La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

PEDAGOGIA SPERIMENTALE MODELLI E PROCEURE PER L’EDUCAZIONE DEGLI ADULTI CORSO DI LAUREA SEAFC Prof. Cinzia Angelini Università Roma Tre Anno accademico.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "PEDAGOGIA SPERIMENTALE MODELLI E PROCEURE PER L’EDUCAZIONE DEGLI ADULTI CORSO DI LAUREA SEAFC Prof. Cinzia Angelini Università Roma Tre Anno accademico."— Transcript della presentazione:

1 PEDAGOGIA SPERIMENTALE MODELLI E PROCEURE PER L’EDUCAZIONE DEGLI ADULTI CORSO DI LAUREA SEAFC Prof. Cinzia Angelini Università Roma Tre Anno accademico II Semestre

2 Come comunicare ricevimento: il martedì (h ) in via Manin, 53 – 1° piano, stanza 5 telefono: sito web: https://formazione.uniroma3.it/docente/cangelini/

3 Quando: il lunedì dalle 16:00 alle 18:00 e il giovedì dalle 9:00 alle 10:00 secondo il seguente calendario (disponibile anche sul sito del Dipartimento di Scienze della Formazione): – lunedì 2 marzo h – giovedì 5 marzo h – lunedì 9 marzo h – giovedì 12 marzo h – lunedì 16 marzo h – giovedì 19 marzo h – lunedì 23 marzo h – lunedì 30 marzo h – giovedì 2 aprile h – lunedì 13 aprile h – giovedì 16 aprile h – lunedì 20 aprile h – giovedì 23 aprile h – lunedì 27 aprile h – giovedì 30 aprile h – lunedì 4 maggio h – giovedì 7 maggio h – lunedì 11 maggio h – giovedì 14 maggio h – lunedì 18 maggio h – giovedì 21 maggio h – lunedì 25 maggio h – giovedì 28 maggio h La frequenza non è obbligatoria

4 Dove: aula VI di piazza della Repubblica - eventuali variazioni saranno comunicate sulla bacheca del docente: https://formazione.uniroma3.it/docente/ cangelini/

5 CREDITI 12 CFU esame unico e non divisibile 6 CFU acquisiti attraverso le lezioni della prof. Angelini 3 CFU acquisiti attraverso il laboratorio della prof. Gallina + 3 CFU acquisiti attraverso il seminario del prof. Vertecchi

6 CREDITI ESAME Prova scrittastrutturata 90 quesiti a scelta multipla con quattro alternative di risposta valutazione della prova: chi risponde correttamente ad almeno il 90% dei quesiti è valutato con 30 e lode. Chi ha risposto ad almeno 4/5 dei quesiti riceve 30/30. Chi ha fornito almeno la metà di risposte corrette riceve una valutazione proporzionale alla qualità della prova fornita Prova oralea richiesta solo per chi abbia ottenuto almeno 18 nella prova scritta Esonero solo per gli studenti che frequenteranno il laboratorio

7 Testi consigliati Per il ciclo di lezioni: – Benedetto Vertecchi, Manuale della valutazione. Analisi degli apprendimenti e dei contesti, Milano, Angeli, 2003 – materiali di approfondimento distribuiti a lezione e sul sito. Per il seminario: – Tommaso Campanella, La città del sole, un’edizione a scelta dello studente. Per il laboratorio: – Gabriella Di Francesco (a cura di), Il framework teorico nel programma PIAAC: metodologia e strumenti per la valutazione delle competenze degli adulti, ISFOL, versione scaricabile dal sito dell’ISFOL all’indirizzo

8 LABORATORIO acquisire i fondamenti teorici e metodologici dell’indagine empirica e sperimentale nell’educazione degli adulti definire un problema formulare ipotesi individuare gli strumenti idonei alla raccolta di dati anche attraverso il confronto con le principali indagini internazionali dedicate alla popolazione adulta analizzare e interpretare i dati stabilire percorsi di revisione critica delle ipotesi selezionare percorsi per la soluzione di problemi Obiettivi del ciclo di lezioni

9 LABORATORIO analizzare l’opera di Tommaso Campanella, La città del sole esaminare le implicazioni per l’educazione degli adulti Obiettivi del seminario Il cammino del tempio

10 LABORATORIO analizzare il problema della competenza alfabetica degli adulti; definire il concetto di literacy; costruire strumenti per misurare le competenze funzionali degli adulti Obiettivi del laboratorio La competenza alfabetica degli adulti

11 Le origini della pedagogia sperimentale Nascita delle scienze naturali sperimentali (1543) Galileo Galilei ( ) e il metodo sperimentale: - isolare e neutralizzare le variabili per studiarle e misurarle; - da osservazione passiva a osservazione attiva: ripetizione del fenomeno in condizioni controllate Positivismo: conquista della verità attraverso la ricerca sperimentale Nascita delle scienze umane sperimentali: Darwin, Origine delle specie, (1859), Origine dell’uomo, (1871) Freud Scienze umane (psicanalisi, antropologia, sociologia, psicologia): applicano al loro oggetto di studio la metodologia generale delle scienze naturali

12 Le origini della pedagogia sperimentale Psicologia sperimentale: laboratorio di Wundt a Lipsia (1879); altri laboratori: Charcot a Parigi, Sergi a Roma, Pavlov a San Pietroburgo, W. James a Harvard, Cattell a Filadelfia e New York Studio del comportamento: fatti osservabili e misurabili, demarcazione tra biologia e psicologia, studio di stimolo e risposta Intenzionalità

13 Le origini della pedagogia sperimentale Pedagogia: studio dei fatti e dei processi relativi all’educazione. Può essere: 1.DESCRITTIVO: si attiene ai fatti (cronaca o storia di fatti a valenza educativa, romanzi pedagogici, osservazione) 2.NORMATIVO: contiene indicazioni, linee di indirizzo ecc. 3.ESPLICATIVO: spiega come avvengono i fenomeni (osservare la natura, sperimentare, stabilire regole fondate non sulla tradizione ma sulla scienza)

14 Le origini della pedagogia sperimentale Pedagogia sperimentale e psicologia sperimentale: condivisione primi passi Prime ricerche in campo educativo su sottodotati e superdotati Tre filoni: a) funzione dell’educatore, stile d’insegnamento, formazione degli insegnanti; b) strutture scolastiche, programmazione, rapporto scuola-società; c) educazione extra- scolastica, educazione degli adulti

15 Epistemologia della ricerca Fonti del sapere: esperienza (sapere immediato, passivo perché appartiene ai sensi, reattivo perché elaborato) ragione (sapere mediato, attivo, ulteriore elaborazione dei dati da parte dell’intelletto che produce concetti e li mette in relazione)

16 Epistemologia della ricerca Due metodi di derivazione del sapere: deduttivo (dal generale al particolare, sillogismo) - discendente induttivo (dal particolare al generale, rilevazione ripetuta di fatti simili) - ascendente

17 Epistemologia della ricerca Esperienza/ragione: itinerario azioni-immagini-simboli Requisiti del linguaggio: coerenza (criterio interno) e verificazione (criterio esterno) La formulazione delle ipotesi Condizioni

18 Epistemologia della ricerca Variabili: indipendenti e dipendenti - di sfondo - di disturbo - assegnate - manipolate o manipolabili - obiettivo o bersaglio

19 Epistemologia della ricerca Nel contesto didattico: - variabili antecedenti (input remoto) - variabili di processo (input prossimo) - variabili conseguenti (output finale)


Scaricare ppt "PEDAGOGIA SPERIMENTALE MODELLI E PROCEURE PER L’EDUCAZIONE DEGLI ADULTI CORSO DI LAUREA SEAFC Prof. Cinzia Angelini Università Roma Tre Anno accademico."

Presentazioni simili


Annunci Google