La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

“Spegni lo spreco Accendi lo sviluppo”. IL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE Il commercio equo e solidale è un mercato alternativo. È un sistema di distribuzione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "“Spegni lo spreco Accendi lo sviluppo”. IL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE Il commercio equo e solidale è un mercato alternativo. È un sistema di distribuzione."— Transcript della presentazione:

1 “Spegni lo spreco Accendi lo sviluppo”

2 IL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE Il commercio equo e solidale è un mercato alternativo. È un sistema di distribuzione commerciale che ha lo scopo di far arrivare nelle nostre case prodotti provenienti dai Paesi lontani nel rispetto dei diritti dei lavoratori che li hanno realizzati.

3 Lavora coi produttori e lavoratori messi ai margini del mercato tradizionale, con rapporti commerciali diretti (evitando forme di intermediazione speculativa) e di lungo periodo, in modo che i produttori possano pianificare con maggiori certezze il loro futuro

4 Paga un prezzo equo che garantisce a tutte le organizzazioni (produttori, esportatori/importatori, distributori) un giusto guadagno. È trasparente verso i consumatori, che possono conoscere l’effettiva composizione del prezzo d’acquisto

5 Rispetta l’ambiente, privilegiando e promuovendo produzioni biologiche, l’uso di materiali riciclabili, e processi produttivi e distributivi a basso impatto ambientale

6 Garantisce condizioni di lavoro che rispettano i diritti dei lavoratori. Non ricorre al lavoro minorile

7 Se la nostra visione del mondo comprende idee come la giustizia e la conservazione del pianeta, perché non impostare in base a questi valori anche i nostri consumi? Se noi scegliamo e comperiamo i prodotti di un'azienda che adotta comportamenti rispettosi dell'uomo e dell'ambiente, il mercato si potrà orientare in questa direzione.

8 il sistema economico della nostra società ci abitua ad usare e sfruttare i beni di consumo senza educarci all'acquisto, senza insegnarci come questi beni vengono prodotti, da chi, in quali condizioni di lavoro, con quali risorse...

9 prima di acquistare un prodotto, stabilire se è realmente utile e necessario; leggere attentamente l'etichetta, preferendo, a pari prezzo, il prodotto con più informazioni

10 LEGGENDO L’ETICHETTA … Accertarsi se vi è: Inquinamento nel processo produttivo. Inquinamento eccessivo nel trasporto della merce. Sfruttamento delle risorse del suolo. Sono impegnati materiali riciclabili? informarsi se: il prodotto non sia fabbricato sfruttando la manodopera dei lavoratori e dei minori. Se sono rispettati i diritti dei lavoratori. In quali condizioni di lavoro si produce.

11 Il mercato produce qualsiasi cosa venga richiesta secondo le leggi della domanda e dell’offerta tale legge pone nelle nostre mani un potere enorme: Il potere di consumare ovvero la capacità di influenzare attraverso la nostra domanda l’offerta del mercato

12 L'azione di boicottaggio è possibile quando molte persone, contemporaneamente, scelgono di non acquistare determinati prodotti. Il boicottaggio consiste nell'interruzione dichiarata, organizzata e temporanea dell'acquisto di uno o più prodotti e/o beni per forzare le società produttrici ad abbandonare comportamenti che creano ingiustizia, impoverimento ed inquinamento.

13 Il boicottaggio "strategico" ha la finalità della vittoria e quindi viene intrapreso da gruppi organizzati affinché l'azienda subisca un calo di vendite dal 2 al 5% circa in quanto questa percentuale è sufficiente a condizionare i comportamenti dell'impresa. Vi sono due tipi di boicottaggio: - di "coscienza" - "strategico" Il boicottaggio di "coscienza" risponde unicamente al bisogno di ciascuno di fare scelte di acquisto che corrispondono ai propri principi etici.

14 In definitiva il consumo critico mira a far cambiare l'atteggiamento dell'azienda usando le loro stesse regole del gioco (domanda ed offerta). Scegliendo cosa comprare e cosa scartare, il consumatore indica all'azienda quali sono i "comportamenti" approvati e quali quelli condannati.

15 Per far fronte al crescente spreco di risorse del mondo occidentale è stata elaborata una teoria nota come Teoria delle 3 R. Si basa su 3 semplici regole tutte inizianti per R: Ridurre Riciclare Riutilizzare

16 Noi compriamo perché sorgono dei bisogni. Ma i bisogni sono reali o indotti? RIDURRE = Eliminare il Superfluo. Inoltre, le calorie eccessive consumate hanno portato alle cosiddette malattie del benessere (obesità) RICICLARE = Le risorse sulla Terra sono limitate. Il modo per evitare l’esaurirsi delle risorse è il riciclaggio. Tramite il riciclaggio si potrebbe parzialmente risolvere il problema del deficit delle risorse. Bisognerebbe incentivare all ‘uso del materiale riciclato.

17 Riutilizzare La società dei consumi ci ha abituati a buttare via le cose quando sono ancora utilizzabili. Abituarci a ricorrere al mercato dell’usato sarebbe una buona abitudine. La cultura del riutilizzo deve ripercuotersi anche sulle imprese che dovrebbero smettere di offrire confezioni che sprecano risorse e generano una grande quantità di rifiuti. Noi possiamo indurre le imprese a fare ciò privilegiando prodotti in confezioni in materiale riciclato.

18 “ Se i beni materiali diventano il centro della vita, ci afferrano e ci fanno schiavi. …Partecipiamo troppo spesso alla globalizzazione dell’indifferenza; cerchiamo invece di vivere una solidarietà globale” (Jeorge Mario Bergoglio)


Scaricare ppt "“Spegni lo spreco Accendi lo sviluppo”. IL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE Il commercio equo e solidale è un mercato alternativo. È un sistema di distribuzione."

Presentazioni simili


Annunci Google