La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Sistemi e Processi di Memoria. sistema in grado di conservare informazioni e dati nel tempo internaesterna aspetti fondamentali dei sistemi di memoria.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Sistemi e Processi di Memoria. sistema in grado di conservare informazioni e dati nel tempo internaesterna aspetti fondamentali dei sistemi di memoria."— Transcript della presentazione:

1 Sistemi e Processi di Memoria

2 sistema in grado di conservare informazioni e dati nel tempo internaesterna aspetti fondamentali dei sistemi di memoria codificaacquisizione informazioni ritenzionemantenimento informazioni recuperoestrazione informazioni perdita di informazionitemporanea o permanente

3 codicelinguaggio in cui le informazioni possono essere rappresentate capacitàquantità di informazioni che un sistema di memoria può contenere

4 due approcci allo studio della memoria materiale artificiale (sillabe e numeri) Ebbinghaus 1885 materiale significativo in situazioni naturali Bartlett 1932; Neisser 1978 struttura della memoria come è organizzata la memoria? uno o più sistemi? processi di memoria in che modo sono elaborate le informazioni in memoria?

5 meccanismi di base della memoria in situazioni controllate per evitare variazioni ambientali e differenze personali utilizzo di trigrammi senza senso: ZIK, PAZ, TUV,… “Effetto della pratica” quante sessioni di apprendimento sono necessarie per memorizzare in due giorni liste di 16 trigrammi ripetendole 8, 16, 24, 32, 42, 53 o 64 ogni volta? lo studio dei meccanismi puri della memoria Ebbinghaus [1885]

6 tempo totale di apprendimento la quantità di materiale appreso aumenta linearmente con l’aumentare del tempo dedicato all’apprendimento vantaggi della “pratica distribuita” le prestazioni sono migliori se l’apprendimento è distribuito in più tempo rispetto a quando è concentrato in un’unica sessione risultati

7 effetti di posizione seriale il ricordo dipende dalla posizione seriale degli elementi nella lista effetto priorità (primarietà) i primi elementi della lista sono ricordati meglio effetto recenza gli ultimi elementi della lista sono ricordati meglio % risposte corrette posizione seriale

8 riapprendimento quanto più tempo è stato dedicato all’apprendimento di una lista di elementi il primo giorno (ascissa), tanto meno tempo è necessario al riapprendimento il secondo giorno (ordinata) correlazione negativa

9 la memoria è un processo attivo nel momento di acquisizione e nel momento del recupero delle informazioni rievocare materiale sperimentale significativo e complesso metodo delle ripoduzioni in serie di storie popolari e disegni memoria come processo attivo (Bartlett) esperimenti con validità ecologica

10 cfr. “La guerra degli spettri” o il disegno del gufo risultatile persone ricordano le storie trasformando l’originale i dettagli non capiti sono eliminati altri particolari sono aggiunti per rendere le storie più plausibili e più comprensibili la qualità del ricordoi ricordi subiscono anche cambiamenti qualitativi cfr. manuale, pag. 108

11 le persone ricostruiscono e rielaborano le informazioni in funzione della loro comprensione e degli schemi mentali schema struttura che organizza le conoscenze acquisite e guida il comportamento è una sorta di “modello” che può adattarsi alle diverse situazioni gli schemi influenzano la memoria favorendo la selezione e l’organizzazione delle informazioni in entrata in una struttura sensata e comprensibile

12 esperimento di Bransford e Johnson (1972) “Se i palloncini scoppiassero il suono non raggiungerebbe più la sua destinazione, perché il tutto verrebbe a trovarsi troppo distante dal piano giusto. Anche la finestra chiusa impedirebbe al suono di giungere laddove dovrebbe dato che la gran parte dell’edificio tende ad essere ben isolata. Poiché l’intera operazione dipende dalla continuità nell’alimentazione elettrica, anche la rottura del cavo creerebbe problemi. Naturalmente l’individuo potrebbe urlare, ma la voce umana non può arrivare così lontano. Un ulteriore problema è che una corda dello strumento potrebbe rompersi. Se ciò si verificasse non vi sarebbe più l’accompagnamento al messaggio. La situazione migliore, naturalmente, è che la distanza sia inferiore. Così i potenziali problemi sarebbero meno numerosi. Meglio di tutto sarebbe che ci fosse contatto faccia a faccia”. cfr. manuale pagg

13 il testo poteva essere 1) senza contesto oppure 2) con contesto appropriato3) con contesto parziale

14 il compito dei partecipanti era di 1)valutare la comprensibilità del testo 2)ricordare le idee presenti nel testo risultati solo il contesto appropriato presentato prima del testo produce un aumento 1)del punteggio medio di comprensibilità 2)del numero medio di idee rievocate cfr. manuale pag. 110 tab. 6.1

15 esperimento di Anderson e Pichert (1978) gli schemi favoriscono la riorganizzazione delle informazioni anche quando queste devono essere rievocate i partecipanti leggono un brano che parla di due ragazzi che marinano la scuola e vanno a casa di uno dei due (la madre non era in casa) la famiglia è benestante e abita in una elegante abitazione d’epoca costruita su un ampio terreno, lontano dal traffico

16 essendo antica, la casa aveva qualche difetto, ad esempio il tetto aveva delle infiltrazioni e la cantina era umida dato che la famiglia era ricca, in casa si trovavano parecchi oggetti di valore (pellicce, biciclette da corsa, TV a colori e una collezione di monete rare 1 fase metà dei soggetti leggono la storia assumendo il punto di vista del ladro metà dei soggetti leggono la storia assumendo il punto di vista di un compratore (della casa) tutti devono rievocare la storia

17 2 fase seconda rievocazione ma assumendo il punto di vista opposto partecipanti “ladri”partecipanti “compratori” partecipanti “compratori”partecipanti “ladri” risultati il cambiamento di schema (punto di vista) induce la rievocazione di informazioni che sembravano dimenticate nella prima fase cfr. manuale pag 111, tab. 6.2

18 oblio perdita o impossibilità di recuperare informazioni dalla memoria tempol’oblio dipende dal passare del tempo quanto più lungo è l’intervallo di tempo tra l’apprendimento e la rievocazione tanto peggiore è il ricordo curva dell’oblio Ebbinghaus

19 altre possibili cause di oblio psicologiche distrazione, fattori emozionali, rimozione organiche (danni cerebrali)Alzheimer, Korsakoff, traumi spiegazione la traccia mnestica decade (progressivo indebolimento) ma la teoria del decadimento non spiega l’oblio selettivo effetto “assassinio di Kennedy” o “torri gemelle”

20 il ricordo di informazioni è ostacolato dalla presenza di altre informazioni in MLT questo effetto è tanto più forte quanto più le informazioni sono simili tra loro situazione sperimentale apprendimento di due liste di elementi lista Alista B interferenza

21 interferenza retroattiva la lista appresa per seconda (lista B) ostacola il ricordo degli elementi della lista appresa per prima (lista A) interferenza proattiva la lista appresa per prima (lista A) ostacola il ricordo degli elementi della lista appresa per seconda (lista B) scuola bosco macchina gatto treno cane scarpa fiore panca prato proattiva retroattiva

22 no, perché la memoria è soggetta ad errori (Loftus e Palmer, 1974) i testimoni oculari sono affidabili? tutti guardano lo stesso filmato e a tutti viene chiesto di stimare la velocità delle auto i partecipanti vedono il filmato di un incidente stradale

23 termine utilizzatovelocità stimata fracassate (smashed)40.8 scontrate (collided)39.3 andate a sbattere (bumped)38.1 urtate (hit)34.0 toccate (contacted)31.8 le risposte variano in funzione del termine usato nella domanda e indipendentemente da quanto accaduto nella realtà eventi successivi ad un evento X modificano il ricordo dell’evento X (urto) a quale velocità andavano le due macchine, quando si sono …

24 sistemi di memoria che interagiscono e che sono collegati ma che sono diversi per durata della traccia capacità meccanismi di oblio una prova forte a favore della memoria multicomponenziale lesioni cerebrali possono danneggiare un sistema ma non gli altri la memoria è multicomponenziale

25 eventuale output attenzione filtro decadimento e interferenza sostituzione interferenza memoria a lungo termine magazzini sensoriali input reiterazione memoria a breve termine sistemi di memoria (Atkinson e Shiffrin, 1968)

26  memorie specifiche per le diverse modalità sensoriali memoria iconica per la vista, memoria ecoica per l’udito)  preattentiva  copia letterale dello stimolo  decadimento molto rapido (0.5 – 2 sec.)  ampia capacità memoria sensoriale esperimenti di Sperling (1960) 1)metodo del resoconto totale 2) metodo del resoconto parziale

27 Sperling, 1960resoconto totale C V F G J K R T Q X Z P 50 msec compito riportare quante più lettere possibile risultati in media sono riportate 4 lettere ipotesi la matrice non permane abbastanza a lungo per rendere possibile riportare tutte le lettere

28 Sperling, 1961resoconto parziale C V F G J K R T Q X Z P compito riportare quante più lettere possibile della riga indicata dal suono risultati in media sono riportate 4 lettere 50 msec prima riga seconda riga terza riga

29 memoria iconica magazzino sensoriale ad elevata capacità e rapido decadimento sec resoconto PARZIALEresoconto TOTALE grafico dei risultati ottenuti da Sperling

30 conclusioni poiché il suono compare dopo la scomparsa della matrice, si può concludere che per un intervallo di tempo molto breve sono disponibili tutte le 12 lettere funzione delle memorie sensoriali trattengono per breve tempo una copia letterale dello stimolo per rendere possibile l’orientamento dell’attenzione e la selezione delle informazioni

31 memoria a breve termine  richiede attenzione  informazioni mantenute tramite reiterazione  decadimento rapido (circa 30 sec.)  capacità limitata la memoria a breve termine ha una capacità di circa sette unità di informazione unità di informazione = singoli elementi o raggruppamenti di elementi (chunks) Miller, 1956il magico numero sette (più o meno due)

32 sette lettereD, M, K, C, X, O, R sette sigleIBM, UIL, INA, PCI, DNA, KGB, MAC sette parolealbero, cima, gatto, scuola, rete, uva, pialla funzione della memoria a breve termine (MBT) mantenere attivo materiale già elaborato almeno parzialmente

33 esperimento per misurare lo span di cifre, cioè quanti numeri possono essere rievocati nello stesso ordine subito dopo la presentazione ? ? ? ? ? ? ?

34 Peterson e Peterson, 1959 decadimento rapido dalla MBT CHJFRTVSKGBR CHJdopo ciascuna tripletta contare all’indietro (compito distraente) intervallo temporale (3 – 18 sec.) test di memoriaCHJ ?

35  la reiterazione delle triplette è impedita dal compito distraente  in assenza di reiterazione il ricordo peggiora con il passare del tempo % ricordo triplette intervallo temporale le informazioni decadono rapidamente dalla memoria a breve termine

36 loop articolatorio esecutivo centrale Memoria a Lungo Temine input Memoria di Lavoro (Working Memory) Baddeley, 1986 capacità limitata controllo e coordinamento distribuisce risorse attentive ai due servosistemi svolgimento di compiti cognitivi superiori (prendere decisioni, risolvere problemi) taccuino visuo-spaziale mantiene le tracce del materiale linguistico (reiterazione) mantiene per poco tempo stimoli visivi e serve per svolgere compiti di tipo spaziale

37 funzione della Memoria a Lungo Termine (MLT) conservare un numero elevato di conoscenze in modo permanente memoria a lungo termine  informazioni mantenute tramite organizzazione  capacità ampia, forse illimitata  perdita di informazioni per interferenza oblio forse apparente, dipende dalla difficoltà di accesso alle informazioni

38 sistemi di memoria specializzati nella ritenzione di informazioni di natura differente memoria procedurale sapere come conoscenze sul come svolgere attività e compiti vari memoria fattuale sapere cosa insieme delle conoscenze individuali sistemi all’interno della MLT

39 memoria fattuale memoria semantica conoscenze di parole, concetti e loro relazioni reciproche, simboli si riferisce a conoscenze astratte e generali le informazioni non sono specificate da coordinate spazio- temporali organizzata in modo tassonomico e associativo memoria episodica conoscenze di eventi o episodi si riferisce a specifici eventi ed esperienze di vita contiene informazioni spazio- temporali che specificano dove e quando si è verificato un certo evento organizzata cronologicamente

40 limiti del modello dei magazzini di memoria  troppo semplicistico ci sono diversi sistemi di MBT e di MLT  passaggio MBT - MLT non necessario pazienti con MLT intatta ma difficoltà a livello di MBT e viceversa  la reiterazione non è necessaria al passaggio delle informazioni in MLT memoria inconsapevole (implicita) è possibile ricordare anche senza sforzo consapevole

41 LUMACA /lumaka/ input elaborazione strutturale elaborazione fonologica elaborazione semantica lumaca memoria e livelli di elaborazione Craik e Lockhart (1972) teoria dei livelli di elaborazione la durata della traccia mnestica dipende dalla profondità dei processi di elaborazione dello stimolo

42 strutturale la parola è scritta in maiuscolo? esempio di diversi livelli di elaborazione LUMACAlumaca fonologicala parola fa rima con “amaca”? LUMACAPORTONE semanticapuò stare nella frase “sei lento come una ________”? LUMACAGINESTRA

43 se l’informazione è elaborata sulla base del significato si ottiene un ricordo migliore percentuali di ricordo nelle tre condizioni sperimentali memoria e livelli di elaborazione risultati

44 si riferisce all’influenza del contesto sul ricordo la probabilità di recuperare un’informazione dalla memoria (ricordarla) è tanto più elevata quanto più stretta è la corrispondenza (compatibilità) tra il contesto al momento dell’acquisizione e il contesto al momento del recupero esempio difficoltà a riconoscere una persona incontrata per la prima volta in un contesto diverso rispetto a quello attuale ricordo e specificità di codifica (Tulving e Thomson, 1973)

45 memoria autobiografica Tulving (2002) mantiene le informazioni relative a fatti personali ed episodi della propria vita quattro è un numero pariil giorno quattro parto Londra è una metropoliLuca vuole trasferirsi a Londra il Siamese è un tipo di il gatto siamese di Anna gattomiagola sempre

46 amnesie costituiscono esperimenti naturali per “mettere” alla prova le teorie della memoria MBTMLT la distinzione tra MBT e MLT è supportata dalla doppia dissociazione

47 pazienti che hanno danni alla memoria a lungo termine ma memoria a breve termine intatta pazienti che hanno danni alla memoria a breve termine ma memoria a lungo termine intatta lo studio delle amnesie ha suggerito nuovi sviluppi teorici sulla memoria normale pazienti con grave amnesia episodica ma con memoria semantica intatta (cfr. manuale pag 121: caso del paziente amnesico di 30 anni)

48 i due sistemi di memoria sono separati ed indipendenti H.M.la vita è solo presente nel 1953, quando ha 27 anni, H.M. viene operato per una grave epilessia H.M. si risveglia con un’amnesia globale gravissima, sia anterograda che retrograda H.M. non si ricorda dove vive, chi si occupa di lui, cosa mangia, chi incontra non riesce ad imparare nuovi percorsi e non ha mai potuto andarsene dalla casa di cura dove è rimasto ricoverato

49 H.M. si ricorda soltanto fatti avvenuti prima del suo 16 anno (quando è cominciata l’epilessia) non si ricorda che uno zio, cui voleva molto bene, era morto 3 anni prima dell’intervento ogni volta che qualcuno gli ricorda della morte dello zio, H.M. scoppia a piangere ma dimentica tutto in pochi minuti non riconosce le sue fotografie perché è convinto di essere molto più giovane la sua memoria semantica è intatta, la memoria procedurale e la memoria implicita sono preservate

50 ma …. il vocabolario di H.M. non è mai aumentato dopo l’operazione H.M. non riconosce parole nuove reali da parole nuove inventate come si può spiegare questo fatto? la memoria semantica e la memoria autobiografica sono due sistemi separati ed indipendenti

51 distinzione tra memoria esplicitae memoria implicita basata sulla relazione tra memoria e consapevolezza sapere di saperesapere senza sapere si ricorda qualcosail comportamento è deliberatamente o influenzato da eventi si è consapevoli di ricordare passati ma senza consapevolezza

52 esempi di memoria implicita? procedure (sport, musica, dattilografia, attività motorie) abilità cognitive (lettura, significato delle parole, regole grammaticali) condizionamento classico e operante come si potrebbe studiare la memoria implicita? Graf & Schacter, 1985 la memoria implicita in “normali” e amnesici fase 1)i partecipanti leggono liste di coppie di parole

53 ad esempio… COPERTA SPEDITA SPESA CONTENUTA GATTO VOLANTE con cui devono formare delle frasi ad esempio… il gatto volante è atterrato sulle quattro zampe la spesa è stata contenuta nei limiti previsti

54 fase 2) due compiti di memoria a) rievocazione rievocare la seconda parola di ogni coppia in presenza della prima parola COPERTA _________ ? SPESA _________ ? GATTO _________ ?

55 b) completamento completare il frammento della seconda parola di ogni coppia COPERTA SPE_________ ? SPESA CON_________ ? GATTO VOL_________ ?

56 risultati rievocazione (memoria esplicita) i pazienti amnesici ricordano meno parole dei non amnesici completamento non c’è nessuna differenza tra amnesici e non amnesici conclusioni negli amnesici la memoria esplicita è danneggiata la memoria implicita è intatta


Scaricare ppt "Sistemi e Processi di Memoria. sistema in grado di conservare informazioni e dati nel tempo internaesterna aspetti fondamentali dei sistemi di memoria."

Presentazioni simili


Annunci Google