La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

AIDIC Lazio N11 Dic.-Mar. 2004 Associazione Italiana Di Ingegneria Chimica QUADRIMESTRALE DI INFORMAZIONE DELLA SEZIONE LAZIO SOCI SOSTENITORI DELLAIDIC.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "AIDIC Lazio N11 Dic.-Mar. 2004 Associazione Italiana Di Ingegneria Chimica QUADRIMESTRALE DI INFORMAZIONE DELLA SEZIONE LAZIO SOCI SOSTENITORI DELLAIDIC."— Transcript della presentazione:

1 AIDIC Lazio N11 Dic.-Mar Associazione Italiana Di Ingegneria Chimica QUADRIMESTRALE DI INFORMAZIONE DELLA SEZIONE LAZIO SOCI SOSTENITORI DELLAIDIC NEL LAZIO: ECOS ENGINEERING, TECHNIP-KTI, SAGIT, VISCOLUBE Segr. c/o: ENI Corp.Univ. Viale B. Buozzi, Castelgandolfo (RM) Tel Fax /8 Sito web: enicorporateuniversity.eni.it

2 AIDIC Lazio Commissione salute, sicurezza, ambiente e qualità Prevenzione e riduzione integrate dellinquinamento (IPPC) Sistemi di gestione ambientale SGA Rischi di incidente rilevante Qual è lo scopo generale del controllo dei rischi di incidente rilevante ? Quali sono le normative di riferimento ? Cosè unattività a rischio di incidente rilevante ? Quali sono le tipologie di attività a rischio di incidente rilevante ? Quali sono i rischi associati ? Come sono prevenuti e controllati dai gestori e dalla Autorità ? Come si rapportano i rischi di incidenti rilevanti alle altre tipologie di rischio ? Come interviene lingegnere chimico per prevenire e controllare i rischi di incidente rilevante ? Qual è lo scopo generale della disciplina IPPC ? Quali sono le normative di riferimento ? Chi è assoggettato alla disciplina IPPC ? Cosa si intende per impianto ? Esiste un inventario delle attività assoggettate ? Quali sono le sostanze di interesse ? Quali sono i pericoli di inquinamento associati ? Come sono prevenuti e controllati dai gestori e dalle Autorità ? Come si rapporta la disciplina IPPC con le altre discipline per la salvaguardia dellambiente ? Come interviene lingegnere chimico per prevenire e ridurre i pericoli di inquinamento ? Cosè un sistema di gestione ambientale ? Quali sono i vantaggi derivanti dalladozione di un SGA ? Che cosa comporta la certificazione di conformità allo std ISO-UNI ? Quali sono le modalità di implementazione di un SGA e quali le modalità di certificazione? Come interviene la professionalità dellingegnere chimico nel processo di adeguamento di un SGA di una organizzazione ? Quali sono le normative di riferimento ? SCHEDA N°1 SCHEDA N°2 SCHEDA N°3 Nelle schede ci sono le risposte alle seguenti domande: Tecnologie di trattamento dei fumi di combustione per gli impianti di produzione energia e per gli inceneritori Cosa è la combustione ? Quali sono le normative di riferimento ? Quali sono le tecnologie che utilizzano la combustione ? Quali sono le tecnologie per la riduzione e controllo degli inquinanti emessi da un processo di combustione? Quali e quanti sono gli inquinanti emessi ? Quali sono i rischi associati agli inquinanti emessi ? Come sono monitorati gli inquinanti immessi in atmosfera ? Quali sono le tecnologie alternative alla combustione ? Come interviene lingegnere chimico per prevenire e controllare gli effetti della combustione sullambiente ? SCHEDA N°4

3 AIDIC Lazio Il 13 Novembre 2003 si è tenuto a Roma presso lUniversità La Sapienza Facoltà di Ingegneria, il Convegno sul tema I contributi dellIngegneria Chimica nel settore Biomedico. Lopportunità di questo Convegno è stata offerta dallassociazione AIDIC Lazio a tutti gli associati, agli operatori del settore e a tutti i possibili interessati allevento, primi fra tutti gli studenti di ingegneria chimica. Il convegno è stato incentrato sul significato di questa disciplina tecnologica attraverso un programma diinterventimirato ad evidenziare il consistente contributo degli ingegneri industriali, in particolare i chimici, allo sviluppo di settore. A differenza dellingegneria Clinica, che è più mirata alla gestione delle apparecchiature, procedure ed impianti in ambito ospedaliero, lingegneria Biomedica si occupa dello sviluppo, progettazione erealizzazione degli strumenti e apparecchiature in ambito sanitario per la diagnosi, la terapia e la riabilitazione. Un campo vasto in cui allingegneria chimica compete un ruolo chiave: si pensi al tradizionale approccio con il quale si studiano e si analizzano sistemi complessi, ma cosa cè di più complesso degli organismi viventi e dei dispositivi di supporto alla vita? Lanalisi dei sistemi biologici che è possibile effettuare con i metodi propri dellingegneria chimica, oltre a fornire uno strumento prezioso per la fisiologia e per la comprensione di molte patologie, consente di sviluppare e progettare strumenti, dispositivi ed organi (bio)artificiali di supporto che vengono ormai utilizzati in ambito medico. Nel corso degli anni, sono stati sviluppati dispositivi a membrane per il trattamento extracorporeo del sangue(organi artificiali) sempre più efficienti che hanno reso i trattamenti terapeutici in cui sono adoperati più efficaci e biocompatibili così da farli accettare nella pratica clinica. A questo svi luppo ha sicuramente contribuito lo sviluppo di tecnologie per la preparazione di membrane polimeriche semipermeabili con migliori proprietà di trasporto e selettività, e per il loro assemblaggio. Un ruolo importante ha però svolto lo studio e la modellist ica dei fenomeni di trasporto nei dispositivi e nelle membrane usati per il trattamento, dei fenomeni allinterfaccia sangue-membrana e dei fenomeni metabolici, facendo uso di metodi e tecniche propri dellingegneria chimica. Nel Convegno si é parlato ad esempio del fegato bioartificiale, un sistema extracorporeo costituito da un apparecchio simile a quello della dialisi renale che contiene un bioreattore allinterno del quale sono presenti cellule di fegato di maiale o di altra origine. Un bioreattore di ultima generazione si chiama ALEX ed è collegato ad una apparecchiatura computerizzata capace di monitorare in ogni istante landamento del trattamento. E stata evidenziata limportanza della conoscenza dei problemi di trasporto negli organi artificiali e della diffusione dei farmaci nei tessuti con un approccio tipico dellingegnere chimico. Sono stati presentati nuovi biomateriali, i materiali intelligenti e, di primaria importanza, gli aspetti normativi e interdisciplinari: la bioingegneria è fortemente interdisciplinare, ogni aspetto culturale ha un ruolo chiave per fare da ponte fra lingegneria chimica e biomedica. Tutte le presentazioni del Convegno sono state inserite al sito dal quale è possibile scaricarle.

4 AIDIC Lazio ISCRIZIONE ALL AIDIC ) Con assegno bancario intestato ad AIDIC 2) Con conto corrente postale n° intestato ad AIDIC Associazione Italiana di Ingegneria Chimica, via Giuseppe Colombo 81\A, Milano 3) Con Bonifico bancario a AIDIC Associazione presso Banca Intesa,Ag.59,Via Bonardi,4,20133-Milano ABI 3069 CAB c/c ) Con carta di credito Scad.Carta______ La quota di iscrizione all AIDIC per l anno prossimo è stata confermata a 60, e darà diritto a ricevere oltre alla rivista mensile ICP il Prontuario dellIngegnere di Guadagni Ed. Hoepli o un libro di Ingegneria Chimica della McGraw Hill del valore commerciale superiore al 50% della stessa quota. In definitiva iscriversi all AIDIC nel 2004 sarà sempre più conveniente ! IL PAGAMENTO SI PUO EFFETTUARE… Verso la somma di euro 60 per l iscrizione all AIDIC 2003–Lazio Carta sìVisa Nome __________________ Cognome _________________________ Indirizzo __________________________________________________ Firma ___________________________________ Data ____________


Scaricare ppt "AIDIC Lazio N11 Dic.-Mar. 2004 Associazione Italiana Di Ingegneria Chimica QUADRIMESTRALE DI INFORMAZIONE DELLA SEZIONE LAZIO SOCI SOSTENITORI DELLAIDIC."

Presentazioni simili


Annunci Google