La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Apprendimento informale e autovalutazione nel web 2.0: il caso Flickr Stefano PENGE 1 1 Lynx, Roma (RM) e Sapienza Università di Roma (RM)

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Apprendimento informale e autovalutazione nel web 2.0: il caso Flickr Stefano PENGE 1 1 Lynx, Roma (RM) e Sapienza Università di Roma (RM)"— Transcript della presentazione:

1 Apprendimento informale e autovalutazione nel web 2.0: il caso Flickr Stefano PENGE 1 1 Lynx, Roma (RM) e Sapienza Università di Roma (RM)

2 Sommario 1.Introduzione: apprendimento informale e valutazione 2.Flickr: storia, dati, motivazioni 3.Valutazione informale: valutazione tra pari, autovalutazione 4.Applicazioni ad altri domini 5.Conclusioni 6.Bibliografia

3 1.1 Apprendimento e modelli Ambienti di apprendimento informale: nuove opportunità ma anche questioni nuove. Condivisione del modello, del profilo d’arrivo della formazione, tra docente e apprendente, è cessata. Disagi e difficoltà di progettazione didattica e valutativa

4 1.2 Vantaggi dell'apprendimento informale Uso di ambienti di apprendimento informali online: piano di studi personalizzato In particolare per apprendente adulto (Life Long Learning): autogestione tempi e luoghi Compito della valutazione: aiutare questo apprendente a gestire al meglio il proprio percorso

5 1.3 Difficoltà Come progettare il proprio apprendimento senza un profilo / modello finale? Come giudicare il proprio percorso verso quel profilo, ed eventualmente correggerne il tiro? Come può validare oggettivamente il suo apprendimento?

6 1.4 E' possibile una valutazione informale? Il problema della valutazione nel cosiddetto e-learning 2.0 Valutazione intesa globalmente: strumento di gestione del processo di apprendimento, misura continua del miglioramento quadro per la riprogettazione delle strategie di apprendimento.

7 1.5 Valutazione tradizionale Si possono applicare concetti e tecniche di valutazione tradizionale, come questionari, test a risposta multipla approssimarsi ad un modello allineamento a valori medi lungo una dimensione Ma se non c'è un modello condiviso? Se manca la dimensione di riferimento?

8 1.6 Valutazione qualitativa Valutazione non scalare in assenza di misure relative ad una dimensione unica Posizionamento lungo più dimensioni a scala infinita Permette di correggere il percorso anche dove non esistono “metri”

9 Più parametri, una dimensione

10 Posizionamento su n-dimensioni Innovazione Rispetto dei canoni Intuizione Tecnica TempoTempo

11 2.1 Flickr: la storia Flickr da ambiente per il gioco online ad ambiente per la condivisione di fotografie digitali. In Flickr convivono “Kodak culture” e “Snaprs culture” Funzioni che permettono di organizzare le foto altrui (es. “favs” e gallerie). Nel 2010 Flickr ha ricevuto il Webby Award come migliore community online.

12 2.2 Flickr come ambiente di apprendimento informale Uso consapevole di Flickr per migliorare il proprio livello di performance in un dominio specifico. Ambienti di apprendimento informali: non c'è patto formativo Non ci sono garanzie di risultati ma “non si può non imparare”; occorre però gestire il proprio apprendimento.

13 2.3 Flickr come ambiente per la formazione - 1 Formazione (non formale) in due domini diversi: fotografia digitale (supporto a corso in presenza) apprendimento del lessico di una lingua straniera (ricerca semantica su titoli, descrizione e tag, etc).

14 2.3 Flickr come ambiente per la formazione - 2 Qui vogliamo discuterne l'uso normale Evidenziare le normali strategie di apprendimento e autovalutazione al suo interno Indipendentemente da setting specifici e senza gestori esterni

15 2.4 Flickr come ambiente di apprendimento informale Proposta di un'ipotesi di lavoro ancora embrionale Basata però su due anni di osservazione partecipata: 1000 foto 60 gruppi 60 contatti circa visite

16 2.5 Alcuni numeri di Flickr Nato nel milioni di utenti Un miliardo di upload l'anno foto al minuto gruppi 60 % degli utenti registrati è attivo il 7% (utenti PRO, a pagamento) è responsabile dell'invio del 60% del totale delle foto presenti

17 2.6 Kodak e Snaprs Al suo interno convivono: utenti che depositano foto di famiglia (cultura Kodak) utenti desiderosi di migliorare le proprie capacità (cultura Snaprs) Doppia modalità di adesione (gratuita e pro)

18 Tags più usate Kodak culture Snaprs culture

19 10 Tags più utilizzate tagphoto wedding nikon canon travel nature art party family summer italy

20 2.7 Oltre i dati quantitativi Si può ipotizzare che al di là della “qualità” intrinseca delle foto, alcune azioni producono automaticamente dei risultati misurabili Si possono cercare delle costanti all'interno delle relazioni quantitative possibili: numero di commenti appartenenza a gruppi numero di visite numero di tag... In questa presentazione non ci sono analisi statistiche, per le quali mancherebbero dati adeguati. Alcuni dati dell'esperienza vengono mostrati di seguito come semplice riferimento.

21 Andamento nel tempo 570 foto 260 foto 53 foto Registrazione semplice Passaggio a “pro”

22 Statistiche visite Media: 13 Totale: 11600

23 Marcature e categorizzazioni

24 Indicatori di “successo” 97,45% 20,52% 9,61%

25 2.8 Perché scegliere Flickr come oggetto d'analisi? Due ragioni principali: A) organizzazione interna e funzionalità che facilitano attività di confronto e autovalutazione (indicatori) B) caratteristiche legate al mezzo specifico, la fotografia Approfondiamo il secondo punto.

26 2.9 Caratteristiche della fotografia: apprendimento non verbale La parola non è centrale in Flickr Scelte guidate dall'occhio: ambiente orientato alla visione efficace e navigazione usabile Si possono studiare qui strategie non verbali di apprendimento

27 2.10 Caratteristiche della fotografia: riconoscimento e miglioramento L'immagine oggi non è un oggetto mediaticamente forte (come il video o l’audio) Saper fare “belle” foto non rende visibile nel mondo esterno (=Youtube) Motivazioni: non (soltanto) quelle legate al riconoscimento del proprio ego Desiderio di miglioramento

28 2.11 Caratteristiche della fotografia: tradizione e valori La foto è un prodotto che ha conservato legami col passato I criteri generali di giudizio sono rimasti gli stessi. Importanza della tradizione (categorie, metodologie, concetti) Non unico “modello giusto”, ma diversi modelli di riferimento

29 3.1 Valutazione senza valutatori Come si verifica l'apprendimento senza esercizi ed esami? Come si verifica senza esperti (= valutatori esterni)?

30 3.2 Valutazione tra pari Attenzione ai giudizi sulla qualità del proprio lavoro da parte dei pari Lettura e interpretazione degli indicatori di “successo”

31 3.3 Indicatori di successo Il numero delle visite Il numero di preferenze e di commenti positivi. Calcolo dell'interesse (interestingness) Meccanismi di premiazione espliciti (es. gruppi a partecipazione vincolata e selettiva)

32 Interestingness Visite Preferiti Commenti

33 Most viewed

34 3.4 Autovalutazione Strategie di autovalutazione relative al posizionamento in una mappa (non ordinata). Permettono di riprogettare il proprio apprendimento sulla base di un'analisi dei prodotti altrui Valutazioni relative nel tempo Valutazioni relative all'universo selezionato

35 Home page: preferiti, invitate, commenti Preferite Invitate

36 3.5 Azioni per il miglioramento 1 1. Ricerca libera per parole chiave 2. Iscriversi a gruppi tematici e studiarne regole e oggetti 3. Sperimentare 4.Scegliere dei contatti significativi

37 Home page: contatti

38 3.6 Azioni per il miglioramento 2 5. categorizzare gli esperimenti (set, tag) 6. commentare e rispondere ai commenti 7. chiedere supporto in un gruppo o ad un utente esperto 8. titolare le proprie foto per chiarirle o reinterpretarle 9. creare dei gruppi pubblici e moderarli Ognuna di queste azioni può scatenare reazioni, è un esperimento per verificare direzioni e scelte

39 Tag list tecnica geotag soggetto canone

40 3.7 Confronto 1. Studio e il confronto: guardare le foto degli altri. Cercare il simile per scoprire le differenze. 2. Scoprire altre possibilità tecniche: altre inquadrature, ottiche, filtri, modalità di editing. Il proprio bagaglio tecnico ed esperienziale è un sottoinsieme di un universo molto più esteso.

41 3.8 Ricollocazione 3.Studiare le categorie semantiche:  Titoli  Descrizioni e tag  Gruppi Scoprire universi di senso differenti per trovare la propria collocazione.

42 4.1 Generalizzazione Si potrebbe estendere questo tipo di meccanismi ad altri ambiti e con altri tipi di utenti? In un ambito diverso, per esempio quello dell'apprendimento della scrittura? Es: una piattaforma parallela dedicata alla condivisione dei prodotti della scrittura

43 4.2 Attività di autovalutazione della scrittura scrivere e pubblicare un testo ricercare e confrontare testi simili e dissimili marcare il proprio testo (titolo, categoria stilistica, tematica) e inserirlo in gruppi commentare e leggere i commenti altrui sperimentare modelli e verificarne l'efficacia, in termini di reazioni della comunità ripensare il proprio testo, la sua posizione nella categorizzazione del mondo.

44 4.3 Dispositivi didattici Se la piattaforma è progettata/configurata (e non solo usata), si potrebbero inserire dei dispositivi appositi: gruppi a tema gruppi vincolati quest concorsi giochi

45 4.4 Strumenti automatici di supporto Funzioni di analisi e confronto automatico del testo valutazione automatica della leggibilità in base a indicatori standard (Flesch-Kinkaid, Gunning fog) misura delle dimensioni del proprio lessico, evidenziazione statistica dei termini più usati...

46 4.5 Meccanismi espliciti Tramite questi parametri si potrebbe andare oltre la ricerca manuale: Segnalare altri utenti dal profilo simile Segnalare gruppi di utenti tematicamente correlati Trovare testi che rispondono a filtri

47 5.1 Conclusioni Si tratta come è ovvio di suggestioni che spaziano in più settori L'obiettivo è quello di allargare il campo (grandangolo) più che restringere la visuale (tele) Sarebbe necessario approfondire in due direzioni: all'interno di Flickr e più in generale in altri dominii

48 5.2 Ulteriori verifiche e approfondimenti - 1 Approfondimento attraverso l'uso di altri strumenti di ricerca: questionari interviste focus group Sarebbe interessante studiare: prosecuzione dell'apprendimento in un dialogo con utenti reali “studio” ulteriore su altri media: per esempio degli stili, delle scuole, delle epoche, delle tecniche, dei fotografi

49 5.3 Ulteriori verifiche e approfondimenti - 2 Al di fuori di Flickr, sarebbe interessante studiare: Domini in cui queste strategie sono applicabili (testuali, visuali; scientifici, umanistici;...) Prerequisiti necessari per l'apprendente: età, competenze alfabetiche, capacità di autogestirsi, tempo libero, etc. Caratteristiche generali della piattaforma...

50 5.4 E la formazione tradizionale? Infine alcune semplici domande relative alla formazione tradizionale Sono possibili, o sono utilizzate, attività come quelle descritte finora a scuola, nell'università, nella formazione aziendale? Si tratta di strumenti il cui uso è confinato ad ambienti di apprendimento informale?

51 5.5 A scuola - 1 Raramente ad uno studente viene proposto di leggere cose scritte da suoi pari Raramente gli viene chiesto di produrre testi per la diffusione. Nessun mezzo per ricercare e selezionare testi altrui interessanti come stimoli, verifiche, confronti. Raramente viene invitato a sperimentare, a produrre testi per gioco, con vincoli di dimensioni o di tempo, o su tematiche scelte casualmente. Raramente può riposizionare il proprio prodotto all'interno di una mappa di stili, tipologie formali e di contenuto.

52 5.6 A scuola - 2 Il gradimento – o l'interesse – degli altri studenti non è considerato elemento significativo della valutazione. L'unico soggetto attivo della valutazione resta il docente L'apprendente resta “minore” e non viene stimolato a mettere a punto strategie di autovalutazione da riusare

53 5.7 Vantaggi e limiti I vantaggi del sistema valutativo tradizionale, in termini di attendibilità, di oggettività, di replicabilità, sono noti, almeno nel caso dell'educazione formale Cominciano ad essere visibili anche i limiti, in particolare con apprendenti sempre più adulti (Life Long Learning) Si tratta di capire se un approccio diverso, come quello abbozzato qui, possa permettere di superarli

54 6.1 Bibliografia - 1 Jefferson Graham. Flickr of idea on a gaming project led to photo website, USA TODAY, Andrew D. Miller and W. Keith Edwards. Give and take: a study of consumer photo-sharing culture and practice. In Proceedings of the SIGCHI conference on Human factors in computing systems (CHI '07). ACM, New York, NY, USA, CEDEFOP. European Guidelines for validating non formal and informal learning Lynette Zeeng. Capturing, Analysing and Critiquing the Visual Image Using Web 2.0 in Studio Classes,

55 6.2 Bibliografia - 2 Aaron Campbell, Motivating language learners with Flickr. TESL-EJ, 11(2), 2007, Steven Graham, A Case Study of University Students’ Use of Flicker Photographic Networking to Develop Confidence, English Language Fluency and Shape World Consciousness, Christophe Prieur, Dominique Cardon, Jean-Samuel Beuscart, Nicolas Pissard, Pascal Pons. The Stength of Weak cooperation: A Case Study on Flickr, Gang Wang, Derek Hoiem, David Forsyth. Learning Image Similarity from Flickr Groups Using Stochastic Intersection Kernel Machines, 2009 IEEE 12th International Conference on Computer Vision, Sept Oct ,

56 Grazie dell'attenzione - Domande - - Commenti - - Suggerimenti o idee - Contatti:


Scaricare ppt "Apprendimento informale e autovalutazione nel web 2.0: il caso Flickr Stefano PENGE 1 1 Lynx, Roma (RM) e Sapienza Università di Roma (RM)"

Presentazioni simili


Annunci Google