La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LA PERCEZIONE I principi Gestaltici di raggruppamento.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LA PERCEZIONE I principi Gestaltici di raggruppamento."— Transcript della presentazione:

1 LA PERCEZIONE I principi Gestaltici di raggruppamento

2 La Psicologia della Gestalt: i principi dell’organizzazione percettiva Gestalt in tedesco significa “insieme organizzato”, “configurazione armonica” e secondo i fautori di questo approccio, la vera unità fondamentale per lo studio della percezione sta nella Gestalt dello stimolo sensoriale, non nei singoli elementi che lo compongono.

3 Questo processo di organizzazione intrinseca è regolato da alcuni fattori o leggi gestaltiche. Grazie a questi fattori le parti di un campo percettivo vengono a costituire delle totalità coerenti e strutturate (Gestalten) come figure sullo sfondo, come oggetti dotati di proprie caratteristiche (colore, movimento, ecc.). In questa prospettiva la percezione costituisce un processo primario che conduce alla segmentazione del campo fenomenico in unità distinte con le loro proprietà e relazioni immediate ed evidenti (Kanizsa, 1980).

4 Nella teoria formulata dalla Gestalt il sistema nervoso è predisposto a rispondere ai pattern(1) degli stimoli sensoriali con meccanismi innati, che agiscono in base ad alcune regole fondamentali, definite principi dell’organizzazione percettiva: (Koffka, 1935; Wertheimer, 1923): – Vicinanza, somiglianza, chiusura, continuità, simmetria o buona forma, significato, movimento comune, esperienza passata o significato. (1)Pattern = nella psicologia della percezione, indica una configurazione di stimoli che si presentano a costituire un'unità percettiva.

5 Vicinanza Tendiamo a vedere gli elementi di uno stimolo visivo tra loro vicini come parti dello stesso oggetto, e quelli distanti come parti di oggetti differenti. Questo ci permette di separare un vasto insieme di elementi in un insieme meno numeroso di oggetti.

6 Somiglianza Gli elementi sono uniti in forme con tanta maggior coesione quanto maggiore è la loro somiglianza. Dunque mettiamo assieme gli elementi simili e separiamo i dissimili

7 Somiglianza dovute al colore La similarità del colore fa sì che una serie di punti neri e grigi venga percepita come una serie di quadrati neri che si alternano a quadrati grigi.

8 Chiusura Tendiamo a vedere le forme come delimitate da un contorno continuo e a ignorare le eventuali interruzioni di tale continuità. Questo ci aiuta a percepire le forme come complete anche quando sono parzialmente nascoste da altri oggetti.

9 Continuità Quando varie linee si intersecano, tendiamo a riunire i segmenti in modo da formare linee il più possibile continue, col minimo cambiamento di direzione. Questo ci permette di attribuire una certa linea a un particolare oggetto quando due o più oggetti si sovrappongono.

10 Simmetria o buona forma Il sistema percettivo cerca di produrre percezioni il più possibile eleganti: semplici, ordinate, simmetriche, regolari e prevedibili. Il nostro sistema percettivo organizza gli stimoli nella forma più semplice possibile.

11 Esperienza passata o significato Wertheimer ha aggiunto anche un fattore empirico: la segmentazione del campo avverrebbe, a parità delle altre condizioni, anche in funzione delle nostre esperienze passate, in modo che sarebbe favorita la costituzione di oggetti con i quali abbiamo più familiarità, che abbiamo già visto, piuttosto che di forme sconosciute o poco familiari. In un’accezione più moderata, i gestaltisti consideravano che l’esperienza passata non influisse sui processi di base ma che influisse sull’orientare tali processi in particolari direzioni rispetto ad altre.

12 Esempio di significato Unifichiamo secondo schemi di senso. La figura accanto è percepita come la lettera E anziché tre linee spezzate

13 Movimento comune Quando gli elementi di uno stimolo si muovono nella stessa direzione e alla stessa velocità, tendiamo a vederli come parti di un unico oggetto. Questo ci aiuta a distinguere un oggetto in movimento dallo sfondo.

14 I principi gestaltici dimostrano un fatto importante: il lavoro della percezione non è dettato solo dalle informazioni che arrivano dall’esterno, ma dipende anche da come la nostra mente tende a operare con i dati (esempio c’è chi vede nel disegno della giovane-vecchia vede in un primo momento la giovane e solo se guidata vede la vecchia). Il lavoro, lungo tutto il suo percorso, procede al tempo stesso dal basso in alto (BOTTOM_UP), cioè dai dati ai contenuti mentali, e dall’alto in basso(TOP DOWN), dai contenuti mentali ai dati L’insieme delle tendenze mentali che modellano la percezione si chiama set percettivo. Oltre ai principi gestaltici, vi rientrano le nostre conoscenze sul mondo e lo stato mentale del momento e anche ciò che desideriamo percepire (es. vedere quel che si vuole).


Scaricare ppt "LA PERCEZIONE I principi Gestaltici di raggruppamento."

Presentazioni simili


Annunci Google