La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il 1848. Il II impero in Francia. Le novità del ‘48 Dimensioni più ampie: eccetto Inghilterra e Russia, tutta l’Europa è coinvolta, compresa l’Austria.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il 1848. Il II impero in Francia. Le novità del ‘48 Dimensioni più ampie: eccetto Inghilterra e Russia, tutta l’Europa è coinvolta, compresa l’Austria."— Transcript della presentazione:

1 Il Il II impero in Francia

2 Le novità del ‘48 Dimensioni più ampie: eccetto Inghilterra e Russia, tutta l’Europa è coinvolta, compresa l’Austria di Metternich. Più ampio coinvolgimento di forze (non più le élite delle società segrete). Oltre agli obiettivi costituzionali e nazionali si manifestano istanze democratiche e socialiste. Detonatore: la crisi economica.

3 Il contagio rivoluzionario DataCittà 22 FebbraioParigi 13 MarzoVienna 14 MarzoBerlino 17 MarzoVenezia 18 MarzoMilano 27 MarzoBudapest 8 AprilePraga

4 La II repubblica in Francia 22/02/48 – Luigi Filippo è rovesciato da una protesta provocata dal tentativo di imbavagliare l’opposizione. Si proclama la Repubblica: il governo provvisorio (con componente socialista) emana provvedimenti democratici (suffragio universale, abolizione di schiavitù e pena di morte, riconoscimento del “diritto al lavoro”).

5 La “brutta” rivoluzione di giugno Le elezioni di aprile mostrano la presenza di una maggioranza conservatrice, timorosa del socialismo. Il nuovo governo vuole abolire le “fabbriche nazionali” per disperdere gli operai /06/48: la rivolta del proletariato è repressa nel sangue dall’esercito. 10/12/48: Luigi Napoleone Bonaparte è eletto presidente della nuova repubblica.

6

7 Il ’48 in Germania Oltre ad istanze liberali e sociali locali si manifestano aspirazioni unitarie che conducono alla convocazione della Costituente di Francoforte ( ). Il progetto della Piccola Germania (senza l’Austria) prevale su quello della Grande. Ma il re di Prussia, Federico Guglielmo IV, rifiuta sdegnosamente la corona offertagli dal Parlamento.

8 Il ’48 nei domini asburgici Dopo Vienna (13/03/48) la rivolta dilagò in tutte le capitali asburgiche portando alle dimissioni di Metternich. Ma i tentativi riformistici della Costituente di Vienna entrarono in contrasto con le aspirazioni sociali e nazionali:  l’Ungheria (Kossuth) proclama l’indipendenza;  Milano e Venezia aspirano ad unirsi all’Italia.

9 La reazione asburgica La monarchia asburgica riuscì a difendersi  grazie alla fedeltà della classe dirigente e dell’esercito,  e sfruttando le rivalità tra le nazionalità. Dopo l’abdicazione dell’imperatore Ferdinando, Francesco Giuseppe ( ) completò la repressione militare, ottenendo l’aiuto della Russia contro la secessione ungherese (1849).

10 Francesco Giuseppe ( )

11 Elisabetta di Baviera ( )

12 Il biennio italiano delle riforme ( ) L’elezione di Pio IX ( ) e le sue riforme suscitano grandi entusiasmi. 1847: Accordi per una lega doganale. 29/01/48: insurrezioni Sicilia e a Napoli che poteranno il re a concedere lo Statuto. L’ esempio è seguito (17/02 – 14/03/48):  a Firenze dal Granduca Leopoldo II;  a Torino da Carlo Alberto (“Statuto albertino”);  a Roma da papa Pio IX.

13 1 a Guerra di Indipendenza 1 a Fase (III-VII/1848) Mentre Milano lotta con gli Austriaci (18- 23/03), i moderati chiedono aiuto al Piemonte. Il 23 dopo varie esitazioni, Carlo Alberto dichiara guerra all’Austria, temendo il successo delle forze democratiche come a Venezia. Intervengono volontari e truppe regolari inviate da Toscana, Napoli e Stato pontificio.

14 Bandiera adottata da Carlo Alberto il 27/03/48, poi divenuta vessillo del Regno di Italia

15 Il fallimento della “guerra Federale” La prudenza di Carlo Alberto lascia agli Austriaci tempo per riorganizzarsi. Pio IX il 29/04/48 dichiara che il papa non è in guerra con l’Austria. I sovrani di Firenze e Napoli colgono l’occasione per ritirare le truppe. Anche se volontari e disertori restano, Carlo Alberto è sconfitto a Custoza (24/07)

16

17 L’iniziativa democratica Fallito il tentativo monarchico, l’iniziativa passa ai democratico-rivoluzionari:  A Venezia resiste la Repubblica di S.Marco, guidata da Manin.  Firenze caccia il Granduca (25/08) e proclama la repubblica guidata da Guerrazzi.  Pio IX, che pure ha mantenuto lo Statuto, è costretto alla fuga dall’opposizione. Nel febbraio del 1849 nasce la Repubblica Romana con a capo Mazzini.

18 Il prevalere delle forze conservatrici Incapaci di coalizzarsi, le repubbliche cedono alla repressione:  Nel maggio 1849 il Leopoldo II rientra a Firenze, con l’appoggio dell’Austria.  Napoleone III, per guadagnare consensi tra i moderati francesi, guida l’attacco alla Repubblica Romana che cade nel luglio.  In agosto, assediata dalle preponderanti forze austriache, cade anche Venezia.

19 1 a Guerra di Indipedenza 2 a Fase (marzo 1849) Gioberti, divenuto ministro di Carlo Alberto, tenta di rilanciare la soluzione federale. I democratici lo costringono alle dimissioni e impongono al re la ripresa della guerra:  Nonostante il ricorso ad un generale polacco il Piemonte è subito sconfitto (marzo 1849)  Carlo Alberto abdica in favore di Vittorio Emanuele II ( ) che ottiene dall’Austria una pace non punitiva.

20 Una seconda restaurazione? Nel 1849 il ritorno all’assolutismo fu più apparente che reale:  Lo sviluppo della industrializzazione comportava una crescita del peso politico della borghesia  che, di fronte all’emergere dei movimenti socialisti, abbandonava la strategia rivoluzionaria.  La trasformazione delle monarchie europee in senso borghese-parlamentare fu inevitabile.

21 Napoleone III

22 Il II Impero in Francia Luigi Napoleone è divenuto presidente grazie a forze moderate (clericali, esercito, burocrazia, piccoli proprietari). Attraverso due colpi di stato (1851 e 1852) trasforma la repubblica in Impero. I cambiamenti costituzionali sono approvati da plebisciti, che rivelano un ampio consenso popolare.

23 Politica di Napoleone III Interna:  I poteri sono concentrati nell’imperatore; non c’è spazio per l’opposizione.  Lo stato interviene a favore dello sviluppo industriale e promuove opere pubbliche. Estera:  E’ mossa da ragioni di prestigio e interesse.  In Europa: sfida all’Austria.  Conquiste coloniali (Senegal, Indocina).  Fallimento della colonizzazione del Messico.

24 Georges Eugène Haussmann ( ), prefetto di Parigi, protagonista della ristrutturazione della capitale ai tempi del II Impero Il tracciato dei nuovi boulevars

25 La guerra di Crimea Con la presa di tutelare i cristiani ortodossi Nicola I attacca l’impero Ottomano (1853). I successi russi producono l’intervento di Inghilterra e Francia in difesa dei Turchi. Gli alleati chiedono l’aiuto dell’Austria, che resta neutrale, e del Piemonte di Cavour che interviene. Al Congresso di pace di Parigi (1856);  si salvaguarda l’integrità dell’impero Ottomano  l’Austria appare isolata.

26

27


Scaricare ppt "Il 1848. Il II impero in Francia. Le novità del ‘48 Dimensioni più ampie: eccetto Inghilterra e Russia, tutta l’Europa è coinvolta, compresa l’Austria."

Presentazioni simili


Annunci Google