La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

PIAZZA SAN PIETRO E L’ACQUA PAOLA NEL SEGNO DELL’AQUILA E DEL DRAGO Il grande teatro di Roma, tra obelischi, acque, fontane, alluvioni, chiese, papi e.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "PIAZZA SAN PIETRO E L’ACQUA PAOLA NEL SEGNO DELL’AQUILA E DEL DRAGO Il grande teatro di Roma, tra obelischi, acque, fontane, alluvioni, chiese, papi e."— Transcript della presentazione:

1 PIAZZA SAN PIETRO E L’ACQUA PAOLA NEL SEGNO DELL’AQUILA E DEL DRAGO Il grande teatro di Roma, tra obelischi, acque, fontane, alluvioni, chiese, papi e imperatori Nella città eterna, tra le sue mirabili bellezze, zampilla un’acqua sempre diversa ISTITUTO TECNICO PER IL TURISMO “LIVIA BOTTARDI” Via Petiti, 97 – Roma Prof. Salvatore Liguori (Geografia Turistica) 24 gennaio 2015

2 2 Piazza San Pietro tra Storia e Geologia UNESCO – Patrimonio dell’Umanità Piazza San Pietro

3 3 Piazza San Pietro tra Storia e Geologia Percorso da Ponte Sant’Angelo a Piazza San Pietro

4 4 Piazza San Pietro tra Storia e Geologia Ponte Sant’Angelo, un tempo “Elio” Ponte S. Angelo,un tempo chiamato “Elio”, fu costruito dall’imperatore ADRIANO: doveva condurre alla sua tomba, il Mausoleo di Adriano. Adriano è stato imperatore romano dal 117 al 138 dC.

5 5 Piazza San Pietro tra Storia e Geologia Castel Sant’Angelo Correva l'anno 590 e Roma era stremata da una terribile epidemia di peste. Per chiedere a Dio la fine del morbo il neo eletto Papa Gregorio Magno ( ) chiamò il popolo in processione.

6 6 Piazza San Pietro tra Storia e Geologia Ponte Sant’Angelo durante il primo Giubileo del 1300 Bonifacio VIII istituì l'Anno Santo nel quale assicurava indulgenza plenaria per tutti quelli che avessero fatto visita alle Basiliche di San Pietro e San Paolo fuori le mura. Dante nel canto XVIII dell’Inferno: «come i Roman per l’esercito molto, / l’anno del giubileo, su per lo ponte / hanno a passar la gente modo colto, / che da l’un lato tutti hanno la fronte / verso ’l castello e vanno a Santo Pietro; / da l’altra vanno verso il monte Giordano».

7 7 Piazza San Pietro tra Storia e Geologia Ponte Sant’Angelo I dieci angeli barocchi sono opera del Bernini del In questo modo il papa pensò di creare una sorta di VIA CRUCIS. Due statue (con il cartiglio e la corona di spine) furono fatte da Bernini. Angeli con i segni della Passione di Cristo: croce, dadi, chiodi, corona di spine, colonna, spugna, cartiglio INRI, veste

8 8 Piazza San Pietro tra Storia e Geologia Papa Alessandro VI Borgia ristrutturò il Mausoleo di Adriano, facendone un castello difensivo. Tali opere permisero, 32 anni dopo, a Papa Clemente VII Medici di resistere sette mesi all'assedio delle truppe di Carlo V, i famosi Lanzichenecchi, che diedero inizio, il 6 maggio 1527, al tremendo "sacco di Roma”

9 9 Piazza San Pietro tra Storia e Geologia Fino al 1870, ai tempi in cui la città era governata dal Papa Re come una monarchia assoluta, le pubbliche esecuzioni erano uno degli spettacoli preferiti dal popolo. Le pubbliche esecuzioni si tenevano in luoghi fissi; piazza del Popolo, Via dei Cerchi e la piazzetta ad uno dei capi del ponte dirimpetto a Castel Sant'Angelo. LE ESECUZIONI CAPITALI A ROMA Lapide a Piazza del Popolo per ricordare due carbonari condannati a morte dal papa Pio IX il 23 novembre 1825

10 10 Piazza San Pietro tra Storia e Geologia Tosca è un'opera lirica in tre atti di Giacomo Puccini, su libretto di Giuseppe Giacosa e Luigi Illica. La prima rappresentazione si tenne a Roma, al Teatro Costanzi, il 14 gennaio L'azione si svolge a Roma nel 1800, nell'atmosfera tesa che segue l'eco degli avvenimenti rivoluzionari in Francia, e la caduta della prima Repubblica Romana. 1° Atto – Chiesa di Sant’Andrea della Valle 2° Atto – Palazzo Farnese 3° Atto - Castel Sant’Angelo (diventato un carcere) LA TOSCA DI GIACOMO PUCCINI

11 11 Piazza San Pietro tra Storia e Geologia Passetto Il Passetto o il Corridoio di Borgo si trova a Roma ed è il nome che prende quel tratto delle Mura Vaticane che collega il Vaticano con Castel Sant’Angelo

12 12 Piazza San Pietro tra Storia e Geologia Breccia di Porta Pia È il 20 settembre Dopo cinque ore di cannoneggiamento dell'artiglieria del Regno d'Italia, fu fatta brillare una carica posta dai reali guastatori che provocò il crollo della fortificazione e aprì una breccia di circa 30 metri nelle Mura, la cosiddetta Breccia di Porta Pia, attraverso la quale irruppero i bersaglieri e ad altri reparti di fanteria. Dopo poco il papa Pio IX fu costretto ad abbandonare il Quirinale, Roma fu conquistata, diventando la capitale del Regno d’Italia.

13 13 Piazza San Pietro tra Storia e Geologia Patti Lateranensi: è il nome con cui sono noti gli accordi di mutuo riconoscimento tra il Regno d'Italia e la Santa Sede, sottoscritti l'11 febbraio 1929 da Mussolini e dal cardinale Segretario di Stato Pietro Gasparri (per papa Pio XI). Via della Conciliazione Spina di Borgo: In due anni, 1936 e 1937 fu completamente raso al suolo un intero quartiere, per sostituirlo poi negli anni successivi con altri edifici, fino all'oltraggio finale del 1950, con la installazione di obelischetti in marmo bianco ai lati di via della Conciliazione, obelischi che ancora oggi i romani designano con un nome di “supposte”.

14 14 Piazza San Pietro tra Storia e Geologia La notte tra il 18 e il 19 luglio del 64 dC, la zona del Circo Massimo prende fuoco: è il famoso incendio di Nerone

15 15 Piazza San Pietro tra Storia e Geologia Tacito, Annales, Libro XV, 44. “Perciò, per far cessare tale diceria, Nerone si inventò dei colpevoli e sottomise a pene raffinatissime coloro che la plebaglia, detestandoli a causa delle loro nefandezze, denominava cristiani. Origine di questo nome era Cristo, il quale sotto l'impero di Tiberio era stato condannato al supplizio dal procuratore Ponzio Pilato; e, momentaneamente sopita, questa esiziale superstizione di nuovo si diffondeva, non solo per la Giudea, focolare di quel morbo, ma anche a Roma, dove da ogni parte confluisce e viene tenuto in onore tutto ciò che vi è di turpe e di vergognoso. Perciò, da principio vennero arrestati coloro che confessavano, quindi, dietro denuncia di questi, fu condannata una ingente moltitudine, non tanto per l’accusa dell'incendio, quanto per odio del genere umano. Inoltre, a quelli che andavano a morire si aggiungevano beffe: coperti di pelli ferine, perivano dilaniati dai cani, o venivano crocifissi oppure arsi vivi in guisa di torce, per servire da illuminazione notturna al calare della notte. Nerone aveva offerto i suoi giardini e celebrava giochi circensi, mescolato alla plebe in veste d’auriga o ritto sul cocchio. Perciò, benché si trattasse di rei, meritevoli di pene severissime, nasceva un senso di pietà, in quanto venivano uccisi non per il bene comune, ma per la ferocia di un solo uomo.”

16 16 Piazza San Pietro tra Storia e Geologia La costruzione dell'attuale basilica di San Pietro fu iniziata il 18 aprile 1506 sotto papa Giulio II. Si tratta tuttavia di una ricostruzione, dato che nello stesso sito, prima dell'odierna basilica, ne sorgeva un'altra risalente al IV secolo, fatta costruire dall'imperatore romano Costantino Incisione del 1535 Basilica di Costantino

17 17 Piazza San Pietro tra Storia e Geologia Dissesto della Basilica di Costantino Nel XIV secolo, a mille anni dalla sua fondazione, il venerabile edificio cominciò a presentare i primi gravi segni di degrado. Giulio II Della Rovere ( ) decise di intervenire in modo radicale, costruendo una nuova basilica sulle fondamenta di quella costantiniana: il papa scelse il progetto del Bramante.

18 18 Piazza San Pietro tra Storia e Geologia Cupola di Michelangelo Con i suoi 136 metri di altezza, i suoi 42 metri di diametro (di poco inferiore però a quello del Pantheon di Roma) e i suoi 537 scalini è l'emblema della stessa basilica e uno dei simboli dell'intera città di Roma. La cupola fu costruita in soli due anni (1588) da Giacomo Della Porta, seguendo i disegni di Michelangelo. Cappella Sistina con i dipinti di Michelangelo (Giudizio Universale)

19 19 Piazza San Pietro tra Storia e Geologia Obelisco Vaticano L’obelisco Vaticano, proveniente da Eliopoli (Egitto) e fatto portare a Roma dall’imperatore Caligola nel 37 d.C. era posizionato lungo la Via Trionfale

20 20 Piazza San Pietro tra Storia e Geologia Obelisco Vaticano Fu Sisto V Felice Peretti a posizionarlo al centro della piazza. L’operazione fu condotta dall’architetto Domenico Fontana nel 1586

21 21 Piazza San Pietro tra Storia e Geologia Obelisco Vaticano Questo enorme monolite di granito rosso (alto 25 metri) fu eretto nel 1586 e reca in cima una reliquia della Santa Croce.

22 22 Piazza San Pietro tra Storia e Geologia Facciata della Basilica Sul fronte principale della Basilica vi è l’iscrizione di Paolo V Borghese (1612).

23 23 Piazza San Pietro tra Storia e Geologia Fontane della piazza Le due fontane alte 14 metri (quella a destra eretta nel 1613 da Carlo Maderno per volere di Paolo V Borghese, l'altra nel 1677 da Carlo Fontana), lanciano altissimi getti d'acqua che ricadono su enormi tazze monolitiche di granito orientale. Si tratta dell’ACQUA PAOLA, il cui punto di trabocco si trova al Gianicolo, il cosiddetto “Fontanone”

24 24 Piazza San Pietro tra Storia e Geologia Colonnato della Basilica Fu Alessandro VII Chigi ( ) ad affidare a Gianlorenzo Bernini l’incarico di progettare la piazza antistante la Basilica: Bernini creò un colonnato circolare formato da 4 file di colonne per un totale di 284 colonne sormontato da 140 statue di santi.

25 25 Piazza San Pietro tra Storia e Geologia MERIDIANA La Meridiana di Piazza San Pietro, costruita nel luogo più importante della cristianità da Luigi Gilii nel 1817, è formata da una linea retta in granito rosso. Nel 1582 papa Gregorio XIII Boncompagni aveva modificato il calendario giuliano.

26 26 Piazza San Pietro tra Storia e Geologia LA FONTANA DELLE TIARE La Fontana delle Tiare è situata sul marciapiedi in largo del Colonnato, a destra del fornice aperto nel 1933 lungo le mura del Passetto. La fontana fu realizzata in travertino da Pietro Lombardi nel 1927, insieme ad altre fontane che lo stesso architetto realizzò, tutte in quegli anni e tutte allusive, nelle decorazioni, agli stemmi dei rioni o alle attività dei luoghi, come la Fontana delle Anfore, la Fontana delle Arti, la Fontana dei Libri, la Fontana della Pigna, la Fontana dei Monti, la Fontana della Botte e la Fontana del Timone.


Scaricare ppt "PIAZZA SAN PIETRO E L’ACQUA PAOLA NEL SEGNO DELL’AQUILA E DEL DRAGO Il grande teatro di Roma, tra obelischi, acque, fontane, alluvioni, chiese, papi e."

Presentazioni simili


Annunci Google