La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Misteri Dolorosi con la Sacra Sindone transizione manuale.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Misteri Dolorosi con la Sacra Sindone transizione manuale."— Transcript della presentazione:

1 Misteri Dolorosi con la Sacra Sindone transizione manuale

2 PRIMO MISTERO: Gesù soffre e suda sangue nell’orto degli olivi

3 Si prostrò con la faccia a terra e pregava dicendo: “Padre mio, se è possibile, passi da me questo calice! Però non come voglio io, ma come vuoi tu!” (Matteo 26, 39) Come parla la Sindone? Parla con il sangue, e il sangue è la vita! La Sindone è un’Icona scritta col sangue; sangue di un uomo flagellato, coronato di spine, crocifisso e ferito al costato destro. L’immagine impressa sulla Sindone è quella di un morto, ma il sangue parla della sua vita. Ogni traccia di sangue parla di amore e di vita. Specialmente quella macchia abbondante vicina al costato, fatta di sangue ed acqua usciti copiosamente da una grande ferita procurata da un colpo di lancia romana, quel sangue e quell’acqua parlano di vita. È come una sorgente che mormora nel silenzio, e noi possiamo sentirla, possiamo ascoltarla, nel silenzio del Sabato Santo. (Benedetto XVI, davanti alla Sacra Sindone, 2 maggio 2010)

4 SECONDO MISTERO: Gesù viene legato alla colonna e flagellato

5 Pilato fece prendere Gesù e lo fece flagellare. (Giovanni 19, 1) Questo è il potere della Sindone: dal Volto di questo “Uomo dei dolori”, che porta su di sé la passione dell’uomo di ogni tempo e di ogni luogo, anche le nostre passioni, le nostre sofferenze, le nostre difficoltà, i nostri peccati - “Passio Christi. Passio hominis” - promana una solenne maestà, una signoria paradossale. Questo Volto, queste mani e questi piedi, questo costato, tutto questo Corpo parla, è esso stesso una parola che possiamo ascoltare nel silenzio. (Benedetto XVI, davanti alla Sacra Sindone, 2 maggio 2010)

6 TERZO MISTERO: Gesù viene incoronato di spine

7 Lo rivestirono di porpora e, dopo aver intrecciato una corona di spine, gliela misero sul capo. (Marco 15, 17-18) Sul finire dell’Ottocento, Nietzsche scriveva: “Dio è morto! E noi l’abbiamo ucciso!”. Questa celebre espressione, a ben vedere, è presa quasi alla lettera dalla tradizione cristiana, spesso la ripetiamo nella Via Crucis, forse senza renderci pienamente conto di ciò che diciamo. Dopo le due guerre mondiali, i lager e i gulag, Hiroshima e Nagasaki, la nostra epoca è diventata in misura sempre maggiore un Sabato Santo: l’oscurità di questo giorno interpella tutti coloro che si interrogano sulla vita, in modo particolare interpella noi credenti. Anche noi abbiamo a che fare con questa oscurità. E tuttavia la morte del Figlio di Dio, di Gesù di Nazareth ha un aspetto opposto, totalmente positivo, fonte di consolazione e di speranza. (Benedetto XVI, davanti alla Sacra Sindone, 2 maggio 2010)

8 QUARTO MISTERO: Gesù sale il Calvario sotto il peso della Croce

9 Lo seguiva una gran folla di popolo e di donne che si battevano il petto e facevano lamenti su di lui. (Luca 23, 27) Questo è il mistero del Sabato Santo! Proprio di là, dal buio della morte del Figlio di Dio, è spuntata la luce di una speranza nuova: la luce della Risurrezione. Ed ecco, mi sembra che guardando questo sacro Telo con gli occhi della fede si percepisca qualcosa di questa luce. In effetti, la Sindone è stata immersa in quel buio profondo, ma è al tempo stesso luminosa; e io penso che se migliaia e migliaia di persone vengono a venerarla - senza contare quanti la contemplano mediante le immagini - è perché in essa non vedono solo il buio, ma anche la luce; non tanto la sconfitta della vita e dell’amore, ma piuttosto la vittoria, la vittoria della vita sulla morte, dell’amore sull’odio; vedono sì la morte di Gesù, ma intravedono la Sua Risurrezione; in seno alla morte pulsa ora la vita, in quanto vi inabita l’amore. (Benedetto XVI, davanti alla Sacra Sindone, 2 maggio 2010)

10 QUINTO MISTERO: Gesù viene crocifisso e muore

11 Gridando a gran voce, disse: Padre, nelle tue mani consegno il mio spirito”. Detto questo spirò. (Luca 23, 46) Signore Gesù Cristo, nell’oscurità della morte Tu hai fatto sì che sorgesse una luce; nell’abisso della solitudine più profonda abita ormai per sempre la protezione potente del tuo amore; in mezzo al tuo nascondimento possiamo ormai cantare l’Alleluia dei salvati. Concedici l’umile semplicità della fede, che non si lascia fuorviare quando Tu ci chiami nelle ore del buio, dell’abbandono, quando tutto sembra apparire problematico; concedici in questo tempo nel quale attorno a Te si combatte una lotta mortale, luce sufficiente per non perderti; luce sufficiente perché noi possiamo darne a quanti ne hanno ancora più bisogno. Fai brillare il mistero della tua gioia pasquale, come aurora del mattino, nei nostri giorni; concedici di poter essere veramente uomini pasquali in mezzo al Sabato Santo della storia. Concedici che attraverso i giorni luminosi ed oscuri di questo tempo possiamo sempre con animo lieto trovarci in cammino verso la tua gloria futura. Amen. (Benedetto XVI)

12 PREGHIERA ALLA SACRA SINDONE O Padre, che hai glorificato tuo Figlio, Gesù Cristo, nella sua beata Passione, e lo hai costituito Signore nella sua Resurrezione dai morti, a noi che veneriamo la Sua immagine, raffigurata nella Sacra Sindone, dona di contemplare il suo Volto glorioso. Egli è Dio, e vive e regna con Te nell’unità dello Spirito Santo, per tutti i secoli dei secoli. Amen.

13 elaborazione:


Scaricare ppt "Misteri Dolorosi con la Sacra Sindone transizione manuale."

Presentazioni simili


Annunci Google