La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

PROTESICA E PRESIDI IN DIMISSIONE Dott. Maurizio Maria Fiorentino ASL RM C Responsabile UOSD Medicina Legale D9 Coordinatore Attività Protesica Aziendale.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "PROTESICA E PRESIDI IN DIMISSIONE Dott. Maurizio Maria Fiorentino ASL RM C Responsabile UOSD Medicina Legale D9 Coordinatore Attività Protesica Aziendale."— Transcript della presentazione:

1 PROTESICA E PRESIDI IN DIMISSIONE Dott. Maurizio Maria Fiorentino ASL RM C Responsabile UOSD Medicina Legale D9 Coordinatore Attività Protesica Aziendale Roma, 13 Giugno 2015

2 DECRETO MINISTERIALE 332/99 Nomenclatore Tariffario

3  Art. 2 D.M. 27 agosto 1999 n. 332 Aventi diritto a) gli invalidi civili, di guerra e per servizio, i non vedenti i sordomuti, i minori di anni 18, che necessitano di un intervento di prevenzione, cura e riabilitazione di una invalidità permanente; b) coloro che sono in attesa dell’accertamento dello stato di invalidità civile ma che si trovino nelle condizioni patologiche previste dall’art. 1 della legge ; c) coloro che in seguito all’accertamento sanitario gli sia stata riscontrata,

4 dalla commissione medica dell’Azienda USL, una menomazione che comporta una riduzione della capacità lavorativa superiore ad un un terzo; d) (modifica all’Art. 2 - D.M n.321-) gli istanti in attesa di accertamento: laringectomizzati, tracheostomizzati, ileo- colostomizzati ed urostomizzati, gli amputati di arto, le donne che hanno bisogno di protesi mammarie esterne, i soggetti che abbiano subito un intervento demolitore sull’occhio, previa presentazione di certificazione medica ;

5 e) i ricoverati presso struttura sanitaria accreditata, pubblica o privata, a fronte di una menomazione grave e permanente, per la quale la prescrizione del medico responsabile del reparto di degenza, evidenzi la necessaria erogazione dell’ausilio protesico utile al progetto riabilitativo o alla eventuale tempestiva dimissione. Contestualmente deve essere avviata la procedura per il riconoscimento dell’invalidità.

6 Domanda per riconoscimento stato invalidità civile / handicap / disabilità ( art. 20 L. 102/09) Invio online attraverso CAF INPS

7 Art. 4 D.M. 27 agosto 1999 n. 332 : Modalità di erogazione Prescrizione di un medico del SSN, dipendente o convenzionato specialista per la patologia, contenente : diagnosi circostanziata, codice identificativo dell’ausilio e degli eventuali adattamenti, programma di utilizzo terapeutico e riabilitativo con modalità, limiti, previsione indicativa di durata, eventuali controindicazioni, verifica in relazione all’andamento del programma terapeutico.

8 Autorizzazione del preventivo di spesa, in funzione dell’allegata prescrizione medica, da parte dell’ASL di residenza dell’assistito con osservanza di quanto indicato nell’Art. 2. Nel caso di forniture successive alla prima devono essere considerate le modalità e i tempi di rinnovo. Collaudo, degli ausili protesici personalizzati autorizzati, da parte del medico prescrittore o della sua unità operativa, da effettuare entro 20 gg. dalla data di consegna, finalizzato ad accertare la corrispondenza clinico terapeutica della prescrizione stessa.

9 REGIONE LAZIO _____________________________ (Timbro della Struttura) MODULO DI PRESCRIZIONE DEI PRESIDI ED AUSILI PROTESICI PER DIMISSIONI PROTETTE (Deliberazione n. 194 del 27/02/2013) Cognome e Nome __________________________________________________________ nato il ______________________ a _____________________ residente a __________________________________________ Prov. ______________________ C.A.P. ______________ Via/P.zza ______________________________________________ Tel._______________________ Diagnosi circostanziata clinica e strumentale: _________________________________________________________________ ____________________________________________________________________________________________________ DESCRIZIONE CODICE ______________________________________________________________________________ ____________________

10 Significato terapeutico o riabilitativo: _______________________________________________________________________ ____________________________________________________________________________________________________ ____________________________________________________________________________________________________ Tempi di impiego del presidio: ____________________________________________________________________________ ____________________________________________________________________________________________________ Eventuali controindicazioni e limiti d’impiego: _______________________________________________________________ ____________________________________________________________________________________________________ Modalità di controllo: ___________________________________________________________________________________ Variazioni prevedibili nel tempo ed eventuali rinnovi del presidio: _________________________________________________ ____________________________________________________________________________________________________ Data_________________ I Medici Prescrittori ( Timbro e firma )

11 Recapiti Servizi Assistenza Protesica Distrettuali DISTRETTOINDIRIZZO TELEFON O FAX 6Via Casilina, 9Via Monza, 26502/ Via Tor Marancia, / Via Ignazio Silone, /

12 TEMPI MINIMI DI RINNOVO A)Dispositivi ortopedici: Plantari: in fibra ad alta resistenza36 mesi in materiale deperibile12 mesi Calzature e rialzi: soggetti deambulanti con gravi difficoltà della marcia tali da comportare notevole usura12 mesi soggetti non deambulanti e con gravi deformità ai piedi18 mesi Tutori per arto inferiore2 anni Apparecchi ortopedici per arto superiore3 anni Ortesi spinali3 anni Dispositivi addominali2 anni Protesi estetica tradizionale o modulare di arto superiore5 anni Protesi funzionale ad energia corporea di arto superiore5 anni Protesi mioelettrica per arto superiore5 anni Protesi tradizionale di coscia5 anni Protesi modulare di coscia o disarticolazione di ginocchio5 anni Protesi tradizionale di gamba4 anni Protesi modulare di gamba4 anni

13 Protesi di piede: tradizionale (cuoio ecc.) 2 anni laminato4 anni Carrozzina a telaio rigido non riducibile6 anni Motocarrozzina o carrozzina a trazione a manovella 6 anni Carrozzina a trazione elettrica 6 anni Carrozzina ad autospinta pieghevole5 anni Carrozzina ad autospinta riducibile6 anni Montascale mobile8 anni Stampelle, tripodi e quadripodi4 anni Deambulatori, sollevatori e biciclette8 anni Stabilizzatori4 anni Ausili per l'evacuazione5 anni Sistemi di postura5 anni Ausili ortopedici: letto ortopedico8 anni T.A.R. Lazio Ord. 50/2000

14 materasso antidecubito in materiale espanso5 anni materasso antidecubito a settori pneumatici cuscino antidecubito3 anni trasversa in vello naturale, in materiale sintetico, in fibra cava siliconata e a bolle d'aria interscambio5 anni Apparecchi acustici5 anni Ausili per la comunicazione informazione e segnalazione: sistemi di trasmissione del suono8 anni comunicatore telefonico8 anni ausili per la comunicazione interpersonale7 anni D)Protesi per laringectomizzati: cannula tracheale in plastica morbida o in metallo cromato o argentato2 anni cannula tracheale in plastica rigida3 anni cannula tracheale in argento4 anni E)Protesi oculari: in vetro2 anni in resina3 anni

15 F)Dispositivi ed ausili tecnici per non vedenti e ipovedenti: bastone bianco rigido o pieghevole3 anni orologio da tasca o da polso, sveglia6 anni termometro4 anni ausili ottici elettronici: ingranditori per PC e sistema ICR6 anni periferiche input, output e accessori stampante braille-sintetizzatore vocale6 anni macchina da scrivere sistema di elaborazione testi6 anni dispositivi - ausili per la funzione visiva: lenti oftalmiche e a contatto4 anni dispositivi - ausili per la funzione visiva: sistemi ottici ed ottico-elettronici ingrandenti.6 anni G)Protesi fisiognomiche 3 anni H) Ausili tecnici attinenti la funzione respiratoria 7 anni I) Ausili tecnici per il recupero della capacità di alimentarsi7 anni L) Ausili tecnici per la terapia ferrochelante4 anni

16 LE FASI DEL PERCORSO DI EROGAZIONE DELL’ASSISTENZA PROTESICA  Prescrizione - individuazione del bisogno di assistenza protesica, della relativa tipologia di presidio  autorizzazione  fornitura  collaudo  controlli

17 LE MACROCATEGORIE DI DISPOSITIVI  Dispositivi Assistenziali funzionali all’assistenza domiciliare  Dispositivi riabilitativi funzionali al recupero/compenso di alterazioni funzionali, all’autosufficienza/autonomia ed inserimento nel contesto sociale

18 Dispositivi assistenziali Cuscino antidecubito Materasso antidecubito Letto ortopedico a una o due manovelle (aggiuntivi: sponde e/o supporto per alzarsi) Sedia comoda Carozine pieghevoli ad autospinta con due mani sulle ruote posteriori Sedia per WC - con braccioli e regolabili in altezza Sollevatore mobile ad imbracatura polifunzionale

19 Dispositivi riabilitativi Ausili utili al percorso di recupero/compenso di menomazioni, di limitazioni di attività e di restrizioni della partecipazione alle attività di vita. Il medico prescrittore agisce: Individuando l’ausilio adeguato alle necessità cliniche funzionali del paziente anche avvalendosi della valutazione/proposta di fisioterapisti, logopedisti, terapisti occupazionali; Verificando la congruità del dispositivo con le menomazioni/disabilità invalidanti che devono essere espressamente richiamate nel modulo di prescrisìzione

20 Il medico prescrittore: 1.redige la prescrizione specificando: titolo che dà diritto all’erogazione La quantità, la descrizione e codice di ciascun dispositivo come riportati nel nomenclatore 2.elabora (anche attraverso un team multiprofessionale) il progetto terapeutico/riabilitativo ed il programma di utilizzo del dispositivo e ne consegna copia all’interessato, informando lo stesso sull’iter amministrativo da percorrere fornendo un’esauriente informazione al paziente ed eventualmente a chi lo assiste sulle caratteristiche funzionali e terapeutiche e sulle modalità di utilizzo del dispositivo stesso

21 La continuità assistenziale ospedale/territorio nella conduzione del progetto riabilitativo  i pazienti in dimissione protetta dall’ospedale con presa in carico ADI  i pazienti nell’ambito di progetti di continuità assistenziale (es. frattura di femore nell’anziano, paziente con stroke)

22 Ausili prescrivibili nei percorsi Cuscino antidecubito Materasso antidecubito Letto ortopedico a una o due manovelle (aggiuntivi: sponde e/o supporto per alzarsi) Sedia comoda Carozine pieghevoli ad autospinta con due mani sulle ruote posteriori Sedia per WC - con braccioli e regolabili in altezza Rolletor 4 ruote Rolletor 2 ruote e 2 puntali Deambulatore articolato con snodo

23

24

25

26


Scaricare ppt "PROTESICA E PRESIDI IN DIMISSIONE Dott. Maurizio Maria Fiorentino ASL RM C Responsabile UOSD Medicina Legale D9 Coordinatore Attività Protesica Aziendale."

Presentazioni simili


Annunci Google