La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

RUE 2014 - Comune di Faenza - Settore Territorio - Via Zanelli 4 Telefono +39 0546/691551 - fax +39 0546/691553

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "RUE 2014 - Comune di Faenza - Settore Territorio - Via Zanelli 4 Telefono +39 0546/691551 - fax +39 0546/691553"— Transcript della presentazione:

1 RUE Comune di Faenza - Settore Territorio - Via Zanelli 4 Telefono / fax / adottato 21/07/2014 Incontro pubblico post adozione del 05/09/2014 RUE 2014 FAENZA

2 Comune di Faenza - Settore Territorio - Via Zanelli 4 – Telefono / fax / Mail: Il RUE ai sensi della L.R. 20/2000 (Art.29) Il Regolamento Urbanistico Edilizio detta la disciplina particolareggiata delle trasformazioni edilizie realizzabili per intervento diretto. AMBITO DI INTERVENTO DEL RUE AI SENSI DI LEGGE Gli interventi possono interessare:  Il centro urbano  Il territorio rurale Gli interventi non possono interessare:  Il territorio urbanizzabile (ambiti sottoposti a POC) Il RUE è valido a tempo indeterminato.

3 Tav. P2 Norme di Attuazione (40 pagine) Comune di Faenza - Settore Territorio - Via Zanelli 4 – Telefono / fax / Mail: RUE Elaborati Conoscitivi Elaborati Prescrittivi Tav. P1 Schede Progetto (135 Schede) Tav. P3 Tavole di progetto (40 tavole) Tav. P4 Progetto Centro Storico (12 tavole) Tav. P5 Attività edilizia e procedimenti (70 pagine) Tav. P6 R.I.R (Aziende a Rischio di Incidente Rilevante) Tav. C1 Relazione illustrativa Tav. C2 Tavola/Scheda Vincoli Tav. C3 ValSAT All. A1 PRG Sismicità All. A2 PRG Energia All. A3 Emergenze fragili All. A4 Partecipazione ELABORATI DEL RUE

4 Tav. P2 Norme di Attuazione (40 pagine) Comune di Faenza - Settore Territorio - Via Zanelli 4 – Telefono / fax / Mail: RUE Elaborati Conoscitivi Elaborati Prescrittivi Tav. P1 Schede Progetto (135 Schede) Tav. P3 Tavole di progetto (40 tavole) Tav. P4 Progetto Centro Storico (12 tavole) Tav. P5 Attività edilizia e procedimenti (70 pagine) Tav. P6 R.I.R (Aziende a Rischio di Incidente Rilevante) Tav. C1 Relazione illustrativa Tav. C2 Tavola/Scheda Vincoli Tav. C3 ValSAT All. A1 PRG Sismicità All. A2 PRG Energia All. A3 Emergenze fragili All. A4 Partecipazione ELABORATI DEL RUE

5 Tav. P2 Norme di Attuazione Comune di Faenza - Settore Territorio - Via Zanelli 4 – Telefono / fax / Mail: CONFORMITA’ A DISPOSIZIONI REGIONALI Tav. P1 Schede Progetto Tav. P3 Tavole di progetto Tav. P4 Progetto Centro Storico Tav. P5 Attività edilizia e procedimenti Tav. P6 R.I.R (Aziende a Rischio di Incidente Rilevante) Semplificazione degli strumenti di pianificazione territoriale e urbanistica  Definizioni tecniche uniformi per l’urbanistica e l’edilizia (DAL 279/2010)  Definizioni delle categorie di interventi edilizi (DPR 380/2001) LR 15/2013 Art. 50 DGR 994/2014 Principio di non duplicazione della normativa sovraordinata Casi emblematici:

6 Tav. P2 Norme di Attuazione Comune di Faenza - Settore Territorio - Via Zanelli 4 – Telefono / fax / Mail: LR 15/2013 DAL 279/2014 DGR 75/2014 DGR 193/2014 LR 05/2013  “Semplificazione della disciplina edilizia”  “Definizioni tecniche uniformi” (Atto di coord.)  “Linee vita”  “Esonero oneri per frazionamenti” (Atto di coord.)  “Controlli campione” (Atto di coord.)  “Adempimenti aziende AUSL”  “Recupero abitativo dei sottotetti”  “Modulistica edilizia unificata” (Atto di coord.) CONFORMITA’ A DISPOSIZIONI REGIONALI Tav. P1 Schede Progetto Tav. P3 Tavole di progetto Tav. P4 Progetto Centro Storico Tav. P5 Attività edilizia e procedimenti Tav. P6 R.I.R (Aziende a Rischio di Incidente Rilevante) DAL 149/2013 DGR 76/2014 DGR 993/2014

7 Tav. P2 Norme di Attuazione Comune di Faenza - Settore Territorio - Via Zanelli 4 – Telefono / fax / Mail: NORME DI VALENZA GENERALE NORME DI ZONA  Definizioni e specificazioni di parametri;  Usi del territorio; Tipi di intervento;  Edifici e manufatti di valore esterni al cs;  Disciplina delle dotazioni territoriali  Condizioni attività di trasformazione  Obiettivi di qualità  Incentivi e compensazioni  Attuazione e procedure  Centro Storico  Centro Urbano  Territorio Rurale Natura e paesaggio Storia e archeologia Sicurezza del territorio Impianti e infrastrutture Centro urbano Territorio rurale Ambito residenziale misto consolidato Ambito produttivo specializzato Ambito produttivo misto Ambito misto di riqualificazione Aree urbane a disciplina specifica Ambiti alta vocazione produttiva agricola Aree di valore naturale e ambientale Ambiti agricoli di rilievo paesaggistico Ambiti agricoli periurbani Aree rurali a disciplina specifica Prestazione sicurezza Prestazione sostenibilità Prestazione identità STRUTTURA DELLE NORME DI ATTUAZIONE NdA 40 Pagine 32 Articoli Tav. P1 Schede Progetto Tav. P3 Tavole di progetto Tav. P4 Progetto Centro Storico Tav. P5 Attività edilizia e procedimenti Tav. P6 R.I.R (Aziende a Rischio di Incidente Rilevante)

8 Tav. P5 Attività edilizia e procedimenti Comune di Faenza - Settore Territorio - Via Zanelli 4 – Telefono / fax / Mail: PARTE I DISCIPLINA GENERALE TITOLO I Titoli abilitativi e procedure Artt TITOLO II CQAP Artt TITOLO III Contributo di costruzione Artt  Definizione e compiti;  Composizione e nomina;  Funzionamento;  Documento guida;  Quota di contributo commisurato agli oneri di urbanizzazione;  Quota di contributo commisurato al costo di costruzione;  Interventi di NC o RE convenzionata;  SCIA/SCIA differita;  PdC/PdC in deroga;  Valutazione preventiva;  Interventi non soggetti a titolo abilitativo;  Autorizzazione amministrativa/procedura semplificata per piccoli interventi;  Progetti Unitari;  Approvazione PUA di iniziativa privata;  Approvazione PUA di iniziativa pubblica;  Approvazione SIO di iniziativa privata; Tav. P2 Norme di Attuazione Tav. P1 Schede Progetto Tav. P3 Tavole di progetto Tav. P4 Progetto Centro Storico Tav. P6 R.I.R (Aziende a Rischio di Incidente Rilevante) STRUTTURA DELLA TAV. P5

9 Tav. P5 Attività edilizia e procedimenti Comune di Faenza - Settore Territorio - Via Zanelli 4 – Telefono / fax / Mail: TITOLO I Accessibilità Artt TITOLO II Energia Artt TITOLO III Bioedilizia e qualità ambientale Artt  Adeguamento locali aperti al pubblico;  Precisazioni sull’installazione dell’ascensore;  Prescrizioni energetiche scala urbana;  Prescrizioni energetiche scala edificio;  Consumi energetici massimi edifici;  FER per produzione di energia elettrica;  FER per produzione di energia termica;  FER sistemi alternativi/compensativi;  Bonus volumetrico;  Norme minime di risparmio energetico;  Coibentazione negli edifici esistenti;  Norme di compatibilità urbanistica per la realizzazione impianti ad energia solare;  Contenimento consumi in regime estivo;  Bioedilizia nelle tipologie residenziali e uffici;  Bioedilizia nelle tipologie specialistiche; PARTE II SOSTENIBILITÀ DEGLI INSEDIAMENTI Tav. P2 Norme di Attuazione Tav. P1 Schede Progetto Tav. P3 Tavole di progetto Tav. P4 Progetto Centro Storico Tav. P6 R.I.R (Aziende a Rischio di Incidente Rilevante) STRUTTURA DELLA TAV. P5

10 Tav. P5 Attività edilizia e procedimenti Comune di Faenza - Settore Territorio - Via Zanelli 4 – Telefono / fax / Mail: PARTE II SOSTENIBILITÀ DEGLI INSEDIAMENTI TITOLO IV Risorsa acqua Artt TITOLO VI Premialità Artt TITOLO V Alberi e verde Artt  Bio-efficienza energetica;  Recupero sperimentale acqua piovana;  Installazione di colonnine per la ricarica elettrica dei veicoli;  Mutamenti di destinazione d’uso;  Tetti giardino;  Volumi vetrati su lastrici solari;  Laminazione;  Permeabilità del suolo;  Riutilizzazione acqua per usi non pregiati;  Dispositivi per riduzione consumo acqua;  Divieto di tombinare i fossi;  Interventi sugli alberi; Tav. P5 Attività edilizia e procedimenti Tav. P5 Attività edilizia e procedimenti Tav. P2 Norme di Attuazione Tav. P1 Schede Progetto Tav. P3 Tavole di progetto Tav. P4 Progetto Centro Storico Tav. P6 R.I.R (Aziende a Rischio di Incidente Rilevante) STRUTTURA DELLA TAV. P5

11 Tav. P5 Attività edilizia e procedimenti Comune di Faenza - Settore Territorio - Via Zanelli 4 – Telefono / fax / Mail:  Impianti di climatizzazione;  Antenne paraboliche;  Tende parasole;  Targhe professionali/numerazione civica;  Pulsantiere e cassette postali;  Insegne/totem pubblicitari;  Impianti ripetitori per telefonia cellulare;  Pergolati/Annessi da giardino;  Decoro generale;  Classificazione dei locali;  Caratteristiche dei locali;  Requisiti di sicurezza contro le cadute e di resistenza ad urti e sfondamento; PARTE III DISCIPLINA PARTICOLARE TITOLO I Decoro Artt TITOLO II Caratteristiche dei locali (res) Artt TITOLO III Specificazioni e prescrizioni Artt  Specificazione di alcuni aspetti trattati in via generale nelle NdA del RUE, ad es.:  Calcolo dei parcheggi (o altri spazi) ad uso pubblico;  Condizioni per realizzare maggiori altezze nell’Ambito residenziale misto consolidato;  Modalità per la chiusura di tettoie e balconi; Tav. P2 Norme di Attuazione Tav. P1 Schede Progetto Tav. P3 Tavole di progetto Tav. P4 Progetto Centro Storico Tav. P6 R.I.R (Aziende a Rischio di Incidente Rilevante) STRUTTURA DELLA TAV. P5

12 Tav. P5 Attività edilizia e procedimenti Comune di Faenza - Settore Territorio - Via Zanelli 4 – Telefono / fax / Mail:  Disposizioni tecnico-amministrative;  Sanzioni;  Criteri per la determinazione delle sanzioni da applicare agli accertamenti di conformità;  Calcolo degli oneri di urbanizzazione;  Calcolo del costo di costruzione;  Convenzione tipo;  Calcolo del danno abbattimento alberi;  Guida alla realizzazione del verde; PARTE IV DISPOSIZIONI FINALI Artt APPENDICE A1 – A10 Tav. P5 47 Pagine 75 Articoli Tav. P2 Norme di Attuazione Tav. P1 Schede Progetto Tav. P3 Tavole di progetto Tav. P4 Progetto Centro Storico Tav. P6 R.I.R (Aziende a Rischio di Incidente Rilevante) STRUTTURA DELLA TAV. P5

13 Tav. P5 Attività edilizia e procedimenti  Coibentazione edifici esistenti  Circoli e vendita congiunta dettaglio/ingrosso;  Agevolazioni cambi destinazione d’uso;  Condizioni per realizzare maggiori altezze nell’Ambito residenziale misto consolidato;  Modalità per chiusura tettoie e balconi;  Variabilità dei criteri di progettazione su edifici esistenti in territorio rurale;  Dimensionamento degli spazi di servizio negli edifici non funzionali all’esercizio dell’attività agricola; Tav. P2 Norme di attuazione  Distanza confini di proprietà  Usi del territorio  Altezza massima in Ambito residenziale misto consolidato  Chiusure di tettoie e balconi  Caratteri architettonici degli edifici in campagna  Locali di servizio nelle nuove unità abitative non funzionali all’agricoltura Art. 2 Art. 3 Art. 7 Art. 12 Art. 35 Art. 72/2 Art. 72/3 Art. 7Art. 72/4 Art. 72/5 Art. 12Art. 72/6 Art. 72/7 Tav. P1 Schede Progetto Tav. P3 Tavole di progetto Tav. P4 Progetto Centro Storico Tav. P6 R.I.R (Aziende a Rischio di Incidente Rilevante) RAPPORTO TRA LE NdA E LA TAV. P5 Comune di Faenza - Settore Territorio - Via Zanelli 4 – Telefono / fax / Mail:

14 Art. 29 Tav. P5 Attività edilizia e procedimenti Comune di Faenza - Settore Territorio - Via Zanelli 4 – Telefono / fax / Mail:  Modalità di realizzazione dei sistemi di laminazione delle acque meteoriche  Calcolo del parcheggio (o altri spazi) di uso pubblico;  Tabelle parametriche per il calcolo della permeabilità del suolo equivalente;  Indirizzi per il riuso, dimensionamento dei sistemi di accumulo e modalità di realizzazione;  Procedura dimostrativa dell’assolvimento delle prestazioni;  modalità di realizzazione dei totem Tav. P2 Norme di attuazione  Trattenimento acqua  Parcheggi (o altri spazi) di uso pubblico  Riduzione dell’impatto edilizio  Riutilizzo acqua piovana  Efficienza energetica  Impianti pubblicitari Art a Art d Art c Art. 44 Art. 72/1 Art. 45 Art. 46 Art d Art a Art. 32.4Art. 64 Tav. P1 Schede Progetto Tav. P3 Tavole di progetto Tav. P4 Progetto Centro Storico Tav. P6 R.I.R (Aziende a Rischio di Incidente Rilevante) RAPPORTO TRA LE NdA E LA TAV. P5

15 Tav. P5 Attività edilizia e procedimenti Comune di Faenza - Settore Territorio - Via Zanelli 4 – Telefono / fax / Mail:  Coibentazione degli edifici esistenti (Rif. Art. 2.2 NdA) Tav. P2 Norme di attuazione  Distanza dal confine stradale Fatti salvi alcuni casi di esclusione in cui la coibentazione degli edifici non potrà essere realizzata con soluzioni che aumentino lo spessore verso l’esterno delle murature esistenti, per agevolare gli interventi finalizzati al risparmio energetico negli edifici esistenti e/o alla loro messa a norma, non sarà considerato ai fini della distanza dai confini di proprietà e dal filo stradale, né conteggiato nella superficie e nel volume, il maggiore spessore delle parti costituenti l’involucro edilizio, derivante da interventi di coibentazione esterna. Sono applicabili le deroghe che discendono da norme sovraordinate, quali quelle previste dal D.Lgs 115/2008. Per le distanze dal confine stradale si tiene conto delle fasce di rispetto stabilite dal Codice della Strada o, qualora più restrittive, dal RUE. In assenza di diverse disposizioni, la distanza minima all’interno del centro urbano deve essere definita in relazione ad allineamenti, edifici preesistenti, nuovi fili edilizi da individuare e alla sicurezza della circolazione; in assenza di tali condizionamenti la distanza minima è pari a 5 m. Sono applicabili le disposizioni contenute nella Tav. P.5 “Attività edilizia e procedimenti”, art. 35 [Coibentazione negli edifici esistenti]. Tav. P1 Schede Progetto Tav. P3 Tavole di progetto Tav. P4 Progetto Centro Storico Tav. P6 R.I.R (Aziende a Rischio di Incidente Rilevante) RAPPORTO TRA LE NdA E LA TAV. P5 (UN ESEMPIO) Art. 2.2 NdA Art. 35 Tav. P.5

16 Tav. P2 Norme di Attuazione Comune di Faenza - Settore Territorio - Via Zanelli 4 – Telefono / fax / Mail: Tav. P1 Schede Progetto Tav. P3 Tavole di progetto Tav. P4 Progetto Centro Storico Tav. P5 Attività edilizia e procedimenti Tav. P6 R.I.R (Aziende a Rischio di Incidente Rilevante) Distanza dai confini di proprietà In generale: NON CI SONO LIMITI ALLE DISTANZE ENTRO 5 M DAI CONFINI E’ POSSIBILE REALIZZARE O MODIFICARE PARETI FINESTRATE CON ATTO DI ASSENSO TRASCRITTO. Limiti alle distanze: artt : 5 M DAL PERIMETRO DEL CENTRO URBANO (FASCIA VERDE) art. 7: INCREMENTO VOLUMETRICO IN EDIFICI NON CONFORMI PER MIGLIORAMENTO ENERGETICO: 5 M art. 23: 5 M NELLE AREE DI RISPETTO DELLE MURA STORICHE art. 13: NEGLI AMBITI AD ALTA VOCAZIONE PRODUTTIVA AGRICOLA: 10 M PER NUOVE COSTRUZIONI, 5 M PER AMPLIAMENTI Derogabili con assenso del confinante: NO SI NO SI NORME DI VALENZA GENERALE FOCUS SULLE NdA: DISTANZE

17 Tav. P2 Norme di Attuazione Comune di Faenza - Settore Territorio - Via Zanelli 4 – Telefono / fax / Mail: Tav. P1 Schede Progetto Tav. P3 Tavole di progetto Tav. P4 Progetto Centro Storico Tav. P5 Attività edilizia e procedimenti Tav. P6 R.I.R (Aziende a Rischio di Incidente Rilevante) Facilitazioni per i cambi d'uso entro 10 anni In generale: ONERI E PARCHEGGI ASSOLTI PER LA DESTINAZIONE D'USO PIU’ GRAVOSA SVOLTA NEGLI ULTIMI 10 ANNI Fatto salvo art. 34 della LR 15/2013 Limiti: ART. 34 LR 15/2013: Qualora la destinazione d'uso delle opere [attività industriali, artigianali dirette alla trasformazione di beni e alla prestazione di servizi, attività turistiche, commerciali e direzionali, interventi in funzione della conduzione dei fondi agricoli ], sia modificata nei dieci anni successivi all'ultimazione dei lavori, il contributo di costruzione è dovuto nella misura massima corrispondente alla nuova destinazione ed è determinato con riferimento al momento dell'intervenuta variazione. NORME DI VALENZA GENERALE FOCUS SULLE NdA: CAMBI D’USO

18 Tav. P2 Norme di Attuazione Comune di Faenza - Settore Territorio - Via Zanelli 4 – Telefono / fax / Mail: Tav. P1 Schede Progetto Tav. P3 Tavole di progetto Tav. P4 Progetto Centro Storico Tav. P6 R.I.R (Aziende a Rischio di Incidente Rilevante) Movimenti di terra significativi In generale: SONO SIGNIFICATIVI I MOVIMENTI DI TERRA:  NON A FINI AGRICOLI  NON CONNESSI AD OPERE EDILIZIE  ALTEZZA MEDIA SUPERIORE A 50 cm  RICHIEDONO TITOLO ABILITATIVO Limiti: -Singolarità geologiche: relazione geologica sulla coerenza con le finalità descritte nelle schede di PSC -Interferenza con pertinenze stradali e infrastrutture: sempre richiesto il titolo abilitativo NORME DI VALENZA GENERALE FOCUS SULLE NdA: DEFINIZIONI Tav. P5 Attività edilizia e procedimenti

19 Tav. P2 Norme di Attuazione Comune di Faenza - Settore Territorio - Via Zanelli 4 – Telefono / fax / Mail: Tav. P1 Schede Progetto Tav. P3 Tavole di progetto Tav. P4 Progetto Centro Storico Tav. P5 Attività edilizia e procedimenti Tav. P6 R.I.R (Aziende a Rischio di Incidente Rilevante) Potenzialità archeologiche NORME DI VALENZA GENERALE FOCUS SULLE NdA: ARCHEOLOGIA Sono soggetti a comunicazione alla Soprintendenza Archeologica 30 giorni prima dell’inizio dei lavori:  PUA  INTERVENTI CHE INTERESSANO LE ATTESTAZIONI ARCHEOLOGICHE (RIF. TAV. C DEL PSC)  CENTRO STORICO: 0.80 M AD ESCLUSIONE DEGLI SCAVI PUNTUALI PER IMPIANTI TECNICI  ZONE AD ALTA E MEDIA POTENZIALITÀ ARCHEOLOGICA: 1,50 M  ZONE A BASSA POTENZIALITÀ ARCHEOLOGICA: 2,00 M

20 Tav. P2 Norme di Attuazione Comune di Faenza - Settore Territorio - Via Zanelli 4 – Telefono / fax / Mail: Tav. P1 Schede Progetto Tav. P3 Tavole di progetto Tav. P4 Progetto Centro Storico Tav. P5 Attività edilizia e procedimenti Tav. P6 R.I.R (Aziende a Rischio di Incidente Rilevante) Fasce di rispetto stradale: interventi sugli edifici In generale:  RISTRUTTURAZIONE SENZA DEMOLIZIONE INTEGRALE  AMPLIAMENTO NON FRONTEGGIANTE LA STRADA  DEMOLIZIONE E RICOSTRUZIONE AL DI FUORI DELLA FASCIA CON STESSA SUL E VOLUME Limiti: EDIFICI DI VALORE: NON è ammesso l'intervento di demolizione con ricostruzione al di fuori della fascia di rispetto. NORME DI VALENZA GENERALE FOCUS SULLE NdA: FASCE DI RISPETTO STRADALE

21 Tav. P2 Norme di Attuazione Comune di Faenza - Settore Territorio - Via Zanelli 4 – Telefono / fax / Mail: Tav. P1 Schede Progetto Tav. P3 Tavole di progetto Tav. P4 Progetto Centro Storico Tav. P5 Attività edilizia e procedimenti Tav. P6 R.I.R (Aziende a Rischio di Incidente Rilevante) Prestazioni minime nel centro urbano NORME DI VALENZA GENERALE FOCUS SULLE NdA: STRUTTURA DELL’ART. 26 Per ogni prestazione sono definiti:  AMBITO DI APPLICAZIONE  PRESTAZIONE  EVENTUALE ALTERNATIVA AL SISTEMA PRESTAZIONALE SICUREZZA SOSTENIBILITA’ IDENTITA’

22 Tav. P2 Norme di Attuazione Comune di Faenza - Settore Territorio - Via Zanelli 4 – Telefono / fax / Mail: Tav. P1 Schede Progetto Tav. P3 Tavole di progetto Tav. P4 Progetto Centro Storico Tav. P6 R.I.R (Aziende a Rischio di Incidente Rilevante) Trattenimento acqua (laminazione) NORME DI VALENZA GENERALE In generale:  “FRANCHIGIA” DI 25 MQ UNA TANTUM DI INCREMENTO SUP. IMPERMEABILE  AdBRR (BACINO LAMONE): INVARIANZA IDRAULICA  AdBR (BACINO RENO): ORIENTATIVAMENTE 30 MQ/1000 MQ DI Sf (DETRAENDO VERDE EFFETTIVO) Modalità: -Immissione diretta delle acque meteoriche nel bacino di laminazione -Non è ammessa la laminazione al di sotto degli edifici FOCUS SULLE NdA: PRESTAZIONE SICUREZZA Alternative: -1 mc di acqua non trattenuta = 5 mq di area da rendere permeabile -1 mc di acqua non trattenuta = 2 alberi ad alto fusto in area pubblica -laminazione in aree limitrofe con progetto unitario Tav. P5 Attività edilizia e procedimenti

23 Tav. P2 Norme di Attuazione Comune di Faenza - Settore Territorio - Via Zanelli 4 – Telefono / fax / Mail: FOCUS SULLE NdA: PRESTAZIONE SICUREZZA Tav. P1 Schede Progetto Tav. P3 Tavole di progetto Tav. P4 Progetto Centro Storico Tav. P5 Attività edilizia e procedimenti Tav. P6 R.I.R (Aziende a Rischio di Incidente Rilevante) Agevolazioni: - ZERO PARCHEGGI: Centro Storico Servizi alla residenza non soggetti ad oneri urb. Nella prima periferia di Faenza e nei centri urbani di Granarolo e Reda, per i cambi d'uso verso attività max 150 mq - PARCHEGGI IN QUANTITÀ DIMEZZATA: Nella prima periferia di Faenza e nei centri urbani di Granarolo e Reda, per i cambi d'uso verso attività di Sul superiore a 150 mq - PARCHEGGI RIDOTTI FINO MAX 50%: In tutto il centro urbano, mediante incentivi (1 mq ottenuto con azioni art. 30 NdA = 4 mq di parcheggio in meno) - PARCHEGGI PRIVATI (non di uso pubblico): residenza collegata alle attività, artigianato, produttivo, territorio rurale In generale: - residenza: 0,20 mq/mq Sul - funzioni di servizio: 0,50 mq/mq Sul - commercio: 1,00 mq/mq Sul - artigianato e produttivo: 0,15 mq/mq Sul - funzioni agricole: zero Nel conteggio sono da escludere le aree necessarie per l'eventuale accesso carrabile a lotti privati Alternative: -Cessione a distanza -Monetizzazioni Parcheggi (o altri spazi) di uso pubblico NORME DI VALENZA GENERALE

24 Tav. P2 Norme di Attuazione Comune di Faenza - Settore Territorio - Via Zanelli 4 – Telefono / fax / Mail: Tav. P1 Schede Progetto Tav. P3 Tavole di progetto Tav. P4 Progetto Centro Storico Tav. P5 Attività edilizia e procedimenti Tav. P6 R.I.R (Aziende a Rischio di Incidente Rilevante) Riduzione dell'impatto edilizio (permeabilità) NORME DI VALENZA GENERALE In generale:  PERMEABILITA’ DEL 30% Sf  PER RISTRUTTURAZIONI: CRITERIO DELMIGLIORAMENTO RISPETTO ALLO STATO ATTUALE  ESCLUSIONE DEI POZZETTI MAX 1 MQ Agevolazioni: -Piccoli bacini naturalizzati -Pareti verdi, stabilizzati, betonelle su fondo drenante nelle zone produttive FOCUS SULLE NdA: PRESTAZIONE SOSTENIBILITA’ Possibilità di cessione a distanza: -Eliminazione pavimentazioni impermeabili in aree di ricarica della falda (art. 5.3 PTCP) -Eliminazione pavimentazioni impermeabili -Siepi in ambito urbano -Reti ecologiche nel centro urbano -Alberi di alto fusto in area pubblica in centro urbano -Progetti di biodiversità 120% 10% 200% 150% 1 m = 2,5 mq di area permeabile 3 m = 1 mq di area permeabile 1 albero= 1 mq di area permeabile 1 progetto= 5 mq di area permeabile

25 Tav. P2 Norme di Attuazione Comune di Faenza - Settore Territorio - Via Zanelli 4 – Telefono / fax / Mail: NORME DI ZONA FOCUS SULLE NdA: ALTEZZE IN CENTRO URBANO Tav. P1 Schede Progetto Tav. P3 Tavole di progetto Tav. P4 Progetto Centro Storico Tav. P5 Attività edilizia e procedimenti Tav. P6 R.I.R (Aziende a Rischio di Incidente Rilevante) Ambito residenziale misto consolidato NORMA BASE -tessuti spontanei: H max 7,50 m (2 piani fuori terra) -tessuti ordinari: H max 9,50 m (3 piani fuori terra) mantenimento H max eccedente alla norma con possibilità di incremento volumetrico (10 o 20%) in relazione a elevati standard di prestazione energetica Altezza massima dell'edificio BONUS DI ALTEZZA + 1 m: se si realizza il piano terra con altezza utile pari ad almeno 3 m garanzia del raggiungimento del numero di piani nel caso di particolari soluzioni per i solai in eccedenza all’H max volumi vetrati sui lastrici di copertura VARIABILITÀ DELLA NORMA max 12,50 per raggiungere il numero di piani fuori terra riscontrabile nella maggioranza degli edifici residenziali esistenti nell’isolato LIMITI - sub ambiti di marcata conservazione: Hmax non può superare quella preesistente - sub ambiti di parziale conservazione con tipologia ad insediamenti compatti: Hmax pari a quella adiacente (non più di 3 piani) - negli ambiti di conservazione dell’impianto urbanistico originale (sia marcata sia parziale conservazione: NO bonus volumi vetrati - aree di rispetto delle mura storiche: Hmax pari a quella dell’edificio esistente - art. 8 DM 1444/68

26 Tav. P2 Norme di Attuazione Comune di Faenza - Settore Territorio - Via Zanelli 4 – Telefono / fax / Mail: NORME DI ZONA FOCUS SULLE NdA: ALTEZZE IN CENTRO URBANO Tav. P1 Schede Progetto Tav. P3 Tavole di progetto Tav. P4 Progetto Centro Storico Tav. P5 Attività edilizia e procedimenti Tav. P6 R.I.R (Aziende a Rischio di Incidente Rilevante) Ambiti produttivi (specializzato, misto, misto di riqualificazione) NORMA BASE H max 12,50 m ESCLUSIONI - volumi tecnici - ambienti di accesso alle coperture - ambienti per manutenzione di impianti - locali sui tetti giardino: - connessi al verde pensile - fino al 50% della copertura - autonoma unità immobiliare - ampie superfici vetrate (75%) BONUS DI ALTEZZA + 0,50 m (13,00 m) se si realizza il piano terra con altezza utile pari ad almeno 3 m Altezza massima dell'edificio

27 Tav. P2 Norme di Attuazione Comune di Faenza - Settore Territorio - Via Zanelli 4 – Telefono / fax / Mail: NORME DI ZONA FOCUS SULLE NdA: ZONE AGRICOLE Tav. P1 Schede Progetto Tav. P3 Tavole di progetto Tav. P4 Progetto Centro Storico Tav. P5 Attività edilizia e procedimenti Tav. P6 R.I.R (Aziende a Rischio di Incidente Rilevante) Alcune disposizioni comuni ARCHITETTURA CONTEMPORANEA sulla base del documento guida della CQAP GLI AMPLIAMENTI comprendono sempre quelli realizzati con il PRG ’96 INTERRATI negli edifici abitativi entro il sedime FIENILI DI VALORE recupero abitativo solo se non si demoliscono PICCOLI PROSERVIZI divieto di recupero abitativo EDIFICI DI VALORE divieto di demolizione e ricostruzione fuori dalle fasce di rispetto stradali

28 Tav. P2 Norme di Attuazione Comune di Faenza - Settore Territorio - Via Zanelli 4 – Telefono / fax / Mail: NORME DI ZONA FOCUS SULLE NdA: ZONE AGRICOLE Tav. P1 Schede Progetto Tav. P3 Tavole di progetto Tav. P4 Progetto Centro Storico Tav. P5 Attività edilizia e procedimenti Tav. P6 R.I.R (Aziende a Rischio di Incidente Rilevante) Alcune disposizioni comuni INTERVENTI CON AUMENTO DI U.I. - NELLE CASE: 2 U.I. con Sul media minima di 130 mq + U.I. aggiuntive con Sul media minima di 200 mq - UN SOLO FABBRICATO A SERVIZI per realizzare una UNICA U.I. abitativa - CORTE CONDOMINIALE nel caso di più di 3 U.I. - 25% di Sul per SERVIZI nelle unità abitative - EDIFICI DI VALORE: NO AMPLIAMENTI - le CASE possono ampliarsi solo se composte da UNA UNICA immobiliare (prima e dopo l’intervento) - PERGOLATI E CASETTE solo nelle corti condominiali (uno per ogni unità) - ZONE DI TUTELA PAESAGGISTICA: corti condominiali (non frazionate) EDIFICI NON FUNZIONALI

29 Tav. P2 Norme di Attuazione Comune di Faenza - Settore Territorio - Via Zanelli 4 – Telefono / fax / Mail: NORME DI ZONA FOCUS SULLE NdA: ZONE AGRICOLE Tav. P1 Schede Progetto Tav. P3 Tavole di progetto Tav. P4 Progetto Centro Storico Tav. P5 Attività edilizia e procedimenti Tav. P6 R.I.R (Aziende a Rischio di Incidente Rilevante) Ampliamenti - EDIFICI DI VALORE: NO AMPLIAMENTI - Le CASE possono ampliarsi solo se composte da UNA UNICA immobiliare (prima e dopo l’intervento) - CASE NON DI VALORE: - solo ampliamento interno senza limiti di Sul - ampliamento esterno + ampliamento interno: max 100 mq - FIENILI NON DI VALORE:- ampliamenti interni per raggiungere 130 mq. abitativi - l’utilizzo abitativo dei fienili non consente di ampliare la Sul nelle case EDIFICI NON FUNZIONALI

30 Tav. P2 Norme di Attuazione Comune di Faenza - Settore Territorio - Via Zanelli 4 – Telefono / fax / Mail: NORME DI ZONA FOCUS SULLE NdA: ZONE AGRICOLE Tav. P1 Schede Progetto Tav. P3 Tavole di progetto Tav. P4 Progetto Centro Storico Tav. P5 Attività edilizia e procedimenti Tav. P6 R.I.R (Aziende a Rischio di Incidente Rilevante) Alcune disposizioni AMBITI AD ALTA VOCAZIONE AGRICOLA DI PIANURA: - Possibilità di aggiungere all’indice per servizi (con limite max 2000 mq) altri volumi per servizi derivanti dalla DEMOLIZIONE INTEGRALE DI EDIFICI INCOMPATIBILI in territorio rurale; mq. di Sul esistente per UFFICI E ARTIGIANATO se funzioni esercitate da un familiare residente - AGRITURISMI: sempre possibile estendere la Sul per funzioni agricole max 200 mq. (con il limite di 500 mq. per le abitazioni); nell’ambito dei 200 mq sono comprese NUOVE COSTRUZIONI per servizi accessori all’agriturismo -tutto il patrimonio edilizio esistente può essere utilizzato per le esigenze abitative temporanee dei lavoratori stagionali, con convenzione che disciplina le modalità d’uso. EDIFICI FUNZIONALI

31 Comune di Faenza - Settore Territorio - Via Zanelli 4 – Telefono / fax / Mail: Tav. C1 Relazione illustrativa Tav. C2 Tavola/Scheda Vincoli Tav. C3 ValSAT All. A1 PRG Sismicità All. A2 PRG Energia All. A3 Emergenze fragili All. A4 Partecipazione TAVOLA DEI VINCOLI  Documento conoscitivo previsto per legge (art. 51 della LR 15/2013);  Ricognizione dei vincoli e prescrizioni che precludono, limitano o condizionano l’uso o la trasformazione del territorio, anche al fine di facilitare la presentazione e il controllo dei titoli edilizi;  Fonti: strumenti di pianificazione urbanistica vigenti, leggi, piani sovraordinati, generali o settoriali, ovvero gli atti amministrativi di apposizione di vincoli di tutela: le informazioni derivano da documenti trasmessi da, enti sovraordinati o dai soggetti gestori;  Le rappresentazioni grafiche ed ogni altro aspetto dovranno essere puntualmente verificate nell’ambito del progetto;  Le informazioni relative a vincoli e tutele gravanti sui beni culturali, hanno funzione di sola ricognizione e non esauriscono il catalogo dei beni tutelati; resta in capo alla competente Soprintendenza la validazione della sussistenza del vincolo;  La ricognizione risale a Febbraio NATURA DEL DOCUMENTO E CONTENUTI

32 Comune di Faenza - Settore Territorio - Via Zanelli 4 – Telefono / fax / Mail: Tav. C1 Relazione illustrativa Tav. C2 Tavola/Scheda Vincoli Tav. C3 ValSAT All. A1 PRG Sismicità All. A2 PRG Energia All. A3 Emergenze fragili All. A4 Partecipazione Natura e Paesaggio Storia e Archeologia Sicurezza del Territorio Impianti e Infrastrutture STRUTTURA DELLA TAVOLA DEI VINCOLI

33 Comune di Faenza - Settore Territorio - Via Zanelli 4 – Telefono / fax / Mail: Tav. C1 Relazione illustrativa Tav. C2 Tavola/Scheda Vincoli Tav. C3 ValSAT All. A1 PRG Sismicità All. A2 PRG Energia All. A3 Emergenze fragili All. A4 Partecipazione Beni Paesaggistici (DLgs 42/2004)  Aree forestali  Fiumi, torrenti e corsi d’acqua di interesse paesaggistico  Immobili ed aree di notevole interesse pubblico Tutela sovraordinata: Regione Emilia-Romagna  Alberi monumentali Tutela sovraordinata: PTCP della Provincia di Ra  Sistema Collinare  Crinali/Calanchi  Zone di tutela dei caratteri ambientali di laghi, bacini e corsi d’acqua  Invasi ed alvei di laghi, bacini e corsi d’acqua  Zone di particolare interesse paesaggistico-ambientale  Zone di tutela naturalistica - di conservazione  Dossi di ambito fluviale recente e paleodossi di modesta rilevanza Tutela comunale  Tutela paesaggistica collinare  Aree di tutela delle aste fluviali  Punti panoramici  Visuali da conservare  Singolarità geologiche Natura e Paesaggio STRUTTURA DELLA TAVOLA DEI VINCOLI

34 Comune di Faenza - Settore Territorio - Via Zanelli 4 – Telefono / fax / Mail: Tav. C1 Relazione illustrativa Tav. C2 Tavola/Scheda Vincoli Tav. C3 ValSAT All. A1 PRG Sismicità All. A2 PRG Energia All. A3 Emergenze fragili All. A4 Partecipazione Tutela del patrimonio archeologico  Area di concentrazione dei materiali archeologici  Zone a diversa potenzialità archeologica  Attestazioni archeologiche Tutela dell’impianto storico rurale  Zone di tutela dell’impianto storico della centuriazione  Elementi di tutela dell’impianto storico della centuriazione  Zone di tutela del paesaggio della bonifica medioevale Tutela dell’impianto storico sistema insediativo  Centri storici  Aree di rispetto delle mura storiche  Viabilità storica  Immobili e beni sottoposti a tutela (DLgs 42/2004)  Ambiti di conservazione dell’impianto urbanistico originale Storia e Archeologia STRUTTURA DELLA TAVOLA DEI VINCOLI

35 Comune di Faenza - Settore Territorio - Via Zanelli 4 – Telefono / fax / Mail: Tav. C1 Relazione illustrativa Tav. C2 Tavola/Scheda Vincoli Tav. C3 ValSAT All. A1 PRG Sismicità All. A2 PRG Energia All. A3 Emergenze fragili All. A4 Partecipazione Consorzi di Bonifica  Ambiti di competenza territoriale dei Consorzi di Bonifica  Scoli e/o canali Autorità di Bacino  Ambiti di competenza territoriale delle Autorità di Bacino (e dei Piano Stralcio per l’Assetto Idrogeologico) Autorità di Bacino del Reno  Rischio idraulico e assetto della rete idrografica: Reticolo idrografico - Alvei “attivi”  Rischio idraulico e assetto della rete idrografica: Probabilità di inondazione  Rischio idraulico e assetto della rete idrografica: Localizzazione degli interventi e pertinenze fluviali  Rischio da frana e assetto dei versanti: Rischio di frana  Rischio da frana e assetto dei versanti: Attitudini alle trasformazioni edilizio-urbanistiche Sicurezza del Territorio STRUTTURA DELLA TAVOLA DEI VINCOLI

36 Comune di Faenza - Settore Territorio - Via Zanelli 4 – Telefono / fax / Mail: Tav. C1 Relazione illustrativa Tav. C2 Tavola/Scheda Vincoli Tav. C3 ValSAT All. A1 PRG Sismicità All. A2 PRG Energia All. A3 Emergenze fragili All. A4 Partecipazione Autorità dei Bacini Regionali Romagnoli  Assetto della rete idrografica: Reticolo idrografico - Alvei “incisi”  Assetto della rete idrografica: Probabilità di esondazione e aree di potenziale allagamento  Assetto della rete idrografica: Distanze dai corpi arginali  Assetto idrogeologico: Rischio di frana Aziende a Rischio di Incidente Rilevante  Stabilimenti a rischio di incidente rilevante Tutela Sovraordinata: Regione Emilia-Romagna  Zone soggette al vincolo idrogeologico (DGR 1117/2000)  Aree allagate (DGR 1071/1998) Tutela Sovraordinata: PTCP della Provincia di Ra  Aree interessate da dissesto idrogeologico di versante: Frane  Tutela delle risorse idriche superficiali e sotterranee: Zone di protezione delle acque  Tutela idrogeologica del territorio rurale e forestale nei bacini montani Sicurezza del Territorio STRUTTURA DELLA TAVOLA DEI VINCOLI

37 Comune di Faenza - Settore Territorio - Via Zanelli 4 – Telefono / fax / Mail: Tav. C1 Relazione illustrativa Tav. C2 Tavola/Scheda Vincoli Tav. C3 ValSAT All. A1 PRG Sismicità All. A2 PRG Energia All. A3 Emergenze fragili All. A4 Partecipazione Strade  Corridoio di fattibilità per la viabilità di progetto  Fasce di rispetto stradali Ferrovie  Fasce di rispetto ferroviario Cimiteri  Fasce di rispetto cimiteriale Depuratori  Depuratori Acquedotti  Acquedotti Gasdotti  Gasdotti e cabine di prelievo del gas Elettrodotti  Elettrodotti Emittenza radio-televisiva  Sito stazione radio da delocalizzare Teleriscaldamento  Impianto di teleriscaldamento esistente Impianti e infrastrutture STRUTTURA DELLA TAVOLA DEI VINCOLI

38 RUE Comune di Faenza - Settore Territorio - Via Zanelli 4 Telefono / fax / Grazie per l’attenzione


Scaricare ppt "RUE 2014 - Comune di Faenza - Settore Territorio - Via Zanelli 4 Telefono +39 0546/691551 - fax +39 0546/691553"

Presentazioni simili


Annunci Google