La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

DGAA 1/61 MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE DEGLI ARMAMENTI AERONAUTICI 28 Ottobre 2008.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "DGAA 1/61 MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE DEGLI ARMAMENTI AERONAUTICI 28 Ottobre 2008."— Transcript della presentazione:

1 DGAA 1/61 MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE DEGLI ARMAMENTI AERONAUTICI 28 Ottobre 2008

2 DGAA 2/61 SOMMARIO Lacquisizione del materiale aeronautico. Quadro normativo di riferimento. La Ditta Responsabile del Sistema Il controllo di Configurazione e le PP. TT Omologazione, Collaudo ed Immatricolazione. La Continuing Airworthiness e la AER.Q-2005 APR: acquisizione, lomologazione e DTO

3 DGAA 3/61 SOMMARIO Lacquisizione del materiale aeronautico. Quadro normativo di riferimento. La Ditta Responsabile del Sistema Il controllo di Configurazione e le PP. TT Omologazione, Collaudo ed Immatricolazione. La Continuing Airworthiness e la AER.Q-2005 APR: acquisizione, lomologazione e DTO

4 DGAA 4/61 LA CONVENZIONE INTERNAZIONALE PER LAVIAZIONE CIVILE (CHIAMATA BREVEMENTE CONVEZIONE DI CHICAGO), STIPULATA A CHICAGO IL 7 DICEMBRE 1944 TRA PIU DI 180 PAESI, RAPPRESENTA IL TESTO DI RIFERIMENTO IN MATERIA DI AVIAZIONE CIVILE E NE DISCIPLINA A LIVELLO MONDIALE LA SUPERVISIONE DELLA SICUREZZA. SOSTITUISCE LE PRECEDENTI CONVENZIONI DI PARIGI E DELLAVANA. LA CONVENZIONE DI CHICAGO QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO

5 DGAA 5/61 LA CONVENZIONE DI CHICAGO LArticolo 3.a esclude gli AEROMOBILI DI STATO dalla Convenzione. Art.3 Aeromobili Civili e Aeromobili di Stato a) a)La presente Convenzione si applica esclusivamente agli aeromobili civili e non a quelli di Stato b) b)Gli aeromobili adoperati in servizi militari, di dogana o di polizia sono considerati come aeromobili di Stato. QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO APPROFONDIMENTO

6 DGAA 6/61 IL CODICE DELLA NAVIGAZIONE IL CODICE DELLA NAVIGAZIONE IL CODICE DELLA NAVIGAZIONE NON SI APPLICA AGLI AEROMOBILI MILITARI ED IN GENERALE AGLI AEROMOBILI DI STATO. QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO APPROFONDIMENTO

7 DGAA 7/61 Aeromobili militari Art. 745 Aeromobili militari Sono militari gli aeromobili considerati tali dalle leggi speciali e comunque quelli, progettati dai costruttori secondo caratteristiche costruttive di tipo militare, destinati ad usi militari. Gli aeromobili militari sono ammessi alla navigazione, certificati ed immatricolati nei registri degli aeromobili militari del Ministero della Difesa. COD. NAVIGAZIONE – PARTE AEREA QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO APPROFONDIMENTO

8 DGAA 8/61 ENAC (ARTT Cod. Nav.) ENAC AD/DGAA (ART 745 Cod. Nav.) AD/DGAA REGOLAMENTAREGOLAMENTAREGOLAMENTAREGOLAMENTA CERTIFICACERTIFICA CERTIFICACERTIFICA CONTROLLACONTROLLACONTROLLACONTROLLA FFAA tramite AER.Q-2005 Applicando normativa DGAA QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO

9 DGAA 9/61 OMOLOGAZIONE DI TIPO MILITARE AER.P-2 REGISTRAZIONE AEROMOBILI MILITARI AER.P-7 DESIGN ORGANIZATION MILITARY APPROVAL DESIGN ORGANIZATION MILITARY APPROVAL AER.P-10 QUALITY ASSURANCE AER.Q-2000 SERIES CONTROLLO DI CONFIGURAZIONE CONTROLLO AER AER LAERONAVIGABILITÀ (AIRWORTHINESS) È GARANTITA RISPETTANDO LE SEGUENTI NORME PRODOTTO ORGANIZZAZIONE QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO

10 DGAA 10/61 Controllo configurazione. Processi per l'elaborazione, valutazione, ed autorizzazione delle modifiche da introdurre nei materiali di competenza della D.G.A.A. Ed. 01/02/2006 Em. 1 del AER Individuazione e Registrazione della Configurazione degli Articoli Aeronautici - Linee Guida per le FFAA e CdS. Ed. 25/05/2007 AER Design Organization Military Approval Ed. 31/07/2008 Design Organization Military Approval Ed. 31/07/2008 AER(EP).P-10 Istruzioni per la compilazione dei capitolati tecnici per aeroplani prototipi e di serie. 01/09/2005 AER.P-6B Omologazione di Tipo Aeromobile Militare, Omologazione, Idoneità alla Installazione. 16/10/2007 AER.P-2 Norma per liscrizione e la tenuta del Registro degli Aeromobili Militari (R.A.M.). 22/11/2007 AER.P-7 QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO

11 DGAA 11/61 CRITERIO DI AGGIORNAMENTO NORMATIVO LE NORME DELLA DGAA SONO DINAMICHE RECEPENDO CON INTELLIGENZA LESPERIENZA DEL LORO IMPIEGO, I SUGGERIMENTI PROVENIENTI DAL MONDO INDUSTRIALE E DALLE FF.AA. E LE MODIFICHE DELLA NORMATIVA CIVILE. QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO

12 DGAA 12/61 QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO UN LINK PER LA CONSULTAZIONE FACILITATA DELLA NORMATIVA TECNICA EMANATA DALLA DGAA SI TROVA SU:WWW.DGAA.IT/PUB_TEC/INDEX.ASP

13 DGAA 13/61 SOMMARIO Lacquisizione del materiale aeronautico. Quadro normativo di riferimento. La Ditta Responsabile del Sistema Il controllo di Configurazione e le PP. TT Omologazione, Collaudo ed Immatricolazione. La Continuing Airworthiness e la AER.Q-2005 APR: acquisizione, lomologazione e DTO

14 DGAA 14/61 Istruzioni per la compilazione dei capitolati tecnici per aeroplani prototipi e di serie. 01/09/2005 AER.P-6B Omologazione di Tipo Aeromobile Militare, Omologazione, Idoneità alla Installazione. 16/10/2007 AER.P-2 Capitolatotecnico SpecificaTecnica Verifica della documentazione ditta prodotta per dimostrare la rispondenza del progetto ai requisiti del capitolato tecnico ottemperando a quanto previsto dalla norma AER.P-2 La ditta propone il Capitolato Tecnico che viene discusso e APPROVATO dalla DGAA IL CAPITOLATO TECNICO ED IL CONTRATTO DP 2006/0068 del 02/07/2006 Articoli standard a contenuto tecnico per contratti, nazionali ed esteri, aventi ad oggetto attività di manutenzione ed esercizio relative ai materiali aeronautici DP 2005/0037 del 02/07/2007 Modello di contratto Purchase Order per l'acquisizione di materiali "off the shelf" in ambito internazionale

15 DGAA 15/61 E IN FASE CONCLUSIVA IL DECRETO INTER- MINISTERIALE PER LE ATTIVITA DA ESPLETARE A FAVORE DELLA GdF. QUANDO OPERATIVA SARANNO EFFETTUATE ATTIVITA (COME COLLAUDO) A FAVORE GdF E PREVISTO SUPPORTO PERSONALE PRESSO DGAA CON DUPLICE SCOPO: -ADDESTRAMENTO -SUPPORTO ACQUISIZIONE DEL MATERIALE AERONAUTICO

16 DGAA 16/61 SOMMARIO Lacquisizione del materiale aeronautico. Quadro normativo di riferimento. La Ditta Responsabile del Sistema Il controllo di Configurazione e le PP. TT Omologazione, Collaudo ed Immatricolazione. La Continuing Airworthiness e la AER.Q-2005 APR: acquisizione, lomologazione e DTO

17 DGAA 17/61 IL DECRETO LEGISLATIVO N. 24 DEL 2. FEBBRAIO 2002 (ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA 1999/44/CE SU TALUNI ASPETTI DELLA VENDITA E DELLE GARANZIE DI CONSUMO) DEFINISCE COME PRODUTTORE IL FABBRICANTE, LIMPORTATORE DEL BENE (ALLINTERNO DELLUE) O QUALSIASI ALTRA PERSONA CHE SI PRESENTA COME PRODUTTORE APPONENDO SUL BENE IL SUO NOME, MARCHIO O ALTRO SEGNO DISTINTIVO. LA DITTA RESPONSABILE DI SISTEMA APPROFONDIMENTO

18 DGAA 18/61 IL CONCETTO, APPLICATO ALLA REALTA DEL PROCUREMENT DELLA.D., CONSENTE DI IDENTIFICARE SEMPRE NEL FORNITORE ANCHE IL PRODUTTORE DEL BENE. ES. IL VELIVOLO TARGATO ALENIA, LE CUI PARTI/COMPONENTI PROVENGONO DA DITTE DIVERSE, E COMUNQUE PRODOTTO DA ALENIA. LA DITTA RESPONSABILE DI SISTEMA

19 DGAA 19/61 NE DISCENDE CHE: INTERFACCIA UNICA DELLA AMMINISTRAZIONE È LA DITTA FORNITRICE (PRIME CONTRACTOR). LAMMINISTRAZIONE NON HA RAPPORTI DIRETTI GIURIDICAMENTE RILEVANTI CON I SUBFORNITORI. LA DITTA RESPONSABILE DI SISTEMA

20 DGAA 20/61 PER LAMMINISTRAZIONE NON RILEVA LA SUPPLY CHAIN ESSENDO SOLO IL CONTRAENTE PRINCIPALE RESPONSABILE DELLA CORRETTA E TEMPESTIVA ESEZCUIONE DEL CONTRATTO E DEL PRODOTTO FINALE, DEL QUALE LO STESSO SI PRESENTA COME UNICO PRODUTTORE NEI CONFRONTI DELLAD. LA DITTA RESPONSABILE DI SISTEMA

21 DGAA 21/61 LA DRS (DITTA INDIVIDUATA QUALE RESPONSABILE DEL PROGETTO), FORNITRICE DELLA.D., E (DEVE ESSERE) PERTANTO ANCHE LA TITOLARE DEL PROGETTO (DESIGN AUTHORITY), IN QUANTO ORIGINATRICE DELLO STESSO, O LICENZIATARIA O AVENTE CAUSA DALLA DITTA PROGETTATRICE E COME TALE NE RISPONDE LA DITTA RESPONSABILE DI SISTEMA

22 DGAA 22/61 OGNI MODIFICA AL PROGETTO ANDRÀ APPORTATA DIRETTAMENTE O, IN OGNI CASO, PREVIO CONSENSO DELLA DITTA PROGETTATRICE (DRS) SECONDO LE PROCEDURE STABILITE DALLE NORME EMANATE DALLA DGAA AER LA DITTA RESPONSABILE DI SISTEMA

23 DGAA 23/61 A TAL FINE LA DGAA HA EMANATO APPOSITE DIRETTIVE IN CUI SONO PRECISATI, SULLA SCORTA DEL QUADRO NORMATIVO COMUNITARIO E NAZIONALE, GLI OBBLIGHI DELLE DITTE FORNITRICI DELLAD. DIRETTIVA PERMANENTE N LETTERA DINFORMAZIONE N M_DGARM/ / /UG3 20CRDN/DIS LA DITTA RESPONSABILE DI SISTEMA

24 DGAA 24/61 CON LE CITATE DIRETTIVE SI RIBADISCE CHE LA DITTA RESPONSABILE DI UN AEROMOBILE MILITARE DEVE FORNIRE AEROMOBILI SICURI IN UN DETERMINATO INVILUPPO DI VOLO ED E RESPONSABILE SEMPRE DEL SUO USO IN SICUREZZA LA DITTA RESPONSABILE DI SISTEMA

25 DGAA 25/61 ESCLUSA LA RESPONSABILITA E ESCLUSA SE LO STATO DELLE CONOSCENZE SCIENTIFICHE E TECNICHE, AL MOMENTO IN CUI IL PRODUTTORE HA MESSO IN CIRCOLAZIONE IL PRODOTTO, NON PERMETTEVA ANCORA DI CONSIDERARE IL PRODOTTO COME DIFETTOSO. LA DITTA RESPONSABILE DI SISTEMA

26 DGAA 26/61 IN PARTICOLARE LINDUSTRIA DEVE: FORNIRE UN PRODOTTO SICURO DIMOSTRARE DI AVERE FATTO TUTTO QUELLO CHE E NECESSARIO PER FORNIRE UN PRODOTTO SICURO RENDERE DISPONIBILI I MANUALI DUSO CHE COPRANO GLI ASPETTI DI PREVENZIONE E SICUREZZA E PROVVEDERE AL LORO TEMPESTIVO AGGIORNAMENTO … LA DITTA RESPONSABILE DI SISTEMA

27 DGAA 27/61 ….. ASSICURARE IL RISPETTO DEI REQUISITI DI SICUREZZA DEL PRODOTTO FORNITO SECONDO LA PIU RECENTE TECNOLOGIA DIMOSTRARE DI AVER FORNITO UN BENE CHE MANTENGA I REQUISITI DI AFFIDABILITA E SICUREZZA CON I QUALI E STATO PRODOTTO LA DITTA RESPONSABILE DI SISTEMA

28 DGAA 28/61 ….. RENDERE NOTI I LIMITI E LE MODALITA DI IMPIEGO DEL BENE SECONDO I MANUALI APPLICABILI VERIFICARE, TRAMITE INDAGINI TECNICHE, CHE IL BENE CONTINUI A POSSEDERE I REQUISITI DI AFFIDABILITA E SICUREZZA ELIMINARE DAL SUO CICLO PRODUTTIVO TUTTI I MATERIALI DICHIARATI PERICOLOSI LA DITTA RESPONSABILE DI SISTEMA

29 DGAA 29/61 LA RESPONSABILITA DELLA DITTA FORNITRICE/PROGETTATRICE SUSSISTE FINCHE IL PRODOTTO VIENE UTILIZZATO CON LE MODALITA E SECONDO LE ISTRUZIONI EMANATE DALLA STESSA. LA DITTA RESPONSABILE DI SISTEMA

30 DGAA 30/61 MODIFICHE ALLA CONFIGURAZIONE SVILUPPATE ED INTRODOTTE AUTONOMAMENTE DALLA F.A. UTILIZZATRICE SOLLEVANO LA DITTA PROGETTATRICE DALLA RESPONSABILITÀ PER EVENTUALI DANNI CAGIONATI DAL PRODOTTO FORNITO (INTERRUZIONE DEL NESSO DI CAUSALITÀ) LA DITTA RESPONSABILE DI SISTEMA

31 DGAA 31/61 QUANDO SI VERIFICANO INCONVENIENTI/ INCIDENTI IMPUTABILI AD OMISSIONI/ INADEMPIMENTI DELLA DITTA AGLI OBBLIGHI CONTRATTUALMENTE SANCITI (E DISCENDENTI DALLE NORME VIGENTI), QUESTA SOLA RISPONDERA DEI RELATIVI DANNI. LA DITTA RESPONSABILE DI SISTEMA

32 DGAA 32/61 LO STESSO DICASI QUANDO, AI FINI DEL RILASCIO DELLA CERTIFICAZIONE DI COMPETENZA DELLA DGAA, LA DITTA PRODUCA DATI O DOCUMENTAZIONE NON FEDELE O NON VERITIERA O NON COMPLETA E NON CONSENTA LA CORRETTA FORMAZIONE DELLA DECISIONE DA PARTE DELLA DGAA. LA DITTA RESPONSABILE DI SISTEMA

33 DGAA 33/61 COMMISIONE INCIVOLO IN OTTEMPERANZA A QUANTO PREVISTO DALLA NORMATIVA ISV-002 PER QUALSIASI INCONVENIETNTE/INCIDENTE RELATIVO AD AEROMOBILE DI STATO, MILITARE OVVERO APPARTENENTE A CORPI DELLO STATO DOVRA ESSERE NOMINATA UNA COMMISSIONE D INDAGINE CHE ACCERTERA LE CAUSE. LA DITTA RESPONSABILE DI SISTEMA

34 DGAA 34/61 COMMISIONE INCIVOLO LA DGAA AVRA FACOLTA DI CHIEDERE LINSERIMENTO NELLA COMMISSIONE DINVESTIGAZIONE DI UN PROPRIO UFFICIALE IN VESTE DI OSSERVATORE IN QUALUNQUE FASE DINVESTIGAZIONE, SECONDO QUANTO RIPORTATO ALLA SEZIONE 2.2 DELLA ISV-002 (Ed. 2007). LA DITTA RESPONSABILE DI SISTEMA

35 DGAA 35/61 SOMMARIO Lacquisizione del materiale aeronautico. Quadro normativo di riferimento. La Ditta Responsabile del Sistema Il controllo di Configurazione e le PP. TT Omologazione, Collaudo ed Immatricolazione. La Continuing Airworthiness e la AER.Q-2005 APR: acquisizione, lomologazione e DTO

36 DGAA 36/61 Edizione 16 ott 2007 Emendamento N. 1 6 feb REGOLA LE PROCEDURE RELATIVE ALLA: OMOLOGAZIONE DI TIPO AEROMOBILE MILITARE OMOLOGAZIONE DI TIPO AEROMOBILE MILITARE OMOLOGAZIONE E IDONEITA ALLINSTALLAZIONE DEI RELATIVI SISTEMI OMOLOGAZIONE E IDONEITA ALLINSTALLAZIONE DEI RELATIVI SISTEMI OMOLOGAZIONE DI TIPO AEROMOBILE MILITARE Omologazione di Tipo Aeromobile Militare, Omologazione, Idoneità alla Installazione AER.P-2 APPROFONDIMENTO

37 DGAA 37/61 Aeromobili Militari Art. 745 (Aeromobili Militari) Sono militari gli aeromobili considerati tali dalle leggi speciali e comunque quelli, progettati dai costruttori secondo caratteristiche costruttive di tipo militare, destinati ad usi militari. Gli aeromobili militari sono ammessi alla navigazione, certificati ed immatricolati nei registri degli aeromobili militari dal Ministero della Difesa. COD. NAVIGAZIONE – PARTE AEREA AER.P-7 Norma per liscrizione la tenuta del Registro degli Aeromobili Militari (R.A.M.) AER.P-7

38 DGAA 38/61 OGNI AEROMOBILE MILITARE DEVE ESSERE DOTATO DI: OGNI AEROMOBILE MILITARE DEVE ESSERE DOTATO DI: MATRICOLA MILITARE (MM) MATRICOLA MILITARE (MM) CONTRASSEGNO SPERIMENTALE (CS) CONTRASSEGNO SPERIMENTALE (CS) CONTRASSEGNO PROTOTIPICO (CP) CONTRASSEGNO PROTOTIPICO (CP) GLI AEROMOBILI MILITARI SONO AMMESSI ALLA NAVIGAZIONE AEREA SOLO SE ISCRITTI NEL REGISTRO DEGLI AEROMOBILI MILITARI GLI AEROMOBILI MILITARI SONO AMMESSI ALLA NAVIGAZIONE AEREA SOLO SE ISCRITTI NEL REGISTRO DEGLI AEROMOBILI MILITARI AER.P-7 Norma per liscrizione la tenuta del Registro degli Aeromobili Militari (R.A.M.) AER.P-7 AER.P-7

39 DGAA 39/61 AER.P-7 Edizione 6 Marzo 2008 REGOLA LE PROCEDURE RELATIVE: ALLISCRIZIONE DEGLI AEROMOBILI MILITARI NEL REGISTRO DEGLI AEROMOBILI MILITARI (R.A.M.) PER CONSENTIRNE LAMMISIONE ALLA NAVIGAZIONE AEREA. ALLASSEGNAZIONE DELLE MATRICOLE MILITARI, DEI CONTRASSEGNI DI TIPO SPERIMENTALE E PROTOTIPICO AGLI APR DI PESO SUPERIORE A 20KG E LA MODALITÀ DI INSERIMENTO DEL TIPO PER QUELLI DI PESO INFERIORE. Norma per liscrizione la tenuta del Registro degli Aeromobili Militari (R.A.M.) AER.P-7

40 DGAA 40/61 AER.P-7 AEROMOBILI MILITARI AEROMOBILI MILITARI MANUALI DEL TIPO OPERATIVO COLLAUDO E ACCETTAZIONE TYPE CERTIFICATE REGISTRO AEROMOBILI MILITARI MM AS BUILT CONFIGURATION ASSEGNAZIONE MATRICOLA MILITARE ISCRIZIONE DEGLI AEROMOBILI AEROMOBILI DI SERIE

41 DGAA 41/61 SOMMARIO Lacquisizione del materiale aeronautico. Quadro normativo di riferimento. La Ditta Responsabile del Sistema Il controllo di Configurazione e le PP. TT Omologazione, Collaudo ed Immatricolazione. La Continuing Airworthiness e la AER.Q-2005 APR: acquisizione, lomologazione e DTO

42 DGAA 42/61 CONTROLLO DI CONFIGURAZIONE (AER & AER ) IL CONTROLLO DI CONFIGURAZIONE SI PUO CONSIDERARE COME ARTICOLATO IN DUE FASI: a) a)STUDIO, SVILUPPO, EMISSIONE, VALUTAZIONE, COORDINAMENTO ED APPROVAZIONE DELLE PROPOSTE DI MODIFICA TECNICA E DEI CAMBI ALLA CONFIGURAZIONE DI BASE ED EMISSIONE DELLA PRESCRIZIONE TECNICA APPLICATIVA (PTA); b) b)IDENTIFICAZIONE E REGISTRAZIONE DELLA CONFIGURAZIONE (IRC) DI CIASCUN ARTICOLO DI CONFIGURAZIONE (A.C.).

43 DGAA 43/61 Per la identificazione in ogni istante dello stato di configurazione di un articolo di configurazione occorre registrare lo stato di applicazione al medesimo articolo delle singole PTA. Configurazione base Configurazione attuale + PTAs CONTROLLO DI CONFIGURAZIONE (AER & AER )

44 DGAA 44/61 SOMMARIO Lacquisizione del materiale aeronautico. Quadro normativo di riferimento. La Ditta Responsabile del Sistema Il controllo di Configurazione e le PP. TT Omologazione, Collaudo ed Immatricolazione. La Continuing Airworthiness e la AER.Q-2005 APR: acquisizione, lomologazione e DTO

45 DGAA 45/61 LA NORMA AER.Q-2005 CONTIENE : MANTENIMENTO DELLAERONAVIGABILITÀCONTINUED AIRWORTHINESS LE DIRETTIVE ESSENZIALI PER IL MANTENIMENTO DELLAERONAVIGABILITÀ (CONTINUED AIRWORTHINESS) MEDIANTE: LA COSTITUZIONE ED IL MANTENIMENTO DI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITÀ DELLA MANUTENZIONE RISPONDENTI AI REQUISITI DELLA NORMA UNI-EN-ISO 9001 AER.Q-2005 Edizione 23 Febbraio 2007 MANTENIMENTO DELLA AERONAVIGABILITÀ CONTINUA AER.Q-2005

46 DGAA 46/61 LEFFETTUAZIONE DELLE ATTIVITÀ DI CONTROLLO DELLA QUALITÀ (C.Q.) E LAPPLICAZIONE DEI REQUISITI RICHIESTI DALLA PRESENTE NORMA. CONSEGUENTEMENTE NON VIENE PIÙ RICHIESTO OBBLIGATORIAMENTE LA RISPONDENZA AI REQUISITI DELLA PUBBLICAZIONE NATO DELLA SERIE AQAP ALLA BASE DELLABROGATA NORMA AER.Q.5A DEL LUGLIO AER.Q-2005 Edizione 23 Febbraio 2007 MANTENIMENTO DELLA AERONAVIGABILITÀ CONTINUA AER.Q-2005 APPROFONDIMENTO

47 DGAA 47/61 APPLICABILITÀ : LA NORMA DEFINISCE GLI ASPETTI DI ORDINE GENERALE, TECNICI E/O AMMINISTRATIVI DA OSSERVARE, IN MATERIA DI MANUTENZIONE, DA PARTE DI UNA ORGANIZZAZIONE MILITARE E/O APPARTENENTE A CORPI DELLO STATO, AVENTE IN CARICO AEROMOBILI ISCRITTI NEL REGISTRO DEGLI AEROMOBILI MILITARI (RAM) TENUTO A MENTE DELLART. 745 DEL CODICE DELLA NAVIGAZIONE AEREA DALLA D.G.A.A.. AER.Q-2005 APPROFONDIMENTO

48 DGAA 48/61 CONTROLLO DELLA CONFIGURAZIONE PROCESSO DELLE SEGNALAZIONI INCONVENIENTI IN SERVICE OPERATIONS & MAINTENANCE OMOLOGAZIONE DI TIPO MILITARE CONFIGURAZIONE DI PROGETTO COMPLIANCE SPEFICIFICA TECNICA DEL SISTEMA DARMA CERTIFICATO DI TIPO DGAADGAA FFAAFFAA AIRWORTHINESS CONTINUED AIRWORTHINESS CONTINUING AIRWORTHINESS AER.Q-2005 AER.Q-2005 AER.P-2 AER.P-7

49 DGAA 49/61 RESPONSABILITÀ E.M. LINEA VOLO DGAADGAA FFAA CORPI ARMATI COMPLIANCE CONTINUED AIRWORTHINESS ENTI MANUTENZIONE LINEA VOLO AER.Q-2005

50 DGAA 50/61 AER.Q-2005 COMANDANTE DEL REPARTO COMANDANTE/DIRETTORE/CAPO DELLENTE DI MANUTENZIONE LO SPECIALISTA e/o OPERATORE DI MANUTENZIONE RESPONSABILITÀ IL COMANDANTE DELLAEROMOBILE RESPONSABILITÀ APPROFONDIMENTO

51 DGAA 51/61 SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ UNI EN ISO 9001 ENTE DI MANUTENZIONE LINEA VOLO SISTEMA GESTIONE QUALITÀ DEL REPARTO: CERTIFICATO ISO 9001 SISTEMA GESTIONE QUALITÀ DEL REPARTO: CERTIFICATO ISO 9001 AER.Q-2005 CONTINUED AIRWORTHINESS APPROFONDIMENTO

52 DGAA 52/61 OGNI ENTE DI MANUTENZIONE, AVENDO DESIGNATO UN RESPONSABILE INVESTITO DELL'AUTORITÀ NECESSARIA PER ASSICURARE TUTTE LE ATTIVITÀ DI MANUTENZIONE RICHIESTE, ESEGUE LE ATTIVITÀ IN ACCORDO AI DATI DI MANUTENZIONE APPROVATI REQUISITI DEL PERSONALE PERSONALE COINVOLTO NELLATTIVITÀ DI MANUTENZIONE CORSI SPECIALISTI DI QUALIFICA E ABILITAZIONE (OJT) FORMAZIONE INIZIALE E CONTINUA SULLA NORMATIVA TECNICA DELLA D.G.A.A. (ES. E-LEARNING, ECC.) Le qualifiche del personale impiegato nei lavori di manutenzione deve essere opportunamente registrato e monitorato. APPROFONDIMENTO

53 DGAA 53/61 SOMMARIO Lacquisizione del materiale aeronautico. Quadro normativo di riferimento. La Ditta Responsabile del Sistema Il controllo di Configurazione e le PP. TT Omologazione, Collaudo ed Immatricolazione. La Continuing Airworthiness e la AER.Q-2005 APR: acquisizione, lomologazione e DTO

54 DGAA 54/61 TITOLO V – Capo I: Delle distinzioni degli aeromobili Art. 743 (Nozione di aeromobile). Per aeromobile si intende ogni macchina destinata al trasporto per aria di persone o cose. Sono altresì considerati aeromobili i mezzi aerei a pilotaggio remoto, definiti come tali dalle leggi speciali….. CODICE DELLA NAVIGAZIONE GLI APR IN QUANTO AEROMOBILI MILITARI, RICADONO NEL DISPOSTO DELLART. 745 (AEROMOBILI MILITARI) PER LE ATTIVITÀ DI CERTIFICAZIONE, IMMATRICOLAZIONE ED AMMISSIONE ALLA NAVIGAZIONE AEREA. GLI APR IN QUANTO AEROMOBILI MILITARI, RICADONO NEL DISPOSTO DELLART. 745 (AEROMOBILI MILITARI) PER LE ATTIVITÀ DI CERTIFICAZIONE, IMMATRICOLAZIONE ED AMMISSIONE ALLA NAVIGAZIONE AEREA. APPROFONDIMENTO AEROMOBILI A PILOTAGGIO REMOTO

55 DGAA 55/61 GLI AEROMOBILI A PILOTAGGIO REMOTO (APR) SONO CONSIDERATI A TUTTI GLI EFFETTI AEROMOBILI MILITARI E SEGUONO LE REGOLE RIPORTE NEL CODICE DELLA NAVIGAZIONE COME TUTTI GLI ALTRI AEROMOBILI ALLAPR DEVE ESSERE ASSEGNATO UN NUMERO IDENTIFICATIVO PER AMMETTERLO ALLA NAVIGAZIONE AEREA AEROMOBILI A PILOTAGGIO REMOTO LEGGE NR. 178, 14 JUL 2004

56 DGAA 56/61 STABILITO CHE LA DGAA E LAUTORITA NAZIONALE RESPONSABILE PER LEMISSIONE DELLA NORMATIVA TECNICA PER GLI APR. STABILITO CHE GLI APR, IN ADERENZA ALL ARTICOLO DEL CODICE DELLA NAVIGAZIONE, SONO SOGGETTI ALLE NORMATIVE APPLICABILI DELLA DGAA. DEFINITO E CLASSIFICATO GLI UAV IN 5 CLASSI: –STRATEGICI (S): > 500 Kg –TATTICI (T): 150 ÷ 500 Kg –LEGGERI (L): 20 ÷ 150 Kg –MINI (M): 2 ÷ 20 Kg –MICRO (m): < 2 Kg IL DECRETO DEL MINISTRO DELLA DIFESA DEL IN ACCORDO CON IL DLGS 15/03/2006, IL MINISTRO DELLA DIFESA HA IL MINISTRO DELLA DIFESA HA: AEROMOBILI A PILOTAGGIO REMOTO

57 DGAA 57/61 UAVS CLASSES (Mass UAVS)DEFINITION MILITARY AIRCRAFT REGISTRATION GCSOPERATORS SAFETY TARGET REQs CUMULATIVE PROBABILITY OF CATASTROPHIC EVENT CUMULATIVE RATE FOR SYSTEM LOSS W < 2 kg MICRO REGISTER AS A TYPE GROUND MILITARY OPERATOR 10E-510E-3 2 2720 kg 10E-710E-6<<5*E10E-6 CRITERI DI SICUREZZA DEGLI UAV

58 DGAA 58/61 UN APR AMMESSO ALLA NAVIGAZIONE AEREA DALLA DGAA PUO ESSERE IMPIEGATO SOLO NELLAMBITO DI UN DOCUMENTO TECNICO OPERATIVO: LIMITAZIONILIMITAZIONI LEGGE NR. 178, 14 JUL 2004 AREE DI VOLO DTO IL DTO E CONCORDATO DA AERONAUTICA MILITARE ENACENAC AEROMOBILI A PILOTAGGIO REMOTO

59 DGAA 59/61 DTO UNAUTORIZZAZIONE AL VOLO IL DTO E UN PRE-REQUISITO PER LIMPIEGO NELLO SPAZIO AEREO, COMUNQUE ESSO NON E UNAPPROVAZIONE FORMALE DELLA CONFIGURAZIONE ! INFATTI, ESSENDO LAPR UN AEREO MILITARE E DI RESPONSABILITA ESCLUSIVA DELLA DGAA APPROFONDIMENTO AEROMOBILI A PILOTAGGIO REMOTO

60 DGAA 60/61 GERARCHIA DELLA DOCUMENTAZIONE DTO PROGETTO CERTIFICATO DI TIPO MILITARE MATRICOLA MILITARE REGISTRO DELLE MATRICOLE MILITARI POP-OPR-001 AIP ITALIA AIRAC 5/03 AIP ITALIA AIRAC 5/03 VERBALE DI COLLAUDO E ACCETAZIONE VERBALE DI COLLAUDO E ACCETAZIONE 03 IMPIEGO NELLO SPAZIO AEREO APPROFONDIMENTO AEROMOBILI A PILOTAGGIO REMOTO

61 DGAA 61/61 MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE DEGLI ARMAMENTI AERONAUTICI ROMA, 28 Ottobre 2008


Scaricare ppt "DGAA 1/61 MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE DEGLI ARMAMENTI AERONAUTICI 28 Ottobre 2008."

Presentazioni simili


Annunci Google