La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Conferenze per la promozione e la diffusione del Programma e dei suoi contenuti Febbraio - Marzo 2011.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Conferenze per la promozione e la diffusione del Programma e dei suoi contenuti Febbraio - Marzo 2011."— Transcript della presentazione:

1 Conferenze per la promozione e la diffusione del Programma e dei suoi contenuti Febbraio - Marzo 2011

2 2 La strategia europea sull’istruzione Europa 2010  ridurre a meno del 10% gli early school leavers  ridurre del 20% la porzione dei giovani 15enni con scarse abilità in lettura funzionale  arrivare all’85% della popolazione fra anni con titolo di scuola secondaria superiore  far crescere almeno fino al 12,5% la partecipazione ad attività LLL degli adulti fra i 25 e i 64  aumentare del 15% il numero di laureati in Matematica, Scienze e Tecnologia Europa 2020  ridurre a meno del 15% la porzione dei giovani 15enni con scarse abilità in lettura funzionale, matematica e scienze  elevare ad almeno il 40% la porzione di adulti fra i 30 e i 34 anni con titolo di istruzione terziaria (laurea)  far crescere almeno fino al 15% la partecipazione ad attività LLL degli adulti fra i 25 e i 64  ridurre a meno del 10% gli early school leavers  garantire la partecipazione alla scuola dell’infanzia di almeno il 95% dei bambini di età compresa fra i 4 anni e l’età di accesso all’istruzione

3 3 I PON scuola : obiettivi e risorse PON FSE “Competenze per lo sviluppo” Dotazione milioni di euro Obiettivi  Sviluppare la capacità diagnostica e i dispositivi per la qualità del sistema scolastico  Migliorare le competenze del personale della scuola e dei docenti  Migliorare i livelli di conoscenza e competenza dei giovani  Accrescere la diffusione, l’accesso e l’uso della società dell’informazione nella scuola  Sviluppare reti tra gli attori del sistema e con le istanze del territorio  Promuovere il successo scolastico, le pari opportunità e l’inclusione sociale  Migliorare i sistemi di apprendimento durante tutto l’arco della vita  Migliorare la governance e la valutazione del sistema scolastico

4 4 I PON scuola : obiettivi e risorse PON FESR “Ambienti per l’apprendimento” Dotazione 495,3 milioni di euro Obiettivi  incrementare le dotazioni tecnologiche e le reti delle istituzioni scolastiche  incrementare il numero dei laboratori per migliorare l’apprendimento delle competenze chiave, in particolare quelle matematiche, scientifiche e linguistiche  incrementare la qualità delle infrastrutture scolastiche, l’ecosostenibilità e la sicurezza degli edifici scolastici; potenziare le strutture per garantire la partecipazione elle persone diversamente abili e quelle finalizzate alla qualità della vita degli studenti  promuovere la trasformazione delle scuole in centri di apprendimento polifunzionali accessibili a tutti  potenziare gli ambienti per l’autoformazione e la formazione degli insegnanti

5 5 Obiettivi di servizio La strategia dei PON è quindi fortemente orientata al perseguimento degli obiettivi essenziali definiti dal QSN , con specifico riferimento all’ambito dell’Istruzione Istruzione Elevare le competenze degli studenti e la capacità di apprendimento della popolazione Indicatore Target 2013 Giovani che abbandonano prematuramente gli studi Ridurre la percentuale dei giovani che abbandonano prematuramente gli studi dal 26% al 10% Studenti con scarse competenze in lettura Ridurre la percentuale degli studenti di 15 anni con scarse competenze in lettura dal 35% al 20% Studenti con scarse competenze in matematica Riducendo la percentuale degli studenti di 15 anni con scarse competenze in matematica dal 47,5% al 21%

6 6 L’avanzamento dei Programmi A metà programmazione i Programmi evidenziano un ottimo livello di avanzamento PON FSE Risorse Meuro programmati 76,8% impegnati 27,2% certificati progetti autorizzati destinatari PON FESR Risorse 495,3 Meuro programmati 51,1% impegnati 18,4% certificati progetti autorizzati

7 7 L’avanzamento dei Programmi PON FSE – Progetti per regione PON FSE – Destinatari per regione PON FESR – Progetti per regione

8 8 I risultati raggiunti a metà Programmazione Gli ingenti investimenti effettuati e le azioni realizzate attraverso i PON hanno prodotto importanti risultati: Crescita dei livelli di partecipazione al sistema di istruzione e formazione Aumento dei livelli di istruzione Riduzione della dispersione scolastica Forte miglioramento nelle competenze degli studenti La strada da fare è però ancora molta…. permangono ampi divari rispetto alle regioni del Centro Nord gli obiettivi di servizio e i target fissati a livello europeo rimangono lontani Obiettivi di servizio

9 9 I risultati raggiunti a metà Programmazione Innalzamento dei tassi di partecipazione e dei livelli di istruzione Tasso di scolarizzazione superiore (20-24 anni) Tasso di partecipazione all’istruzione secondaria superiore (14-18 anni) Benchmark europeo (85%)

10 10 I risultati raggiunti a metà Programmazione Innalzamento dei tassi di partecipazione e dei livelli di istruzione Le regioni meridionali hanno registrato un forte miglioramento nei livelli di partecipazione all’istruzione. Il Mezzogiorno, inizialmente in forte ritardo rispetto al resto del Paese, ha progressivamente ridotto il proprio divario e, a partire dal 2005, ha superato il Centro Nord. Tale recupero ha caratterizzato anche le regioni dell’Obiettivo Convergenza, che nel corso dell’ultimo biennio hanno raggiunto e superato quelle settentrionali. I forti miglioramenti del tasso di partecipazione, anche se, come naturale, più lentamente, si sono tradotti in un innalzamento dei livelli di istruzione della popolazione. Il tasso di scolarizzazione superiore (% della popolazione in età anni che ha conseguito almeno il diploma di scuola secondaria superiore), sebbene in crescita, rimane però ancora troppo basso e decisamente lontano, anche a livello nazionale, dal benchmark europeo del 85%.

11 11 I risultati raggiunti a metà Programmazione Avvicinamento ai target degli Obiettivi di Servizio Importanti risultati sono stati ottenuti sul fronte degli Obiettivi di Servizio, su cui i PON hanno investito molto. Si è registrata una significativa riduzione dei livelli di abbandono prematuro degli studi, ma soprattutto i risultati più rilevanti sono stati ottenuti sul fronte del miglioramento delle competenze. L’indagine PISA 2009, che misura il livello di competenze dei quindicenni negli ambiti della lettura, della matematica e delle scienze, presenta un quadro di generale miglioramento e, soprattutto, segnala l’avvio di un processo di convergenza Nord-Sud, con un significativo avvicinamento delle regioni meridionali alle performance del Centro Nord.

12 12 I risultati raggiunti a metà Programmazione S01 - Giovani che abbandonano prematuramente gli studi Avvicinamento ai target degli Obiettivi di Servizio Con riferimento al primo indicatore (abbandono prematuro degli studi), le regioni dell’Ob. Convergenza hanno registrato una significativa riduzione della % di giovani che abbandonano gli studi, ma il target fissato per il 2013 (10%) rimane ancora molto lontano. L’abbandono prematuro dei percorsi di istruzione e formazione si conferma come un fattore di criticità su cui è necessario intervenire. Target al 2013 per le regione del Mezzogiorno = 10%

13 13 I risultati raggiunti a metà Programmazione Avvicinamento ai target degli Obiettivi di Servizio Target al 2013 per le regione del Mezzogiorno = 20% S02 – Studenti con scarse competenze in lettura S02 – Studenti con scarse competenze in matematica Colmata il 50% della distanza fra la baseline del 2003 (35%) e il target per il 2013 (20%) individuato per il Mezzogiorno. Colmata il 53% della distanza fra la baseline del 2003 (47,5%) e il target per il 2013 (21%) individuato per il Mezzogiorno.. Target al 2013 per le regione del Mezzogiorno = 21%

14 14 I risultati raggiunti a metà Programmazione I dati sulle competenze: la variabiltà dei risultati Regioni Varianza fra le scuole Sicilia64% Calabria51% Campania49% Puglia48% Italia62% Un ulteriore elemento che merita attenzione è rappresentato dalla variabilità dei risultati. La varianza fra le scuole è infatti indicativa del livello di equità del sistema: maggiore è tale varianza, più ampie sono le differenze in termini di qualità dell’offerta formativa delle singole scuole. In Italia tale dato è molto elevato (62%, a fronte di una media OCSE del 39%) e raggiunge il valore massimo in Sicilia (64%). Si tratta dunque di un elemento di criticità su cui porre l’attenzione, in quanto connesso anche alla capacità di attivarsi e di offrire un’adeguata offerta formativa da parte delle singole scuole.

15 15 I risultati raggiunti a metà Programmazione La valutazione degli apprendimenti: i dati del SNV Ulteriori informazioni sui livelli di apprendimento nei diversi ordini di scuola sono desumibili da altre indagini condotte a livello nazionale. In particolare, la valutazione esterna condotta dal Servizio Nazionale di Valutazione in relazione al sistema scolastico e ai livelli di apprendimento degli studenti prevede verifiche periodiche e sistematiche sulle conoscenze e abilità degli studenti. Gli esiti delle prime prove confermano l’esistenza di un divario fra le performance degli studenti delle regioni meridionali e del resto del Paese. Il divario risulta però molto più contenuto rispetto a quello evidenziato dalle Indagini OCSE-PISA. Per ulteriori approfondimenti si rinvia al rapporto sui dati di contesto del sistema dell’istruzione, a cura dell’AdG, che sarà a breve on line sul sito del MIUR.

16 16 I risultati raggiunti a metà Programmazione La valutazione degli apprendimenti: i dati del SNV Classe II primaria Classe V primaria Classe I Secondaria I grado Esame di Stato I ciclo

17 17 I dati della regione Sicilia La Sicilia ha registrato importanti miglioramenti, ma continua a registrare dati inferiori alla media italiana e a quella del Mezzogiorno in relazione a tutti gli indicatori dell’istruzione. Necessità di intensificare lo sforzo in direzione di un rafforzamento del sistema regionale

18 18 I dati della regione Calabria In relazione a molti indicatori, la Calabria registra performance migliori rispetto al resto del Mezzogiorno e, in alcuni casi, all’Italia. Problematici appaiono però i dati sulle competenze degli studenti, con riferimento sia alla literacy in lettura che a quella matematica.


Scaricare ppt "Conferenze per la promozione e la diffusione del Programma e dei suoi contenuti Febbraio - Marzo 2011."

Presentazioni simili


Annunci Google