La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

L’impegno del MIUR nelle tecnologie della formazione Alessandro Musumeci Direttore Generale Sistemi Informativi Potenza – 17 dicembre 2004.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "L’impegno del MIUR nelle tecnologie della formazione Alessandro Musumeci Direttore Generale Sistemi Informativi Potenza – 17 dicembre 2004."— Transcript della presentazione:

1 L’impegno del MIUR nelle tecnologie della formazione Alessandro Musumeci Direttore Generale Sistemi Informativi Potenza – 17 dicembre 2004

2 2 Dalla scuola “auditorium”…. Dal sapere ………. ….. alla scuola “laboratorio” ….. al saper fare e al saper essere Insegnanti Studenti Genitori –Lezioni con contenuti definiti e consolidati, preparate a casa utilizzando libri e media tradizionali –Insegnamento in classe supportato da lavagna, libri, dispense e laboratori –Aggiornamento professionale mediante corsi frequentati di persona –Lezioni spesso astratte e poco interattive –Difficile visualizzazione di alcuni concetti e della loro applicabilità nel mondo reale –Studio basato prevalentemente sui libri –Lezioni multimediali e interattive, preparate a casa su PC utilizzando fonti varie (libri, web, DVD, etc.), assemblando oggetti multimediali e accordandosi per organizzare videoconferenze durante le lezioni –Insegnamento in classe supportato da lavagna elettronica interattiva, libri, dispense, laboratori e aule multimediali –Aggiornamento professionale mediante corsi frequentati di persona e corsi on-line (eLearning) –Miglior comprensione dei concetti grazie a lezioni multimediali e interattive –Maggior densità informativa grazie alla riduzione dei “tempi morti” –Studio supportato da approfondimenti on- line, eLearning e applicazioni informatiche –Miglior supporto alla formazione dei figli, grazie a utilizzo portale dedicato –Informazioni didattiche aggiornate ottenute anche tramite sito web della scuola, , SMS –Scarso contatto con il mondo scolastico –Informazioni didattiche ottenute tramite libretti scolastici e incontri con gli insegnanti Il cambiamento della didattica nella scuola della Riforma

3 Quanti laboratori ci sono nelle scuole ?

4 Quanti computer ci sono nelle scuole? Ordine di scuolaN. ALUNNI N. COMPUT Rapporto Studenti/ computer Direzioni Didattiche ,2 Scuole medie I grado ,7 Scuole secondarie II grado ,3 Valori Nazionali ,9 Il rapporto sulle tecnologie per la didattica nelle scuole italiane 2004

5 Come sono stati acquistati ?

6 Nuovi programmi didattici

7

8 Quanti apparati per la ricezione satellitare ci sono ? In aggiunta alle circa parabole esistenti è prevista l’installazione di parabole con decoder digitale nelle scuole di ogni ordine e grado (plessi inclusi) E’ iniziata il 26 aprile scorso l’installazione delle prime parabole, a partire dalle scuole elementari, che verrà conclusa entro dicembre 2004 E’ prevista l’istallazione di parabole entro il 2005 Entro il 2006 il piano verrà completato con l’installazione delle ultime parabole

9 Nuovi programmi didattici

10

11 La Direzione Sistemi Informativi del MIUR sta inoltre realizzando con il Ministero dell’Innovazione e delle Tecnologie un sistema di Learning Objects (finanziato con 25,9 mln euro di fondi CIPE) per sperimentare concretamente i libri elettronici nelle scuole Tale sistema realizzerà, entro il 2005, un “contenitore” elettronico di prodotti multimediali per le scuole nel quale: Le scuole inseriranno gratuitamente i contenuti multimediali da esse prodotti, che verranno utilizzati gratuitamente dalle scuole, sulla base di un catalogo liberamente consultabile Le aziende (editori e produttori di contenuti multimediali) inseriranno contributi a pagamento che verranno retribuiti sulla base dell’effettiva fruizione. Tali contenuti verranno protetti da dispositivi di “firma elettronica” che renderanno impossibile la riproduzione non autorizzata. Le famiglie potranno scaricare liberamente i contenuti elettronici prodotti dalle scuole e a pagamento i contributi inseriti dagli editori E’ prevista anche una incentivazione economica delle scuole a produrre contenuti multimediali basata sul riuso dei vari prodotti (come realizzato in Germania con il progetto Mercur) Si sta esaminando, infine, in collaborazione con il Ministero dell’Innovazione e con l’AIE, una sperimentazione per la diversificazione editoriale (libri-Internet) applicata a studenti, classi e docenti

12 Quali altre attrezzature multimediali ci sono ? Altre attrezzature tecnologiche totali Sistemi Video Conferenza1.689 WebCam Antenne Paraboliche9.023 Decoder Digitali6.069 Decoder Analogici2.533 Video Proiettori Televisori Lettori Registratori Audio Lettori Registratori Video DiaProiettori Lavagne Luminose Telecamere Digitali Fotocamere Digitali totali

13 Quante sono le scuole con reti locali ? Scuole con rete locale Tipo scuola Rispondent i con rete locale Risponden ti al questi onari o % Direzioni Didattiche ,2 Scuole Medie 1° grado ,3 Istituti Comprensivi ,8 Istituti Superiori di II grado ,1 Totale ,6 Oltre 700 scuole con reti Wireless

14 Quante scuole hanno un sito Web ? Tipo scuola Rispondenti con e- mail didattic a Totale rispo nden ti % Direzioni Didattiche ,9 Scuole Medie 1° grado ,9 Istituti Comprensivi ,2 Scuole medie di 2° grado ,0

15 Come viene utilizzato il sito Web ?

16 Quanto viene utilizzato il sito Web del Ministero dell’Istruzione ?

17 Un ambiente integrato di e-learning

18 Quanti insegnanti sono stati formati sulle TIC ? insegnanti, tutor e direttori dei corsi che hanno partecipato alle diverse attività di e-learning insegnanti, tutor e direttori dei corsi che hanno partecipato alle diverse attività di e-learning insegnanti alla formazione sulla sperimentazione della riforma insegnanti elementari alla formazione tecnologica (piano For-TIC) insegnanti elementari alla formazione neo-assunti a.s. 2001/2002 e a.s. 2002/2003 di cui

19 Qual è stato il gradimento della formazione sulle TIC ? Esprimi il tuo grado di soddisfazione per l’intera esperienza formativa attuata da INDIRE. Il 53% del campione risponde positivamente (modalità 5 e 6). Solo il 5.7% giudica negativamente la formazione. Il 53% del campione risponde positivamente (modalità 5 e 6). Solo il 5.7% giudica negativamente la formazione. Per nulla soddisfatto Completamente soddisfatto Fonte: “Attività di monitoraggio” – Report intermedio luglio 2003 a cura del CEPaD – Università Cattolica, Milano

20 Il progetto PC ai docenti Consente l’acquisto di PC portatili con almeno il 20% di sconto in ambiente Windows e Linux Mette a disposizione dei docenti ulteriore hardware e software con uno sconto del 15-20% Sono disponibili ad oggi 8 modelli di PC portatili Dal 14 settembre scorso sono stati richiesti dai docenti oltre PIN di acquisto Progetto esteso a tutto il 2005 con l’ampliamento ai Dirigenti Scolastici, ai Ricercatori e agli ATA Accessibile da

21 Il ciclo virtuoso delle tecnologie nella didattica Studenti Genitori Inse- gnanti –Più facile catturare l’attenzione degli allievi in classe –Maggior stimolo a preparare lezioni con contenuti attuali e interessanti –Migliore motivazione e “senso di importanza” –Migliore aggiornamento professionale –Ruolo più attivo nell’educazione dei figli –Maggior trasparenza informativa –Interazioni più frequenti con il corpo docente –Lezioni più stimolanti –Lezioni più interattive –Concetti più chiari e apprendimento più agevole grazie alla multimedialità –Maggior densità informativa delle lezioni grazie alla riduzione dei “tempi morti” –Miglior accesso a fonti informative –Maggior dimestichezza con le tecnologie digitali –Maggior enfasi su creatività, problem solving e cooperazione

22 GRAZIE PER L’ATTENZIONE


Scaricare ppt "L’impegno del MIUR nelle tecnologie della formazione Alessandro Musumeci Direttore Generale Sistemi Informativi Potenza – 17 dicembre 2004."

Presentazioni simili


Annunci Google