La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

A N D I S Associazione Nazionale Dirigenti Scolastici Assemblea dei dirigenti scolastici Lunedì 30 gennaio ore 9:30 I.C. «Musco» – Catania 1.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "A N D I S Associazione Nazionale Dirigenti Scolastici Assemblea dei dirigenti scolastici Lunedì 30 gennaio ore 9:30 I.C. «Musco» – Catania 1."— Transcript della presentazione:

1 A N D I S Associazione Nazionale Dirigenti Scolastici Assemblea dei dirigenti scolastici Lunedì 30 gennaio ore 9:30 I.C. «Musco» – Catania 1

2 Normativa DPR 28 marzo 2013, n. 80 – Regolamento sul sistema nazionale di valutazione Direttiva n. 11 del 18 settembre 2014 – Priorità strategiche del Sistema nazionale di Valutazione per gli anni scolastici 2014/2015, 2015/2016 e 2016/2017 C.M. n. 47 del 21 ottobre 2014 – Priorità strategiche della valutazione del Sistema educativo di istruzione e formazione. Trasmissione della Direttiva n. 11 del 18 settembre

3 Direttiva del 18 settembre 2014 n. 11 a) le priorità strategiche … progressiva introduzione nelle istituzioni scolastiche del procedimento di valutazione … secondo le fasi previste dal Regolamento … 3

4 Fasi della valutazione Il procedimento di valutazione si sviluppa nelle seguenti fasi (c. 1, art. 6, DPR 28 marzo 2013, n. 80) : a) autovalutazione delle istituzioni scolastiche; b) valutazione esterna; c) azioni di miglioramento; d) rendicontazione sociale delle istituzioni scolastiche. 4

5 Fasi della valutazione Il procedimento di valutazione si sviluppa nelle seguenti fasi (c. 1, art. 6, DPR 28 marzo 2013, n. 80) : a) autovalutazione … b) valutazione esterna c) azioni di miglioramento d) rendicontazione sociale … 5

6 Fasi della valutazione Il procedimento di valutazione si sviluppa nelle seguenti fasi (c. 1, art. 6, DPR 28 marzo 2013, n. 80) : a) autovalutazione …2014/2015 b) valutazione esterna c) azioni di miglioramento d) rendicontazione sociale … 6

7 Fasi della valutazione Il procedimento di valutazione si sviluppa nelle seguenti fasi (c. 1, art. 6, DPR 28 marzo 2013, n. 80) : a) autovalutazione … b) valutazione esterna2015/2016 c) azioni di miglioramento 2015/2016 d) rendicontazione sociale … 7

8 Fasi della valutazione Il procedimento di valutazione si sviluppa nelle seguenti fasi (c. 1, art. 6, DPR 28 marzo 2013, n. 80) : a) autovalutazione … b) valutazione esterna c) azioni di miglioramento d) rendicontazione sociale …2016/2017 8

9 Fasi della valutazione Il procedimento di valutazione si sviluppa nelle seguenti fasi (c. 1, art. 6, DPR 28 marzo 2013, n. 80) : a) autovalutazione …2014/2015 b) valutazione esterna2015/2016 c) azioni di miglioramento 2015/2016 d) rendicontazione sociale …2016/2017 9

10 c) azioni di miglioramento N.AZIONISOGGETTITEMPI 1 PIANIFICAZIONE E REALIZZAZIONE AZIONI DI MIGLIORAMENTO Scuole con supporto INDIRE e/o in collaborazione con università, enti di ricerca e ass. prof. e cult. Da A.S. 2015/

11 Valutare per stimolare il miglioramento Cosa migliorare? Individuare (poche) priorità strategiche 11

12 Piano di Miglioramento I progetti di miglioramento scolastico devono avere come obiettivo primario l’apprendimento degli studenti e il loro sviluppo / crescita; 12

13 Piano di Miglioramento La progettazione delle azioni di miglioramento deve essere svolta sulla base di obiettivi condivisi all’interno della scuola; 13

14 Piano di Miglioramento promuovere strategie di miglioramento a partire: dalle scelte interne condivise da una etica della rendicontazione dalla partecipazione e responsabilizzazione di tutti i soggetti della scuola dal consolidamento dell’identità e del senso di appartenenza 14

15 Piano di Miglioramento A conclusione del primo percorso deve essere prevista una valutazione che possa essere utilizzata per la creazione di nuovi piani di miglioramento al fine di innescare un ciclo virtuoso nella scuola. 15

16 Piano di Miglioramento Per creare una progettazione coerente ed efficace: Definizione e assegnazione degli obiettivi; Collegamento tra obiettivi e allocazione delle risorse (umane, strutturali e finanziarie); Monitoraggio ed eventuali interventi correttivi; Misurazione e valutazione finale della performance; Utilizzo di sistemi premianti; Rendicontazione dei risultati. 16

17 Piano di Miglioramento Il PdM si sviluppa in 4 FASI: 1)PLAN (pianificazione); 2)DO (attuazione); 3)CHECK (valutazione); 4)ACT (revisione). 17

18 Criteri di qualità per ciascuna fase del PdM 18

19 Plan La pianificazione riflette una visione strategica condivisa dai soggetti interessati e comprende scopi / obiettivi, azioni ed indicatori espliciti; Sono fissati e monitorati gli scopi / obiettivi e i traguardi in modo chiaro ed in forma esplicita; Ha luogo una consultazione permanente con i soggetti interessati per individuare le necessità specifiche locali e individuali; 19

20 Plan Le responsabilità in materia di gestione e di sviluppo della qualità sono state assegnate in modo esplicito: ciascuno deve sapere cosa è chiamato a fare e la tempistica dell’intervento; Il personale partecipa fin dall’inizio alla pianificazione; I soggetti interessati partecipano al processo di analisi delle necessità locali. 20

21 Do I piani di applicazione sono elaborati in consultazione con i soggetti interessati e comprendono principi espliciti; Le risorse interne sono opportunamente attribuite ai fini del conseguimento degli obiettivi fissati nei piani di applicazione; 21

22 Do Il piano strategico di sviluppo delle competenze del personale precisa la necessità di una formazione degli insegnanti e dei formatori; Il personale segue una formazione regolare e sviluppa la cooperazione con soggetti esterni per contribuire alla formazione della capacità e al miglioramento della qualità e accrescere le prestazioni. 22

23 Check una valutazione dei risultati e dei processi è effettuata regolarmente con l’aiuto di misurazioni; è definito un metodo di valutazione applicabile alla valutazione interna e a quella esterna; la partecipazione dei soggetti interessati al processo di monitoraggio e di valutazione è concordata e chiaramente descritta; 23

24 Check un’autovalutazione è effettuata periodicamente; la valutazione e il riesame coprono i processi e i risultati dell’istruzione, compresa la valutazione della soddisfazione dei discenti nonché delle prestazioni e della soddisfazione del personale; 24

25 Check vengono elaborati metodi appropriati di rilevazione dei dati (es. questionari e indicatori / criteri misurabili); viene effettuata una rilevazione di dati pertinente, regolare e coerente per misurare i successi e individuare i settori da migliorare. 25

26 Act Sono raccolte le informazioni comunicate dai discenti sulla loro esperienza di apprendimento individuale e sull’ambiente di apprendimento e di insegnamento; Assieme alle informazioni comunicate dagli insegnanti, esse sono utilizzate come base per nuove azioni; 26

27 Act Le procedure sul feedback e sul riesame fanno parte di un processo d’apprendimento strategico nell’organizzazione; I risultati del processo di valutazione sono discussi con i soggetti interessati e sono realizzati piani di azione appropriati; Le informazioni sui risultati della valutazione sono rese pubbliche. 27

28 Piano di Miglioramento Schema adottato nell’ambito del Progetto VALeS 28

29 Piano di Miglioramento Suddiviso in sezioni: 1.Scenario di riferimento, idee guida per il PdM, progetti 2.Descrizione di ogni progetto 3.Verifica dell’omogeneità delle azioni 4.Budget 29

30 Piano di Miglioramento Suddiviso in sezioni: 1.Scenario di riferimento, idee guida per il PdM, progetti 2.Descrizione di ogni progetto 3.Verifica dell’omogeneità delle azioni 4.Budget 30

31 Scenario di riferimento Informazioni ritenute necessarie per la spiegazione delle scelte di miglioramento: Il contesto socio-culturale in cui la scuola è inserita L’organizzazione scolastica Il lavoro in aula 31

32 Il contesto socio-culturale reti sul territorio caratteristiche sociali e culturali dell’ambiente in cui la scuola è inserita modelli educativi di riferimento offerte per la gestione del tempo libero 32

33 L’organizzazione scolastica Composizione popolazione scolastica alunni, strategie della scuola per il coinvolgimento delle famiglie obiettivi del POF modalità di condivisione metodologica e didattica tra insegnanti attenzione alle dinamiche tra pari, gestione della scuola sistemi di comunicazione 33

34 Il lavoro in aula attenzione alle relazioni docenti-alunni gli ambienti di apprendimento, progetti di recupero e potenziamento degli apprendimenti utilizzo di nuove tecnologie per la didattica 34

35 Idee guida per il PdM Descrizione dei processi che hanno portato alla scelta degli obiettivi di miglioramento a partire dalla autovalutazione e dalla valutazione esterna, che hanno permesso di individuare: Criticità Punti di forza 35

36 Idee guida per il PdM In relazione a quanto detto prima, si individua una linea strategica del piano cercando di definire: Obiettivi strategici Indicatori 36

37 Elenco dei progetti di miglioramento Si elencano secondo un ordine di priorità le aree da migliorare e le relative azioni di miglioramento. 37

38 Possibili criteri di scelta Importanza Urgenza Probabilità di successo Rapporto costi-benefici 38

39 Possibili criteri di scelta Importanza – si valuta in base alla relazione con gli scopi da conseguire e alla rilevanza degli effetti del problema per coloro che ne subiscono le conseguenze Urgenza – è determinata dalla rapidità con la quale il problema è in grado di provocare effetti negativi 39

40 Possibili criteri di scelta Probabilità di successo – a parità delle altre condizioni, questo criterio serve ad orientare la decisione, nel senso che normalmente si ritiene utile affrontare i problemi rispetto ai quali si ritiene di avere maggiori probabilità di riuscita, che non quelli che più facilmente possono esporre al fallimento e alla frustrazione 40

41 Possibili criteri di scelta Rapporto costi-benefici – sempre a parità delle precedenti condizioni, la decisione dovrebbe ispirarsi al criterio dell’efficienza, ossia al rapporto ottimale tra il risultato che si pensa possibile ottenere e le risorse umane, finanziarie e materiali da impiegare 41

42 Possibili criteri di scelta Tra le piste indicate dal report di valutazione e quelle ritenute strategiche dalla scuola, valutare insieme al TpM quali potrebbero essere realizzabili con un criterio che consideri sia la fattibilità (considerando sia tempi che le risorse disponibili), sia l’impatto che l’intervento potrebbe avere. 42

43 Possibili criteri di scelta Dando un punteggio da 1 a 3 alla fattibilità e all’impatto di ciascuna pista, si può ipotizzare un criterio di priorità. Si possono considerare i punteggi come segue: 0= nullo 1= poco 2= abbastanza 3=alto Fattibilità * Impatto = Priorità 43

44 Piano di Miglioramento Suddiviso in sezioni: 1.Scenario di riferimento, idee guida per il PdM, progetti 2.Descrizione di ogni progetto 3.Verifica dell’omogeneità delle azioni 4.Budget 44

45 Descrizione di ogni progetto Indicazioni generali La pianificazione (Plan) La realizzazione (Do) Il monitoraggio e i risultati (Check) Il riesame e il miglioramento (Act) 45

46 Indicazioni generali 46 Titolo del progetto Responsabile del progetto Data di inizio e fine

47 La pianificazione (Plan) Pianificazione obiettivi operativi – Obiettivi operativi Rappresentano un livello più dettagliato e concreto degli obiettivi strategici, ad es. a livello di unità. Un obiettivo operativo può essere immediatamente trasformato in un insieme di attività e compiti – Indicatori di valutazione Misure che sono indicative e che mostrano, ad esempio, l’effetto di un’azione 47

48 La pianificazione (Plan) Relazione tra la linea strategica del Piano e il progetto Risorse umane necessarie Destinatari del progetto (diretti ed indiretti) Budget previsto 48

49 La realizzazione (Do) Descrizione delle principali fasi di attuazione Descrizione delle attività per la diffusione del progetto 49

50 Il monitoraggio e i risultati (Check) Descrizione delle azioni di monitoraggio Target Valore, espresso in termini quantitativi, del risultato che ci si prefigge di ottenere rispetto a un obiettivo e al relativo indicatore Note sul monitoraggio 50

51 Il riesame e il miglioramento (Act) Modalità di revisione delle azioni Criteri di miglioramento Descrizione delle attività di diffusione dei risultati Note sulle possibilità di implementazione del progetto 51

52 Alcune riflessioni 52

53 Decalogo 1.Il confronto 2.La formazione permanente 3.La partecipazione ad un contesto professionale stimolante e motivante 4.Le buone pratiche 5.La cura della propria professionalità 53

54 Decalogo 6.Un atteggiamento positivo verso la ricerca didattica 7.La gestione efficace dell’insegnamento 8.I buoni risultati con gli allievi 9.La costruzione di un clima di benessere sociale e formativa 10.L’assunzione di atteggiamenti collaborativi nella vita della scuola 54

55 Indicazioni dal progetto Valutazione e Miglioramento 55

56 Valutazione e Miglioramento Al termine del percorso di valutazione delle scuole del progetto VM (433 di cui un campione statisticamente significativo di 408 istituti comprensivi e 25 scuole di II ciclo), alle scuole è stato chiesto di produrre un piano di miglioramento. 56

57 Valutazione e Miglioramento INVALSI nel progetto VM ha studiato il nesso fra i processi di valutazione e la elaborazione dei piani di miglioramento con l’obiettivo di costruire un feedback volto sempre più a orientare/indirizzare concretamente il processo di cambiamento delle scuole. 57

58 Scopi ottimizzare la fase di predisposizione dei Piani supportare il processo decisionale fornendo elementi informativi utili per ridefinire, eventualmente, il disegno del Piano, le priorità e gli obiettivi assegnati 58

59 Criteri di analisi Pertinenza Coerenza interna Fattibilità 59

60 Pertinenza Il criterio della pertinenza valuta in che misura il Piano di miglioramento risponde ai problemi reali dei beneficiari. Per esprimere una valutazione su questo aspetto è stata considerata l'attinenza tra area di miglioramento scelta, motivazione della scelta e suggerimenti offerti dai valutatori esterni ed espressi nel Rapporto di valutazione. 60

61 Coerenza interna Il criterio della coerenza interna valuta se la proposta progettuale è costruita in modo logico, articolando i principali elementi di cui si compone: finalità, obiettivi, attività, risultati. 61

62 Coerenza interna Le finalità dovrebbero essere declinate in obiettivi misurabili, cui dovrebbe seguire la determinazione della sequenza delle attività previste e dovrebbero essere individuati gli strumenti di valutazione dei risultati raggiunti. 62

63 Fattibilità Il criterio della fattibilità valuta se sono definite le attività, se le risorse umane, materiali ed economiche vengono specificate e se i tempi sono adeguati in relazione all’articolazione complessiva del Piano. 63


Scaricare ppt "A N D I S Associazione Nazionale Dirigenti Scolastici Assemblea dei dirigenti scolastici Lunedì 30 gennaio ore 9:30 I.C. «Musco» – Catania 1."

Presentazioni simili


Annunci Google