevrosi sempre più pressante Scoperta della psicanalisi Parentesi della guerra

5 5 Trasferimento a Milano Scorciatoie e raccontini, 1946 Ritorno a Trieste nel 51, la salute peggiora. Ernesto Riconoscimenti vari

6 6

7 7 Caso unico nello scenario italianoAntinovecentesca Litaliano triste Fedeltà ai moduli poetici del passato Lispirazione data dai libretti dellopera

8 8 Pubblicato più volte Diviso in tre volumi, in base alle fasi della sua vita Racconta la vita di Saba Storia e cronistoria

9 9

10 10 Ricostruzione dellio bambino tramite psicanalisi Registrazione realistica dei fatti attorno a lui Confessione dei lati più intimi Trieste

11 11 "Ho attraversato tutta la città. Poi ho salita un'erta, popolosa in principio, in là deserta, chiusa da un muricciolo: un cantuccio in cui solo siedo; e mi pare che dove esso termina termini la città. Trieste ha una scontrosa grazia. Se piace, è come un ragazzaccio aspro e vorace, con gli occhi azzurri e mani troppo grandi per regalare un fiore; come un amore con gelosia. Da quest'erta ogni chiesa, ogni sua via scopro, se mena all'ingombrata spiaggia, o alla collina cui, sulla sassosa cima, una casa, l'ultima, s'aggrappa. Intorno circola ad ogni cosa un'aria strana, un'aria tormentosa, l'aria natia. La mia città che in ogni parte è viva, ha il cantuccio a me fatto, alla mia vita pensosa e schiva." Trieste Dalla raccolta Trieste e una donna ( )

12 12

13 13 Tu sei come una giovane una bianca pollastra. Le si arruffano al vento le piume, il collo china per bere, e in terra raspa; ma, nell'andare, ha il lento tuo passo di regina, ed incede sull'erba pettoruta e superba. È migliore del maschio. È come sono tutte le femmine di tutti i sereni animali che avvicinano a Dio, Così, se l'occhio, se il giudizio mio non m'inganna, fra queste hai le tue uguali, e in nessun'altra donna. Quando la sera assonna le gallinelle, mettono voci che ricordan quelle, A mia moglie dolcissime, onde a volte dei tuoi mali ti quereli, e non sai che la tua voce ha la soave e triste musica dei pollai. Tu sei come la rondine che torna in primavera. Ma in autunno riparte; e tu non hai quest'arte. Tu questo hai della rondine: le movenze leggere: questo che a me, che mi sentiva ed era vecchio, annunciavi un'altra primavera. Tu sei come la provvida formica. Di lei, quando escono alla campagna, parla al bimbo la nonna che l'accompagna. […]

14 14

15 15 Ho parlato a una capra. Era sola sul prato, era legata. Sazia d'erba, bagnata dalla pioggia, belava. Quell'uguale belato era fraterno al mio dolore. Ed io risposi, prima per celia, poi perché il dolore è eterno, ha una voce e non varia. Questa voce sentiva gemere in una capra solitaria. In una capra dal viso semita sentiva querelarsi ogni altro male, ogni altra vita. La Capra Dalla raccolta Casa e Campagna ( )

16 16 Romanzo incompiuto Ernesto è il doppio di Saba Giovinezza e omosessualità


Scaricare ppt "Presentazione di italiano di Alessandro Bonardi e Simone Rossetti."

Presentazioni simili


Annunci Google