La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

ALMA MATER STUDIORUM – UNIVERSITA DI BOLOGNA Materiale riservato e strettamente confidenziale La collaborazione fra ricerca privata e ricerca pubblica.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "ALMA MATER STUDIORUM – UNIVERSITA DI BOLOGNA Materiale riservato e strettamente confidenziale La collaborazione fra ricerca privata e ricerca pubblica."— Transcript della presentazione:

1 ALMA MATER STUDIORUM – UNIVERSITA DI BOLOGNA Materiale riservato e strettamente confidenziale La collaborazione fra ricerca privata e ricerca pubblica nel nostro Paese Prof. Achille Franchini Vice- Chairman della Piattaforma Italian Food For Life Direttore Dipartimento Scienze degli Alimenti Università degli Studi di Bologna

2 Copyright© Materiale riservato e strettamente confidenziale 2 OUTLINE della PRESENTAZIONE Il piano di avvicinamento al VII Programma Quadro Lorganizzazione intra-universitaria dellAteneo di Bologna nel settore di Food For Life Attività relazionale con i principali attori sociali Italiani del settore La Nostra Visione del ruolo delle Piattaforme Nazionali Roadmap e Implementazione della Piattaforma Italian Food For Life Il legame con le altre Piattaforme strettamente interconnesse con Food for Life

3 Copyright© Materiale riservato e strettamente confidenziale 3 OUTLINE della PRESENTAZIONE Il piano di avvicinamento al VII Programma Quadro Lorganizzazione intra-universitaria dellAteneo di Bologna nel settore di Food For Life Attività relazionale con i principali attori sociali Italiani del settore La Nostra Visione del ruolo delle Piattaforme Nazionali Roadmap e Implementazione della Piattaforma Italian Food For Life Il legame con le altre Piattaforme strettamente interconnesse con Food for Life

4 Copyright© Materiale riservato e strettamente confidenziale 4 Lavvicinamento alla Ricerca Europea Networking e gioco di squadra Evitare frammentazione Massa critica Collaborazione su obiettivi condivisi Formazione di Teams di ricercatori per settore Collaborazione tra gruppi e conoscenza expertise altrui Unione teams per complementarietà expertise Collaborazione su agenda di ricerca e piano di implementazione Lavvicinamento alle Piattaforme Europee

5 Copyright© Materiale riservato e strettamente confidenziale 5 La nostra visione delle ricerca pubblica - attraverso public domain papers e libri,... - attraverso mostre - attraverso lutilizzo delle regole del mercato: - Collaborando con lindustria I risultati della ricerca pubblica devono tornare alla collettività

6 Copyright© Materiale riservato e strettamente confidenziale 6 La ricerca e Lindustria verso una comune innovazione Ricerca Crea conoscenza Ricerca per linnovazione Combina conoscenza ed esperienza per creare nuovi prodotti, servizi, processi, modelli di sviluppo e organizzazione Pricipali attori Università e centri di ricerca (pubblici e privati) Pricipali attori Università e centri di ricerca insieme al sistema delle imprese OGGI: dove siamo….DOMANI: dove vogliamo arrivare….

7 Copyright© Materiale riservato e strettamente confidenziale 7 Piano di avvicinamento al VII PQ: la nostra organizzazione Technology Platforms

8 Copyright© Materiale riservato e strettamente confidenziale 8 Il fattore chiave Sistema di Ricerca dAteneo Ricercatori, Gruppi, Dipartimenti, Ateneo Il territorio locale Lo Stato Italiano Il territorio locale Lo Stato Italiano Una squadra

9 Copyright© Materiale riservato e strettamente confidenziale 9 OUTLINE della PRESENTAZIONE Il piano di avvicinamento al VII Programma Quadro Lorganizzazione intra-universitaria dellAteneo di Bologna nel settore di Food For Life Attività relazionale con i principali attori sociali Italiani del settore La Nostra Visione del ruolo delle Piattaforme Nazionali Roadmap e Implementazione della Piattaforma Italian Food For Life Il legame con le altre Piattaforme strettamente interconnesse con Food for Life

10 Copyright© Materiale riservato e strettamente confidenziale 10 Come incrementare il successo nei progetti EU del 7PQ Gruppi di Ricerca con supporto AREA della RICERCA (Research Department) 1 2

11 Copyright© Materiale riservato e strettamente confidenziale 11 Disseminazione del Vision document (step 1- Giugno 2005) per informare su: Visione condivisa Sfide chiavi della ricerca Obiettivi strategici Mobilizzare i gruppi di ricerca a partecipare al processo EU supportato dall European Research Development Team (step 2- Settembre 2005) Organizzare i gruppi di ricerca dei differenti dipartimenti e facoltà nei 7 pillars of Food For Life Identificare un coordinatore per ciascun pillar Food For Life & Unibo: Gli steps del progetto (1)

12 Copyright© Materiale riservato e strettamente confidenziale 12 Disseminazione della Strategic Research Agenda (step 3- fine Gennaio 2006) al fine di: Informare sui topics di ricerca alla base del 7PQ Organizzare i gruppi di ricerca in accordo con la SRA 25 Gennaio - 1 Febbraio 2006: Raccolta dei feedbacks alla SRA da parte dei gruppi di ricerca della Università di Bologna 2 Febbraio 2006: Participazione (con 17 delegati di Unibo / ~ < 200 EU partecipanti) alla discussione pubblica della SRA (Brussels) Food For Life & Unibo: Gli steps del progetto (2)

13 Copyright© Materiale riservato e strettamente confidenziale 13 ~80 gruppi della Università di Bologna sulle 7 TEMATICHE SERVIZIO EUROPEO DELLA UNIVERSITA DI BOLOGNA: Food and Health (Prof. S. Hrelia) Food Safety (Prof. M.E Guerzoni) Food Quality & Manufacturing (Prof. M. Dalla Rosa) Sustainable Food Production (Prof. G. Lercker) Food and Consumer (Dr. Mario Mazzocchi) Food Chain Mana-gement (Prof. A. Bertazzoli) CTTT (Dr. G. Manfreda) 1 referente per Area OLTRE 500 RICERCATORI (strutturati e giovani ricercatori) COORDINAMENTO GRUPPI DI RICERCA ORGANIZZAZIONE EXPERTISE ATTIVITA RELAZIONALE CON PIATTAFORME EUROPEE INTEGRAZIONI NELLA SRA INTEGRAZIONI NELL IAP PARTECIPAZIONE ALLA CONSULTAZIONE ITALIANA LUniversità di Bologna: organizzazione bottom-up nel settore FOOD FOR LIFE Prof. G. Cantelli Forti (European Food For Life) Prof. A. Franchini (Italian Food For Life) Marco Degani (Responsabile) & Alessia Di Sandro Piattaforme Tecnologiche Life Science

14 Copyright© Materiale riservato e strettamente confidenziale 14 Prof. G. Lercker Dr.ssa M.T. Estrada European Technology Platform Food for Life - Food Quality & Manu- facturing Food & Health Food Safety Sustainable Food Production Food & Consumer Communication, Training & Technology Transfer Food Chain Management Coordinatori Scientifici della Università di Bologna Prof.ssa S. Hrelia Dr. G. Manfreda Dr. M. Mazzocchi Prof. A. Bertazzoli Prof. M. Dalla Rosa Prof.ssa M.E.Guerzoni Organizzazione supportata da: Dr.ssa A. Di Sandro & Dr. M. Degani (European Office)

15 Copyright© Materiale riservato e strettamente confidenziale 15 OUTLINE della PRESENTAZIONE Il piano di avvicinamento al VII Programma Quadro Lorganizzazione intra-universitaria dellAteneo di Bologna nel settore di Food for Life Attività relazionale con i principali attori sociali Italiani del settore La Nostra Visione del ruolo delle Piattaforme Nazionali Roadmap e Implementazione della Piattaforma Italian Food for Life Il legame con le altre Piattaforme strettamente interconnesse con Food for Life

16 Copyright© Materiale riservato e strettamente confidenziale 16 La nostra visione del VII PQ Sistema Italia Piattaforme Tecnologiche Sistema Italia 10% MM Unione Europea 53 MM - 7 anni VII PQ JTI Asse Italiano Industria – Ricerca Asse Italiano Industria – Ricerca 10% MM ERC Nuovo strumento Nuove misure necessarie

17 Copyright© Materiale riservato e strettamente confidenziale 17 Piattaforme Tecnologiche e loro rapporto con funding bodies PT EU Food for Life PT Italian Food for Life Locali, regionali Nazionali Europei Favorire il co-funding e limitare il doubling tra fondi comunitari, nazionali e regionali Ministeri, Regioni VII PQ

18 Copyright© Materiale riservato e strettamente confidenziale 18 Il progetto Food della Università di Bologna: la mission 1. Ricerca: Coordinamento delle attività relazionali con le istituzioni esterne e le industrie al fine di sviluppare piani di ricerca e programmi scientifici concordi alle politiche Regionali, Nazionali ed Europee 2. R & D: Supporto scientifico necessario a facilitare la cooperazione con le industrie con lobiettivo finale di implementare la presentazione di progetti comuni di R&D finalizzati a ricerche pre-competitive e allo sviluppo innovativo ed economico del nostro paese 3. Business : Raccolta dei bisogni delle industrie, identificazione delle competenze, pianificazione delle attività di ricerca e coordinamento di linee di ricerca specifiche così da sviluppare e potenziare anche il collegamento diretto con le singole imprese, gruppi industriali associazioni di categoria e professionali

19 Copyright© Materiale riservato e strettamente confidenziale 19 FEDERALIMENTARE- UNIBO: una NUOVA collaborazione! Valutazione positiva del contributo della Università di Bologna nella ETP Food For Life ETP Necessità di portare in Italia una consultazione pubblica Nazionale intorno a Food For Life Collaborazione UniBo-Federalimentare per disseminare la SRA alle Industrie, Università e Centri di Ricerca Coinvolgimento della CRUI (Conferenza dei Rettori delle Università Italiane) per un rapporto trasparente con tutte le Università Italiane Raccolta di feedbacks su scala nazionale al Vision Document Italiano

20 Copyright© Materiale riservato e strettamente confidenziale 20 OUTLINE della PRESENTAZIONE Il piano di avvicinamento al VII Programma Quadro Lorganizzazione intra-universitaria dellAteneo di Bologna nel settore di Food For Life Attività relazionale con i principali attori sociali Italiani del settore La Nostra Visione del ruolo delle Piattaforme Nazionali Roadmap e Implementazione della Piattaforma Italian Food For Life Il legame con le altre Piattaforme strettamente interconnesse con Food for Life

21 Copyright© Materiale riservato e strettamente confidenziale 21 Offrire una forte interfaccia tra Università, Centri di ricerca e il mercato alimentare allinterno di un comune progetto su scala nazionale Incrementare linvestimento alla ricerca col fine di raggiungere un più efficace trasferimento di conoscenza ed innovazione Stimolare la risposta ai bisogni delle imprese offrendo servizi integrati ricerca-impresa Creare nuove opportunità di lavoro o nuove figure nel mondo del lavoro di settore di professionalità elevata Rafforzare la competitività della ricerca nazionale di settore La Piattaforma Italian Food For Life: OBIETTIVI

22 Copyright© Materiale riservato e strettamente confidenziale 22 Coinvolgere tutti i principali stakeholders chiave per il settore in una comune identificazione delle priorità di ricerca Italiane rilevanti per i temi del 7PQ e per le concomitanti necessità delle industrie alimentari Catalizzare le iniziative individuali di innovazione verso una comune innovazione del paese attraverso lutilizzo di un approccio di sistema Supportare gli investimenti tecnologici del paese col fine di stimolare l economia del settore La Piattaforma Italian Food For Life: SFIDE

23 Copyright© Materiale riservato e strettamente confidenziale 23 La struttura della Piattaforma Italian Food For Life FEDERALIMENTARE : Coordinatore Chairman della Piattaforma: Dr. Daniele Rossi (Direttore di FEDERALIMENTARE) Università di Bologna: Co-Chairman Prof. Achille Franchini (Direttore del Dipartimento di Scienze degli Alimenti) ENEA: Co-Chairman Dr. Luigi Rossi (Direttore di ENEA) Segretariato: FEDERALIMENTARE e Università di Bologna Dr. Maria Cristina Di Domizio e Dr. Alessia Di Sandro

24 Copyright© Materiale riservato e strettamente confidenziale 24 OUTLINE della PRESENTAZIONE Il piano di avvicinamento al VII Programma Quadro Lorganizzazione intra-universitaria dellAteneo di Bologna nel settore di Food For Life Attività relazionale con i principali attori sociali Italiani del settore La Nostra Visione del ruolo delle Piattaforme Nazionali Roadmap e Implementazione della Piattaforma Italian Food For Life Il legame con le altre Piattaforme strettamente interconnesse con Food for Life

25 Copyright© Materiale riservato e strettamente confidenziale 25 La Piattaforma Italian Food For Life: Fasi del Processo (1) I a Riunione per la proposta della Piattafoma Italian Food for Life QUANDO: 28 Marzo 2006 DOVE: Università di Bologna (Rettorato, Sala VIII Centenario) CHI: Comitato Promotore: 22 partecipanti SCOPO: Pianificazione della organizzazione della Piattaforma e coinvolgimento su scala nazionale 2 a Riunione per la preparazione del Vision Document Italiano QUANDO: 27 Aprile 2006 DOVE: Università di Bologna (Aula Magna- Facoltà Agraria) CHI: Partecipanti: ~ 90 delegati Nazionali SCOPO: Discussione intorno alla SRA Europea (draft n.2 – 24 April 2006) per identificare le priorità della ricerca e della industria Italiana per il 7PQ

26 Copyright© Materiale riservato e strettamente confidenziale 26 3 a Riunione per la presentazione della 1 a versione del Vision Document Italiano QUANDO: 5 Luglio 2006 DOVE: Università Luiss (Sala Colonne, Roma) CHI: Partecipanti: ~ 120 delegati Nazionali SCOPO: Discussione intorno alla 1 a versione del Vision Document Italiano I a Consultazione Nazionale intorno al Vision Document Italiano: molteplici Inputs (~150) hanno portato alla integrazione del 1° draft (la cui prima bozza è stata originata dalla discussione nei 7 gruppi di lavoro durante la riunione tenutasi a Bologna il 27 Aprile 2006) Italian Vision Document Fasi del Processo (2)

27 Copyright© Materiale riservato e strettamente confidenziale 27 4 a Riunione per la presentazione della 1 a versione del Vision Document Italiano QUANDO: 26 Luglio 2006 DOVE: Università di Bologna (Sala VIII Centenario, Rettorato) CHI: Partecipanti: ~ 170 delegati Nazionali SCOPO: Discussione intorno al form on line per la mappatura delle competenze di ricerca del mondo della ricerca pubblica: 2 a Consultazione per la mappatura delle competenze della ricerca pubblica Italiana Fasi del Processo (3)

28 Copyright© Materiale riservato e strettamente confidenziale 28 Migliorare il rapporto Università - Impresa attraverso: informazione reciproca implementata sviluppo di una mentalità più imprenditoriale della ricerca Mettere a sistema gli interessi di ricerca nel settore agro-alimentare in relazione alle tematiche del VII Programma Quadro (macroaree costituenti la piattaforma "Food for Life) Ottenere un quadro complessivo dei punti di forza /debolezza della ricerca agro-alimentare Italiana Dare maggiore visibilità allinsieme degli interessi di ricerca Nazionali del settore con il fine di raggiungere un sistema Italia capace di: costituire un riferimento stabile nel tempo per i programmi di R&D in ambito nazionale incrementare la propria la visibilità nel contesto europeo Perché una indagine sugli interessi di ricerca del Paese

29 Copyright© Materiale riservato e strettamente confidenziale 29 Form on line sviluppato dal servizio informatico della Università di Bologna: mappatura censita sui topics di ricerca descritti nel Vision document Italiano Form disponibile a:http://www.aric.unibo.it/FoodForLife/ Disponibile in 2 lingue: Italiano e Inglese Raccolte oltre 300 forms (80 circa appartengono ai gruppi di ricerca della Università di Bologna) dalla ricerca pubblica Italiana I risultati di tale indagine verranno presentati al Lancio Nazionale della Piattaforma Italian Food For Life Una indagine sugli interessi di ricerca del Paese: RISULTATI

30 Copyright© Materiale riservato e strettamente confidenziale 30 Quali i referenti della indagine sugli interessi di ricerca Lintera comunità che sostiene la piattaforma Italian Food For Life (i risultati verranno presentati nella giornata dedicata al Lancio della Piattaforma) Il mondo industriale di settore (FEDERALIMENTARE) La European Technology Platform Foof For Life Istituzioni responsabili dei Programmi di R&D su scala Nazionale per lo sviluppo di un piano concordato a lungo termine, in linea con le tematiche descritte dalla Piattaforma Food For Life (per il VII e seguenti PQ)

31 ALMA MATER STUDIORUM – UNIVERSITA DI BOLOGNA Materiale riservato e strettamente confidenziale Lancio della Piattaforma Italian Food For Life Università di Bologna Fine Ottobre / Inizio Novembre 2006 Piano di avvicinamento al Lancio....

32 Copyright© Materiale riservato e strettamente confidenziale 32 COME POSSO CONTRIBUIRE ALLA PIATTAFORMA ITALIAN FOOD FOR LIFE? I. Ricercatori e imprese sono invitati a spedire i loro feedbacks al Vision Italiano sia a Federalimentare (Dr.ssa Maria Cristina Di Domizio, ( sia a UniBo (Dr.ssa Alessia Di Sandro Il Vision document integrato coi feedbacks ricevuti su scala Nazionale sarà dunque il risultato di un esteso processo di consultazione, iniziato a Bologna lo scorso Marzo 2006 (con la raccolta di più di 150 feedbacks). II. Il form on line sarà utilizzato per effettuare una indagine sulle competenze della ricerca pubblica Italiana nel settore del Food For Life Il form on line è stato sviluppato in accordo coi 7 pillars di Food For Life, ed è possibile parteciparvi, consultando il sito: I risultati saranno condivisi al momento del Lancio della Piattaforma Italian Food For Life

33 Copyright© Materiale riservato e strettamente confidenziale 33 Condividere il nostro impegno con il mondo della ricerca e della industria del settore su scala Nazionale e Europea, Attivare un interesse significativo da parte delle altre Università, centri di ricerca nazionali ed imprese locali e su scala nazionale al fine di portare a risposte implementate in progetti di ricerca di collaborazione nazionale e transnazionale, Una collaborazione più forte tra le European Technology Platforms e le iniziative regionali e nazionali col fine di potenziare la visibilità delle competenze locali del settore anche sul piano transnazionale La Piattaforma Italian Food For Life Platform: le nostre aspettative

34 Copyright© Materiale riservato e strettamente confidenziale 34 OUTLINE della PRESENTAZIONE Il piano di avvicinamento al VII Programma Quadro Lorganizzazione intra-universitaria dellAteneo di Bologna nel settore di Food For Life Attività relazionale con i principali attori sociali Italiani del settore La Nostra Visione del ruolo delle Piattaforme Nazionali Roadmap e Implementazione della Piattaforma Italian Food For Life Il legame con le altre Piattaforme strettamente interconnesse con Food for Life

35 Copyright© Materiale riservato e strettamente confidenziale 35 Le Piattaforme correlate al concetto della KBBE- Knowledge Based Bio- Economy Le altre Piattaforme Tecnologiche Europee fortemente interconnesse alla Food For Life: 1. SusChem (Industrial Biotech) 2. Plants for the Future (Plant genomics & biotech) 3. Forestry and forest-based industries 4. Global animal health 5. Farm animal breeding 6. Water supply and sanitation

36 Copyright© Materiale riservato e strettamente confidenziale 36 Chemicals Biomass, Agriculture (by)products Sugars Lipids,proteins etc. Biospecialties Biomaterials Fine chemicals Chemo- physical and/or enzymatic treatment Biofuels Bulk chemicals Base Chemicals Plants for the Future and EPOBIO Innovative and sustainable use of forest resources Food for Life Biofuels Food Value Chain White Biotech/IB in the Food Value Chain Biotecnologie Industriali: una sfida comune a molte ETPs H 2 & fuel cells Textile & chlotings SusChem Non Food Value Chain White Biotech/IB in the Non Food Value Chain

37 Copyright© Materiale riservato e strettamente confidenziale 37 THANK YOU Prof. Achille Franchini Dipartimento di Scienze degli Alimenti Università degli Studi di Bologna


Scaricare ppt "ALMA MATER STUDIORUM – UNIVERSITA DI BOLOGNA Materiale riservato e strettamente confidenziale La collaborazione fra ricerca privata e ricerca pubblica."

Presentazioni simili


Annunci Google