La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il capability approach come frame delle politiche attive: definizioni, concetti e una ricerca Carlotta Mozzana Università di Milano - Dipartimento di Studi.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il capability approach come frame delle politiche attive: definizioni, concetti e una ricerca Carlotta Mozzana Università di Milano - Dipartimento di Studi."— Transcript della presentazione:

1 Il capability approach come frame delle politiche attive: definizioni, concetti e una ricerca Carlotta Mozzana Università di Milano - Dipartimento di Studi Sociali e Politici

2 Attivazione: ambiguità di un concetto (cosa ci troviamo dentro?) Sulle tracce del capability approach: lattivazione tra politiche del lavoro e assistenza economica a Milano DI COSA PARLIAMO… Lapproccio delle capacità: qualche concetto per le politiche sociali

3 Crisi dei moderni sistemi di welfare (Ferrera 1998; Esping Andersen 1990; 2002) Nuove domande di protezione fatte da una società con una proprietà sociale sempre meno stabile Una ricetta per uscire da questo scollamento e per risolvere questioni di disoccupazione ed esclusione sociale LA NASCITA DELLATTIVAZIONE attivazione

4 Dalla protezione allattivazione (Valkenburg 2005): degli individui degli interi sistemi di protezione sociale workfare (o welfare to work, active-benefit system, work-first welfare reform) (Peck 2001) legame tra lavoro e protezione sociale e condizionalità dei benefici del welfare VERSO LATTIVAZIONE Ruolo UE: attivazione come linea guida nella legislazione comunitaria (EES e SIS) e nei programmi direttamente finanziati

5 Le esperienze in materia di protezione sociale e di mercato del lavoro hanno preso direzioni completamente diverse nei diversi paesi (Barbier 2005). UN CONCETTO AMBIGUO 2 accezioni individuate da Heikkilä [1999], 2 tipi ideali di attivazione di Barbier [2005]: attivazione in termini di workfare attivazione in termini di politiche sociali attive

6 Modello liberale di attivazione di Barbier (2005) Attivazione basata sul timore che si sviluppi dipendenza dal welfare uso del bastone e della carota Creazione di posti di lavoro nella fascia a bassa qualificazione e a bassi salari Urgenza di successo immediato per sussistenza del beneficiario e parametri esterni no investimento per una buona occupazione ATTIVAZIONE COME WORKFARE

7 Modello universalistico di attivazione di Barbier (2005) Attivazione come partecipazione, cittadino negozia con il servizio in quanto portatore di diritti e capacità Lavoro concordato con il beneficiario della misura in unottica di ascolto attivo del servizio (attivazione riflessiva) Prospettiva life-first, creare equilibrio tra esigenze di vita delle persone e contesto e caratteristiche del lavoro [Borghi 2005] ATTIVAZIONE COME POLITICHE SOCIALI ATTIVE

8 QUESTIONI MESSE IN CAMPO DALLATTIVAZIONE Questioni dellattivazioneProspettiva tradizionaleProspettiva liberaleAttivazione riflessiva ObiettiviRiproduzione della divisione sociale del lavoro Aumento delloccupabilità e reinserimento nel mercato del lavoro Promozione delle capacità e di un equilibrio tra lavoro e vita per le persone Definizione dei destinatariUtentiClienti, consumatoriCittadini competenti Sistemi di inclusioneFamiglia, MercatoMercatoSocietà Definizione del lavoroStretta. Si intende solo quello remunerato per il mercato Stretta. Si intende solo quello remunerato per il mercato (si punta a un veloce reinserimento) Inclusiva, diverse forme di lavoro vengono considerate e si presta attenzione allaspetto della qualità del lavoro e alla work-life balance Forma delle relazioniDuale (amministrazione pubblica e cittadini) Triangolare (amministrazione pubblica, fornitori e cittadini) Reticolare (PA, fornitori, cittadini, comunità locale) PartecipazionePassivaSolo nella parte finale del problem-solvingAttiva, lungo tutto il processo ResponsabilitàDei destinatari della misura e della pubblica amministrazione Dei destinatari della misura, indiretta per la pubblica amministrazione Di tutti gli attori coinvolti, processuale per la pubblica amministrazione IntegrazioneCompartimentazioneIncerta; coordinamento lasciato alliniziativa spontanea, aleatorio Dei processi e degli interventi; forme di coordinamento processuale IndividualizzazioneCategorie standard, cittadini considerati soggetti ed elettori Cittadino come consumatore; individualizzazione come prerequisito Processo autoriflessivo dei cittadini, creazione di interventi tailor-made ContrattualizzazioneNon esiste o si trova la sua versione commercializzata Versione commercializzata (contratto di adesione) Versione abilitante (contratto restitutivo)

9 Framework introdotto da Amartya Sen negli anni 80: può essere utilizzato sia nella pratica che normativamente, col fine di analizzare e valutare temi come la povertà, la deprivazione, la qualità della vita delle persone o il loro benessere Non si tratta di una teoria definita, è lasciata aperta dallo stesso Sen a definizioni ed applicazioni molteplicità di interpretazioni e di campi di applicazione LAPPROCCIO DELLE CAPACITÀ Il focus è su quello che le persone sono effettivamente in grado di essere e di fare (le loro capacità), non sul reddito, i consumi o le necessità

10 Eguaglianza di che cosa? Diversità degli individui (sia di caratteristiche proprie che esterne) porta a effetti antiegualitari LAPPROCCIO DELLE CAPACITÀ Capacità e funzionamenti

11 Funzionamenti: stati di essere e di fare costitutivi della vita di una persona Capacità: libertà, in termini di reali opportunità, di una persona di acquisire i funzionamenti che reputa rilevanti per la propria esistenza CAPACITÀ E FUNZIONAMENTI Distinzione tra star bene (dato dai funzionamenti acquisiti) e agency (visione della persona come un agente responsabile)

12 Libertà di star bene: capacità di avere diversi vettori di funzionamenti e di godere delle corrispondenti acquisizioni in termini di star bene (legato al concetto di capacità) Libertà di agency: libertà di raggiungere qualunque cosa la persona, in quanto agente responsabile, decide di voler raggiungere (Sen 1985) LIBERTÀ DI STAR BENE E LIBERTÀ DI AGENCY

13 Attenzione alle basi informative di giudizi concernenti la giustizia (IBJJ): LAC NELLE POLITICHE SOCIALI AcquisizioneLibertà di acquisire Promozione dello star bene Acquisizione dello star bene Libertà di star bene Promozione dellagency Acquisizione dellagencyLibertà di agency Esempio: occupabilità (employability) o capacitazione LE IBJJ

14 LAC NELLE POLITICHE SOCIALI LE IBJJ OccupabilitàCapacità Caratteristiche comuniPartnership e ruolo delle strutture locali (decentramento) Politiche incentrate sulla ricostruzione dellautonomia individuale ObiettiviAumentare il tasso di occupazione. Il bene comune è predefinito con un valore statistico al fine di valutare il valore dellintervento Funzionamenti di valore definiti attraverso procedure di scelta sociale. Modalità di accesso ai funzionamenti definite nelle situazioni specifiche Tipo di responsabilitàResponsabilità individuale Attribuzione della colpa Sguardo rivolto al passato Responsabilità collettiva Orientamento al compito Sguardo rivolto al futuro Ruolo delle agenzie locali Strumenti esecutivi sottoposti a obiettivi centrali (valutazione ex post) Attori coinvolti nella situazione ampiamente autonomi Implementazione delle politiche sociali Definizione dei beneficiari Soggetti economiciPersone

15 Focus non sui beni e risorse primari ma su fattori che permettono la conversione di questi in libertà e diritti reali, cioè capacità I FATTORI DI CONVERSIONE LAC NELLE POLITICHE SOCIALI Diritti o libertà formali Capacità o libertà reale Funzionamenti scelta Fattori di conversione personali, sociali e ambientali 3 gruppi di fattori di conversione (Bonvin e Farvaque 2005): caratteristiche personali: la salute, il sesso o il carattere caratteristiche sociali, ad esempio norme sociali, convenzioni o qualunque tipo di discriminazione basata sul genere o sulletnia caratteristiche ambientali, che includono le infrastrutture e le istituzioni pubbliche

16 CAPABILITY FOR VOICE LAC NELLE POLITICHE SOCIALI La capacità che ogni attore ha di esprimere le proprie ragioni e di farle ascoltare nel processo di policy-making Perché si parli di capability for voice: equità di accesso al processo uguale distribuzione del potere pubblicità del processo evitare uso discrezionale del potere libertà di parola garantita a chiunque obblighi accettati e decisi con la persona coinvolta e accompagnati da un aumento significativo del set di opportunità

17 La reale libertà di scegliere il lavoro a cui la persona ha motivo di attribuire valore (Bonvin e Farvaque 2005) Possibilità di rifiutare un lavoro (exit) o di trasformarlo partecipando alla definizione di contenuto, organizzazione, condizioni, modi di remunerazione (voice) CAPABILITY FOR WORK LAC NELLE POLITICHE SOCIALI Definizione del lavoro come processo di scelta sociale

18 Capacità di effettuare scelte libere e consapevoli, facendo della situazione, delle risorse e delle potenzialità oggetto di scelta, azione e discorso (de Leonardis 1993) Principio riflessivo che guida lazione, ma si potenzia con luso e la pratica Esempio: perché esistano vincoli, devono essere Accettati e decisi dalla persona coinvolta; Accompagnati da un aumento significativo del set di opportunità CAPABILITY FOR CHOICE LAC NELLE POLITICHE SOCIALI

19 Martha Nussbaum (2003): CC quando le capacità interne si combinano in modo adatto con quelle esterne, che derivano da organizzazioni, istituzioni, agenti esogeni Ex. Capability for voice LE CAPACITÀ COMBINATE - LA PA LAC NELLE POLITICHE SOCIALI Amministrazione burocratica Amministrazione azienda Amministrazione condivisa Parametro di valutazione dellazione amministrativa Appropriatezza (conformità alle regole) EfficienzaPartecipazione Forma delle relazioniDuale (PA e cittadini) Triangolare (PA, fornitori, cittadini) Reticolare (PA, fornitori, cittadini, comunità) Forma della responsabilità amm. DirettaIndirettaProcessuale Figura del destinatarioUtenteConsumatoreCollettività locale Bifulco e Vitale 2005

20 Quali questioni dellattivazione possono aiutarci a leggere le capacità? Capability for work, capability for voice, capability for choice, capacità combinate: dove emergono dalle parole di beneficiari e operatori? E dove non emergono? Si può parlare di processi di capacitazione in percorsi di inserimento lavorativo come quelli che avete sottomano? In che senso? ESERCITAZIONE

21 Si può parlare di capacitazione nelle politiche di attivazione a Milano? Le capacità dei beneficiari e quelle istituzionali vengono sviluppate secondo lottica delle capacità combinate? Si costruiscono percorsi che possono portare allindipendenza dai servizi e che permettono di procedere verso funzionamenti che la persona ha motivo di voler raggiungere? LE DOMANDE DI RICERCA

22 A Milano, percorsi di attivazione Centro di Mediazione al Lavoro e Ufficio Adulti in Difficoltà Focus sui poveri abili 3 fasi di ricerca (giugno 2005-febbraio 2006): 1. Analisi del materiale legislativo e documentale Interviste 15 con operatori e 15 con beneficiari 3. Osservazione a riunioni di matching IL DISEGNO DELLA RICERCA

23 UNO SCHEMA PER NON PERDERSI Capability ApproachQuestioni e dimensioni dellattivazione Capability for work Definizione del lavoro Obiettivi Individualizzazione Definizione dei destinatari Indipendenza Capability for voice Partecipazione Responsabilità Obiettivi Definizione dei destinatari Individualizzazione Libertà di parola Capability for choice Partecipazione Responsabilità Obiettivi Individualizzazione Definizione dei destinatari Sistemi di inclusione Indipendenza Libertà di scelta Capacità della pubblica amministrazione Contrattualizzazione Responsabilità Forma delle relazioni Integrazione Coordinamento

24 persone in uno stato di disagio grave, mancanza di rete relazionale e situazioni multiproblematiche esistenza tetti di spesa e criteri sempre più rigidi (salute precaria e disagio diffuso) decisi dallalto situazioni di equilibrio assistito (Saraceno 2004) scarsità di risorse: unica proposta, solo exit ruolo dei rifiuti e degli obblighi ampio spazio ad analisi e ascolto situazioni personali, interessi, desideri, aspettative da parte degli operatori tentativi di integrazione delle storie (lavorativa, personale, famigliare, di salute) e degli interventi periodicità degli incontri e possibilità di riconsiderare il progetto (a volte) I RISULTATI DELLA RICERCA CAPABILITY FOR CHOICE Ma…

25 I RISULTATI DELLA RICERCA CAPABILITY FOR VOICE voice nel definire, exit sulle soluzioni progetto come strumento per stimolare/praticare o deprimere voice importanza caratteristiche personali dei beneficiari, in particolare ruolo degli operatori come fattori di conversione esistenza vincoli posti dallalto scarsità di risorse ascolto situazioni personali, interessi, desideri, aspettative da parte degli operatori funzionamenti come trampolini di lancio per stabilizzare situazioni e dare voice successivamente ascoltata integrazione interventi personalizzati Ma…

26 I RISULTATI DELLA RICERCA CAPABILITY FOR WORK possibilità di exit, non di voice scarsa qualità del lavoro, impieghi ripetitivi e alienanti esistenza di procedure di creaming out scarsità risorse e lavori utilizzo distorto delle misure (borse lavoro e tirocini) ruolo dei rifiuti e condizionalità tentativi di integrazione delle storie (lavorativa, personale, famigliare, di salute) e degli interventi anche al CELAV attenzione alle esigenze delle persone e allambiente lavorativo lavoro come ambito relazionale Ma…

27 I RISULTATI DELLA RICERCA LE CAPACITÀ COMBINATE - LA PA esiste coordinamento tra i servizi ma di tipo aleatorio responsabilità indiretta della PA discrezionalità, assenza di diritti esigibili mancanza di un processo di valutazione scarsità risorse buone forme di coordinamento interno ai servizi capacità di cambiamento, di innovazione e di ascolto (servizio della mediazione leggera) operatori come fattore di conversione Ma…

28 I RISULTATI DELLA RICERCA CONCLUSIONI Ambiguità: elementi che vanno in diverse direzioni in una compresenza di capacitazione, paternalismo, liberalismo Fattori di conversione: gli operatori come cardine, le caratteristiche delle persone come precondizione Azione situata solo come livello, senza passaggi di compiti, processi e responsabilità


Scaricare ppt "Il capability approach come frame delle politiche attive: definizioni, concetti e una ricerca Carlotta Mozzana Università di Milano - Dipartimento di Studi."

Presentazioni simili


Annunci Google