La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Consumo di Pierluigi Musarò. Il consumo rappresenta una lente privilegiata per osservare le interdipendenze planetarie a livello sociale, culturale, politico.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Consumo di Pierluigi Musarò. Il consumo rappresenta una lente privilegiata per osservare le interdipendenze planetarie a livello sociale, culturale, politico."— Transcript della presentazione:

1 Consumo di Pierluigi Musarò

2 Il consumo rappresenta una lente privilegiata per osservare le interdipendenze planetarie a livello sociale, culturale, politico ed economico. Dietro le merci che vengono vendute sul mercato e che riempiono la nostra esistenza quotidiana si celano valori e significati in grado di influire sul nostro immaginario, sulle relazioni sociali, sulla formazione dell’identità individuale e collettiva, sulla stessa organizzazione del territorio, che si struttura come luogo di consumo e di produzione. Il consumo è divenuto l’elemento trainante e unificante che permea di sé luoghi e culture, socialità e bisogni individuali. Sotto la sua pressione la libertà individuale viene anteposta alla felicità pubblica, la città diventa una merce, la politica viene asservita all’economia. La modernità diventa «liquida», come scrive Bauman, secondo il quale «la società attuale forma i propri membri al fine primario che essi svolgano il ruolo di consumatori» (Bauman 2002: 90).

3 Ma cosa significa oggi essere consumatori? Per ragionare in termini sociologici sul consumo, occorre individuare in esso un fenomeno diffuso della società globale, «un’area esperienziale centrale» in cui convergono interessi diversi, prendono forma i conflitti, si agitano le passioni sociali (Di Nallo, Paltrinieri 2006: 19). Riconoscere nel consumo una realtà autonoma che ha pervaso tutti gli altri sistemi, costringendoci a rivedere i confini che hanno storicamente distinto il consumatore dal cittadino, l’acquirente dall’utente, il cliente dall’elettore. Il consumo è dunque da analizzare non solo nella sua dimensione materiale, per cui è spesso e sovente condannato, ma, attraverso l’analisi della sua dimensione simbolica e intersoggettiva, occorre ad esso riconoscere un ruolo fondamentale nel più generale processo intersoggettivo di costruzione della realtà sociale.

4 Sebbene il consumo rimanga, in primis, funzionale alla produzione che, almeno in parte dirige e sostiene, è oggi necessario superare l’idea che la produzione sia un valore assoluto perché rappresenta il lavoro, mentre il consumo sia necessità di secondo ordine e opaca, perché rappresenta il finish della produzione (Marx 1978), o l’agiatezza tipica dell’aristocrazia (Veblen 1971) e al peggio la rendita con i suoi alti livelli di spreco. La stessa antica tendenza a ridurre il consumo ad una dimensione, quella dell’homo oeconomicus che tutto misura in termini di utilità (Pareto 1965), oppure a condannarlo come spreco, fonte di alienazione e falsa coscienza, secondo la prospettiva della «razionalità del dominio» (Adorno, Horkheimer 1966), con l’entrata nella società postindustriale sembra destinata a convivere con altre descrizioni che, al contrario, ne enfatizzano aspetti diversi, prevalentemente di tipo culturale e simbolico. Il consumo produttivo

5 Nel nuovo capitalismo, dove le imprese prendono a riferimento soprattutto il modello dell’industria culturale (Boltanski, Chiapello 1999; Rifkin 2000), non ha molto senso contrapporre i due ambiti, anche perché l’evoluzione del sistema verso una «economia dell’immateriale» (Gorz, 2003) o «economia della conoscenza» (Rullani, 2004), vede i consumatori sempre più impegnati a produrre ciò che consumano o a consumare esperienze che sono possibili solo in virtù del ruolo di co-protagonisti da essi svolto (Pine, Gilmore, 2000; Ferraresi, Schmitt 2006). Il ruolo crescente che il consumatore riveste all’interno dei processi produttivi che fanno funzionare la catena economica del valore, ci induce a parlare di «consumo produttivo» e di «prosumer», ovvero di una nuova figura che nasce dall’unione di producer e consumer (Toffler 1987).

6 Per quanto la visione marxiana abbia forgiato molto le prime analisi sul consumo, la sociologia è giunta a distinguere il consumo dal consumismo, osservando questo «fenomeno sociale totale» oltre il velo del moralismo, come risultato dell’abolizione dei limiti tradizionalmente imposti dalla penuria alla piena soddisfazione di bisogni e desideri a lungo repressi. Dal concetto di alienazione, da cui scaturisce il «feticismo delle merci» - uno dei pilastri su cui si basa la critica moderna nei confronti del consumo (Marx 1978) - si è passati a vedere nel consumo un elemento indispensabile nel processo di oggettivazione e risoggettivizzazione della cultura, dell’orizzonte simbolico di un individuo, in quanto inserito all’interno di una realtà intersoggettiva. Tra alienazione e produzione culturale

7 Diversi autori hanno tematizzato il processo di riappropriazione simbolica (De Certau 2001; Miller 1995), evidenziando come le pratiche di consumo divengano luoghi fondamentali del processo di costruzione intersoggettiva non solo della realtà, ma, in quanto tale, anche del soggetto, della sua identità sociale (Parmiggiani 2001). Per dirla con Mary Douglas (1984: 74): «il consumo è un’attività di produzione congiunta, con gli altri consumatori, di un universo di valori». Se è vero dunque che nella odierna società dei consumi siamo nati per consumare, è anche vero che consumare significa sostanziare la cultura materiale, dare vita a pratiche significative attraverso cui gli attori sociali si orientano nel mondo. Pratiche che inevitabilmente producono un eccedenza di senso, un “surplus” di valore: sociale e culturale, oltre che economico. Valore che le aziende, attraverso il brand management, tentano di sfruttare e capitalizzare (Arvidsson 2006), ma che al contempo non è possibile irretire del tutto.

8 Nelle merci che ci invitano all’acquisto è racchiuso il pianeta intero: provenienza delle materie prime, diritti dei lavoratori che le hanno estratte o lavorate, politiche messe in atto dall’azienda produttrice, l’insostenibilità dello smaltimento. Attraverso la biografia delle merci potremmo analizzare il processo di globalizzazione, al di là del vetro trasparente che le rende protagoniste scoprire ciò che l’uomo è capace di fare all’uomo stesso e alla terra che lo ospita. Ma quanti di noi sono consapevoli di questa fitta trama di relazioni, di azioni e retroazioni? Quanti di noi identificano nelle cose intorno lo strumento per conoscere meglio se stessi e per prendersi cura del pianeta che ci ospita? Qual’è il valore sociale e politico dei nostri atti di consumo? Il consumo assume sempre più una natura «paradossale», che conduce ad una crescente indifferenza verso il bene comune. Siamo parte della civiltà usa-e-getta, la cui fuga in avanti avvicina sempre più l’impianto di produzione a quello di smaltimento, senza però preoccuparsi mai di metterli in contatto. L’uno non parla, l’altro non sente: noi tutti non vediamo. Al punto che il cosiddetto «secolo dei consumi» potrebbe benissimo essere rinominato «secolo dei rifiuti» (Musarò 2010). L’insostenibilità del consumo

9 Più cose consumiamo e meno siamo felici! Inconsapevoli del fatto che ciò che è possibile al singolo individuo non è possibile per la collettività, poiché «quando il livello del consumo medio aumenta, una porzione crescente del consumo stesso assume un aspetto sociale oltre che individuale» (Hirsch 2001:11). I limiti allo sviluppo sono sociali prima che fisici. Molti beni comuni sono infatti «beni posizionali», caratterizzati da un’offerta sostanzialmente rigida, che non può essere aumentata più di tanto nel tempo. Si tratta di beni e servizi a cui non tutti possono accedere, o almeno non tutti assieme, senza cioè contenderseli e privarsene a vicenda. Sarebbe più opportuno esprimersi in termini di «valenza ambientale» o di «impronta ecologica» (Wackernagel M., Rees W. 2004), oltre che di PIL o valore economico, per comprendere il valore di una merce, la sua capacità di reintegrarsi nella comunità e nella biosfera, dopo la fase meramente antropica della sua produzione e del suo consumo.

10 Nel momento in cui il biocapitalismo ci trasforma tutti in “consumatori produttivi” o “lavoratori immateriali”, non permettendoci più di distinguere in modo netto il dentro dal fuori, il pubblico dal privato, l’interesse particolare da quello generale, non è proprio in questo momento che occorre coltivare la consapevolezza di quanto la funzione economica del consumatore coincida con la funzione etico-politica del cittadino? L’attuale società dei consumi implica il passaggio dalla prima cittadinanza (basata su diritti e doveri nei confronti dello stato) alla seconda cittadinanza (più incentrata su poteri e responsabilità all’interno di un mercato pervasivo). Consumatore e cittadino: due facce della stessa medaglia

11 Passaggio che vorrebbe: la tutela dei beni comuni alla base di una società più giusta e democratica; un nuovo paradigma, con una visione planetaria dei problemi e una attenzione lungimirante al futuro, privilegiando la biosfera anziché la geopolitica come terreno di analisi e come spazio reale entro cui contenere i consumi. Un paradigma capace di riconoscere come le nostre pratiche di consumo rappresentino più un atto politico che una scelta privata: uno strumento attraverso cui rispettare il pianeta e solidarizzare con quanti lo abitano, promuovere la democrazia e partecipare alla costruzione di un futuro più sostenibile.


Scaricare ppt "Consumo di Pierluigi Musarò. Il consumo rappresenta una lente privilegiata per osservare le interdipendenze planetarie a livello sociale, culturale, politico."

Presentazioni simili


Annunci Google