La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 Disegnare… Rappresentare Il fenomeno delle rappresentazioni sociali.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 Disegnare… Rappresentare Il fenomeno delle rappresentazioni sociali."— Transcript della presentazione:

1 1 Disegnare… Rappresentare Il fenomeno delle rappresentazioni sociali

2 2 A nche dal punto di vista delle cose più insignificanti della vita, noi non siamo un tutto materialmente costituito, identico per tutti e di cui ognuno non ha che da prendere conoscenza come di un libro di conti o di un testamento; la nostra personalità sociale è una creazione del pensiero altrui. Marcel Proust, Dalla parte di Swann, 1913 Cosa significa rappresentare?

3 3 Persino latto così semplice che viene definito con lespressione: vedere una persona che conosciamo è in parte un atto intellettuale. Marcel Proust, Dalla parte di Swann, 1913 Cosa significa rappresentare?

4 4 Riempiamo lapparenza fisica dellessere che ci sta davanti di tutte le nozioni che abbiamo su di lui, e, nellinsieme che ci rappresentiamo, queste nozioni costituiscono la parte più importante. Finiscono per riempire così perfettamente le guance, per seguire con tale esatta aderenza la linea del naso, si industriano così bene di sfumare la sonorità della voce come se questa non fosse che un involucro trasparente, che ogni volta che vediamo quel viso, che sentiamo quella voce, ritroviamo e diamo retta soltanto a quelle nozioni Marcel Proust, Dalla parte di Swann, 1913 Cosa significa rappresentare?

5 5 La conoscenza della realtà Paradigma positivista Cè una realtà là fuori Essa può essere descritta con le parole Esiste una e una sola descrizione vera del mondo Ossia quella che corrisponde ad esso (Caronia L., 2004, Costruire verità sul campo, in Encyclopaideia, anno VII, n. 15) Paradigma antipositivista La realtà è una versione del mondo costruita dalle persone attraverso le loro pratiche discorsive Non esiste un mondo là fuori ma modi di fare il mondo La verità è una decisione consensuale (differentemente distribuita e condivisa!) circa ladeguatezza di qualcuna di queste versioni. (Caronia L., 2004, Costruire verità sul campo, in Encyclopaideia, anno VII, n. 15

6 6 Il fenomeno delle rappresentazioni sociali Metafora Il pensiero come ambiente A cosa ci fa pensare? (Moscovici S., Il fenomeno delle rappresentazioni sociali, Il Mulino, Bologna, 1989)

7 7 La conoscenza oggettiva, in assoluto, è unillusione: Rivoluzioni copernicane nella conoscenza del mondo Non reagiamo agli stimoli per quello che sono, ma per quello che rappresentano Siamo inconsapevoli delle cose più ovvie

8 8 Le rappresentazioni sociali: Ci guidano verso ciò che è visibile e a cui dobbiamo rispondere Collegano lapparenza alla realtà Definiscono la realtà Sono realtà, nel momento in cui esercitano uninfluenza pratica e cognitiva su ogni attività umana

9 9 Le componenti delle rappresentazioni sono: Abitudini Pratiche linguistiche e sociali Predisposizioni individuali e genetiche Memorie familiari e ambientali Lesperienza pregressa

10 10 Le rappresentazioni sociali Possono essere viste come pratiche di conoscenza non solo soggettiva, ma ambientale (culturale e materiale) che non solo hanno a che fare con il nostro modo di conoscere, ma strutturano e creano intersoggettivamente la realtà e orientano socialmente e culturalmente il nostro comportamento

11 11 Perché esistono le rappresentazioni sociali? Lo scopo di tutte le rappresentazioni è quello di rendere qualcosa di inconsueto, o lignoto stesso, familiare (Moscovici S., 1989, Il fenomeno delle rappresentazioni sociali, Il Mulino, Bologna, p. 45)

12 12 Come le rappresentazioni rendono familiare linconsueto? Moscovici individua due meccanismi: 1. Ancoraggio: processi di – Classificazione – Nominazione 2. Oggettivazione

13 13 Il pregiudizio Una particolare forma di rappresentazione sociale, che ha il potere di orientare il nostro sguardo, facendoci vedere qualcosa e mettendo in ombra qualcosaltro, tanto da indurci a dubitare della sua realtà

14 14 Il pregiudizio come forma di potere Il pregiudizio è un potere agito-subito. Chi lo agisce, lo subisce nei termini della riduzione della possibilità di comprensione della realtà. Chi lo subisce, lo agisce portandone il peso, assumendone i contorni e le deformità (Lascioli A., 2001, Handicap e pregiudizio, FrancoAngeli, Milano, p. 17)

15 15 Il pregiudizio come forma di potere La sua potenza consiste proprio in questo limitare attivo e passivo. Si configura come potere delluomo sulluomo che, nel momento in cui viene analizzato, mostra di avere radici profonde e molto diramate (Lascioli A., 2001, Handicap e pregiudizio, FrancoAngeli, Milano, p. 17)

16 16 Il radicamento culturale del pregiudizio Il pregiudizio è un giudizio emesso prima di fare esperienza. Ha funzioni cognitive ed affettive precise: anticipa e quindi difende Trae senso da un radicamento culturale che però, paradossalmente, rischia di affossare la stessa cultura che di esso si nutre…

17 17 La metafora del radicamento Le radici assolvono il duplice compito di nutrire e immobilizzare. La terra che nutre è la stessa che lega a sé e impedisce il movimento. Ma luomo educa e mentre lo fa progetta per colui che deve crescere il distacco, la separazione, lautonomia, la libertà, il cambiamento. La radice assimila il diverso nel processo di metabolizzazione. Si tratta di portare laltro dentro annullandone la diversità. Tutto ciò che resiste allassimilazione diviene inevitabilmente scarto. Ma è proprio la diversità dellaltro, nonché la sua differenza, la causa prima del suo poter essere nutrimento e vita (Lascioli A., 2001, Handicap e pregiudizio, FrancoAngeli, Milano, p. 17)

18 18 Lo stereotipo Deriva da stereos = rigido e typos = impronta: impronta rigida. Tecnicamente, lo stereotipo è una macchina per riprodurre immagini a stampa. Nel linguaggio comune, sta ad indicare quellimmagine rigida e fissa con cui si vedono in particolare alcuni gruppi sociali, già pregiudizialmente pregiudicati. Acquista vita propria, tanto che sembra che neanche il contatto con la realtà lo possa scalfire… A meno che la realtà non sia così potente da mettere in crisi la cultura pregiudiziale di cui lo stereotipo si nutre…


Scaricare ppt "1 Disegnare… Rappresentare Il fenomeno delle rappresentazioni sociali."

Presentazioni simili


Annunci Google