La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

DALLA CARTA TOPOGRAFICA ALLA LETTURA DEL PAESAGGIO B. Delmonte, Laboratorio di Geografia Fisica, A.A. 2009/10.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "DALLA CARTA TOPOGRAFICA ALLA LETTURA DEL PAESAGGIO B. Delmonte, Laboratorio di Geografia Fisica, A.A. 2009/10."— Transcript della presentazione:

1 DALLA CARTA TOPOGRAFICA ALLA LETTURA DEL PAESAGGIO B. Delmonte, Laboratorio di Geografia Fisica, A.A. 2009/10

2 Paesaggio = insieme di caratteri di un territorio SISTEMA PAESAGGIO SISTEMA TERRITORIO Fattori NATURALI (climatici, geologici, idrografici, biologici) Caratteri fisici del paesaggio Fattori UMANI (demgrafici, socio-culturali, economici, tecnici, politici,…) Caratteri Culturali (valori estetici, simbolici, etc.) Caratteri dellantropizzazione I fattori che agiscono nel territorio sono alla base delle forme esteriori che il paesaggio assume

3 Un paesaggio caratterizzato da versanti terrazzati è il risultato della relazione tra: -elementi naturali (versanti, vegetazione, …) -elementi antropici (terrazzi, coltivazioni,…) A questi si aggiungono gli elementi culturali legati al contesto.

4 ANALISI DEL PAESAGGIO LAnalisi del paesaggio non consiste nella semplice individuazione degli elementi e nel loro raggruppamento in categorie, altrimenti si ridurrebbe ad un semplice elenco. Sono quindi possibili diverse strategie di lettura del paesaggio. 1 - Una consiste nella sintesi del quadro paesistico attraverso lindividuazione dei suoi elementi e delle loro interrelazioni. Questo itinerario di lettura è descrittivo o orizzontale. 2- Unaltra strategia di lettura del paesaggio è quella verticale, che consiste nella ricerca delle ragioni e dei perché che stanno alla base dei diversi caratteri del paesaggio. 3- Una terza chiave di lettura del paesaggio – forse più interessante – è invece quella del percorso temporale, poiché il paesaggio è unentità in continua trasformazione. In generale si possono individuare diverse fasi che caratterizzano la storia della maggior parte dei paesaggi.

5 1- fase paleogeografico- strutturale 2- fase morfogenetica 3- fase della dinamica recente degli ambienti e dei paesaggi 4- fase della dinamica attuale Formazione delle rocce, individuazione struttura geologica del substrato orografico Fase in cui gli agenti esogeni (vento, acqua, ghiaccio,…) hanno modellato il rilievo. Fase in cui il paesaggio biologico si è andato costituendo (vegetazione e fauna) in modo da tendere allequilibrio con la situazione climatica di cui oggi si riconoscono i lineamenti. Fase in cui il paesaggio è alterato dallazione delluomo (pastorizia, disboscamento, agricoltura, sviluppo urbano-industriale,…)

6 Ricerche sul paesaggio: -Paesaggio come complesso di caratteri fisici (scienze della Terra, biologia, ecologia, …) -Paesaggio come intreccio relazioni economiche e sociali e processi di trasformazione paesistica (es. studi sul paesaggio agrario) -Paesaggio come elemento di identità collettiva, memoria storica, collegamento tra generazioni.

7 LETTURA DEL PAESAGGIO DALLA CARTA La carta permette di rileggere il paesaggio anche a distanza temporale. Losservazione del paesaggio dalla carta prescinde dalla stagionalità di alcuni eventi (es.copertura vegetazionale, nevosa, etc.), senza però negare il ruolo che tali fattori svolgono nella percezione dei paesaggi reali. La visione dallalto delle carte permette di osservare il territorio in modo abbastanza completo (che prospettive oblique sul terreno impediscono). La rappresentazione cartografica segue codici molto precisi sia per la riproduzione in scala che per la dimensione verticale del rilievo (curve di livello, punti quotati, ombreggiature, ecc.).

8 LETTURA DELLA CARTA TOPOGRAFICA PER GIUNGERE ALLANALISI DEL PAESAGGIO Passo 1 -Identificazione della posizione geografica dellarea rappresentata: intervalli di coordinate geografiche (lat. e long.) e chilometriche (Gauss Boaga, UTM). -unità geografica o contesto di appartenenza -scala della carta, e dimensioni dellarea rappresentata -equidistanza tra le curve di livello e intervallo altimetrico dellarea. Diversi passi sequenziali

9 Passo 2 Lettura del paesaggio dalla carta. In un primo tempo ci si deve sforzare di concentrare lattenzione non nel particolare ma nel quadro dinsieme del contesto rappresentato Elementi generali e principali del rilievo 2.2- Calcolo delle pendenze, individuazione dei versanti a pendenza più elevata, individuazione aree a pendenza simile Lettura analitica del rilievo: individuazione dei principali lineamenti orografici (forme positive, rilievi) e idrografici (forme negative, depressioni). Descrizione dellorganizzazione e delle direzioni di sviluppo dei sistemi di dorsali e valli. Descrizione dellestensione, altezza, esposizione e pendenza dei versanti, ossia superfici comprese tra linee di cresta e fondovalle Individuazione degli affioramenti rocciosi

10 2.5-riconoscimento e analisi dei corpi idrici (ghiacciai, sorgenti, torrenti, fiumi, laghi, mare, elementi artificiali,…) 2.6-lettura delle tipologie vegetazionali: nella carta si può distinguere il paesaggio aperto o a parco (nessun colore per prati e prati-pascoli) dal bosco a delimitazione netta o sfumata (retino verde con simboli che indicano le essenze dominanti, con o senza una linea verde più scura al limite) lettura degli elementi antropici quali: opere delluomo (case, villaggi, città, strade, ferrovie, gallerie, miniere, cave, acquedotti, canali, oleodotti, argini, dighe, aeroporti e porti lacuali, fluviali e marittimi. ruderi di edifici e strutture del passato Modifiche dei caratteri idrologici naturali

11 Passo 3 Dopo avere organizzato i diversi livelli di informazione ricavati dalla lettura della carta, si può procedere a tentativi di sintesi / interpretazione mirati a una individuazione dei fattori e dei processi che possono avere agito nella porzione di territorio rappresentato e alla formulazione di interpretazioni sia per gli aspetti geomorfologici sia per i segni impressi dalle attività umane gli stili del rapporto uomo-ambiente. Al termine della fase di analisi della carta si può quindi giungere ad una definizione unitaria e sintetica dei caratteri del paesaggio rappresentato, in cui i diversi aspetti si compenetrano creando un quadro originale.

12 Forme principali del territorio e chiavi di identificazione (dispense cartacee) Forme tettoniche e strutturali Forme vulcaniche Superfici di erosione e spianamento Forme dei versanti e della degradazione Forme del dilavamento Forme fluviali Forme glaciali Forme periglaciali Forme carsiche Forme costiere Forme eoliche Forme antropiche

13

14

15

16

17

18

19

20

21

22

23

24


Scaricare ppt "DALLA CARTA TOPOGRAFICA ALLA LETTURA DEL PAESAGGIO B. Delmonte, Laboratorio di Geografia Fisica, A.A. 2009/10."

Presentazioni simili


Annunci Google