La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Premessa  Il territorio  Il percorso formativo  L’Istituzione scolastica  I bisogni formativi rilevati  I rapporti con Enti ed istituzioni esterne.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Premessa  Il territorio  Il percorso formativo  L’Istituzione scolastica  I bisogni formativi rilevati  I rapporti con Enti ed istituzioni esterne."— Transcript della presentazione:

1

2 Premessa  Il territorio  Il percorso formativo  L’Istituzione scolastica  I bisogni formativi rilevati  I rapporti con Enti ed istituzioni esterne  I Principi e le finalità della scuola  Le scelte educative  Le attività e i progetti educativi e didattici  I Traguardi in uscita nei tre ordini di scuola  La valutazione e l’autovalutazione

3 E’ lo strumento dell’organizzazione educativa, didattica e gestionale della scuola per rispondere ai bisogni formativi degli alunni dell’istituto. E’ un contributo determinante alla realizzazione dell’identità dell’istituzione scolastica. Si realizza all’interno del contratto formativo tra alunno, docenti e genitori, in una prospettiva di trasparenza e partecipazione di ciascuna componente.

4 Montà Cisterna Cellarengo Valfenera Santo Stefano Roero Montà San Rocco  L’Istituto Comprensivo di Montà fa riferimento ai territori di:

5 Scuola dell’infanzia dura tre anni favorisce i processi di socializzazione nel passaggio dalla famiglia alla comunità Scuola primaria dura cinque anni si articola in un primo anno, raccordato con la scuola dell’infanzia, per il raggiungimento delle strumentalità di base, e in due periodi didattici biennali. Scuola secondaria I° dura tre anni si articola in un periodo didattico biennale e in un terzo anno conclusivo che consolida il percorso disciplinare e rafforza azioni di orientamento e di raccordo con il secondo ciclo.

6 Il passaggio dalla scuola primaria alla scuola secondaria avviene a seguito di valutazione delle competenze La scuola secondaria si conclude con l’esame di Stato e la relativa certificazione delle competenze che consentono l’accesso alla scuola secondaria di secondo grado.

7 SCUOLA DELL’INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA I° Montà capoluogo San Rocco di Montà Santo Stefano Roero Montà capoluogo San Rocco di Montà Santo Stefano Roero Montà I plessi scolastici

8 Il tempo scuola Modello orario: Scuola dell’infanzia: 40 ore settimanali, dalle ore 8.15 alle ore 16.15, dal lunedì al venerdì. Scuola primaria: 27 ore settimanali, due rientri pomeridiani obbligatori, il Martedì ed il Giovedì e il sabato libero. Per i rientri pomeridiani è prevista una pausa pranzo. Gli orari di ingresso e uscita dei singoli plessi varia in base alle esigenze di trasporto. Scuola secondaria di primo grado: 30 ore settimanali in orario antimeridiano dalle ore 8.00 alle 13.00, compreso il sabato.

9 il trasporto il servizio mensa il servizio pre- scuola su richiesta motivata e documentata. In ogni plesso sono garantiti dai rispettivi Comuni e dal personale della scuola: il dopo-scuola per gli alunni di SCUOLA PRIMARIA il dopo-scuola per gli alunni di SCUOLA SECONDARIA I° Nei capoluoghi di Montà e Santo Stefano Roero è organizzato dal consorzio socio- assistenziale: I servizi parascolastici

10 La comunità Diffusione della cultura; Recupero e valorizzazione delle tradizioni, delle risorse e delle ricchezze naturali del territorio; attivazione di esperienze formative e di progetti sulla prevenzione del disagio giovanile; formazione di persone non in età scolare per l’acquisizione di nuove conoscenze e competenze; Alfabetizzazione ed integrazione di stranieri in progressivo incremento. I diversi soggetti coinvolti nel processo formativo manifestano i seguenti bisogni:

11 I genitori Conoscere meglio gli ambienti (anche virtuali) in cui i ragazzi vivono; Avvalersi in modo costruttivo dei servizi del territorio; individuare forme di aggregazione per un uso formativo del tempo libero; Potenziare la conoscenza delle lingue; Far scoprire ai giovani il piacere della lettura anche per non farli coinvolgere troppo dalla civiltà delle immagini; Saper utilizzare le nuove tecnologie come strumenti di conoscenza; Praticare attività motorie in spazi adeguati e avviare alla pratica dello sport; Facilitare i processi di integrazione; Ridurre il divario fra i tre ordini di scuola e intraprendere iniziative di continuità e di accoglienza.

12 I docenti Costruire progetti trasversali con modelli didattici flessibili per i diversi ordini di scuola secondo il principio della continuità/ discontinuità; Individuare modalità per favorire l’integrazione fra strumenti di comunicazione tradizionale e nuove tecnologie; Recuperare in ambito scolastico l’interesse e la curiosità per forme ricreative d’interesse culturale con metodologie più motivanti; Sperimentare forme di flessibilità ed articolazione modulare con prestiti professionali e gruppi di alunni anche di ordini di scuola diversi; Formarsi per acquisire competenze multimediali, tecniche di comunicazione e strategie di animazione; Ricercare percorsi didattici e dinamiche culturali per l’integrazione degli alunni stranieri.

13 ISTITUTO COMPRENSIVO DI MONTA’ COMUNI DI MONTA’ E SANTO STEFANO ROERO PARROCCHIE DI MONTA’ E SANTO STEFANO ASSOCIAZIONI SPORTIVE ALTRI ISTITUTI SCOLASTICI SERVIZIO DI NEURO- PSICHIATRIA INFANTILE SERVIZIO DI PSICOLOGIA CENTRO DI RIABILITAZIONE “FERRERO” SERVIZIO INFORMA- GIOVANI SERVIZIO STRANIERI ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO SERVIZI DI SOCIO- ASSISTENZA ASL CN2 ALBA- BRA PROTEZIONE CIVILE VIGILI URBANI

14 In particolare l’Istituto intende Aderire ad accordi di rete fra scuole ed enti pubblici per una progettualità partecipata, finalizzata all’arricchimento dell’offerta formativa; Stipulare protocolli di intesa con l’USCOT per favorire attività di tirocini dei docenti frequentanti la Scuola di scienze della formazione primaria; Stipulare protocolli d’intesa e convenzioni per la gestione dei finanziamenti erogati per il funzionamento amministrativo e didattico e per l’utilizzo del personale della scuola in progetti formativi al servizio dell’utenza;

15 L’istituto comprensivo di Montà in conformità alle indicazioni ministeriali e al “contratto formativo” stipulato tra alunni, genitori e docenti: Pone attenzione alla persona Valorizza le personalità in tutte le sue direzioni: etiche, sociali, religiose ed affettive Rispetta gli stili individuali di apprendimento Crea confidenza e favorisce l’iniziativa del soggetto Incoraggia ed orienta il soggetto nel proprio sviluppo e nella ricerca della propria identità Sostiene e condivide adempiendo ai termini del contratto formativo Corregge con autorevolezza e si attiva per migliorare il livello delle prestazioni scolastiche personali

16 Ricerca la soluzione delle problematiche relative ai casi anomali di frequenza, ai portatori di handicap, agli studenti stranieri ed a tutti gli alunni con particolari disagi comportamentali Favorisce il passaggio da un ordine di scuola all’altro Organizza le modalità di aggiornamento e formazione del personale Garantisce la regolarità e la continuità del servizio e delle attività educative Prevede l’integrazione tra il lavoro svolto dagli insegnanti di sostegno e quello svolto dagli insegnanti di classe Per le stesse finalità

17 Il percorso delineato dalle Indicazioni Nazionali per il primo ciclo, concretizzato dagli insegnanti nel Curricolo di Istituto La progettazione educativa del Collegio dei docenti di attività formative rispondenti alle esigenze dell’utenza, trasversali alle discipline ed ai tre ordini di scuola. Intendono valorizzare la pluralità delle componenti e definiscono un curricolo derivante dall’integrazione tra:

18 LINGUE STRANIERE MATEMATICA E INFORMATICA LETTURA ECOMUSEO SALUTE E STILE DI VITA SICUREZZA SPORT E PRATICA SPORTIVA MUSICA E LINGUAGGI ARTISTICI CONTINUITA’ ORIENTAMENTO BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI INTEGRAZIONE ALUNNI STRANIERI E INTERCULTURA Il Collegio Docenti individua alcuni ambiti di progettazione

19 l’estensione dello studio delle lingue comunitariel’alfabetizzazione all’uso del computerlo studio d’ambientel’ educazione al suono, alla musica ed alla danzal’ educazione all’interculturalitàl’ educazione alla salutel’ educazione stradale e alla sicurezzal’ orientamento scolastico e professionalel’ attività sportiva scolastical’educazione all’affettività e alla sessualitàil recupero degli alunni con difficoltà di apprendimentola realizzazione della continuità educativa per definire e potenziare l’offerta formativa mediante:

20

21 AMPLIARE LE OPPORTUNITA’ COMUNICATIVE E RELAZIONALI Accrescere la conoscenza e promuovere la comunicazione in lingua inglese e francese nei contesti di uso quotidiano Iniziative didattiche di conoscenza della lingua inglese nella scuola dell’infanzia Primo approccio alla lingua francese nelle classi 5^ della scuola primaria Potenziamento della lingua inglese e francese per la preparazione agli esami di certificazione internazionale.

22 ANALIZZARE, RAPPRESENTARE E PROBLEMATIZZARE LA REALTA’ Sviluppare capacità di analisi e di azione con l’utilizzo dei linguaggi scientifici. Partecipazione al progetto in rete con altre scuole: “Sotto lo stesso cielo”. Favorire modalità di comunicazione e di conoscenza diverse mediante l’uso delle tecnologie. Partecipazione al progetto in rete con altre scuole: “Verso l’infinito e oltre” – Bando per l’innovazione didattica della fondazione CRT Realizzazione di prodotti multimediali. Utilizzo dei social network nella didattica. Partecipazione dei docenti al “Corso di formazione steadycam” – ASLCN2 Potenziare le abilità matematiche partecipando a gare e giochi matematici. Partecipazione alle “Olimpiadi della matematica”.

23 VIVERE LA LETTURA COME UN PIACERE E UN UNIVERSO DA SCOPRIRE Appassionare ad un genere letterario versatile: LA POESIA Lettura ed analisi in classe di poesie e/o filastrocche su tematiche legate ai “quattro elementi” Esposizione delle opere realizzate in classe Allestimento di una mostra finale Produzione di poesie da parte degli allievi Realizzazio ne di opere grafiche e pittoriche Visione di film Realizzazion e di incontri tra ordini di scuola Avvicinare il mondo dei libri rispettando il livello di maturazione e gli interessi di ogni età Apprezzare l’idea della poesia, dalla filastrocca alla classica, alla contemporanea

24 ADOTTARE UN APPROCCIO “ECO-LOGICO” ALLA VITA Acquisire comportamenti corretti e responsabili nelle varie situazioni di vita mediante lo sviluppo di valori positivi Attività laboratoriali condivise con l’Asl CN2 e il Comune di Montà Valorizzazione di un ambiente umano tipico del territorio mediante il progetto “Orto in Forma” – Scuola Primaria di Montà Esplorazione e conoscenza del mondo del volontariato locale e partecipazione al progetto “L’aquilone vola alto … nel paese dei bambini che sorridono”in collaborazione con le associazioni GVM, ACAT, Arcobaleno vip, Telefono Azzurro e il patrocinio del Comune di S. Stefano Roero. Partecipazione al progetto regionale “Frutta nelle scuole” – Scuola primaria di Santo Stefano Prosecuzione del progetto “Yogurt in classe” in collaborazione con l’Agrigelateria del Pianalto – Scuola Primaria di San Rocco

25 CREARE UNA CULTURA DELLA SICUREZZA Riconoscere le situazioni a rischio Formazione e informazione sui rischi specifici in ambiente scolastico Adottare comportamenti adeguati in caso di pericolo Simulazione delle prove di evacuazione rivolte alle classi 1e e alla scuola dell’infanzia. Prove di evacuazione differenziate per ordine di scuola sotto la supervisione delle figure sensibili

26 PARTECIPARE AD ATTIVITA’ FORMATIVE CON IL GIOCO E IL MOVIMENTO Migliorare le capacità motorie Corsi di nuoto Avviamento alla pratica dei principali sport nella scuola secondaria di I° Partecipazione ai campionati e ai giochi sportivi studenteschi Primo approccio alla pratica di alcuni sport nella scuola primaria, in collaborazione con la Polisportiva di Montà Migliorare lo spirito di adattamento e di tolleranza dello stress fisico Formare e consolidare amicizie Rispettare le regole Conoscere diverse pratiche sportive

27 ACCRESCERE IL POTENZIALE CREATIVO E LA SENSIBILITA’ ESTETICA Ricercare e sperimentare diverse sonorità SCUOLA PRIMARIA Partecipazione ai concerti di Natale in collaborazione con la Banda Musicale di Montà e il Comune di Santo Stefano Roero Progetti ”La casa musicale” per le classi 1^ e 2^ e “Dolce flauto” per le classi 3^, 4^ e 5^ in collaborazione con il Centro Esperienze Musicali. Progetto “Diderot” promosso dalla fondazione CRT Progetto “Arte in classe” promosso dalla fondazione Sandretto Re Rebaudengo. Sviluppare la gestualità, l’ascolto musicale e l’espressione corporea Stimolare le abilità percettive Sensibilizzare alla conservazione e al recupero di beni artistici presenti sul territorio

28 REALIZZARE UN PERCORSO FORMATIVO UNITARIO Predisposizione del curricolo di istituto sulla base del nuovo testo delle Indicazioni nazionali per il curricolo (D.M. n.254/2012) Favorire il passaggio da un ordine di scuola al successivo attraverso un giusto equilibrio tra elementi di continuità e di discontinuità Creare una sinergia di lavoro tra i docenti dei vari ordini di scuola Dare una connotazione coerente e unitaria all’offerta formativa dell’istituto

29 MATURARE SCELTE CONSAPEVOLI Conoscere le proprie inclinazioni Percorso di educazione alla scelta a partire dalla classe 2^ Partecipazione a rete territoriale per confronto tra i dati delle scuole superiori e i consigli orientativi Approccio con il mondo del lavoro Serate di orientamento con i genitori Percorsi di avviamento alla conoscenza della lingua latina Valutare le proprie capacità e i propri limiti Conoscere il mondo del lavoro e la sua continua evoluzione Conoscere la realtà degli istituti superiori Scegliere serenamente con la collaborazione della famiglia e dei docenti

30 SVILUPPARE IL POTENZIALE DI CIASCUNO IN UNA COMUNITA’ INCLUSIVA Promuovere l’integrazione degli alunni diversamente abili Realizzazione di progetti integrati di accoglienza – continuità educativa con alunni diversamente abili Predisposizione di appositi provvedimenti dispensativi e compensativi di flessibilità didattica Utilizzo di tecnologie e supporti informatici Realizzare un ambiente-scuola inclusivo Predisposizione di percorsi formativi attenti alla diversità Valorizzazione delle risorse personali e di gruppo sia negli alunni sia nel personale Promozione della corresponsabilità educativa scuola-famiglia Utilizzo e coordinamento delle risorse esterne Predisposizione del Piano annuale per l’inclusività Recuperare e potenziare specifiche abilità Attività di recupero/ potenziamento in orario extracurricolare Utilizzo di software didattici Percorsi individualizzati in orario scolastico Adozione di strategie di valutazione che valorizzino le competenze personali

31 PROMUOVERE IL DIALOGO TRA CULTURE DIVERSE Favorire l’apprendimento linguistico e l’integrazione scolastica Attività di accoglienzaPercorsi di alfabetizzazione Interventi didattici individualizzati Stimolare l’apertura e la conoscenza di culture e sensibilità differenti Percorsi di educazione interculturale con l'intervento di mediatori Adesione al progetto ”Il mondo a scuola, a scuola del mondo” Utilizzo del protocollo di integrazione e di accoglienza degli alunni stranieri. Utilizzo e aggiornamento dell’archivio interculturale


Scaricare ppt "Premessa  Il territorio  Il percorso formativo  L’Istituzione scolastica  I bisogni formativi rilevati  I rapporti con Enti ed istituzioni esterne."

Presentazioni simili


Annunci Google