La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Environmental Legal TeamEnvironment and Beyond Università degli Studi di Siena Corso di Diritto Europeo dellAmbiente e del Paesaggio Siena, 17 dicembre.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Environmental Legal TeamEnvironment and Beyond Università degli Studi di Siena Corso di Diritto Europeo dellAmbiente e del Paesaggio Siena, 17 dicembre."— Transcript della presentazione:

1 Environmental Legal TeamEnvironment and Beyond Università degli Studi di Siena Corso di Diritto Europeo dellAmbiente e del Paesaggio Siena, 17 dicembre 2012 LE FONTI RINNOVABILI DI ENERGIA: NORMATIVA E DINTORNI Dott.ssa Francesca Volpe Università di Siena

2 Environmental Legal TeamEnvironment and Beyond Energia: una priorità Lenergia è una priorità per il legislatore europeo: fonti rinnovabili di energia razionalizzazione dei consumi energetici

3 Environmental Legal TeamEnvironment and Beyond Le fonti energetiche Le fonti energetiche, in base alla loro disponibilità e capacità di rigenerazione superiore al consumo, si possono distinguere in: fonti fossili (combustibili composti sostanzialmente di carbonio ed idrogeno, derivano dalla fossilizzazione di sostanze organiche); fonti rinnovabili (fonti di energia, provenienti dal sole e dalla terra, che si rigenerano nella scala dei tempi umani).

4 Environmental Legal TeamEnvironment and Beyond Le fonti fossili Petrolio: liquido infiammabile facilmente trasportabile, con elevato rendimento energetico per unità di peso. La sua iniziale abbondanza e il basso costo hanno contribuito a determinare la crescita industriale e lespansione del commercio internazionale. Gas naturale: occupa circa 600 volte lo spazio di una quantità equivalente di petrolio; per il trasporto sono necessari gasdotti o molta energia per trasformare il gas in liquido e compattarlo a ca. -150°C e poi riconvertirlo in gas (rigassificazione). Carbone: combustibile solido costituito principalmente da carbonio prodotto dalla trasformazione di residui vegetali coperti da strati di materiale sedimentario. Relativamente abbondante.

5 Environmental Legal TeamEnvironment and Beyond Le fonti rinnovabili En. eolica, solare, geotermica, idraulica. En. aerotermica: energia accumulata nellaria sotto forma di calore. En. idrotermica: energia immagazzinata nelle acque superficiali sotto forma di calore. Biomassa: frazione biodegradabile dei prodotti, rifiuti e residui di origine biologica provenienti da agricoltura (comprendente sostanze vegetali e animali), silvicoltura e industrie connesse, comprese pesca e acquacoltura, nonché la parte biodegradabile dei rifiuti industriali e urbani. Gas di discarica, gas residuati dai processi di depurazione (derivano da processo chimico). Biogas: gas combustibile prodotto a partire dalla biomassa e/o dalla frazione biodegradabile dei rifiuti che può essere trattato per ottenere una qualità analoga a quella del metano.

6 Environmental Legal TeamEnvironment and Beyond Fossili e rinnovabili a confronto Fonti rinnovabili Bassa densità energetica Intermittenti e non completamente programmabili Capacità di rigenerazione Abbondanza Diffuse Basso impatto ambientale Fonti fossili Elevata densità energetica Facilmente utilizzabili Tempi di rigenerazione Scarsità Concentrate Forte impatto ambientale

7 Environmental Legal TeamEnvironment and Beyond Il nucleare La fissione nucleare non produce direttamente gas climalteranti. Uranio è risorsa non rinnovabile; gestione delle scorie radioattive; rischio bellico (il plutonio, generato dai reattori autofertilizzanti, è usato per fare le armi atomiche); costi (realizzazione, funzionamento, messa in sicurezza scorie, difesa militare, dismissione) e la conseguente distrazione dei fondi pubblici; impronta territoriale.

8 Environmental Legal TeamEnvironment and Beyond Limpronta territoriale del nucleare Fonte: S. Zabot, Lenergia nucleare: la filiera, i costi e le problematiche,

9 Environmental Legal TeamEnvironment and Beyond Le centrali nucleari italiane in dismissione Fonte: protezionecivile.gov.it Impianti per il ciclo del combustibile di Bosco Marengo, di Saluggia, di Trisaia di Rotondella e di Casaccia +

10 Environmental Legal TeamEnvironment and Beyond Lo scenario energetico mondiale Fonte: IEA, Key world energy statistics 2011 e 2012 – Mtoe = milioni di tonnellate equivalenti di petrolio - ** eolico, geotermico, solare, ecc. Quote percentuali dei diversi combustibili sul consumo di energia mondiale (1973, 2009, 2010): Il numero di persone che ancora oggi non hanno accesso allelettricità è 1,3 miliardi, circa il 20% della popolazione mondiale. (IEA, World Energy Outlook 2012)

11 Environmental Legal TeamEnvironment and Beyond Popolazione, PIL, energia ed emissioni Fonte: IEA, Key World Energy Statistics 2012 TPES Total Primary Energy Supply; (b) solo emissioni di CO 2 dalla combustione dei carburanti; (c) e (d) comprensivi di aviazione e bunkeraggi marittimi internazionali

12 Environmental Legal TeamEnvironment and Beyond I consumi energetici europei per settore Fonte: elaborazione personale su dati Eurostat, aprile 2012

13 Environmental Legal TeamEnvironment and Beyond I consumi energetici europei nel settore dei trasporti Consumi finali di energia nelle diverse modalità di trasporto ( ktep ) Fonte: elaborazione personale su dati EUROSTAT Energy, Transport, Environment Indicators 2011

14 Environmental Legal TeamEnvironment and Beyond Il contributo delle rinnovabili nei Paesi membri (I) Percentuale di energia da fonte rinnovabile sul consumo finale lordo

15 Environmental Legal TeamEnvironment and Beyond Il contributo delle rinnovabili nei Paesi membri (II) Percentuale di energia da fonte rinnovabile sul consumo finale lordo Fonte: 11th EurObservER Report, 2011

16 Environmental Legal TeamEnvironment and Beyond Rinnovabili sul consumo finale lordo in UE E U R O S T A T 2012

17 Environmental Legal TeamEnvironment and Beyond Alcuni numeri delle rinnovabili (I) Dati per il 2010: capacità cumulata installata da eolico*: UE MW – Italia MW; capacità cumulata installata da fotovoltaico*: UE ,7 MWp – Italia MWp; produzione lorda di elettricità da piccolo idroelettrico*: UE GWh – Italia GWh; produzione lorda di elettricità da geotermico*: UE 5.616,7 GWh – Italia 5.375,9 GWh; uso diretto dellenergia da geotermico*: UE 660,9 Ktep – Italia 213 Ktep; produzione lorda di elettricità da biogas: UE ,6 GWh – Italia 2.054,1 Gwh. Fonte: 11th EurObservER Report, 2011

18 Environmental Legal TeamEnvironment and Beyond Alcuni numeri delle rinnovabili (II) Consumo interno lordo da fonti rinnovabili (petajoules) Fonte: EUROSTAT, Statistics in focus 44/2012

19 Environmental Legal TeamEnvironment and Beyond Confronto emissioni climalteranti Confronto emissioni di CO 2 : centrale a carbone: 880 gr CO 2 /kWh centrale a petrolio: 720 gr CO 2 /kWh centrale a gas naturale: 370 gr CO 2 /kWh centrale nucleare: 140 gr CO 2 /kWh fotovoltaico: 20 gr CO 2 /kWh biomassa: gr CO 2 /kWh idroelettrico: 15 gr CO 2 /kWh eolico: 11 gr CO 2 /kWh Fonti: S. Zabot, Lenergia nucleare: la filiera, i costi le problematiche, 2012 e Gruppo internazionale e8 per le fonti fossili, Environmental impacts of PV electricity generation: a critical comparison of energy supply options

20 Environmental Legal TeamEnvironment and Beyond I sussidi Vari supporti governativi alla produzione e al consumo di energia: interventi sui costi, assunzione dei rischi, riduzione delle tasse, esenzioni fiscali, incentivi, etc. I leaders del G20 si sono impegnati a rimuovere progressivamente i sussidi inefficienti alle fonti fossili. I sussidi alle fonti fossili nel 2011 ammontano a 523 miliardi di dollari, circa +30% rispetto al 2010 e sei volte superiori (in valore assoluto) agli incentivi erogati a favore delle fonti rinnovabili. (IEA, World Energy Outlook 2012) La progressiva eliminazione nei paesi con economie emergenti dei sussidi alle fonti fossili entro il 2020 potrebbe portare ad una riduzione delle emissioni entro il 2050 del 6% rispetto allo scenario BAU. (OECD, Mobilizing Climate Finance, 2011)

21 Environmental Legal TeamEnvironment and Beyond Il sussidio allitaliana: il Cip 6 Dal 1992, in contrasto con la normativa europea, le fonti assimilate alle rinnovabili (es. incenerimento dei rifiuti, gassificazione del bitume), oltre alle vere rinnovabili, godono in Italia di una tariffa incentivante per lelettricità prodotta. Tale operazione (che dovrebbe concludersi nel 2020) è stata, ed è, finanziata direttamente dal consumatore finale (spesso ignaro) mediante un sovrapprezzo nella bolletta (componente A 3 ). E stato calcolato che, fra il 2001 e il 2010, le rinnovabili abbiano pesato per e le assimilate abbiano pesato per , cioè 2,37 volte più delle rinnovabili. (L. Libero, La dolorosa istoria delle rinnovabili italiane, 2012)

22 Environmental Legal TeamEnvironment and Beyond Associazione produttori energia da fonti rinnovabili Fonte: APER, Dossier Energie senza bugie, elaborazione dati GSE e AEEG e stime APER

23 Environmental Legal TeamEnvironment and Beyond Autorità per lenergia elettrica ed il gas Fonte: AEEG, Relazione attività 2011, elaborazione dati GSE Anno Remunerazione tot in Mil, quantità in GWh; remunerazione unitaria in /MWh

24 Environmental Legal TeamEnvironment and Beyond Ripartizione 2011 risorse finanziarie per la ricerca del sistema elettrico in Italia (Mil euro) Fonte: AEEG, Relazione sullo stato dei servizi e lattività svolta, 2012

25 Environmental Legal TeamEnvironment and Beyond Una diversa ratio Lorganizzazione di un sistema elettrico basato su fonti fossili (e nucleare) è organizzato intorno a grosse centrali che producono grandi quantità di energia e la distribuiscono con una rete capillare. Si tratta di un sistema centralizzato e oligopolistico. Lorganizzazione di un sistema a fonti rinnovabili è basato sulla generazione distribuita: ogni edificio è quanto più possibile autosufficiente e le grandi centrali forniscono lenergia che ledificio non può autoprodurre. Diminuiscono le perdite e il consumatore diventa attore. R. Rizzo, Energia verde in Italia, 2009

26 Environmental Legal TeamEnvironment and Beyond Le esternalità negative I costi ambientali e sociali connessi allestrazione e allutilizzo dei combustibili fossili: non vengono computati nel costo complessivo di tali risorse energetiche; gravano sulla collettività. Questo ha contribuito e contribuisce ad assicurare il primato economico dei combustibili fossili sulle fonti di energia rinnovabile.

27 Environmental Legal TeamEnvironment and Beyond Linsostenibilità dellattuale paradigma energetico Dagli anni 90 lenergia inizia ad essere vista anche in termini di (in)sostenibilità. Numerose infatti sono le criticità che rendono insostenibile lattuale paradigma energetico: consumi energetici in continuo aumento per rispondere a bisogni più o meno necessari/indotti; iniquità distributiva nel consumo di energia; combustibili fossili in progressivo esaurimento; cambiamenti climatici (ca. 80% dellincremento concentrazione ultimi 20 anni è dovuta ai combustibili fossili); tensioni geopolitiche per il controllo delle risorse.

28 Environmental Legal TeamEnvironment and Beyond Il Delta del Niger Estratto dalla trasmissione REPORT, puntata La ricaduta, min – 32.13, visibile al seguente link: ontentItem-649fab67-cc1b-4f85-acbb- a29ec785b786.html?p=0

29 Environmental Legal TeamEnvironment and Beyond La sostenibilità del paradigma energetico Leconomista della Banca Mondiale Herman Daly ha individuato 3 criteri per contribuire a definire i confini della sostenibilità: per una risorsa rinnovabile il livello sostenibile di impiego non può essere maggiore della velocità di rigenerazione; per una risorsa non rinnovabile il livello sostenibile di impiego non può essere maggiore di quello al quale è possibile rimpiazzarla con una risorsa rinnovabile impiegata in modo sostenibile; per un agente inquinante il tasso di emissione non può essere maggiore di quello al quale lagente stesso può essere riciclato, assorbito o reso inoffensivo dallambiente. Herman Daly, Toward Some Operational Principles of Sustainable Development, 1990

30 Environmental Legal TeamEnvironment and Beyond La cornice normativa europea I principali strumenti legislativi a livello europeo in materia di fonti rinnovabili di energia, sono: la Direttiva 2001/77/CE sulle fonti rinnovabili di energia (completamente abrogata dal 1°gennaio 2012); la Direttiva 2003/30/CE sui biocarburanti (completamente abrogata dal 1°gennaio 2012); la Direttiva 2009/28/CE (facente parte del cd. Pacchetto clima-energia).

31 Environmental Legal TeamEnvironment and Beyond La Direttiva 2009/28/CE: le definizioni Energia da fonti rinnovabili: energia proveniente da fonti rinnovabili non fossili, vale a dire energia eolica, solare, aerotermica, geotermica, idrotermica e oceanica, idraulica, biomassa, gas di discarica, gas residuati da processi di depurazione e biogas. Consumo finale lordo di energia: i prodotti energetici forniti a scopi energetici allindustria, ai trasporti, alle famiglie, ai servizi, compresi i servizi pubblici, allagricoltura, alla silvicoltura e alla pesca, ivi compreso il consumo di elettricità e di calore del settore elettrico per la produzione di elettricità e di calore, incluse le perdite di elettricità e di calore con la distribuzione e la trasmissione.

32 Environmental Legal TeamEnvironment and Beyond La Direttiva 2009/28/CE: gli obiettivi La Direttiva 2009/28/CE istituisce un quadro comune per la promozione di energia da fonti rinnovabili, prevedendo: obiettivi nazionali obbligatori di consumo di energia da fonte rinnovabile finalizzati ad assicurare il raggiungimento entro il 2020 di un obiettivo europeo del 20% di rinnovabili sul consumo interno lordo (17% per lItalia); un obiettivo comune per ogni Stato membro del 10% per la quota di energia da fonti rinnovabili nei trasporti.

33 Environmental Legal TeamEnvironment and Beyond Obiettivi fonti rinnovabili in % (I)

34 Environmental Legal TeamEnvironment and Beyond Obiettivi fonti rinnovabili in % (II) Fonte: Allegato I-A Direttiva 2009/28/CE

35 Environmental Legal TeamEnvironment and Beyond La Direttiva 2009/28/CE: i contenuti La Direttiva 2009/28/CE prevede inoltre: ladozione da parte di ogni Stato membro di Piani di Azione nazionali per ripartire lobiettivo tra consumi termici, elettrici e trasporti; il ricorso a meccanismi di flessibilità; il rilascio, su richiesta del produttore, di una garanzia di origine dellenergia prodotta da fonti rinnovabili; la garanzia di accesso al sistema di rete dellelettricità prodotta da fonti rinnovabili; criteri di sostenibilità per i bioliquidi.

36 Environmental Legal TeamEnvironment and Beyond Direttiva 2009/28/CE: i Piani di Azione nazionali Ogni Stato Membro deve adottare e notificare alla Commissione un Piano di Azione nazionale per le energie rinnovabili (art. 4). Tale piano nazionale deve: fissare gli obiettivi nazionali per la quota di energia da fonti rinnovabili consumata nei settori trasporti; elettricità; riscaldamento e raffrescamento; individuare le misure appropriate per raggiungere gli obiettivi nazionali generali (incluse le misure di sostegno e cooperazione).

37 Environmental Legal TeamEnvironment and Beyond Direttiva 2009/28/CE: i meccanismi flessibili Al fine di conseguire più facilmente il proprio obiettivo nazionale, ogni Stato Membro (artt. 6-11): promuove e incoraggia lefficienza ed il risparmio energetico; può applicare dei meccanismi flessibili, quali: regimi di sostegno comuni; trasferimenti statistici; progetti comuni tra Stati Membri o tra Stati Membri e paesi terzi (cooperazione su progetti comuni, regimi di sostegno comuni).

38 Environmental Legal TeamEnvironment and Beyond La Direttiva 2009/28/CE: la garanzia di origine Gli Stati Membri, per provare ai clienti finali la quota di energia da rinnovabili nel mix di un fornitore, assicurano lorigine dellelettricità prodotta da fonti energetiche rinnovabili mediante la garanzia dorigine (art. 15). La garanzia dorigine viene rilasciata dagli Stati Membri su richiesta del produttore di elettricità da fonti rinnovabili. Gli Stati membri possono provvedere affinché siano emesse garanzie di origine in risposta a una richiesta dei produttori di calore e freddo da fonti energetiche rinnovabili. Corrisponde ad ununità standard di 1 MWh. E previsto il mutuo riconoscimento delle garanzie dorigine rilasciate dai diversi Stati Membri dellUE.

39 Environmental Legal TeamEnvironment and Beyond La Direttiva 2009/28/CE: laccesso alla rete Gli Stati Membri hanno lobbligo di (art. 16): sviluppare le infrastrutture di rete per far fronte allo sviluppo di elettricità da rinnovabili; fornire un accesso prioritario o almeno garantito alla rete per lenergia prodotta da rinnovabili; assicurare che la tariffazione dei costi di trasmissione e distribuzione non penalizzi le rinnovabili.

40 Environmental Legal TeamEnvironment and Beyond La Direttiva 2009/28: criteri di sostenibilità dei biocarburanti Non sono presi in considerazione ai fini del rispetto degli obblighi e della concessione di sostegno finanziario i biocarburanti e i bioliquidi che non rispettano i seguenti criteri di sostenibilità (art. 17): contribuire alla riduzione dei gas serra in misura del 35% (50% dal 2017, 60% dal 2018); non essere prodotti da materie prime provenienti da terreni con elevato valore di biodiversità, elevato stock di carbonio o ex torbiere.

41 Environmental Legal TeamEnvironment and Beyond La Direttiva 2009/28/CE: alcune considerazioni Passaggio, rispetto alla precedente Direttiva 2001/77/CE: da obiettivi indicativi ad obiettivi vincolanti; dalla sola elettricità ad elettricità, calore e freddo, trasporti. Considerazione integrata di clima, energia, economia, sviluppo nazionale e locale.

42 Environmental Legal TeamEnvironment and Beyond Università degli Studi di Siena Diritto Europeo dellAmbiente e del Paesaggio Siena, 17 dicembre 2012 LE FONTI RINNOVABILI DI ENERGIA: NORMATIVA E DINTORNI Dott.ssa Francesca Volpe Università di Siena


Scaricare ppt "Environmental Legal TeamEnvironment and Beyond Università degli Studi di Siena Corso di Diritto Europeo dellAmbiente e del Paesaggio Siena, 17 dicembre."

Presentazioni simili


Annunci Google