La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Dialogo interculturale e convivenza democratica: l'impegno della scuola. Prassi e pratiche di quotidiana integrazione nelle scuole. Valentina Di Cesare,

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Dialogo interculturale e convivenza democratica: l'impegno della scuola. Prassi e pratiche di quotidiana integrazione nelle scuole. Valentina Di Cesare,"— Transcript della presentazione:

1 Dialogo interculturale e convivenza democratica: l'impegno della scuola. Prassi e pratiche di quotidiana integrazione nelle scuole. Valentina Di Cesare, Mediatrice culturale e linguistica

2 Secondo Peter Figueroa, i due obiettivi di un’educazione interculturale consistono nell’uguaglianza e nell’apertura. Le due finalità vengono a intrecciarsi, ma anche a elidersi. Infatti, realizzare una uguaglianza tra le culture presenti in una società o nella scuola può significare perdere la ricchezza e la varietà della diversità; viceversa, promuovere un’apertura radicale verso la differenza può comportare una sottovalutazione della cultura ospitante

3 Il difficile equilibrio tra queste due dimensioni necessita, di conseguenza, di una serie di azioni, che prevedano, tra l’altro, l’adattamento del curricolo e una specifica formazione degli insegnanti. In questo senso problemi didattici e pedagogici vengono a sovrapporsi.

4 L’ aumento degli alunni “venuti da lontano” nelle scuole del nostro paese è stato molto rapido; tuttavia, l’incidenza media sul totale resta bassa: 2-4 per mille. Ci si può chiedere come mai, pur essendo il fenomeno migratorio ancora debole, e molto minore che negli altri paesi dell’Europa occidentale, esso sia al centro dell’attenzione dell’opinione pubblica.

5 Si tratta di nuove relazioni interculturali, presenze che chiedono di essere riconosciute dal diritto nazionale e internazionale, dalla società e dalla scuola senza che gli adulti vengano considerati tout-court un’area- problema e i minori vengano identificati e pre- giudicati come fascia portatrice di svantaggio.

6 La scuola italiana ha cominciato ad affrontare il problema dell’inserimento degli alunni stranieri a partire dalla fine degli anni 80, quando cioè l’afflusso migratorio nel nostro paese si è fatto consistente.

7 Nella prima Circolare (301/89) si parla soltanto di “inserimento degli immigrati”. La scuola italiana si trova in questi anni ( ) di fronte all’emergenza immigrati e tenta di “risolvere un problema”. Di conseguenza sfrutta le risorse già fornite dalla legislazione e invita in modo particolare a conoscere il fenomeno (livelli culturali, modelli di comportamento etc). Interviene inoltre sull’organizzazione scolastica, proponendo di raccogliere gli alunni immigrati in gruppi che non superino le quattro-cinque unità per classe.

8 Dal punto di vista didattico, non compaiono in questo periodo indicazioni particolari sul tema dell’immigrazione: si parla ancora di individualizzare, ovvero di definire progetti specifici in base alla singolarità delle situazioni, come in passato rispetto alle differenze di tipo socio-economico.

9 Ora che la situazione è molto cambiata e che ormai la presenza di alunni non madrelingua è consolidata nelle nostre scuole, i nodi attuali rispetto alla presenza degli alunni immigrati riguardano aspetti didattici, curricolari, organizzativi, educativi molto importanti.

10 La differenza linguistica è il fattore più evidente, spesso correlato con il ritardo scolastico. I ragazzi che non sanno l’italiano partono svantaggiati e hanno grandi difficoltà nel recuperare.

11 attraverso la lingua avvengono la comunicazione e la comprensione in senso globale. Non si tratta perciò solo di insegnare dei vocaboli, ma di aiutare gli alunni ad immergersi in un altro mondo, in un’altra cultura: la lingua ha una funzione simbolica, e apprenderla o meno dipende in gran parte dalle disposizioni di tipo “affettivo” che si hanno verso di essa. Gruppi desiderosi di integrarsi giungono rapidamente ad imparare la seconda lingua; è noto invece che dove esistono conflitti sarà più difficile.

12 Occorre di conseguenza tener conto dei fattori psicologici ed affettivi. Solo in contesti comunicativi “veri”, cercando di non imporre in modo aggressivo la propria lingua, si può aiutarne la comprensione; creare situazioni stimolanti, fare della classe un ambiente di comunicazione efficace è un modo per aiutare tutti gli alunni, e non solo quelli stranieri, organizzando allo stesso tempo attività o laboratori in loro aiuto

13 La didattica dell’italiano agli alunni stranieri presenti nelle classi perciò, è il primo punto focale da affrontare per far sì che l’integrazione possa realmente compiersi. L’insegnamento di una lingua straniera ad un giovane non madrelingua, nel nostro caso l’italiano, dev’essere affidato a professionisti della materia e non a semplici madrelingua.

14 L’approccio comunicativo e affettivo, che negli ultimi decenni ha avuto un’impennata nell’insegnamento delle lingue straniere si impara facendo pratica in corsi di laurea e master specifici. Inoltre l’insegnante di una lingua seconda non deve soltanto conoscere le regole grammaticali della propria lingua, ma esprimere attraverso essa gli elementi principali della propria cultura.

15 Se parliamo di insegnamento di una lingua non ha senso parlare di qualcosa di astratto: non significa imparare solo regole, costruzioni e quindi non è solo lo strumento linguistico che deve interessare colui che apprende. Una persona che possiede uno strumento linguistico deve anche poterlo contestualizzare e quindi considerare la cultura dove tale strumento è usato. Questo perché la lingua e la cultura si sono sempre influenzate vicendevolmente. Quando pensiamo ad una lingua, pensiamo ad uno strumento usato da un popolo per rappresentare se stesso, quindi dietro c'è una cultura che fa da supporto a tale strumento.

16 Si può anche dire che non esiste o non si parla di cultura senza considerare lo strumento linguistico. Una cultura viene ad essere descritta attraverso di esso. Possiamo affermare che esiste un binomio lingua-cultura secondo il quale ci sono delle forti relazioni che regolano questi due elementi che si influenzano vicendevolmente, legati in modo inscindibile proprio per la natura del rapporto stesso.

17 Il processo di acquisizione di una seconda cultura è stato studiato da vari punti di vista. Da parte dell'apprendente avviene una sorta di acculturazione, cioè un graduale adattamento ad un target culturale senza però abbandonare o rinunciare all'identità della lingua nativa. Il fattore più importante che influenza l'acculturazione è la "diversità" o distanza sociale tra due culture.

18 Acculturazione L'acculturazione è il processo con cui una persona si adatta a una nuova cultura. Possiamo affermare che il modo di pensare di una persona, di agire e di comunicare differiscono e cambiano da una cultura all'altra. Per tenere conto di questi fattori è necessario sottolineare il contesto dove una lingua viene imparata, cioè se è una lingua seconda o una lingua straniera. Si vengono a creare due presupposti:

19 a) imparare una lingua seconda in una cultura nativa dove la lingua è sempre imparata in un contesto per capire le persone di un'altra cultura; b) imparare una lingua straniera in un contesto non naturale per vari usi specifici (lavoro, turismo o altri interessi).

20 Può anche verificarsi lo SHOCK CULTURALE Lo shock culturale è associato a sentimenti di estraniamento, rabbia ostilità, indecisione, frustrazione, tristezza per la lontananza da casa da parte dello studente. Questo è dovuto alle differenze rispetto alla propria cultura che spesso non vengono capite. Tali differenze possono portare a repressione, regressione isolamento e rifiuto. Lo shock culturale si manifesta dopo quattro successivi stadi di acculturazione.

21 Il primo stadio vede l'eccitazione e l'euforia da parte della persona per le novità che ha trovato. Nel secondo stadio appare questo shock culturale perché l'individuo sente l'intrusione di differenze più culturali. Nel terzo stadio vediamo che alcuni problemi di acculturazione sono risolti mentre altri persistono: la persona comincia ad accettare le differenze nel pensare e nel sentire. Il quarto stadio comporta o un'assimilazione o un adattamento, un'accettazione della nuova cultura e una confidenza in sé, nella "nuova" persona che si è sviluppata in questa cultura

22 Gli insegnanti hanno un ruolo fondamentale nel passaggio da uno stadio all'altro: non devono forzare il passaggio, ma seguire cercando di capire le sensazioni di frustrazione e di rabbia in modo da arrivare ad una profonda e personale forma di apprendimento.

23 Alla base dell'analisi dell'interculturalità vi è la ricognizione di come le due culture (quella del parlante e quella dell'apprendente) siano simili e di come differiscano. Una simile analisi apre delle possibilità per l'insegnante nell'approccio dell'insegnamento di una seconda lingua. Bisogna stare attenti a non cadere nell'eccesso con gli stereotipi, ma un'informazione generale può essere molto utile per l'approccio, venendo a contatto con fattori culturali: in questo modo l'esperienza dell'insegnare e l'insegnamento diventano entrambi più piacevoli ed efficaci.

24 Per cultura si intende i modi che un popolo usa per esprimere se stesso, i quali assumono forme diverse a seconda dei contesti e con significati diversi a seconda del messaggio che si vuole trasmettere. E' necessario che ci sia una corretta informazione sui costumi e sugli usi di un popolo, analizzando la distribuzione del fenomeno, cercando di non dare degli stereotipi che potrebbero falsare l'interpretazione, ma fornendo piuttosto dei "sociotipi"

25 Per fare questo si devono tenere in debito conto anche gli aspetti non verbali di una lingua, perché anch'essi fanno parte della cultura e possono essere diversi a seconda delle popolazioni: il linguaggio del corpo, la lingua oggetto, la lingua dell'ambiente. Per linguaggio del corpo si intendono il movimento, la postura, la gestualità, l'espressione del viso, lo sguardo, il toccare e la distanza. (ESEMPI)

26 Per lingua oggetto si intendono i segni, i disegni, gli artefatti, il vestiario e l'adornamento personale. La lingua dell'ambiente è quella fatta di colori, luci, architettura, spazio, direzioni ed elementi naturali che parlano all'uomo della sua natura. Ogni parlante nativo assimila delle esperienze sociali individuali caratteristiche della propria cultura. Ogni società accumula delle regole seconde le quali alcune considerazioni concrete sono interpretate astrattamente e sono valide tra coloro che comunicano attraverso l'uso comune della stessa lingua.

27 L'approccio in classe, quindi, è importante: una volta stabiliti quali valori e quali comportamenti devono essere insegnati, si deve vedere come ciò debba essere fatto. Una volta che si è capito il legame tra pensiero, cultura e lingua, assieme alla conoscenza delle differenze culturali, distanze, somiglianze e come queste influenzino l'apprendimento di una lingua, l'insegnante ha inserito la cultura nel curriculum.

28 L 'insegnante non deve tener conto solo della cultura che deve essere appresa, ma anche della cultura del nativo, le difficoltà che lui potrebbe avere, le problematiche che si trova ad affrontare, in modo che l'insegnamento diventi proficuo attraverso l'aggancio alla vita normale. Quello che è importante è che ci sia un contatto diretto fra l'ambiente e l'insegnamento.

29 La persona che apprende dovrebbe avere il seguente atteggiamento (Balboni, 1999): conoscere gli altri, quindi non basarsi su stereotipi, ma entrare in diretto contatto con la nuova cultura; tollerare e rispettare le differenze, cioè rendersi conto che tali differenze possono esistere, senza rinunciare al proprio modello culturale accettare una varietà di modelli, nel senso che ognuno è il migliore per quella cultura, ognuno è l'espressione di un popolo

30 Questo permetterà di arrivare all'acquisizione delle abilità di comunicazione interculturale passando attraverso tre fasi ( Balboni, 1999). 1. consapevolezza (l'essere coscienti che gli altri hanno un diverso software mentale) 2. conoscenza (bisogna conoscere le altre culture per poter interagire) 3. abilità (date dalla consapevolezza assieme alla conoscenza e all'esperienza personale).

31 L'interculturalità nell'insegnamento dell'italiano Come evidenziato nella prima parte di questo intervento, l'esistenza di un insieme di valori culturali rende l'apprendimento di una lingua straniera non un puro esercizio comunicativo, ma qualcosa che va ad incidere sull'intera personalità dell'individuo e sulla sua stessa natura. L'entrare in contatto con persone portatrici di valori culturali diversi dai propri può mettere in crisi la persona e portarla ad una chiusura mentale che irretisce anche l'apprendimento linguistico.

32 Il tono della voce Normalmente gli Italiani adottano un tono della voce notevolmente superiore a quello degli altri popoli; per questo due Italiani che si stanno semplicemente scambiando delle formule di saluto o che stanno conversando del più o del meno vengono spesso scambiati per due litiganti. Nei rapporti internazionali questo fattore, legato al nostro gesticolare vivace e alla nostra presunta aggressività, porta a pensare che si sia in feroce disaccordo con il nostro interlocutore, mentre in realtà si sta solo esponendo il proprio punto di vista. (ESEMPI TROPEA)

33 La vicinanza Gli Italiani, come in genere i popoli latini, sono abituati a tollerare una distanza minima fra i corpi, e anche il contatto fisico (p.e. mano sulla spalla) è abbastanza frequente. Questo crea problemi agli stranieri abituati invece ad un maggior spazio vitale, come ad esempio i popoli nordici. Quindi, quello che per un Italiano può essere un invito a stringere dei legami più intimi o comunque più amichevoli può essere letto da uno straniero come un'inutile invadenza. (ESEMPI).

34 Nei rapporti fra uomo e donna invece, quella che può essere la naturale espansività italiana può venire interpretata, specialmente dai popoli musulmani, come un segnale esplicito di interesse verso l'altra persona. Ciò porta quindi a fraintendimenti e a spiacevoli "spiegazioni", che vengono vissuti dall'altro come delle sconfitte e possono comportare un arroccamento sulle proprie posizioni. (ESEMPI)

35 La gestualità Caratteristica prettamente "latina" è la forte gestualità, che accompagna, sottolinea, mima gran parte del discorso italiano. Questi gesti, del tutto spontanei per noi, sono spesso incomprensibile per gli stranieri, o possono dar luogo a fraintendimenti con gesti simili delle altre culture. Purtroppo questa gestualità è anche difficile da esplicitare a parole e solo frequenti contatti con la nostra civiltà possono portare ad una comprensione non ambigua degli stessi.

36 In ambito internazionale l'Italiano gode fama di persona poco puntuale o che comunque non è molto affidabile da questo punto di vista. In realtà, gli Italiani tollerano un ritardo che rimane nell'arco del quarto d'ora; anzi, in questo spazio di tempo non è nemmeno considerato ritardo. Altri popoli valutano invece la puntualità in modo completamente diverso. I popoli nordici sono molto più ligi nel rispettare gli appuntamenti dati, e considerano prova di scarsa serietà anche qualche minuto di ritardo.

37 gli slavi, e specialmente i Russi, tollerano (ed applicano) ritardi anche di mezz'ora o tre quarti d'ora. Questo dipende anche dal fatto che nelle grandi città (come Mosca appunto) l'arrivo in orario non è legato tanto alla volontà personale, quanto alle condizioni del traffico e all'affollamento dei mezzi pubblici. Inoltre, l'attesa è considerato un elemento necessario di qualsiasi trattativa economica; qualche ora di anticamera è da mettere sempre in preventivo.

38 Per noi Italiani il fatto che una riunione abbia un ordine del giorno è un elemento utile ma non indispensabile: anche se poi si passerà la maggior parte del tempo a discutere di tutt'altro, ugualmente si lascerà la seduta convinti di aver impegnato utilmente la propria giornata, risolvendo problemi che comunque andavano affrontati, anche se non erano indicati nella scaletta. Al contrario, persone provenienti da tutt'altro retroterra culturale possono trovare un procedimento del genere enormemente irritante e provocatorio, in quanto comporta una perdita di tempo e una mancanza di rispetto verso le persone che hanno stilato l'elenco degli argomenti da trattare.

39 Gli Italiani, anche se ovviamente raramente se ne accorgono, danno alla loro parlata coloriture e accenti locali, che possiamo, a grandi linee, dividere in settentrionali, centrali e meridionali. Gli stranieri che studiano l'italiano (specialmente ai primi livelli) sono abituati ad una flessione più di tipo centro-settentrionale e sono quindi messi in crisi da pronunce o parole che si discostano notevolmente da quanto da loro appreso in patria. Questo problema, ovviamente, si presenta un po' per tutte le lingue, ma in Italia rasenta la vera e propria incomprensione, specialmente quando si raggiungono alti livelli di elocuzione. (ESEMPI TROPEA pare-sembra etc)

40 Ci sono degli argomenti che sono taboo quasi in tutte le culture (sesso, morte, funzioni corporali…), quello che differisce è il loro livello di "impraticabilità". In Italia non sono minimamente tollerati, in ambiente formale, i discorsi che riguardano il denaro, lo stipendio, le entrate di vario tipo e men che meno quelli che toccano l'argomento "tasse". Altri Paesi, come ad esempio gli Stati Uniti, considerano del tutto normale parlare a tavola del proprio reddito, facendone anzi elemento di vanto.

41 Altro elemento che tendenzialmente si minimizza è la posizione gerarchica o comunque i rapporti di potere all'interno di un gruppo di lavoro. Questo può spiazzare ad esempio un Giapponese, abituato invece ad un preciso ordine gerarchico a cui fare riferimento per stabilire i suoi legami lavorativi e sociali. (esempi)

42 Un Italiano "in gamba" è quello che riesce ad occupare il suo tempo con le più diverse attività, sia nell'ambito lavorativo che in quello sociale- ricreativo. Il fatto di non riuscire ad occuparsi di più di una cosa alla volta è indice di scarsa elasticità mentale e flessibilità, dote fondamentale per un Italiano, che si trova spesso a doversi confrontare con repentini cambiamenti politici, economici e anche climatici. Questa gestione del tempo è detta "policronica" e non sempre è compresa ed apprezzata da uno straniero.

43 Specialmente i popoli germanici vedono in questa nostra organizzazione un caos totale, che non può portare a niente di buono: una scansione regolare degli impegni, oltre che una rigida divisione degli stessi fra persone con competenze diverse è la loro maniera di gestire lavoro e vita in generale e si capisce quindi come questo comporti inevitabilmente dei conflitti con lo standard italiano.

44 L'Italiano (in maniera contraria a quanto fatto con il tempo) è portato a suddividere gli spazi in maniera molto rigorosa. Questa è una tendenza più moderna che altro, in quanto, fino a non molto tempo fa (secondo anteguerra), la popolazione era ancora prevalentemente distribuita in piccoli centri rurali, dove le terre erano lavorate spesso in comune e dove i confini erano tramandati solo oralmente.

45 Gli stessi attrezzi di lavoro erano utilizzati da più famiglie a rotazione. La relativamente recente "inurbazione" e quindi la necessità di vivere molto più a stretto contatto con il prossimo ha portato a una chiusura personale e a una netta divisione delle zone di competenza. L'Italiano è molto socievole e aperto quando è lui a scegliere con chi esserlo, mentre reagisce in modo diametralmente opposto quando è obbligato ad entrare in contatto con il prossimo e a condividere questa intimità forzata.

46 Anche nell'ambiente di lavoro il fatto di avere un ufficio per conto proprio indica un avanzamento in grado e quindi è molto ambito. L'Italiano tende poi a personalizzare questo spazio, con quadri, oggetti, foto …. In casa ognuno ricava il proprio ambiente; i bambini più fortunati sono quelli che possono contare su una propria camera e ad una certa età è quasi obbligatorio avere la propria stanza per farne quello che si vuole.

47 Questo fenomeno ha conseguenze però anche negative, perché lo spazio pubblico viene considerato spazio di nessuno, e quindi un terreno in cui tutto è lecito. Questo non è minimamente compreso da svizzeri, austriaci o tedeschi, che considerano invece lo spazio pubblico come qualcosa "di tutti", da rispettare quindi ancor di più dello spazio proprio.

48 L'Italiano spesso esprime le proprie impressioni e sensazioni più con il viso che con le parole, attraverso una mimica facciale molto articolata. Frequentemente, infatti, facendo il resoconto del dialogo avuto con una persona ci troviamo a dire: "E poi ha fatto una faccia, come a dire…". Per noi è quindi del tutto usuale lasciar trasparire in questo modo il nostro pensiero, convinti che ciò sia indice di sincerità.

49 Non funziona sempre così presso gli altri popoli, come ad esempio i Giapponesi, la cui rigida maschera facciale è una vera e propria necessità sociale. Difficile per loro quindi non solo interpretare i nostri segnali ma anche capirne la necessità, visto che esistono le parole per comunicare meglio e in maniera meno suscettibile di fraintendimenti la stessa cosa.

50 Il discorso italiano è sempre costellato da distinguo, precisazioni, digressioni, parentesi, ecc.… A noi sembra quanto meno poco "scenografico" cominciare subito con il nocciolo del discorso: e dopo cosa diciamo? Inoltre, ci pare che senza un adeguato corredo di esempi il nostro interlocutore non debba capire quale è il nostro vero intento. L'Italiano dà molta importanza alle sfumature e pretende che esse siano tutte colte e apprezzate dall'altro.

51 Totalmente diversa è invece la maniera di organizzare il discorso (sia orale che scritto) presso altri popoli. I francesi infatti procedono per ragionamenti logici molto serrati, gli anglosassoni amano esporre innanzitutto il "subject", ricorrendo poi a precisazioni solo se si rende necessario. Ciò può creare problemi nella conversazione o nei rapporti di lavoro: l'esposizione italiana può sembrare fumosa e inconcludente, mentre a noi quella straniera può sembrare stringata e troppo poco dettagliata.

52 Per un Italiano è normale, durante una conversazione, un dibattito, una tavola rotonda, interrompere la persona che sta parlando, magari anche solo per confermare il proprio accordo con quanto va affermando. Anzi, spesso chi parla cerca approvazione nell'interlocutore per continuare il proprio discorso, magari anche con un semplice "mhmh" oppure "è vero", "certo

53 Per molti popoli si tratta di una mancanza di rispetto e di un'invasione dello spazio altrui, quindi si bloccano e continuano con difficoltà il loro discorso. Un Italiano a volte può interpretare un intercalare (come ad esempio, "isn't it" degli Inglesi) come una richiesta di conferma, e quindi rispondere ( "Yes, it is!") mentre invece l'altro non si aspettava assolutamente alcun cenno, e interrompe la sua battuta. Si crea quindi un meccanismo di conflitto culturale di cui le persone non sono assolutamente consce e che imputano ad una mancanza di educazione dell'altro.

54 L'Italiano deve sempre parlare, magari anche solo del più e del meno, ma deve sempre riempire il silenzio, difficilmente lo tollera al di fuori dei casi in cui è strettamente necessario (lavoro, studio, cinema,…). Ad esempio, durante un pasto in compagnia, è obbligatorio intavolare una conversazione più o meno allegra con i propri commensali, evitando di parlare di lavoro e cercando così di stringere dei rapporti più intimi. (ESEMPI CONVIVENZA PASTI E CENA TROPEA)

55 Al contrario, altri popoli reputano che la condizione di "anormalità" sia il parlare, e che quindi una volta cessata la causa per la quale si era resa obbligatorio la conversazione, ci si dedica altro, o semplicemente si continua a fare in silenzio ciò che si era iniziato. Un russo converserà con voi amabilmente se siete seduti davanti a un bel bicchiere di tè e fuori scende la neve, ma sicuramente non si dilungherà in convenevoli se state facendo la coda per la spesa: un attimo di distrazione può comportare la perdita della posizione acquisita.

56 Per un Italiano il momento conviviale di maggior prestigio è il pasto, in quanto il cibo è fonte di piacere. La tradizionale buona cucina italiana, apprezzata in tutto il mondo, è qualcosa di cui un Italiano va fiero, specialmente perché si accompagna ad un'atmosfera festosa e amichevole. A differenza di altre culture, in cui il piacere maggiore è dato dal consumo di alcool che accompagna il pasto conviviale (vedi i popoli nordici o statunitensi, ad esempio), l'Italiano ritiene che sia il cibo l'elemento prioritario, e quando ha ospiti stranieri, ci tiene a far loro apprezzare le specialità del luogo

57 Il forte significato attribuito al cibo e di conseguenza al pasto porta l'Italiano a scandire la sua giornata in base ai pasti da consumare e ai relativi "tempi" considerati ottimali per il loro consumo. Solo più di recente, la distribuzione del lavoro in turni nelle fabbriche ha portato a rompere questa scansione rituale del tempo. Questa organizzazione della giornata può creare conflitto con altri popoli, abituati magari a consumare un'abbondante colazione, ma a saltare o quasi il pranzo, oppure che non dedicano sufficiente attenzione alla qualità del cibo che mangiano. (esempi)

58 Il paradiso è un poliziotto inglese, un cuoco francese, un tecnico tedesco, un amante italiano: il tutto organizzato dagli svizzeri. L’inferno è un cuoco inglese, un tecnico francese, un poliziotto tedesco, un amante svizzero e l’organizzazione affidata agli italiani.

59 Il rinvio, simbolo della vita italiana: non fare mai oggi quello che potresti fare domani. Tutti i difetti e forse tutte le virtù del costume italiano si riassumono nella istituzione del rinvio: ripensarci, non compromettersi, rimandare la scelta; tenere il piede in due staffe, il doppio giuoco, il tempo rimedia a tutto, tira a campa'. Piero Calamandrei

60 Gli Italiani perdono le guerre come se fossero partite di calcio e le partite di calcio come se fossero guerre. Winston Churchill

61 Gl'italiani non hanno costumi; essi hanno delle usanze. Giacomo Leopardi, Zibaldone


Scaricare ppt "Dialogo interculturale e convivenza democratica: l'impegno della scuola. Prassi e pratiche di quotidiana integrazione nelle scuole. Valentina Di Cesare,"

Presentazioni simili


Annunci Google