La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

L’Unione Europea Schengen Stati Membri Tappe UnificazioneIstituzioni Europee Euro.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "L’Unione Europea Schengen Stati Membri Tappe UnificazioneIstituzioni Europee Euro."— Transcript della presentazione:

1 L’Unione Europea Schengen Stati Membri Tappe UnificazioneIstituzioni Europee Euro

2 Le Istituzioni Europee Parlamento Commissione Europea Consiglio Europeo BCE - Euro Consiglio dell’Unione Europea Credits

3 PARLAMENTO Il parlamento europeo, anche detto europarlamento (entrato in vigore nel 1979), vota e conferma la commissione europea. E’ un’istituzione della UE che esercita il potere legislativo, ovvero propone agli stati membri delle leggi (direttive)che devono recepire. Ha tre sedi: Bruxelles, Strasburgo e Lussemburgo; le prime due sono le sedi plenarie, mentre Lussemburgo è la sede amministrativa. I membri del parlamento vengono eletti ogni cinque anni a suffragio universale diretto dei cittadini. Il numero di eurodeputati, in ogni paese, è proporzionale alla sua popolazione (tra i 20 e i 90). Al momento ce ne sono 751, per l’Italia 73. Sede di Strasburgo

4 COMMISSIONE EUROPEA La Commissione Europea nasce nel E’ composta da 27 commissari (uno per stato) e un presidente che restano in carica cinque anni. Il suo compito è quello di controllare l’ applicazione dei trattati nell’ unione. Viene approvato dal parlamento. La sede principale è situata a Bruxelles. Jean-Claude Juncker, Lussemburgo. Presidente attuale della Commissione Europea.

5 CONSIGLIO EUROPEO Il consiglio europeo è una riunione dei capi di stato e di governo dei paesi membri. Prevede eventuali trattati tra gli stati e definisce la politica europea. Il presidente rimane in carica 5 anni. Si tengono 4 riunioni all’anno. Donald Tusk, Polonia. Presidente del Consiglio Europeo

6 CONSIGLIO DELL’ UNIONE EUROPEA Il consiglio dell’unione europea coordina le politiche nelle varie materie. E’ una riunione di ministri che si occupano di una materia specifica che varia a seconda delle necessità di quel settore, come ad esempio l’agricoltura. La Presidenza del Consiglio spetta a ciascuno Stato membro per la durata di un semestre, secondo un sistema a rotazione semestrale stabilito da una deliberazione a maggioranza qualificata del Consiglio Europeo. L’Italia ha presieduto nel semestre luglio – dicembre La sede è situata a Bruxelles. Il semestre gennaio – giugno 2015 è presieduto dalla Lettonia.

7 L’Euro L'euro (EUR o €) è la valuta comune ufficiale dell’Unione Europea (nel suo insieme), nonché quella unica attualmente adottata da 19 dei 28 stati membri. Il simbolo dell’euro è ispirato alla epsilon greca, con riferimento alla E di "Europa. Le linee parallele che l'attraversano simboleggiano la stabilità dell'euro. Credits

8 Stati che hanno adottato l’Euro Austria Belgio Cipro Estonia Finlandia Francia Germania Grecia Irlanda Italia Lettonia Lituania Lussemburgo Malta Paesi Bassi Portogallo Slovacchia Slovenia Spagna

9 La BCE è la banca centrale per la moneta unica europea, l’euro. Il compito principale della BCE è preservare il potere di acquisto della moneta unica, assicurando quindi la stabilità dei prezzi nell’area dell’euro. Questa non è solo l’obiettivo primario della BCE, ma anche un obiettivo dell’intera Unione Europea. Banca Centrale Europea

10 Vantaggi e svantaggi della moneta unica Vantaggi Migliore stabilità dei prezzi con conseguente aumento del benessere economico e dell’occupazione. Incremento degli investimenti Maggiore estensione del mercato finanziario. Svantaggi Rischio di deprezzamento della valuta nazionale Aumento dei prezzi contro il mantenimento dei salari

11 Simboli delle monete italiane 1 cent: Castel del Monte, Andria 2 cent: Mole Antonelliana, Torino 5 cent: Colosseo, Roma 10 cent: “La nascita di Venere” di Botticelli 20 cent: “Forme uniche della continuità nello spazio” di Boccioni 50 cent:statua equestre di Marco Aurelio, Roma 1 euro: Uomo vitruviano 2 euro: Dante Alighieri

12 Accordo firmato a Schengen nel 1985 fra Belgio, Francia, Germania, Lussemburgo e Paesi Bassi, per eliminare i controlli alle frontiere comuni e introdurre un regime di libera circolazione per i cittadini degli Stati firmatari, degli altri Stati membri della Comunità o di paesi terzi. Credits

13 L'accordo fu firmato a Schengen il 14 giugno 1985 (entrato in vigore solo nel 1995) fra il Benelux, Francia e Germania con il quale si intendeva eliminare progressivamente i controlli delle persone alle frontiere comuni e introdurre un regime di libera circolazione per i cittadini degli Stati firmatari, degli altri Stati membri della Comunità o di Paesi terzi. OBIETTIVI: -Abolizione dei controlli sistematici delle persone alle frontiere interne dello spazio Schengen. -Rafforzamento dei controlli alle frontiere esterne dello spazio Schengen. -Collaborazione delle forze di polizia e possibilità per esse di intervenire in alcuni casi anche oltre i propri confini (per esempio durante gli inseguimenti di malavitosi). -Coordinamento degli stati nella lotta alla criminalità organizzata di rilevanza internazionale (per esempio mafia, traffico d'armi, droga, immigrazione clandestina). -Integrazione delle banche dati delle forze di polizia (il Sistema di informazione Schengen, detto anche SIS).

14 L'accordo e la convenzione di Schengen, nonché gli accordi e le regole connessi formano "l'acquis di Schengen". Dal 1999, l'acquis di Schengen è integrato nel quadro istituzionale e giuridico dell'Unione europea in virtù di un protocollo allegato ai trattati. Gli accordi di Schengen sono stati estesi nel tempo: l'Italia ha firmato gli accordi nel 1990, la Spagna e il Portogallo nel 1991, la Grecia nel 1992, l'Austria nel 1995, la Finlandia e la Svezia nel 1996, anche la Danimarca nel 1996, ma con uno statuto adattato, mentre la Repubblica ceca, l’Estonia, la Lettonia, la Lituania, l’Ungheria, Malta, la Polonia, la Slovenia e la Slovacchia nel L'Irlanda e il Regno Unito partecipano, dal canto loro, solo parzialmente all'acquis di Schengen, in quanto sono stati mantenuti i controlli alle loro frontiere. Anche la Bulgaria, Cipro e la Romania applicano solo parzialmente l'acquis di Schengen, poiché è ancora necessaria una decisione del Consiglio dell'Unione europea prima che possano essere eliminati i controlli alle frontiere di questi paesi. Anche quattro paesi terzi fanno parte dello spazio di Schengen. La loro partecipazione al processo decisionale è tuttavia limitata: l'Islanda e la Norvegia dal 1996 e la Svizzera e il Liechtenstein dal 2008.

15 A seguito degli attentati di Parigi del gennaio 2015, Francia e Spagna si sono dette disposte a rivedere gli accordi, da rivalutare nell’ottica delle problematiche sollevate dal fenomeno dei foreign fighters, introducendo controlli più stretti su alcuni passeggeri, sulla base della loro provenienza etnica e sul luogo di partenza del viaggio. Inoltre occorrerebbe condividere le informazioni su combattenti stranieri in rete ed eliminare i siti Internet col lo scopo di attirare seguaci.

16 Rischi per la sicurezza (terrorismo) Meno opportunità di lavoro per il Paese accogliente (causa referendum in Svizzera nel 2014) Discriminazione verso i Paesi non facenti parte dell’Unione Europea

17 Il 50,3 % degli svizzeri nel febbraio del 2014 tramite referendum ha detto sì ad una nuova regolamentazione e riduzione dell’accesso di immigrati nel Paese. Per trasformare in legge la volontà del popolo ora la Svizzera si è dovuta rivolgere all’Unione europea per rivedere il Trattato di Schengen sulla libera circolazione dei cittadini. Cos’ha spinto gli svizzeri a questa scelta e quali saranno gli effetti? Per cercare di capire i motivi che hanno spinto gli svizzeri a dichiarare di voler limitare l’immigrazione, occorre guardare ai dati sulle votazioni: il rigetto del referendum si è concentrato soprattutto nelle grandi città e nella Svizzera francese, mentre nei Cantoni interni e nel Ticino si sono concentrati i voti favorevoli. Molti cittadini italiani infatti si recano soprattutto in Ticino per lavorare, sono i così detti frontalieri cioè cittadini che vivono in uno Stato e lavorano in un altro. Alcuni svizzeri accusano i frontalieri di “rubare loro il lavoro” essendo una zona non molto estesa e quindi non particolarmente ricca di lavoro, è difficile però stabilire se queste accuse siano o meno fondate data la bassa disoccupazione in questa zona.

18 Tappe dell’unificazione europea Credits

19 1957: Trattato di Roma e fondazione della CEE Trattato di Roma Nascita della CEE Paesi Fondatori : Italia, Francia, Germania, Belgio, Paesi Bassi, Lussemburgo Paesi fondatori Scopi della CEE Favorire la cooperazione economica Promuovere la libera circolazione delle merci, senza dazi doganali

20 1979: si elegge per la prima volta il Parlamento Per maggiori informazioni clicca qui Sede a Strasburgo

21 1992: Nasce UE Con trattato di Maastricht ( Paesi Bassi ) 1995 Libera circolazione delle persone Aderiscono anche paesi non nell’UE, come la Svizzera Per maggiori informazioni clicca qui !

22 anca entrale uropea Nasce nel 1998 Sede a Francoforte Gestisce la politica monetaria Decide la quantità di denaro da immettere nel mercato Inizia a circolare fisicamente nel 2002 Per maggiori informazioni clicca qui !

23 Entrano a far parte dell’unione europea 10 paesi : 1.Polonia 2.Estonia 3.Lettonia 4.Lituania 5.Repubblica Ceca 6.Slovenia 7.Slovacchia 8.Cipro 9.Malta 10.Ungheria

24 Credits

25  Capitale: ROMA   Ingresso nella CEE: 1957 (membro fondatore)   Aderisce a Schengen  Forma di governo: repubblica parlamentare  PIL: 2149 miliardi USD Un omino = 10 milioni di abitanti Mezzo omino = 5 milioni di abitanti Fonte: Wikipedia

26  Capitale: Lussemburgo   Ingresso nella CEE: 1957 (membro fondatore)   Aderisce a Schengen  Forma di governo: Monarchia costituzionale  PIL: 60,13 miliardi USD Un omino = 10 milioni di abitanti Mezzo omino = 5 milioni di abitanti Fonte: Wikipedia

27  Capitale: Parigi   Ingresso nella CEE: 1957 (membro fondatore)   Aderisce a Schengen  Forma di governo: repubblica semipresidenziale  PIL: 2806 miliardi USD Un omino = 10 milioni di abitanti Mezzo omino = 5 milioni di abitanti Fonte: Wikipedia

28  Capitale: Berlino   Ingresso nella CEE: 1957 (membro fondatore)   Aderisce a Schengen  Forma di governo: repubblica federale  PIL: 3730 miliardi USD Un omino = 10 milioni di abitanti Mezzo omino = 5 milioni di abitanti Fonte: Wikipedia

29  Capitale: Bruxelles   Ingresso nella CEE: 1957 (membro fondatore)   Aderisce a Schengen  Forma di governo: monarchia parlamentare  PIL: 524,8 miliardi USD Un omino = 10 milioni di abitanti Mezzo omino = 5 milioni di abitanti Fonte: Wikipedia

30  Capitale: Amsterdam   Ingresso nella CEE: 1957 (membro fondatore)   Aderisce a Schengen  Forma di governo: monarchia parlamentare  PIL: 853,5 miliardi USD. Un omino = 10 milioni di abitanti Mezzo omino = 5 milioni di abitanti Fonte: Wikipedia

31 Danimarca Capitale: Copenaghen Pil: milioni di $ Euro: Schengen: Sì Forma di governo: Monarchia parlamentare Entrata nell’UE: 1 gennaio 1973 Popolazione: 2013

32 Irlanda Capitale: Dublino Pil: milioni di $ Euro: Schengen: No Forma di governo: Repubblica parlamentare Entrata nell’UE: 1 gennaio 1973 Popolazione: 2013

33 Gran Bretagna Capitale: Londra Pil: milioni di $ Euro: Schengen: No Forma di governo: Monarchia costituzionale parlamentare Entrata nell’UE: 1 gennaio 1973 Popolazione: 2013

34 Grecia Capitale: Atene Pil: milioni di $ Euro: Schengen: Sì Forma di governo: Repubblica parlamentare Entrata nell’UE: 1 gennaio 1981 Popolazione: 2013

35 Portogallo Capitale: Lisbona Pil: milioni di $ Euro: Schengen: Sì Forma di governo: Repubblica parlamentare Entrata nell’UE: 1 gennaio 1986 Popolazione: 2013

36 Spagna Capitale: Madrid Pil: milioni di $ Euro: Schengen: Sì Forma di governo: Monarchia parlamentare Entrata nell’UE: 1 gennaio 1986 Popolazione: 2013

37  Capitale: Vienna   Ingresso nell’UE: 1995   Aderisce a Schengen  Forma di governo: Repubblica parlamentale federale  PIL: milioni di $ Un omino = 10 milioni di abitanti Mezzo omino = 5 milioni di abitanti

38 Un omino = 10 milioni di abitanti Mezzo omino = 5 milioni di abitanti   Ingresso nell’UE : 1995   Aderisce a Schengen  forma di governo: Monarchia costituzionale  PIL: milioni di $

39   Ingresso nella UE: 1995   Aderisce a Schengen  Capitale: Helsinki  Forma di governo: repubblica parlamentare  PIL: milioni di $ Un omino = 10 milioni di abitanti Mezzo omino = 5 milioni di abitanti

40  Capitale: Sofia   Ingresso nell’UE: 2007   Aderisce a Schengen  Forma di governo: Repubblica parlamentale  PIL: milioni di $ Un omino = 10 milioni di abitanti Mezzo omino = 5 milioni di abitanti

41  Capitale: Bucarest   Ingresso nell’UE: 2007   Non aderisce a Schengen  Forma di governo: Repubblica semipresidenziale  PIL: milioni di $ Un omino = 10 milioni di abitanti Mezzo omino = 5 milioni di abitanti

42  Capitale: Zagabria   Ingresso nell’UE: 2013   Non aderisce a Schengen  Forma di governo: Repubblica semipresidenziale  PIL: milioni di $ Un omino = 10 milioni di abitanti Mezzo omino = 5 milioni di abitanti

43 p  Capitale: Nicosia  Popolazione <  Ingresso UE : 2004   Non aderisce a Schengen  Forma di governo : Repubblica  PIL: milioni di $ Fonte Wikipedia Un omino = 10 milioni di abitanti Mezzo omino = 5 milioni di abitanti

44 Eston  Capitale : Tallinn  Popolazione <  Ingresso nell’UE : 2004   Aderisce a Schengen  Forma di governo: repubblica  PIL: 24,88 miliardi USD Fonte Wikipedia Un omino = 10 milioni di abitanti Mezzo omino = 5 milioni di abitanti

45 Let nia  Capitale: Riga  Popolazione <  Ingresso UE : 2004   Aderisce a Schengen  Forma di governo: repubblica  PIL: milioni di $ Fonte Wikipedia Un omino = 10 milioni di abitanti Mezzo omino = 5 milioni di abitanti

46 Lituania  Capitale:Vilnius  Popolazione <  Ingresso nella UE: 2004   Aderisce a Schengen  Forma di governo: Repubblica  PIL: milioni di $ Fonte Wikipedia Un omino = 10 milioni di abitanti Mezzo omino = 5 milioni di abitanti

47 lta  Capitale:La Valletta  Popolazione <  Ingresso nella UE: 2004   Aderisce a Schengen  Forma di governo: Repubblica Parlamentare  PIL: milioni di $ Fonte Wikipedia Un omino = 10 milioni di abitanti Mezzo omino = 5 milioni di abitanti

48  Capitale: VARSAVIA   Ingresso nell’ UE: 2004   Aderisce a Schengen  Forma di governo: repubblica parlamentare  PIL: milioni di USD Da Wikipedia Un omino = 10 milioni di abitanti Mezzo omino = 5 milioni di abitanti

49  Capitale: PRAGA   Ingresso nell’ UE: 2004   Aderisce a Schengen  Forma di governo: repubblica parlamentare  PIL: milioni USD Mezzo omino = 5 milioni di abitanti Un omino = 10 milioni di abitanti Da: Wikipedia

50  Capitale: Bratislava   Ingresso nell’ UE: 2004   Aderisce a Schengen  Forma di governo: repubblica parlamentare  PIL: milioni di USD Un omino = 10 milioni di abitanti Mezzo omino = 5 milioni di abitanti Da Wikipeida

51  Capitale: LUBIANA  <  Ingresso nell’ UE: 2004   Aderisce a Schengen  Forma di governo: repubblica semipresidenziale  PIL: milioni di USD Mezzo omino = 5 milioni di abitanti Un omino = 10 milioni di abitanti Da: Wikipedia

52  Capitale: Budapest   Ingresso nell’ UE: 2004   Aderisce a Schengen  Forma di governo:repubblica parlamentare  PIL: milioni di USD Da Wikipeida Un omino = 10 milioni di abitanti Mezzo omino = 5 milioni di abitanti

53 Ipertesto realizzato dalla classe 2B (Liceo Scientifico “Norberto Rosa”) Slide iniziale: Elisa Battista Elia Cotroneo Valeria Di Mauro Alice Martin Istituzioni europee: Elisa Bert Francesca Caporali Cecilia Saccomani Federica Vota Euro – BCE: Samuele Brunatti Linda Raimondo Alice Re Andrea Romeo Tappe dell’unificazione: Giulia Anselmetto Alberto Bosio Niccolò Ferrari Schengen: Virginia Faccio Fabio Oliva Sebastian Zbercea Paesi membri: Elisa Battista Elia Cotroneo Valeria Di Mauro Alice Martin


Scaricare ppt "L’Unione Europea Schengen Stati Membri Tappe UnificazioneIstituzioni Europee Euro."

Presentazioni simili


Annunci Google