La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Lintervistatore e possibili sorgenti di errore Il ruolo dellintervistatore (Ire) e comportamento di Ire condizionano le varie fasi della ricerca sul campo.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Lintervistatore e possibili sorgenti di errore Il ruolo dellintervistatore (Ire) e comportamento di Ire condizionano le varie fasi della ricerca sul campo."— Transcript della presentazione:

1 Lintervistatore e possibili sorgenti di errore Il ruolo dellintervistatore (Ire) e comportamento di Ire condizionano le varie fasi della ricerca sul campo. Deve contattare/selezionare gli intervistati–target e garantirsi che essi offrano la loro cooperazione dallinizio fino alla fine della intervista. Si possono prefigurare due situazioni estreme – contatto già predefinito vs completa discrezionalità di scelta. In situazioni intermedie lidentità delle persone target è parzialmente definita.

2 E compito di Ire far sì che gli intervistati cooperino effettivamente allo svolgimento della intera intervista. Situazioni problematiche degli intervistati: non reperibilità; non eligibilità; poca disponibilità di tempo; poca disponibilità a farsi intervistare; diffidenza verso largomento/lintervistatore Situazioni problematiche dellintervistatore: alcune caratteristiche dellintervistato diventano salienti là dove si devono instaurare rapporti interpersonali con popolazioni target particolari - gruppi etnici: conoscenza della lingua/dialetto, della cultura, delle usanze - figure professionali: expertise e status socioeconomico apparente

3 Caratteristiche gestionali di Ire: modalità di contatto con lintervistato, di presentazione degli scopi della intervista e grado di sensibilità nei confronti del contesto situazionale/interattivo interazioni non verbali: linguaggio del corpo: gestualità, espressioni facciali, postura, direzione dello sguardo, sorriso, ecc. linguaggio degli oggetti e dellambiente: abbigliamento, trucco, profumi, arredi, oggettistica ecc. comportamenti prossemici (spazio interpersonale: distanza e gestione degli spazi)

4

5 Stile di atteggiamento e rapporto nei confronti dell'altro (sicuro, esitante, amichevole, altero, aggressivo, compiacevole, umile ecc.) Stato dellumore (gioviale, collerico, depresso, euforico, allarmato ecc.) Espressioni di status e di gerarchia (chi è up/down, capo, gregario ecc.) Espressioni di fiducia, diffidenza, rispetto, amore, ansia, paura, ecc. (ti credo, non mi piaci, ho paura di te, è bello vederti ecc.) Espressioni di una visione esistenziale, di credenze e valori profondi (fede, al servizio degli altri, fanatismo, fondamentalismo ecc.) linguaggio dellatteggiamento (Forme di comunicazione che esprimono latteggiamento e il tipo di rapporto)

6 Addestrare e motivare gli intervistati ad assumere il loro ruolo di fornitori di informazioni Il soggetto intervistato può essere incentivato a cooperare sia per motivi altruistici sia per motivi egoistici Effetto rapporto: tra Ire e intervistato deve crearsi una interazione positiva, basata su un atteggiamento di Ire moderatamente empatico/caloroso/cordiale Probing: procedura di sollecitazione adottata nel caso in cui la persona intervistata non vuole rispondere/fornisce risposte inappropriate. linguaggio paraverbale (tono di voce, intensità del volume, velocità/lentezza di eloquio, inflessioni, silenzi): si può produrre convergenza/divergenza psicologica tra due interlocutori in corrispondenza ad assonanza/dissonanza dello stile linguistico

7 PROBING: identico in tutte le interviste non suggerire la risposta allintervistato Per le risposte Non so è consigliabile ladozione del probing quando la persona intervistata mostra un atteggiamento evasivo/riluttante o ha bisogno di maggiore tempo per formulare la risposta Ex. Mediamente nellultimo mese quante ore al giorno ha guardato la TV? - Meno di 1 ora ore - più di 2 ore R. Lho guardata poco

8 Le questioni di confidenzialità: domande delicate, contesto situazionale Ire deve porre le domande e registrare le risposte in modo testuale senza introdurre modificazioni di fraseggio/contenuto delle domande o interpretazioni personali delle risposte fornite dallintervistato Laddestramento di Ire è svolto normalmente in gruppo e ha una durata che varia mediamente tra le 5 e le 20 ore. Nel formato standard si prevedono le seguenti fasi:

9 FASI ADDESTRAMENTO Studio di un manuale Compilazione di un questionario – prova e discussione del processo di risposta Visione di videocassette sui comportamenti corretti/errati sia di Ire che degli intervistati Svolgimento di interviste–prova e discussione con il gruppo/con i supervisori E importante monitorare il lavoro degli intervistatori. Il livello di supervisione, condizionato dalle risorse disponibili, influisce sia sulle prestazioni di Ire sia sulla qualità dei dati raccolti.


Scaricare ppt "Lintervistatore e possibili sorgenti di errore Il ruolo dellintervistatore (Ire) e comportamento di Ire condizionano le varie fasi della ricerca sul campo."

Presentazioni simili


Annunci Google