La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 IL RAPPORTO DI LAVORO (Lavoro subordinato, autonomo, parasubordinato, certificazione) Lezione 2 a.a. 2007-2008 Piera Campanella.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 IL RAPPORTO DI LAVORO (Lavoro subordinato, autonomo, parasubordinato, certificazione) Lezione 2 a.a. 2007-2008 Piera Campanella."— Transcript della presentazione:

1 1 IL RAPPORTO DI LAVORO (Lavoro subordinato, autonomo, parasubordinato, certificazione) Lezione 2 a.a Piera Campanella

2 2 Norme legislative Prassi amministrative Principi giurisprudenziali Contratti collettivi INTERAZIONEINTERAZIONE Art. 1 preleggi: indicazione delle fonti

3 3 FONTI INTERNAZIONALI FONTI COMUNITARIE FONTI NAZIONALI: LA COSTITUZIONE FONTI NAZIONALI (LEGISLATIVE STATUALI): IL CODICE CIVILE E LA LEGISLAZIONE SPECIALE FONTI NAZIONALI (LEGISLATIVE REGIONALI)

4 4 Nuovo titolo V Costituzione Art. 117 COMPETENZA ESCLUSIVA DELLO STATO COMPETENZA CONCORRENTE STATO/REGIONI COMPETENZA ESCLUSIVA DELLE REGIONI ORDINAMENTO CIVILE (c. 2, lett. l)) ORDINAMENTO CIVILE (c. 2, lett. l)) TUTELA E SICUREZZA DEL LAVORO (c. 3) TUTELA E SICUREZZA DEL LAVORO (c. 3) RESIDUALE (c. 4) RESIDUALE (c. 4) Disciplina intersoggettiva di qualsiasi rapporto di lavoro Disciplina dei servizi per limpiego Corte Cost. n. 50/2005

5 5 E laccordo con cui le parti collettive predeterminano la disciplina dei rapporti individuali di lavoro (parte normativa) e regolano taluni tratti dei loro rapporti reciproci (parte obbligatoria) E laccordo con cui le parti collettive predeterminano la disciplina dei rapporti individuali di lavoro (parte normativa) e regolano taluni tratti dei loro rapporti reciproci (parte obbligatoria) Il contratto collettivo di diritto comune I problemi di efficacia Il contratto collettivo di diritto comune I problemi di efficacia I rapporti con la legge

6 6 Inderogabilità indisponibilità diritti (derivanti da quelle norme) il tratto tipico della norma di legge o di contratto collettivo ART c.c. Invalidità (annullabilità) di tutte le rinunzie e le transazioni aventi ad oggetto norme inderogabili della legge e dei contratti collettivi, salvo che intervengano ai sensi degli artt. 185, 410 e 411 c.p.c. v. anche art. 82 D.Lgs. n. 276/2003

7 7 Il lavoro subordinato referente sociale essenziale del diritto del lavoro Ma cosa si intende per lavoro subordinato? Quali sono i criteri giuridici sulla cui base viene operata la qualificazione? Il rilievo pratico essenziale della qualificazione in ragione del binomio fattispecie/effetti

8 8 Il rapporto di lavoro quale sottospecie della locazione Codice civile 1865 La distinzione tra locatio operis locatio operarum Obbligazione di risultato Obbligazione di mezzi oggetto obbligazione Linadeguatezza del criterio

9 9 Tradizionale insuccesso dei tentativi di agganciare la subordinazione ai profili vari della condizione socio-economica del prestatore di lavoro 1.estraneità mezzi di produzione 2.Inerenza dellattività lavorativa al ciclo produttivo dellimprenditore 3.Debolezza economica del prestatore di lavoro, ossia sua appartenenza ad un gruppo sociale in posizione di debolezza sul mercato Si è osservato che trattasi di profili storicamente variabili, estranei alla fattispecie legislativamente tipizzata (v. art c.c.) e privi di idoneità qualificatoria. Da ultimo, tuttavia, si assiste ad una rivalutazione, in qualche modo, del dato della inferiorità socio-economica del prestatore di lavoro subordinato, almeno nel senso della sua dipendenza dal datore di lavoro (art c.c.), intesa come doppia alienità (v. lucidi n. 14 e n. 15).

10 10 Art c.c. La subordinazione è ricostruita come particolare modo dessere della prestazione lavorativa E subordinata la prestazione che si svolge nellorganizzazione del datore di lavoro (nellimpresa), alle dipendenze e sotto la direzione dello stesso ETERODIRETTA La scarsa pregnanza qualificatoria della nozione

11 11 ART c.c. Prestatore di lavoro subordinato ART c.c. Contratto dopera Quando una persona si obbliga a compiere verso un corrispettivo unopera o un servizio, con lavoro prevalentemente proprio e senza vincolo di subordinazione nei confronti del committente E prestatore di lavoro subordinato chi si obbliga mediante retribuzione a collaborare nellimpresa, prestando il proprio lavoro intellettuale o manuale alle dipendenze e sotto la direzione dellimprenditore ART. 409 c.p.c.

12 12 IL METODO TIPOLOGICO LOPERAZIONE QUALIFICATORIA SI COMPIE MEDIANTE UN GIUDIZIO DI APPROSSIMAZIONE DELLA FATTISPECIE CONCRETA AL TIPO NORMATIVO (IL MODELLO SOCIALE DI RIFERIMENTO), SUI CUI INDICI LA GIURISPRUDENZA COSTRUISCE IL TIPO LEGALE (IL PRESTATORE DI LAVORO SUBORDINATO EX ART c.c.) Gli indici Eterodirezione, inserzione del lavoratore nel ciclo produttivo, orario di lavoro, assenza di rischio, modalità della retribuzione, esclusività della dipendenza da un solo datore

13 13 1. Il declino del prototipo sociale di riferimento 2. Lesaltazione del soggettivismo giudiziario e lincremento del tasso di incertezza del diritto 3. Lesaltazione della tendenza espansiva del diritto del lavoro subordinato

14 14 1. La rilevanza del nomen juris (ma v. Corte Cost. n. 30/1996) 2. La riscoperta del metodo sussuntivo e la centralità delleterodirezione 3. La crisi della corrispondenza tra fattispecie ed effetti 4. Rivalutazione del criterio della dipendenza (art c.c.) come autonomo e distinto dalleterodirezione (v. anche C. Cost. n. 30/1996)

15 15 1. Estensione di un nucleo di tutele oltre la subordinazione Disegno di legge (n. C 104 del ) sulla Carta dei diritti delle lavoratrici e dei lavoratori. 2. Revisione della nozione di subordinazione Progetto di legge recante nuove norme per il superamento del precariato e per la dignità del lavoro. Tutto ciò in risposta alla scelta della legge Biagi di riforma delle collaborazioni coordinate e continuative nella forma del lavoro a progetto.

16 16 Art c.c. Art c.c. Art. 409 c.p.c. da questa norma è emersa la fattispecie della collaborazione coordinata e continuativa (che rientra nellambito del lavoro autonomo, non è un tertium genus), dotata via via di spessore ed autonoma fisionomia grazie a recenti interventi legislativi I requisiti della continuità, del coordinamento e della prevalente personalità dellopera

17 17 Riferimenti normativi Artt. 61 ss. D.Lgs. n. 276/2003; Circolare ministeriale n. 1/2004. Finalità della riforma Impedire lutilizzo improprio o fraudolento delle co.co.co., rafforzando però la natura autonoma della fattispecie. Non si addiviene ad un superamento della dicotomia autonomia- subordinazione, né ad una risistemazione della disciplina lavoristica secondo un continuum autonomia-subordinazione. La fattispecie I rapporti dellart. 409, n. 3, c.p.c. devono transitare nellambito del c.d. lavoro a progetto; cioè: Riconducibilità a uno o più progetti specifici o programmi di lavoro o fasi di esso. Forma e contenuto del contratto Forma scritta a fini di prova Contenuto necessario Cè contrasto su tale definizione (v. circ. min. n. 1/04 e in giurisprudenza T. Genova, ). In ogni caso, è necessaria la riconducibilità del progetto ad una attività a priori ben identificabile. In mancanza, opera la presunzione semplice in favore del lavoro subordinato (art. 69 D.Lgs. n. 276/2003)

18 18 Le tutele 1.Corrispettivo (art. 63) 2.Invenzioni e diritti dautore (art. 64) 3. Sospensione del rapporto (art. 66) 4. Sicurezza e salute nei luoghi di lavoro (art. 66) 5. Estinzione del contratto (art. 67) Svolgimento del rapporto e obblighi del collaboratore A)Possibilità di svolgere la prestazione in regime di pluricommittenza, salva diversa previsione del contratto individuale B) Obbligo di non concorrenza e di riservatezza (art. 64). Risoluzione del rapporto Al momento della realizzazione del progetto o programma E possibile il recesso per giusta causa E possibile il recesso anche per altre modalità (incluso il preavviso) stabilite dalle parti nel contratto individuale.

19 19 CAMPO DI APPLICAZIONE GENERALE, MA CON ECCEZIONI Lavoro occasionale Rapporti di durata non superiore a 30 giorni allanno e con compenso non superiore a euro (art, 61, c. 2) Una particolare fattispecie di prestazione occasionale è il c.d. lavoro accessorio (artt. 70 ss.) Ipotesi ancora soggette alla disciplina dellart. 409 c.p.c. Specifici rapporti (es. agenti, rappresentanti di commercio, ecc.) Dipendenti della P.A.

20 20 Art c.c. Art. 409 c.p.c. Art c.c. art c.c. No art c.c. Artt. 61 ss. D.Lgs. n. 276/2003 L. n. 533/1973T. proc. T. sost. T. proc.L. n. 533/1973 T. sost. CompletaT. sost. Minima art c.c. T. proc.L. n. 533/1973

21 21 Al fine di ridurre il contenzioso in materia di rapporti di lavoro Le parti possono ottenere la CERTIFICAZIONE DEL CONTRATTO DI LAVORO in base ad una procedura volontaria

22 22 ENTI BILATERALI (organismi costituiti ad iniziativa dei sindacati comparativamente più rappresentativi) ENTI BILATERALI (organismi costituiti ad iniziativa dei sindacati comparativamente più rappresentativi) DIREZIONI PROVINCIALI DEL LAVORO (DPL) E PROVINCE (v. D.M. 21 luglio 2004) DIREZIONI PROVINCIALI DEL LAVORO (DPL) E PROVINCE (v. D.M. 21 luglio 2004) UNIVERSITA registrate in apposito albo ministeriale (v. D.M. 14 giugno 2004) UNIVERSITA registrate in apposito albo ministeriale (v. D.M. 14 giugno 2004) *Le commissioni svolgono anche attività di consulenza e assistenza alle parti e di certificazione ex art MINISTERO DEL LAVORO CONSIGLI PROVINCIALI CONSULENTI LAVORO CONSIGLI PROVINCIALI CONSULENTI LAVORO

23 23 Presentazione di unistanza scritta comune delle parti Linizio del procedimento va comunicato alla DPL Il procedimento va concluso entro 30 giorni con un atto di certificazione motivato Le Commissioni operano nellosservanza di propri regolamenti in attesa dei codici di buone pratiche ministeriali che individueranno anche le clausole indisponibili in sede di certificazione, recependo ove esistano le indicazioni di accordi interconfederali dei sindacati rappresentativi

24 24 LATTO DI CERTIFICAZIONE VINCOLA NON SOLO LE PARTI DEL CONTRATTO, MA ANCHE I TERZI (ES. INPS) FINO AL MOMENTO IN CUI SIA STATO ACCOLTO UNO DEI RICORSI GIURISDIZIONALI DI CUI SOPRA IMPUGNAZIONE DINANZI AL GIUDICE DEL LAVORO Erronea qualificazione del contratto Difformità tra il programma negoziale certificato e la sua successiva attuazione Vizi del consenso IMPUGNAZIONE DINANZI AL T.A.R. Violazione del procedimento Eccesso di potere


Scaricare ppt "1 IL RAPPORTO DI LAVORO (Lavoro subordinato, autonomo, parasubordinato, certificazione) Lezione 2 a.a. 2007-2008 Piera Campanella."

Presentazioni simili


Annunci Google