La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Lanalisi strategica della tecnologia e delle risorse e competenze dellorganizzazione Università degli studi di Urbino Carlo Bo Strategia dImpresa.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Lanalisi strategica della tecnologia e delle risorse e competenze dellorganizzazione Università degli studi di Urbino Carlo Bo Strategia dImpresa."— Transcript della presentazione:

1 Lanalisi strategica della tecnologia e delle risorse e competenze dellorganizzazione Università degli studi di Urbino Carlo Bo Strategia dImpresa

2 TECNOLOGIA APPLICAZIONI DI UN COMPLESSO DI CONOSCENZE E COMPETENZE A QUALSIASI ATTIVITA FUNZIONALE CHE SI SVOLGA NELLIMPRESA CHE CONCORRE ALLA PRODUZIONE DI UN DETERMINATO BENE O SERVIZIO FENOMENO GENERALE (Onda che investe limpresa) FENOMENO SPECIFICO ( Protagonista dellinnovazione)

3 Università degli studi di Urbino Carlo Bo Strategia dImpresa ANALISITECNOLOGICA ANALISI DI SETTORE E DELLA CONCORRENZA ANALISI ORGANAZZATIVA Lanalisi tecnologica si divide in due fasi: Processo di acquisizione dellinnovazione ; Gestione strategica dellinnovazione.

4 Università degli studi di Urbino Carlo Bo Strategia dImpresa PROCESSI DI ACQUISIZIONE DELLINNOVAZIONE COMPORTAMENTI POSTI IN ESSERE DALLA SINGOLA IMPRESA PER INCORPORARE LINNOVAZIONE ALLINTERNO DEL SUO SISTEMA PRODUTTIVO CARATTERISTICHE SPECIFICHE DELLINNOVAZIONE CARATTERISTICHE DELLIMPRESA POTENZIALMENTE RECETTRICE DELLINNOVAZIONE

5 Università degli studi di Urbino Carlo Bo Strategia dImpresa CARATTERISTICHE SPECIFICHE DELLINNOVAZIONE APPROPRIABILITA = Possibilità di utilizzo esclusivo del risultato limitando al massimo i comportamenti imitativi dei concorrenti INCORPORABILITA = FLESSIBILITA = GRADUABILITA = Mezzo che contiene linnovazione attraverso il quale può essere acquistata Possibilità di inserire linnovazione in contesti produttivi differenti senza una riproduzione minuziosa del modello Possibilità di introdurre linnovazione in modo modulare senza una tempistica predefinita

6 Università degli studi di Urbino Carlo Bo Strategia dImpresa CARATTERISTICHE DELLIMPRESA POTENZIALMENTE RECETTRICE DELLINNOVAZIONE Si deve analizzare il ruolo che la storia, le risorse e le capacità sviluppate dalla singola impresa svolgono nellacquisizione di una nuova tecnologia FOCUS RISORSE E COMPETENZE DELLIMPRESA Innovazioni che rafforzano le competenze Innovazioni che riducono o azzerano le competenze

7 Università degli studi di Urbino Carlo Bo Strategia dImpresa MATRICE DEGLI EFFETTI DELLINNOVAZIONE Competenze tecnologiche Competenze marketing Rafforzate Rafforzate Azzerate Azzerate CAMBIAMENTO SISTEMICO CREAZIONE DI NUOVI SEGMENTI DI MERCATO SALTO TECNOLOGICO SVILUPPO DELLA BASE DI COMPETENZE

8 Università degli studi di Urbino Carlo Bo Strategia dImpresa MAPPA DEL CAMBIAMENTO (Abernathy; Clark) TECNOLOGIA GESTIONE MKT Mantenimento e rafforzamento delle conoscenze preesistenti Generazione di nuova conoscenze Cambiamento delle modalità esistenti e creazione di nuovi tipi di rapporti Innovazioni creatrici di nuovi mercati o modulari Innovazioni sistemiche o rivoluzionarie Mantenimento o rafforzamento dei rapporti e delle modalità esistenti Innovazioni di tipo incrementale (sviluppo delle conoscenze esistenti) Innovazioni radicali o salto tecnologico

9 Università degli studi di Urbino Carlo Bo Strategia dImpresa GESTIONE STRATEGICA DELLA TECNOLOGIA TECNOLOGIA Come OGGETTO di strategie intenzionali volte a gestire il patrimonio tecnologico dellimpresa al fine di generera solidi vantaggi competitivi e opportunità di crescita N.B Non tutte le tecnologie hanno lo stesso peso in termini di effetti sulla capacità competitiva Sono situate in un differente fase del ciclo di vita

10 Università degli studi di Urbino Carlo Bo Strategia dImpresa TRE TIPOLOGIE DI TECNOLOGIE : 1. 1.TECNOLOGIE DI BASE 2.TECNOLOGIE CHIAVE 3.TECNOLOGIE EMERGENTI Si sono affermate in passato ora generalmente condivise Hanno forte impatto sulle dinamiche competitive operano come fattore di sviluppo Sono in uno stadio di sperimentazione e sviluppo La seconda e la terza delle tecnologie sono considerate anche denominate TECNOLODIE DI DIFFERENZIAZIONE

11 Università degli studi di Urbino Carlo Bo Strategia dImpresa CICLO DI VITA DELLE TECNOLOGIE Risorse investite Efficacia applicazione Limite della tecnologia A B Da 0 ad A = fase dellintroduzione Da A ad B = fase di crescita Oltre B = fase di declino Oltre B = fase di declino DURATA DELLE FASI è diversa per ogni innovazione

12 Università degli studi di Urbino Carlo Bo Strategia dImpresa PORTAFOGLIO TECNOLOGICO Ogni impresa ha al suo interno più tecnologie con diversi cicli di vita PORTAFOGLIO TECNOLOGICO: Insieme delle tecnologie che sono presenti nellimpresa che possono svilupparsi con ritmi diversi e combinarsi in modo innovativo con il passare del tempo assicurando allimpresa un buon potenziale tecnologico

13 Università degli studi di Urbino Carlo Bo Strategia dImpresa ANALISI ORGANIZZATIVA FOCUS: Analisi dellambiente interno e del potenziale organizzativo OGGETTO: Insieme delle risorse e competenze che si formano nellimpresa contribuendo in maniera rilevante alla formulazione di opzioni strategiche FILONI DI RICERCA: si sono sviluppati sono ultimi anni RESOURCE BASED VIEW CORE COMPETENCES

14 Università degli studi di Urbino Carlo Bo Strategia dImpresa CARATTERISTICHE CHIAVE COMPETENZE Sono costituite in modo profondo e indistinto, sono competenze tacite e empiriche, replicabili con estrema difficoltà da parte delle altre organizzazioni; Consentono di individuare ciò che limpresa sa far meglio o in modo diverso e si definiscono in modo relativo cioè rispetto alla competenze delle altre imprese concorrenti; Sono rare cioè applicate solo ad alcune attività della catena del valore e non sono diffuse in eugual mostra nellorganizzazione: Costituiscono la base della capacità di offrire ai propri clienti un valore unico e diverso da quello dei concorrenti; Sono delle piattaforme di sperimentazione allinterno dellorganizzazione; Individuano linsieme delle opportunità di crescita che la singola impresa ha a sua disposizione.

15 Università degli studi di Urbino Carlo Bo Strategia dImpresa LIVELLI GERARCHICI DI RISORSE E COMPETENZE 1° LIVELLO 2° LIVELLO 3° LIVELLO Risorse tecnico- produttive ed organizzative con lo scopo di soddisfare le esigenze di base del cliente Risorse che indirizzano lofferta alla domanda di uno specifico segmento di mercato Risorse e competenze con capacità di attrazione dellofferta distintiva

16 Università degli studi di Urbino Carlo Bo Strategia dImpresa CHE COSA SI INTENDE PER RISORSE E COMPETENZE? COMPETENZE RISORSE Determinate combinazioni di risorse che generano particolari azioni Componenti tangibili e intangibili che sono impiegate in modo combinato e che vengono utilizzate secondo determinate regole Dove risiede la linea di confine tra questi due elementi ?

17 Università degli studi di Urbino Carlo Bo Strategia dImpresa RISORSE Sono gli elementi che in un certo momento possono essere impiegati secondo determinate combinazioni Risorse Finanziarie Risorse Finanziarie Risorse Fisiche Risorse Fisiche Risorse Umane Risorse Umane Risorse intangibili Risorse intangibili

18 Università degli studi di Urbino Carlo Bo Strategia dImpresa COMPETENZE Sono individuate nel Set di combinazioni attuabili dallimpresa e costituiscono il potenziale di risposta dellorganizzazione Quando una competenze si consolida si trasforma in risorsa; Quando una competenze si consolida si trasforma in risorsa; lo sviluppo di uno nuovo set di combinazioni crea nuova competenza. lo sviluppo di uno nuovo set di combinazioni crea nuova competenza. COMPETENZE = CONOSCENZE

19 Università degli studi di Urbino Carlo Bo Strategia dImpresa FORMAZIONE E GESTIONE DI RISORSE/COMPETENZE FATTORI AVANZATI FATTORI SPECIFICI Risorse e competenze qualificate che si vanno a creare direttamente nel mercato Quelle che si sono sviluppate internamente nellimpresa e sono applicabili ad una specifica filiera CREANO VANTAGGIO COMPETITIVO CREANO VANTAGGIO COMPETITIVO CATENA DEL VALORE DI PORTER CATENA DEL VALORE DI PORTER

20 Università degli studi di Urbino Carlo Bo Strategia dImpresa MAPPA DI CONTROLLO E COMBINAZIONE Grado di controllo Qualità della combinazione Imitativa Scarso innovativa Notevole LEVERAGING COMBINAZIONE ORIGINALE E IDIOSINCRATICA RENDITA DA SCARSITA REPLICAZIONE PASSIVA

21 Università degli studi di Urbino Carlo Bo Strategia dImpresa COMPETIZIONE TRA RISORSE Limpresa per sviluppare o mantenere un vantaggio competitivo non deve cullarsi sulla posizione acquisita nel mercato di sbocco ma deve aver capacità di acquisire e produrre internamente risorse COMPETIZIONE TRA RISORSE COMPETIZIONE TRA RISORSE capacità di accedere a risorse strategiche; capacità di accedere a risorse strategiche; formazione di competenze specifivhe; formazione di competenze specifivhe; Controllo sui prodotti intermediControllo sui prodotti intermedi

22 Università degli studi di Urbino Carlo Bo Strategia dImpresa STRATEGIA COME STRETCH AND LEVERAGE STRATEGIA COME STRETCHSTRATEGIA COME STRETCH STRATEGIA COME LEVERAGESTRATEGIA COME LEVERAGE Capacità di generare allinterno delle intenzioni strategiche forti attraverso sfide: Impegnative; Impegnative; Stimolanti.Stimolanti. Risultato strategico individuato come esito delleffetto leva creato dalle risorse interne sia per quello che concerne i prodotti finiti sia per lo sviluppo di nuove risorse

23 Università degli studi di Urbino Carlo Bo Strategia dImpresa CINQUE COMPPORTAMENTI DA SEGUIRE 1. Concentrare le risorse in base agli OBIETTIVI veramente STRATEGICI; 2. ACCUMULARE risorse allinterno dellimpresa; 3.Rendere COMPLEMENTARI o SINERGICHE le diverse risorse; 4.Conservare nel tempo le risorse e PROTEGGERLE dei concorrenti; 5. Far rientrare gli INVESTIMENTI attuati nel minor tempo possibile.

24 Università degli studi di Urbino Carlo Bo Strategia dImpresa Criteri per analizzare il contenuto delle strategie

25 Università degli studi di Urbino Carlo Bo Strategia dImpresa Enterprices strategy STRATEGIA Concetto contenutistico operativo. Definito come linsieme di azioni che limpresa effettua per essere competitiva nel m/l periodo Division strategy Corporate strategy Analisi strategica a più livelli

26 Università degli studi di Urbino Carlo Bo Strategia dImpresa CRITERI PER INDIVIDUARE E ANALIZZARE LE OPZIONI STRATEGICHE DI BASE ANALISI CONBINATA DI DUE CRITERI DISTINTIVI: COMBINAZIONE TRA MERCATO-PRODOTTO- TECNOLOGIA COMBINAZIONE TRA MERCATO-PRODOTTO- TECNOLOGIA MODALITA SVILUPPATE DALLORGANIZZAZIONE PER REALIZZARE LE SINGOLE OPSIONI MODALITA SVILUPPATE DALLORGANIZZAZIONE PER REALIZZARE LE SINGOLE OPSIONI

27 Università degli studi di Urbino Carlo Bo Strategia dImpresa COMBINAZIONE PRODOTTO-MERCATO- TECNOLOGIA ELEMENTI utilizzati negli studi del sistema competitivo Sviluppo di 5 gruppi di opsione strategica: 1.Strategia con prodotti e linee esistenti negli attuali mkt; 2. Strategia con prodotti e linee esistenti in nuovi mkt; 3.Sviluppo di nuovi prodotti con vecchie linee; 4. Strategia di modificazione della gamma con linee collegate; 5. strategia di modificazione della gamma con linee non collegate.

28 Università degli studi di Urbino Carlo Bo Strategia dImpresa CRESCITA DELLIMPRESA AMBIENTE ESTERNO AMBIENTE INTERNO: manageriali manageriali StrutturaliStrutturali economico-finanziarie economico-finanziarie innovative innovative

29 Università degli studi di Urbino Carlo Bo Strategia dImpresa MODALITA ORGANIZZATIVE DELLIMPRESA DEVE ESSERE ANALIZZATO LE RELAZIONI TRA RISORSE INTERNE ED ESTERNE Sviluppo interno; Sviluppo interno; Sviluppo esterno;Sviluppo esterno; Sviluppo collaborativo.Sviluppo collaborativo. Sviluppo interno Sviluppo esterno

30 Università degli studi di Urbino Carlo Bo Strategia dImpresa ALTRI CRITERI DI CLASSIFICAZIONE 1. Ciclo di vita del prodotto; 2.Struttura dellofferta; 3.Tipo di impresa; 4. comportamenti verso linnovazione; 5. posizione competitiva; 6.Evoluzione dellimpresa; 7.Distanza tra strategia decisionale e attuativa

31 Università degli studi di Urbino Carlo Bo Strategia dImpresa SCOSTAMENTO TRA STRATEGIA DELIBERATA E ATTUATA 1. STRATEGIA PIANIFICATA 2.STRATEGIA IMPRENDITORIALE 3.STRATEGIA IDEOLOGICA 4. STRATEGIA OMBRELLO 5.STRATEGIA PROCESSUALE 6.STRATEGIA INDIPENDENTE 7.STRATEGIA CONSENSUALE


Scaricare ppt "Lanalisi strategica della tecnologia e delle risorse e competenze dellorganizzazione Università degli studi di Urbino Carlo Bo Strategia dImpresa."

Presentazioni simili


Annunci Google