La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Sorella aquila Fratello cielo Molti anni fa un capo tribù pellerossa, scrisse questa lettera al presidente degli Stati Uniti per rispondere alla richiesta.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Sorella aquila Fratello cielo Molti anni fa un capo tribù pellerossa, scrisse questa lettera al presidente degli Stati Uniti per rispondere alla richiesta."— Transcript della presentazione:

1

2 Sorella aquila Fratello cielo Molti anni fa un capo tribù pellerossa, scrisse questa lettera al presidente degli Stati Uniti per rispondere alla richiesta di acquisto della terra abitata dalla sua tribù:

3 Come potete comprare o vendere il cielo, il calore della terra? Questa idea è strana per noi. Noi non siamo proprietari della freschezza dellaria o dello scintillio dellacqua: come potete comprarli da noi!

4 Ogni parte di questa terra è sacra al mio popolo. Ogni ago scintillante di pino, ogni spiaggia sabbiosa, ogni goccia di rugiada nei boschi oscuri, ogni insetto ronzante è sacro nella memoria del mio popolo.

5 La linfa che circola negli alberi porta le memorie delluomo rosso. Noi siamo parte della terra ed essa è parte di noi.

6 I fiori profumati sono nostri fratelli: il cervo, il cavallo e laquila sono nostri fratelli.

7 Le creste rocciose, le essenze dei prati, il calore del corpo del cavallo e luomo, tutti appartengono alla stessa famiglia.

8 Lacqua scintillante che scorre nei torrenti e nei fiumi non è soltanto acqua, ma è il sangue dei nostri antenati.

9 Se noi vi vendiamo la terra, voi dovete ricordare che essa è sacra e dovete insegnare ai vostri figli che essa è sacra e che ogni tremolante riflesso nellacqua limpida del lago parla di eventi e di ricordi della vita del mio popolo.

10 Il mormorio dellacqua è la voce del padre di mio padre. I fiumi sono i nostri fratelli ed essi saziano la nostra sete. I fiumi portano le nostre canoe e nutrono i nostri figli.

11 Se vi vendiamo la terra, voi dovete ricordare e insegnare ai vostri figli che i fiumi sono i nostri fratelli ed anche vostri, dovete perciò usare con i fiumi la gentilezza che usereste con un fratello.

12 Noi sappiamo che luomo bianco non capisce i nostri pensieri. Una porzione di terra è la stessa per lui come unaltra, perché egli è uno straniero che viene nella notte e prende dalla terra qualunque cosa gli serve.

13 Egli tratta sua madre, la terra e suo fratello, il cielo, come cose che possono essere comprate, sfruttate, vendute, come fossero pecore o perline colorate.

14 Il suo appetito divorerà la terra e lascerà dietro solo un deserto.

15 Non so, i nostri pensieri sono differenti dai vostri pensieri. La vista delle vostre città ferisce gli occhi delluomo rosso. Ma forse ciò avviene perché luomo rosso è un selvaggio e non capisce.

16 Non cè alcun posto quieto nelle città delluomo bianco. Alcun posto in cui sentire lo stormire di foglie in primavera., o il ronzio delle ali degli insetti.

17 Ma forse io sono un selvaggio e non capisco.

18 Il rumore delle città ci sembra soltanto che ferisca gli orecchi.

19 E che cosa è mai la vita, se un uomo non può ascoltare il grido solitario del succiacapre o i discorsi delle rane attorno a uno stagno di notte?

20 Ma io sono un uomo rosso e non capisco.

21 Lindiano preferisce il dolce rumore del vento che soffia sulla superficie di un lago o lodore del vento stesso, pulito dalla pioggia o profumato dagli aghi di pino.

22 Laria è preziosa per luomo rosso poiché tutte la cose partecipano dello stesso respiro.

23 Luomo bianco non sembra accorgersi dellaria che respira

24 e come un uomo da molti giorni in agonia, egli è insensibile alla puzza.

25 Questo noi sappiamo: la terra non appartiene alluomo,

26 è luomo che appartiene alla terra. Questo noi sappiamo.

27 Tutte le cose sono collegate, come il sangue che unisce una famiglia.

28 Qualunque cosa capita alla terra, capita anche ai figli della terra.

29 Non è stato luomo a tessere la tela della vita, egli ne è soltanto un filo.

30 Qualunque cosa egli faccia alla tela, lo fa a se stesso.

31 Lamore e il rispetto per la terra, la natura, il pianeta... Per tutto ciò che esiste e vive, dimostrano il livello di civiltà di un popolo! Lamore verso le persone, senza lamore e il rispetto per la terra, la natura, il pianeta... Per tutto ciò che esiste e vive, è un amore mutilato e fragile … non ha futuro!


Scaricare ppt "Sorella aquila Fratello cielo Molti anni fa un capo tribù pellerossa, scrisse questa lettera al presidente degli Stati Uniti per rispondere alla richiesta."

Presentazioni simili


Annunci Google