La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 Catanzaro, 18 /04/ 015 Catanzaro, 18 /04/ 015 Convegno diocesano Convegno diocesano delle Caritas parrocchiali Sulle strade di Gerico (Lc 10,25ss) (Lc.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 Catanzaro, 18 /04/ 015 Catanzaro, 18 /04/ 015 Convegno diocesano Convegno diocesano delle Caritas parrocchiali Sulle strade di Gerico (Lc 10,25ss) (Lc."— Transcript della presentazione:

1 1 Catanzaro, 18 /04/ 015 Catanzaro, 18 /04/ 015 Convegno diocesano Convegno diocesano delle Caritas parrocchiali Sulle strade di Gerico (Lc 10,25ss) (Lc 10,25ss)

2 2 Iª PartePresupposti che hanno sollecitato la chiesa ad essere testimone della carità divina nel mondo di oggi IIª Parte Una scelta strategica per una conversione alla pastorale della carità: la caritas IIIª Parte ascolto, osservazione e discernimento componenti essenziali per promuovere fraternità VIª Parte La Caritas: organismo pastorale per animare alla testimonianza della carità la comunità e il territorio

3 3

4 4 Veniamo da una storia che ci condiziona Nella mentalità diffusa e nella prassi pastorale risentiamo di impostazioni così caratterizzate: - Sviluppo di un concetto individualistico e privatistico di vita cristiana di carità e di santità. La spiritualità della “fuga mundi” in voga nel medioevo, ha condizionato nei secoli la collocazione e il coinvolgimento del cristiano e della stessa Chiesa dentro la storia. - Delega agli Ordini religiosi dell’impegno di carità. Nella Chiesa il fiorire di opere di carità attraverso i carismi di alcuni santi ha promosso nei secoli opere egregie, ma non ha sviluppato l’impegno comunitario per la carità. - Nel passato la Chiesa si è strutturata più sulla base dei riti e del diritto,che nella direzione dell’essere segno dell’amore trinitario rivelatosi nell’incarnazione, lasciando che la carità si stemperasse nell’elemosina e nella beneficenza. - Nel passato la Chiesa si è strutturata più sulla base dei riti e del diritto, che nella direzione dell’essere segno dell’amore trinitario rivelatosi nell’incarnazione, lasciando che la carità si stemperasse nell’elemosina e nella beneficenza. - Scarso contatto con la Parola di Dio e interpretazione riduttiva e distorta di alcuni passi. “Quod superest date eleemosynam” (Lc 11, 41) inteso come dare ciò che avanza, anziché “condividere” ciò che c’è nel piatto.“Quod superest date eleemosynam” (Lc 11, 41) inteso come dare ciò che avanza, anziché “condividere” ciò che c’è nel piatto. “Non sappia la tua sinistra ciò che fa la tua destra” (Mt 6,3) intesa come azione caritativa anonima, privata, anziché disinteressata.“Non sappia la tua sinistra ciò che fa la tua destra” (Mt 6,3) intesa come azione caritativa anonima, privata, anziché disinteressata.

5 5 Il Vaticano II evento di un’originalità unica Per la prima volta, un Concilio accanto a temi squisitamente ecclesiali come la centralità dellaparola di Dio elaliturgia da rendereviva e partecipata, Per la prima volta, un Concilio accanto a temi squisitamente ecclesiali come la centralità della parola di Dio e la liturgia da rendere viva e partecipata, –evidenzia la carità come dimensione costitutiva dell’essere chiesa, –riconfigura la Chiesa come popolo di Dio, abbandonando la strutturapiramidale, –riconfigura la Chiesa come popolo di Dio, abbandonando la struttura piramidale, –presenta l’autorità come servizio –presenta l’autorità come servizio, –riconosce il ruolo proprio della donna e dei laici –vocazione universale alla santità. Vengono affrontati temi assolutamente inediti come: ilsottosviluppodell’umanità, il sottosviluppo dell’umanità, la multiforme oppressione dellalibertà la multiforme oppressione della libertà, i fondamentalidiritti dell’uomo i fondamentali diritti dell’uomo, la corsa agli armamenti, la minaccia di annientamento dell’umanità, laricerca dell’unità dei cristiani la ricerca dell’unità dei cristiani.

6 6 Tre dimensioni costitutive Parola : annuncio-ascolto Liturgia : sacramenti-celebrazione Carità : condivisione, servizio nella COMUNIONE Tre funzioni essenziali Tre funzioni essenziali corresponsabilità strutture ecclesiali di partecipazione pastorale organica Diritto-dovere di ogni battezzato e di ogni Organismo, Gruppo e Associazione Consigli pastorali Organismi e Uffici pastorali Organismi e Uffici pastorali Sotto la presidenza del Vescovo Osmosi tra tra catechesi - liturgia - carità

7 7 L’ecclesiologia di comunione del Con. Vat. II Di fronte a cambiamenti e trasformazioni, l’ecclesiologia di comunione proposta dal Concilio Vaticano II, mette in evidenza come la Chiesa è chiamata ad essere“luce delle genti” (LG n. 1).Di fronte a cambiamenti e trasformazioni, l’ecclesiologia di comunione proposta dal Concilio Vaticano II, mette in evidenza come la Chiesa è chiamata ad essere “luce delle genti” (LG n. 1). Inoltre,“Le gioie e le speranze, le tristezze e le angosce degli uomini di oggi, dei poveri soprattutto,… sono pure le gioie e le speranze, le tristezze e le angosce dei discepoli di Cristo” (GS n. 1).Inoltre, “Le gioie e le speranze, le tristezze e le angosce degli uomini di oggi, dei poveri soprattutto,… sono pure le gioie e le speranze, le tristezze e le angosce dei discepoli di Cristo” (GS n. 1). Tutto il magistero universale e quello della Chiesa italianahanno ripetutamentesollecitato le comunità cristiane ad essere soggetto di una catechesi permanente ed integrale, di una liturgia viva e partecipata, di una testimonianza attenta ed operosa.Tutto il magistero universale e quello della Chiesa italiana hanno ripetutamente sollecitato le comunità cristiane ad essere soggetto di una catechesi permanente ed integrale, di una liturgia viva e partecipata, di una testimonianza attenta ed operosa.

8 8 La Chiesa soggetto di pastorale La comunità cristiana nel suo insieme è il soggetto primario della catechesi, della liturgia e della testimonianza della carità.La comunità cristiana nel suo insieme è il soggetto primario della catechesi, della liturgia e della testimonianza della carità. La Chiesa, che nasce dalla carità divina, è chiamata a strutturarsi come comunità che, pur nelladiversità dei ruolie nellavarietà dei carismi, sollecita allacorresponsabilità di tutti.La Chiesa, che nasce dalla carità divina, è chiamata a strutturarsi come comunità che, pur nella diversità dei ruoli e nella varietà dei carismi, sollecita alla corresponsabilità di tutti. “Vi sono diversità di carismi… Vi sono diversità di ministeri… Vi sono diversità di operazioni… E a ciascuno è data una manifestazione particolare dello Spirito per l’utilità comune… Ora voi siete corpo di Cristo e sue membra, ciascuno per la sua parte” (1 Cor, 12ss). Lapartecipazione e la corresponsabilità trovano l’espressione massima nella comunione.La partecipazione e la corresponsabilità trovano l’espressione massima nella comunione. Secondo questa prospettiva, laChiesa è soggetto di tutta la pastorale. Secondo questa prospettiva, la Chiesa è soggetto di tutta la pastorale.

9 9 Passaggio dalla P.O.A. strumento caritativo alla CARITAS

10 10 Necessità di strumentarsi per educare alla carità In risposta alle esigenze di una società complessa e in continuo cambiamento,In risposta alle esigenze di una società complessa e in continuo cambiamento, Tenendo conto delle indicazioni del Concilio Vaticano IITenendo conto delle indicazioni del Concilio Vaticano II I Vescovi italiani, su indicazione di Paolo VI, hanno promosso –la Caritas: organismo pastorale che utilizza un metodo di lavoroun metodo di lavoro degli strumenti pastoralidegli strumenti pastorali L’obiettivo. Educare a condividere, L’obiettivo. Educare a condividere, a ripensare stili di vita personali e familiari, a mettere a disposizione le proprie risorse (tempo, competenze, professionalità…) per essere segno di quell’amore solidale, che ci rende tutti responsabili di tutti.

11 11 1. La Caritas: frutto del Concilio Vat. II Dal ‘43 al ’70 in Italia ha operato la P.O.A. a livello nazionale, le O.D.A. a livello diocesano, come strumento caritativo per far giungere ai singoli e alle famiglie gli aiuti nel periodo della guerra e della ricostruzione.Dal ‘43 al ’70 in Italia ha operato la P.O.A. a livello nazionale, le O.D.A. a livello diocesano, come strumento caritativo per far giungere ai singoli e alle famiglie gli aiuti nel periodo della guerra e della ricostruzione. Nel ’70 Paolo VI scioglie la P.O.A., avendo storicamente esaurito il suo compito e sollecita la CEI ad istituire un proprio organismo pastorale per la promozione della testimonianza della carità, ispirato alle linee indicate dal Con. Vat. II.Nel ’70 Paolo VI scioglie la P.O.A., avendo storicamente esaurito il suo compito e sollecita la CEI ad istituire un proprio organismo pastorale per la promozione della testimonianza della carità, ispirato alle linee indicate dal Con. Vat. II. Con decreto del 2 luglio 1971 la CEI istituisce la Caritas italiana. A livello diocesano, la decisone di istituire la Caritas veniva lasciata ai vescovi.Con decreto del 2 luglio 1971 la CEI istituisce la Caritas italiana. A livello diocesano, la decisone di istituire la Caritas veniva lasciata ai vescovi. Nel settembre del ’72 il primo Convegno delle Caritas diocesane, nel qualeNel settembre del ’72 il primo Convegno delle Caritas diocesane, nel quale –vengono sottolineate identità e mandatp della Caritas –si evidenzia che la Caritas si configura come organismo pastorale con prevalente funzione pedagogica, per promuovere la testimonianza della carità. –Paolo VI commentando lo Statuto indica le linee orientative sulle quali la Caritas si è mossa in questi anni.

12 12 Le specificità della Caritas fissate nello Statuto 1. IDENTITA’ cfr. Statuto Caritas Italiana Art. 1 ORGANISMO PASTORALE che opera: –per promuovere la testimonianza della carità della comunità cristiana, –in forme consone ai bisogni, –in vista dello sviluppo integrale dell’uomo, della giustizia sociale e della pace –con particolare attenzione agli ultimi –con prevalente funzione pedagogica. 2. MANDATO cfr. Statuto Caritas Italiana Art. 3 –tradurre (il senso di carità) in interventi concreti con carattere promozionale in collaborazione con i Vescovi –realizzare studi e ricerche sui bisogni per aiutare a scoprirne le cause –curare il coordinamento delle iniziative e delle opere caritative di ispirazione cristiana –promuovere il volontariato –favorire la formazione degli operatori pastorali –indire, organizzare e coordinare interventi di emergenza –contribuire allo sviluppo umano e sociale dei Paesi in via di sviluppo –stimolare l’azione delle istituzioni civili ed una adeguata legislazione.

13 13 Ciò che è diventato peculiare per la Caritas 3. DESTINATARI : i poveri, la comunità, il territorio/mondo La Caritas cerca di tenere sempre presente che: –prima del bisogno, dell’emergenza, ci sono le persone che vivono queste condizioni ed hanno necessità di essere ascoltate, incontrate, considerate ed aiutate (poveri); –c’è la comunità che va educata all’attenzione verso chi è in difficoltà, responsabilizzandola a sentire che l’altro le appartiene, è parte di sé (Chiesa); –ci sono precisi contesti, dentro cui le persone vivono, che richiedono discernimento e uno sguardo ampio, globale (territorio/mondo). Pertanto,i valori della condivisione, dell’accompagnamento, della partecipazione, si concretizzano in misura in cui, con una costante azione di animazione, la comunità cresce nella consapevolezza di esseresoggetto di una carità testimoniata, nei riguardi di ogni persona, vicina e lontana, da vedere con amore gratuito e totale. Pertanto, i valori della condivisione, dell’accompagnamento, della partecipazione, si concretizzano in misura in cui, con una costante azione di animazione, la comunità cresce nella consapevolezza di essere soggetto di una carità testimoniata, nei riguardi di ogni persona, vicina e lontana, da vedere con amore gratuito e totale. Tutto ciò evangelizza, perché manifesta in modo credibile, con segni e fatti dentro la storia, l’amore di Dio per ogni persona.

14 14 Ciò che è diventato peculiare per la Caritas 4. Assunzione di un metodo Nel contesto sociale molto complesso ed in continuo cambiamento, il metodo pastoraledell’ascoltareosservaree discernereperanimare assunto dalla Caritas, risulta efficace perché, utilizzando anche luoghi e strumenti specifici per l’ascolto (il CdA), l’osservazione (l’OPR) e il discernimento/animazione (il L p C), permette di partire dalla realtà e dare sistematicità, organicità e concretezza al lavoro di sensibilizzazione e coinvolgimento delle comunità. Nel contesto sociale molto complesso ed in continuo cambiamento, il metodo pastorale dell’ascoltare, osservare e discernere per animare, assunto dalla Caritas, risulta efficace perché, utilizzando anche luoghi e strumenti specifici per l’ascolto (il CdA), l’osservazione (l’OPR) e il discernimento/animazione (il L p C), permette di partire dalla realtà e dare sistematicità, organicità e concretezza al lavoro di sensibilizzazione e coinvolgimento delle comunità. 5.Lavoro in equipe Per raggiungerei destinatari (poveri, chiesa, mondo), Per raggiungere i destinatari (poveri, chiesa, mondo), per promuovere ed utilizzare opportunamente gli strumenti dell’ascolto, dell’osservazione e del discernimento per progettare e realizzare percorsi formativi e azioni, si è colto il valore del lavoro in equipe che permette: –il coinvolgimento di soggetti appartenenti ad ambiti diversi e con competenze diverse, –il raggiungimento ed il coinvolgimento della comunità e delle istituzioni, –la realizzazione di una pastorale progettuale e integrata, fornire risposte, indicazioni e servizi con maggiore efficacia.

15 15 Ciò che è diventato peculiare per la Caritas 6.Attenzione alla formazione In questi decenni, la Caritas ha tenuto sempre al primo posto la formazione. Partendo dal corso più orientato alla trasmissione del sapere è seguita l’esigenza di formare al saper fare per volontari e operatori, e alsaper essere animatori pastorali, in modo che, a partire da qualsiasi ambito di intervento, si possa animare al senso della carità la comunità e il territorio. Partendo dal corso più orientato alla trasmissione del sapere è seguita l’esigenza di formare al saper fare per volontari e operatori, e al saper essere animatori pastorali, in modo che, a partire da qualsiasi ambito di intervento, si possa animare al senso della carità la comunità e il territorio. 7.La pastorale della carità L’insieme di attenzione ai tre destinatari: poveri, chiesa, mondo l’utilizzo del metodo di lavoro con gli appositi strumenti, il promuovere azioni che coniuganoemergenza e quotidianità, il promuovere azioni che coniugano emergenza e quotidianità, l’individuazione di percorsi che portino ad una testimonianza della carità da parte della comunità, è pastorale della carità. L’obiettivo: educare a condividere, a ripensare stili di vita personali e familiari, a mettere a disposizione le proprie risorse (tempo, competenze, professionaltà…) a vantaggio di chi sperimenta la difficoltà, per testimoniare un amore solidale, in modo che tutti si sentano responsabili di tutti.

16 16 Ciò che è diventato peculiare per la Caritas 8.La progettazione pastorale a Caritas ha maturato la convinzione di evitare che l’intervento di aiuto risulti episodico e la promozione e l’animazione siano estemporanee La Caritas ha maturato la convinzione di evitare che l’intervento di aiuto risulti episodico e la promozione e l’animazione siano estemporanee. La progettazione pastorale, permette di evitare improvvisazione e provvisorietà, rendendo organica, continuativa e fruttuosa la fraternità, perché richiede di: –partire da una serie di elementi conoscitivi –fissare gli obiettivi –prevedere tempi, risorse e soggetti da coinvolgere –metodi da utilizzare ed azioni da promuovere –verifiche periodiche da compiere.

17 17 Ha offerto alcuni dati per avere un’idea di questa realtà La povertà relativa in Italia e in Calabria. Anni (% di famiglie povere sul totale delle famiglie residenti) Calabria24,025,023,327,822,925,027,426,0 Italia10,611,711,111,111,111,310,811,0 Fonte: Istat RIGUARDO alla REGIONE CALABRIA Il Rapporto 20113su povertà ed esclusione sociale in Italia Poveri di diritti” Il Rapporto 20113su povertà ed esclusione sociale in Italia “ Poveri di diritti” a cura di Caritas Italiana - Fondazione Zancan Percentuale media: Nord, 4,9 Centro, 6,3 Sud, 23,0

18 18 In Italia il fenomeno della povertà economica è in crescita: dal 2009 al 2013 la povertà relativa è infatti aumentata, passando dal 10,8% all’11,8% delle famiglie residenti.In Italia il fenomeno della povertà economica è in crescita: dal 2009 al 2013 la povertà relativa è infatti aumentata, passando dal 10,8% all’11,8% delle famiglie residenti. In Calabria, l’incidenza della povertà relativa è superiore alla media nazionale, anche se rispetto al 2009 è diminuita di 1.4 punti percentuali.In Calabria, l’incidenza della povertà relativa è superiore alla media nazionale, anche se rispetto al 2009 è diminuita di 1.4 punti percentuali. –Nel quadro complessivo, la Calabria è la terza regione più povera, mentre la Basilicata è la più povera in assoluto, con il 28,3% di famiglie sotto la linea di povertà relativa, seguita dalla Sicilia. Uno raffronto del fenomeno della povertà sul territorio

19 19 Alcuni indicatori e dati di povertà in Calabria Povertà e disagio socio-economico (2013) Tab. 2 - Indicatori di povertà e disagio socio-economico % di famiglie che Arrivano a fine mese con molta difficoltà Non riesce a fare un pasto adeguato almeno ogni 2 giorni Non riesce a riscaldare la casa adeguata- mente Non riesce a sostenere spese impreviste di 750 euro Indicatore Eurostat di deprivazio ne [1] [1] Calabria19,78,814,747,322,7 Italia15,36,610,633,315,2 Almeno due indicatori tra i seguenti: 1) non potersi permettere una settimana di ferie lontano da casa almeno una volta in un anno, 2) avere arretrati (mutuo o affitto o bollette o altri debiti diversi dal mutuo), 3) non potersi permettere: lavatrice, tv a colori, telefono, automobile. [1] Almeno due indicatori tra i seguenti: 1) non potersi permettere una settimana di ferie lontano da casa almeno una volta in un anno, 2) avere arretrati (mutuo o affitto o bollette o altri debiti diversi dal mutuo), 3) non potersi permettere: lavatrice, tv a colori, telefono, automobile. [1]

20 20

21 21 metodoper una finalità Un metodo per una finalità L’ascoltare insieme all’osservare e al discernere, costituisce il metodo che la Caritas si è dato, per essere in grado di:L’ascoltare insieme all’osservare e al discernere, costituisce il metodo che la Caritas si è dato, per essere in grado di: –entrare in relazione –conoscere persone, realtà e situazioni –progettare –promuovere –realizzare interventi pastoralmente appropriati, in vista di unafinalità: animare in vista di una finalità: animare –le persone in difficoltà, rispondendo ai loro bisogni e riabilitandole –la comunità, informandola, coinvolgendola nelle risposte da dare –il territorio, entrando in relazione con i vari soggetti che lo abitano. Ciò risponde a verità, o ci si limita a risposte immediate di tipo assistenzialistico?

22 22 Un metodo pastorale secondo lo stile di Dio Fin dall’Antico Testamento, lo stile di Dio rivelato a Mosè sul Sinai e attuato nel rapporto con gli uomini, è un metodo diFin dall’Antico Testamento, lo stile di Dio rivelato a Mosè sul Sinai e attuato nel rapporto con gli uomini, è un metodo diascolto,osservazione,discernimento, per un conseguente intervento. –“Ho udito il grido del mio popolo (Es 3, 7) mio popolo (Es 3, 7) –“Ho osservato la sua miseria” (ES 3, 7) –“Sono sceso per liberarlo… (Es 3, 8) Quanto il nostro operato rispecchia lo stile di Dio?

23 23 Un metodo secondo l’icona del buon samaritano La parabola del buon samaritano (Lc 10, 30ss), ci presenta il metodo pastorale in quattro fasi che la Caritas ha fatto proprio. Il fattoIl fatto La constatazione del fattoLa constatazione del fatto Il prendersi curaIl prendersi cura Il coinvolgimento della comunitàIl coinvolgimento della comunità La conclusione di Gesù: La conclusione di Gesù: “Vai e anche tu fai lo stesso” “Vai e anche tu fai lo stesso” “Va e anche tu fa’ lo stesso” “Va e anche tu fa’ lo stesso”

24 24 Il fatto… “Un uomo scendeva da Gerusalemme a Gerico e incappò nei briganti…”“Un uomo scendeva da Gerusalemme a Gerico e incappò nei briganti…” E’ ciò che capita, ciò che accade; l’emergenza che irrompe nel quotidiano che mi interpella: –un senza dimora –un tossico dipendente –una donna messa sul marciapiede –una famiglia con dissesto economico –un anziano abbandonato –uno straniero in cerca di lavoro e di alloggio –dei minori abbandonati –un alluvione –una guerra –…………

25 25 La constatazione del fatto “Un Samaritano, che era in viaggio, passandogli accanto lo vide e ne ebbe compassione”.“Un Samaritano, che era in viaggio, passandogli accanto lo vide e ne ebbe compassione”. E’ la capacità diaccorgersidel fatto dentro E’ la capacità di accorgersi del fatto dentro la quotidianità efarsi interpellare da esso. Significa percepire che: la quotidianità e farsi interpellare da esso. Significa percepire che: –mi riguarda –cerco di capire –ci stabilisco una relazione –entro in sintonia (com-passione) –sento che mi appartiene

26 26 1. Quanto le abilità dell’operatore sono: Fare il primo passoper entrare in relazione con la persona, dopo esserci accorti di chi ci sta accanto?Fare il primo passo per entrare in relazione con la persona, dopo esserci accorti di chi ci sta accanto? Uscire dalle mostre vedute,dai nostri schemi, dai nostri bisogni, dalle nostre sicurezze e renderci conto...?Uscire dalle mostre vedute, dai nostri schemi, dai nostri bisogni, dalle nostre sicurezze e renderci conto...? Avere disponibilitàa fare spazio all’altro e alla realtà che ci sta attorno, cogliendo ciò che sta oltre?Avere disponibilità a fare spazio all’altro e alla realtà che ci sta attorno, cogliendo ciò che sta oltre? Fermarsi,lasciarsi “ferire” dalle vicende che accadono, dalla vita che ci viene raccontata?Fermarsi, lasciarsi “ferire” dalle vicende che accadono, dalla vita che ci viene raccontata? Assumere uno stile, un atteggiamento,per farsi carico di presenze, silenzi, situazioni, privazioni, aspirazioni, fatti, drammi…, presenti sul territorio?Assumere uno stile, un atteggiamento, per farsi carico di presenze, silenzi, situazioni, privazioni, aspirazioni, fatti, drammi…, presenti sul territorio?

27 27 Il prendersi cura “Gli si fece vicino, gli fasciò le ferite versandovi olio e vino; poi, caricatolo sul suo giumento, lo portò a una locanda e si prese cura di lui”.“Gli si fece vicino, gli fasciò le ferite versandovi olio e vino; poi, caricatolo sul suo giumento, lo portò a una locanda e si prese cura di lui”. Si tratta di saper togliere le distanze, superaretogliere le distanze, superare le barriere le barriere rompere l’isolamentorompere l’isolamento sollevare e leniresollevare e lenire scomodarsiscomodarsi sentirsi interpellato in primasentirsi interpellato in prima persona dalla passione di di Cristo che continua nella storia.

28 28 2. Quanto le abilità dell’operatore sono: Apertura all’altro,disponibilità a sintonizzare, ad ascoltare, a capire e a mettersi in discussione?Apertura all’altro, disponibilità a sintonizzare, ad ascoltare, a capire e a mettersi in discussione? Rispetto e discrezionedella sfera privata, del vissuto spesso frantumato di chi si incontra?Rispetto e discrezione della sfera privata, del vissuto spesso frantumato di chi si incontra? Libertà dal giudizioedal pregiudizio, capacità di empatia, di cogliere la sostanza e ciò che c’è di positivo e di sofferto nella persona e nel suo vissuto?Libertà dal giudizio e dal pregiudizio, capacità di empatia, di cogliere la sostanza e ciò che c’è di positivo e di sofferto nella persona e nel suo vissuto? Onestà di atteggiamento,consapevoli di non avere risposte e soluzioni per ogni persona e ogni situazione, ma offrendo sempre comprensione e capacità di compartecipazione e accompagnamento?Onestà di atteggiamento, consapevoli di non avere risposte e soluzioni per ogni persona e ogni situazione, ma offrendo sempre comprensione e capacità di compartecipazione e accompagnamento?

29 29 Il coinvolgimento della comunità “Il giorno seguente estrasse due denari e li diede all’albergatore, dicendo: Abbi cura di lui e ciò che spenderai in più te lo rifonderò al mio ritorno”.“Il giorno seguente estrasse due denari e li diede all’albergatore, dicendo: Abbi cura di lui e ciò che spenderai in più te lo rifonderò al mio ritorno”. Si tratta di: –pagare di persona –coinvolgere la comunità perché si assuma l’impegno di una risposta –sentirsi sempre partecipe –favorire l’interazione e l’inclusione.

30 30 3. Quanto le abilità dell’operatore sono: Accompagnare la persona in difficoltàAccompagnare la persona in difficoltà –a recuperare fiducia in sé, negli altri, nelle istituzioni –a ritrovare la propria dignità –a compiere un cammino di riabilitazione? Sensibilizzare, animareededucare ilsingolo cittadinoe lacomunitàSensibilizzare, animare ed educare il singolo cittadino e la comunità –a non sottovalutare, approssimare e semplificare i problemi? –ad essere attenti ed accoglienti nei confronti di chi è in difficoltà sul territorio e altrove? –a scoprire risorse, a costruire una rete di fattiva mobilitazione del singolo, della comunità, delle istituzioni, in risposta ai bisogni ascoltati? Favorire la costruzione di relazioniricche di attenzioni, dilegamidi fraternità e comunione?Favorire la costruzione di relazioni ricche di attenzioni, di legami di fraternità e comunione?

31 31 Strumenti e luoghi per attuare il metodo Il Centro di Ascolto,a livello zonale, cittadino, parrocchiale, le visite nelle famiglie, le antenne, sono modalità, luoghi e strumenti per realizzare al meglio la funzione dell’ascolto?Il Centro di Ascolto, a livello zonale, cittadino, parrocchiale, le visite nelle famiglie, le antenne, sono modalità, luoghi e strumenti per realizzare al meglio la funzione dell’ascolto? L’osservatorio delle povertà e delle risorse,è lo strumento che permette di rilevare con sistematicità la realtà?L’osservatorio delle povertà e delle risorse, è lo strumento che permette di rilevare con sistematicità la realtà? Il laboratorio per la promozione delle Caritas parrocchiali, educa la comunità alla testimonianza della carità?Il laboratorio per la promozione delle Caritas parrocchiali, educa la comunità alla testimonianza della carità? L’incontro, il dialogo, la cura della relazionein ogni situazione, dovrebbero caratterizzare la vita del cristiano, la pastorale, la vita civile, nella progettazione, nella programmazione, nell’attuazione delle iniziative e nelle verifiche.L’incontro, il dialogo, la cura della relazione in ogni situazione, dovrebbero caratterizzare la vita del cristiano, la pastorale, la vita civile, nella progettazione, nella programmazione, nell’attuazione delle iniziative e nelle verifiche. Sono effettivamente strumenti, luoghi e modi “privilegiati” del metodo Caritas?

32 32

33 33 33q IN DIOCESI L’equipe della Caritas diocesana,L’equipe della Caritas diocesana, utilizza conprogettualitàil metodoascoltare, osservare, discernere e i relativi luoghi- strumenti (CdA, OPR, LAB. Prom. Caritas); utilizza con progettualità il metodo ascoltare, osservare, discernere e i relativi luoghi- strumenti (CdA, OPR, LAB. Prom. Caritas); promuove azioniper animare alla testimonianza l’interaChiesa locale;promuove azioni per animare alla testimonianza l’intera Chiesa locale; collabora con gli altri Uffici pastorali in vista di una pastorale unitaria;collabora con gli altri Uffici pastorali in vista di una pastorale unitaria; cura la formazione degli operatori;cura la formazione degli operatori; è a servizio delle Parrocchie, attraverso illaboratorio,perché sorgano rafforzino Caritas parrocchialisi crei una diffusa rete di solidarietà.è a servizio delle Parrocchie, attraverso il laboratorio, perché sorgano o si rafforzino le Caritas parrocchiali, in modo che si crei una diffusa rete di solidarietà. Equipe Caritas Diocesana laboratorio Car. Pa. CdAOPR Vescovo Uffici di curia

34 34 SUL TERRITORIO L’equipe della Caritas diocesana, rileva situazioni di povertà e risorse, per promuove risposte a bisogni disattesi;rileva situazioni di povertà e risorse, per promuove risposte a bisogni disattesi; dialogacon gli Uffici delle pubbliche istituzioni;dialoga con gli Uffici delle pubbliche istituzioni; è presente nei tavoli dove si progettano le politiche sociali e si redigono i piani sociali di zona;è presente nei tavoli dove si progettano le politiche sociali e si redigono i piani sociali di zona; promuove azioniper animare alla testimonianza l’interoterritorio;promuove azioni per animare alla testimonianza l’intero territorio; cura un’azione di rete tra le associazioni caritative e di volontariato;cura un’azione di rete tra le associazioni caritative e di volontariato; svolge, al momento opportuno, un’azione di denuncia di situazioni di ingiustizia e abbandono.svolge, al momento opportuno, un’azione di denuncia di situazioni di ingiustizia e abbandono.

35 35 IN PARROCCHIA La Caritas parrocchiale,cuore che vede sul territorio, La Caritas parrocchiale, cuore che vede sul territorio, utilizzautilizza con progettualità il ascoltare, osservare, discernere, il metodo ascoltare, osservare, discernere, promuovepromuove azioni e percorsi per animare e formare, attuatestimonianza della caritàdentro la comunità stessa e sul territorio,attua la testimonianza della carità dentro la comunità stessa e sul territorio, proponendo stili di vita improntati a sobrietà, l’accoglienza solidale, l’apertura alla diversità, la relazione gratuita, puntando ad unacomunità TUTTA capace diannunciare, celebraree testimoniare il Vangelo con parole e segni credibili. puntando ad una comunità TUTTA capace di annunciare, celebrare e testimoniare il Vangelo con parole e segni credibili.

36 36 L’anno liturgico ci offre importanti opportunità da valorizzare in senso pedagogico, soprattutto nei tempi di:L’anno liturgico ci offre importanti opportunità da valorizzare in senso pedagogico, soprattutto nei tempi di: –Avvento per una fraterna e particolare attenzione ai bisogni dei fratelli. –Quaresima:per dare attenzione ai vari aspetti della pastorale della carità ed educarsi alla condivisione. –Quaresima: per dare attenzione ai vari aspetti della pastorale della carità ed educarsi alla condivisione. Giornata della carità, da celebrare in una domenica Giornata della carità, da celebrare in una domenica.

37 37 SERVIZIO CIVILESERVIZIO CIVILE SOSTEGNO A PROGETTI DI SVILUPPO IN OCASONE DIPRIME COMUNIONI, CRESIME E FUNERALISOSTEGNO A PROGETTI DI SVILUPPO IN OCASONE DI PRIME COMUNIONI, CRESIME E FUNERALI CESSIONE DI UNA PERCENTUALE DEL PROPRIO STIPENDIOPER SOSTENERE SISTEMATICAMENTE SERVIZI ED INTERVENTI DI RIABILITAZIONECESSIONE DI UNA PERCENTUALE DEL PROPRIO STIPENDIO PER SOSTENERE SISTEMATICAMENTE SERVIZI ED INTERVENTI DI RIABILITAZIONE ADOZIONE A DISTANZADI BAMBINI, ANZIANI, FAMIGLIE IN DIFFICOLTA’ADOZIONE A DISTANZA DI BAMBINI, ANZIANI, FAMIGLIE IN DIFFICOLTA’ COLLABORAZIONE CON I SERVIZI SOCIALI USL E COMUNECOLLABORAZIONE CON I SERVIZI SOCIALI USL E COMUNE OFFERTA DEL PROPRIO TEMPO e delle PROPRIE COMPETENZE PROFESSIONALIALL’INTERNO DI SPECIFICI SERVIZI (C.d. A., Osservatorio delle Povertà e delle Risorse, Centri di accoglienza, mensa…)OFFERTA DEL PROPRIO TEMPO e delle PROPRIE COMPETENZE PROFESSIONALI ALL’INTERNO DI SPECIFICI SERVIZI (C.d. A., Osservatorio delle Povertà e delle Risorse, Centri di accoglienza, mensa…) PROMOZIONE DEL VOLONTARIATOASSOCIATIVO.PROMOZIONE DEL VOLONTARIATO ASSOCIATIVO.

38 38 Oggi nessuno ha veramente bisogno...Oggi nessuno ha veramente bisogno... Questa gente ci marcia... tornino a casa loroQuesta gente ci marcia... tornino a casa loro Vadano a lavorare ( ma chi assumerebbe un ex…, uno zingaro... e per quale lavoro?)Vadano a lavorare ( ma chi assumerebbe un ex…, uno zingaro... e per quale lavoro?) Chiedano lavoro ai vari sportelli di orientamento al lavoro (e quale lavoro di questi tempi?)Chiedano lavoro ai vari sportelli di orientamento al lavoro (e quale lavoro di questi tempi?) Si attivino i Servizi Sociali per una erogazione una tantum...Si attivino i Servizi Sociali per una erogazione una tantum... Non ho tempo, ho da pensare alle tante esigenze della mia famiglia…Non ho tempo, ho da pensare alle tante esigenze della mia famiglia… Si rimbocchino le maniche e facciano come abbiamo fatto noi…Si rimbocchino le maniche e facciano come abbiamo fatto noi…

39 39 Sviluppanuova fantasia della carità”con stile evangelico Sviluppa una “nuova fantasia della carità” con stile evangelico (Cf. NMI nn.50-52) Promuove la capacità di farsi vicini, solidali con chi soffre, perché l’aiuto siafraterna condivisione, non obolo umiliante, creando una rete di supporto.Promuove la capacità di farsi vicini, solidali con chi soffre, perché l’aiuto sia fraterna condivisione, non obolo umiliante, creando una rete di supporto. Opera perché i poveri si sentano in ogni comunità cristiana come «a casa loro».Opera perché i poveri si sentano in ogni comunità cristiana come «a casa loro». Propone di impegnarsi per il rispetto della vita di ciascun essere umanoPropone di impegnarsi per il rispetto della vita di ciascun essere umano Presenta una carità che si fa servizio alla cultura, alla politica, all’economia, alla famiglia, perché vengano rispettati i principi dai quali dipende il destino della persona.Presenta una carità che si fa servizio alla cultura, alla politica, all’economia, alla famiglia, perché vengano rispettati i principi dai quali dipende il destino della persona. Rifugge dalla tentazione di ridurre le comunità cristiane ad agenzie sociali.Rifugge dalla tentazione di ridurre le comunità cristiane ad agenzie sociali. Rifiuta una spiritualità intimistica e individualistica.Rifiuta una spiritualità intimistica e individualistica. Favorisce la responsabilizzazione: “io ti do, ma tu fai la tua parte”Favorisce la responsabilizzazione: “io ti do, ma tu fai la tua parte” Sollecita a diventare fermento vitale in un contesto adagiato nel proprio benessere.Sollecita a diventare fermento vitale in un contesto adagiato nel proprio benessere.

40 40 Per concludere… E’ l’invito a far nostro questo stile, per animare la comunità e il territorio In risposta al le più diverse situazioni della vita


Scaricare ppt "1 Catanzaro, 18 /04/ 015 Catanzaro, 18 /04/ 015 Convegno diocesano Convegno diocesano delle Caritas parrocchiali Sulle strade di Gerico (Lc 10,25ss) (Lc."

Presentazioni simili


Annunci Google