La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

DALLA PRESA IN CURA DELLA PERSONA CON GRAVITA’ FUNZIONALE AL PROGETTO DIDATTICO/EDUCATIVO/RIABILITATIVO IN UN CONTESTO DI RETE E DI FIDUCIA NON PERDIAMO.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "DALLA PRESA IN CURA DELLA PERSONA CON GRAVITA’ FUNZIONALE AL PROGETTO DIDATTICO/EDUCATIVO/RIABILITATIVO IN UN CONTESTO DI RETE E DI FIDUCIA NON PERDIAMO."— Transcript della presentazione:

1 DALLA PRESA IN CURA DELLA PERSONA CON GRAVITA’ FUNZIONALE AL PROGETTO DIDATTICO/EDUCATIVO/RIABILITATIVO IN UN CONTESTO DI RETE E DI FIDUCIA NON PERDIAMO TEMPO !

2 L’ AUSL, LA SCUOLA, IL COMUNE E LE AGENZIE DEL TERRITORIO INSIEME PER ATTIVARE PRECOCEMENTE INTERVENTI SPECIFICI NEI RIGUARDI DELLE DIVERSITA’, PER FARE IN MODO CHE NON DIVENTINO DISUGUAGLIANZE! OCCORRE TENER CONTO DELLA SINGOLARITA’ DI OGNI PERSONA, DEL SUO CONTESTO DI VITA, DELLA SUA CRESCITA ORIGINALE. CIASCUNO E’ PORTATORE DI BISOGNI SPECIFICI CHE LO CONNOTANO E NE FANNO UNA PERSONA UNICA E IRRIPETIBILE !!

3

4 UNA RETE EFFICACE FAMIGLIA SCUOLA AUSL COMUNE EXTRASCUOLA STATO AUSL PEDIATRE / MEDICI EXTRASCUOLA DIAGNOSTI E RIABILITATORI PRIVATI ASSISTENTI SOCIALI COOPERATIVA

5 DALLA PRESA IN CURA DEL BAMBINO CON GRAVITA’ FUNZIONALE AL PROGETTO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO STEP BY STEP IL SERVIZIO DI NEUROPSICHIATRIA CERTIFICA IL BAMBINO SECONDO LA L. 104/92. LA FAMIGLIA SUCCESSIVAMENTE DEPOSITA PRESSO LA SCUOLA IL CERTIFICATO PER L’ INTEGRAZIONE SCOLASTICA E LA DIAGNOSI FUNZIONALE. IL DIRIGENTE SCOLASTICO E/O LA FUNZIONE STRUMENTALE PER L’ INCLUSIONE CONTATTA IL NEUROPSICHIATRA DI RIFERIMENTO E LA FAMIGLIA PER PROGETTARE UN PERCORSO DIDATTICO/EDUCATIVO/RIABILITATIVO CONDIVISO CHE CORRISPONDA ALLE REALI NECESSITA’ DELL’ ALUNNO.

6 LA SCUOLA PROCEDE CON LA RICHIESTA DELLE ORE DI SOSTEGNO PRESSO L’ UST E CONDIVIDE CON IL NEUROPSICHIATRA DI RIFERIMENTO LE ORE DI PERSONALE EDUCATIVO DA RICHIEDERE AL COMUNE DI RESIDENZA DELL’ ALUNNO PER SUPPORTARLO NELL’ AUTONOMIA, NELLE RELAZIONI E NELLA COMUNICAZIONE. AREE DI SVILUPPO FONDAMENTALI PER L’ INTEGRAZIONE SCOLASTICA E SOCIALE. IL COMUNE RIUNISCE IN APPOSITE RIUNIONI I NEUROPSICHIATRI DI RIFERIMENTO, I DIRIGENTI SCOLASTICI, I LORO DELEGATI E I RESPONSABILI DELLA COOPERATIVA PER CORRISPONDERE ALLE RICHIESTE DI ORE NECESSARIE AI SINGOLI ALUNNI. DURANTE IL PERIODO ESTIVO SCUOLA-COMUNE-NEUROPSICHIATRIA E COOPERATIVA SONO COSTANTEMENTE IN CONTATTO PER UNA MAGGIOR DEFINIZIONE DI TUTTE LE RISORSE DA METTERE IN CAMPO, ANCHE IN VISTA DEL CONTENIMENTO DELLA SPESA.

7 IL DIRIGENTE SCOLASTICO, IL SUO DELEGATO E I NEUROPSICHIATRI DI RIFERIMENTO PROGETTANO CON LA RESPONSABILE DELLA COOPERATIVA IL PERCORSO EDUCATIVO CHE MAGGIORMENTE SI CONFA’ ALL’ ALUNNO. SI CONFRONTANO IN PARTICOLAR MODO SUGLI INTERVENTI RIABILITATIVI DA METTERE IN ATTO IN SEDE SCOLASTICA AD OPERA DI PERSONALE DIDATTICO ED EDUCATIVO QUALIFICATO E FORMATO. SCUOLA E NEUROPSICHIATRIA COINVOLGONO, OVE NECESSARIO, TUTTI GLI ALTRI ATTORI DELL’ INTEGRAZIONE PRESENTI SUL TERRITORIO PER PROMUOVERE PERCORSI FORMATIVI E RIABILITATIVI EXTRASCOLASTICI. IN TUTTI QUESTI PASSAGGI LA PRESENZA E LA COLLABORAZIONE DELLA FAMIGLIA E’ FONDAMENTALE !!

8 SCUOLA ED EXTRASCUOLA PERCORSI RIABILITATIVI A SCUOLA  INTERVENTO IN CLASSE E INTERVENTI INDIVIDUALI DI RIABILITATORI ESPERTI : NEUROPSICHIATRE, NEUROPSICOLOGHE, PSICOLOGHE, LOGOPEDISTE, FISIATRE, PSICOMOTRICISTE (DEL PUBBLICO E PRIVATO) PER OSSERVAZIONI, SUPERVISIONI, FORMAZIONE DEL PERSONALE, PIANIFICAZIONE DEGLI OBIETTIVI PERSONALIZZATI, GESTIONE DEI COMPORTAMENTI PROBLEMA ATTRAVERSO METODOLOGIE EFFICACI ECC.  INCONTRI POMERIDIANI CON IL COINVOLGIMENTO DI TUTTI GLI ESPERTI E I GENITORI PER UN PROGETTO CONDIVISO.  INCONTRI PER LA CONTINUITA’ RIABILITATIVA TRA ORDINI DI SCUOLA.  PROGETTI ALTERNANZA SCUOLA/CENTRO WHY NOT. PERCORSI RIABILITATIVI A SCUOLA PERCORSI INTEGRATIVI E/O RIABILITATIVI EXTRASCOLASTICI SUL TERRITORIO DI SALSOMAGGIORE CENTRI: KIRIKU’; WHY NOT ? GLI AMICI DEL CORTILE; SOTTOSOPRA ; E ALTRE REALTA’ ASSOCIATIVE E DEL VOLONTARIATO.

9 FIDUCIA = AFFIDAMENTO SICURO CHE SI FA SU QUALCUNO O QUALCOSA. CI RACCOMANDIAMO, CHIEDIAMOCI : « PERCHE’?» TUTTA QUESTA PROGETTUALITA’ NON E’ INDENNE DA FALLIMENTI. A VOLTE IL SISTEMA NON FUNZIONA E OGNI ENTE E’ INTRAPPOLATO NELLE SUE CRITICITA’. MA LE PERSONE CHE LAVORANO SUL NOSTRO TERRITORIO HANNO BISOGNO DELLA VOSTRA FIDUCIA, PERCHE’ CREDONO IN QUELLO CHE FANNO E VOGLIONO FARLO MEGLIO. PERCIO’ QUANDO CI TROVEREMO DI FRONTE AL PROBLEMA NON GIUDICHIAMOCI PRIMA DI GUARDARCI NEGLI OCCHI E CHIEDERCI : « PERCHE’ ? TUTTA QUESTA PROGETTUALITA’ NON E’ INDENNE DA FALLIMENTI. A VOLTE IL SISTEMA NON FUNZIONA E OGNI ENTE E’ INTRAPPOLATO NELLE SUE CRITICITA’. MA LE PERSONE CHE LAVORANO SUL NOSTRO TERRITORIO HANNO BISOGNO DELLA VOSTRA FIDUCIA, PERCHE’ CREDONO IN QUELLO CHE FANNO E VOGLIONO FARLO MEGLIO. PERCIO’ QUANDO CI TROVEREMO DI FRONTE AL PROBLEMA NON GIUDICHIAMOCI PRIMA DI GUARDARCI NEGLI OCCHI E CHIEDERCI : « PERCHE’ ? «

10 IMPARATE RECIPROCAMENTE ATTRAVERSO IL CONFRONTO E GLI SCAMBI NEL LAVORO DI RETE E DAI VOSTRI DIVERSI SAPERI …… IO MI FIDO DI VOI !!! UN MESSAGGIO PER I GRANDI


Scaricare ppt "DALLA PRESA IN CURA DELLA PERSONA CON GRAVITA’ FUNZIONALE AL PROGETTO DIDATTICO/EDUCATIVO/RIABILITATIVO IN UN CONTESTO DI RETE E DI FIDUCIA NON PERDIAMO."

Presentazioni simili


Annunci Google