La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

ECONOMIA AZIENDALE E GESTIONE DELLE IMPRESE LEZIONE IV PRODUZIONE E QUALITÀ PRODUZIONE E QUALITÀ LUCIO DEL BIANCO ANNO ACCADEMICO 2013 - 2014.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "ECONOMIA AZIENDALE E GESTIONE DELLE IMPRESE LEZIONE IV PRODUZIONE E QUALITÀ PRODUZIONE E QUALITÀ LUCIO DEL BIANCO ANNO ACCADEMICO 2013 - 2014."— Transcript della presentazione:

1 ECONOMIA AZIENDALE E GESTIONE DELLE IMPRESE LEZIONE IV PRODUZIONE E QUALITÀ PRODUZIONE E QUALITÀ LUCIO DEL BIANCO ANNO ACCADEMICO

2 2 PRODUZIONE E TECNOLOGIA I COMPITI PRINCIPALI DELLA FUNZIONE PRODUZIONE ESECUZIONE DEI PROGRAMMI DI PRODUZIONE STABILITI ESECUZIONE DEI PROGRAMMI DI PRODUZIONE STABILITI CONSERVAZIONE DEL PATRIMONIO IMPIANTISTICO UTILIZZATO CONSERVAZIONE DEL PATRIMONIO IMPIANTISTICO UTILIZZATO GESTIONE DELLE RELAZIONI TRA REPARTI DI PRODUZIONE, SERVIZI AUSILIARI (MANUTENZIONI,..) E SERVIZI GENERALI (MAGAZZINI,..) GESTIONE DELLE RELAZIONI TRA REPARTI DI PRODUZIONE, SERVIZI AUSILIARI (MANUTENZIONI,..) E SERVIZI GENERALI (MAGAZZINI,..) RISPETTO DELLE REGOLE DI SICUREZZA (PERSONE, IMPIANTI,..) E DI SALVAGUARDIA AMBIENTALE RISPETTO DELLE REGOLE DI SICUREZZA (PERSONE, IMPIANTI,..) E DI SALVAGUARDIA AMBIENTALE ADEGUAMENTO CONTINUO DEL KHOW HOW AZIENDALE IN TERMINI DI NUOVI PROCESSI, TECNOLOGIE, MATERIALI,… ADEGUAMENTO CONTINUO DEL KHOW HOW AZIENDALE IN TERMINI DI NUOVI PROCESSI, TECNOLOGIE, MATERIALI,… INTEGRAZIONE CON ALTRE FUNZIONI AZIENDALI A MONTE E A VALLE DEL PROCESSO PRODUTTIVO INTEGRAZIONE CON ALTRE FUNZIONI AZIENDALI A MONTE E A VALLE DEL PROCESSO PRODUTTIVO

3 3 PRODUZIONE E TECNOLOGIA LE MODALITÀ DI ESECUZIONE DI QUESTI COMPITI E LE PROBLEMATICHE ORGANIZZATIVE CONNESSE POSSONO VARIARE NOTEVOLMENTE A SECONDA DE: LE MODALITÀ DI ESECUZIONE DI QUESTI COMPITI E LE PROBLEMATICHE ORGANIZZATIVE CONNESSE POSSONO VARIARE NOTEVOLMENTE A SECONDA DE: IL NUMERO DI UNITÀ PRODUTTIVE TRA LE QUALI LA PRODUZIONE È DIVISA IL NUMERO DI UNITÀ PRODUTTIVE TRA LE QUALI LA PRODUZIONE È DIVISA IL TIPO DI PRODUZIONE IL TIPO DI PRODUZIONE PRODUZIONE PER IL CLIENTE O SU COMMESSA PRODUZIONE PER IL CLIENTE O SU COMMESSA PRODUZIONE DI MASSA O PER IL MAGAZZINO PRODUZIONE DI MASSA O PER IL MAGAZZINO PRODUZIONE PER LA DISTRIBUZIONE GIORNALIERA PRODUZIONE PER LA DISTRIBUZIONE GIORNALIERA

4 4 PRODUZIONE E TECNOLOGIA I MOMENTI FONDAMENTALI DEL SISTEMA DI PRODUZIONE CREAZIONE/ADEGUAMENTO DELLA CAPACITÀ PRODUTTIVA (OVVERO PROGETTAZIONE DEL SISTEMA PRODUTTIVO E SUA REALIZZAZIONE) CREAZIONE/ADEGUAMENTO DELLA CAPACITÀ PRODUTTIVA (OVVERO PROGETTAZIONE DEL SISTEMA PRODUTTIVO E SUA REALIZZAZIONE) IMPLEMENTAZIONE DEL SISTEMA PRODUTTIVO (OSSIA MESSA A PUNTO DEI CICLI DELLE LAVORAZIONI, DELLE PROCEDURE DI GESTIONE, DELLE REGOLE DI MANUTENZIONE,…) IMPLEMENTAZIONE DEL SISTEMA PRODUTTIVO (OSSIA MESSA A PUNTO DEI CICLI DELLE LAVORAZIONI, DELLE PROCEDURE DI GESTIONE, DELLE REGOLE DI MANUTENZIONE,…) GESTIONE DELLA PRODUZIONE (UTILIZZO DELLE RISORSE E DEI METODI PROGETTATI PER REALIZZARE I PRODOTTI STABILITI) GESTIONE DELLA PRODUZIONE (UTILIZZO DELLE RISORSE E DEI METODI PROGETTATI PER REALIZZARE I PRODOTTI STABILITI)

5 5 PRODUZIONE E TECNOLOGIA AZIONI E ANALISI PER L ’ IMPLEMENTAZIONE DEL SISTEMA PRODUTTIVO COORDINAMENTO TRA ENTI AZIENDALI DIFFERENTI COORDINAMENTO TRA ENTI AZIENDALI DIFFERENTI ANALISI DEI CICLI E DEI METODI DI LAVORAZIONE ANALISI DEI CICLI E DEI METODI DI LAVORAZIONE DEFINIZIONE DELLE PROCEDURE OPERATIVE DI CONTROLLO E DEGLI STANDARD TECNICI DI QUALITÀ, MANUTENZIONE, ETC. DEFINIZIONE DELLE PROCEDURE OPERATIVE DI CONTROLLO E DEGLI STANDARD TECNICI DI QUALITÀ, MANUTENZIONE, ETC. STUDIO DELLE ALTERNATIVE POSSIBILI A LIVELLO DI SISTEMA SOCIO-TECNICO STUDIO DELLE ALTERNATIVE POSSIBILI A LIVELLO DI SISTEMA SOCIO-TECNICO

6 6 PRODUZIONE E TECNOLOGIA PROBLEMATICHE RELATIVE ALLA GESTIONE DEL SISTEMA DI PRODUZIONE PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE E GESTIONE DEI FLUSSI (SISTEMA DELLA LOGISTICA) PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE E GESTIONE DEI FLUSSI (SISTEMA DELLA LOGISTICA) MISURE DELLA PRODUTTIVITÀ MISURE DELLA PRODUTTIVITÀ INNOVAZIONE TECNOLOGICA DI PRODOTTO E DI PROCESSO INNOVAZIONE TECNOLOGICA DI PRODOTTO E DI PROCESSO MANUTENZIONE DELLE MACCHINE E DEGLI IMPIANTI MANUTENZIONE DELLE MACCHINE E DEGLI IMPIANTI LA DEFINIZIONE DEL PUNTO DI PAREGGIO LA DEFINIZIONE DEL PUNTO DI PAREGGIO SISTEMA DI QUALITÀ E MIGLIORAMENTO CONTINUO SISTEMA DI QUALITÀ E MIGLIORAMENTO CONTINUO O.d.L. E GESTIONE R.U., SICUREZZA, RELAZIONI INDUSTRIALI O.d.L. E GESTIONE R.U., SICUREZZA, RELAZIONI INDUSTRIALI

7 7 PRODUZIONE E TECNOLOGIA PROGRAMMAZIONE E GESTIONE FISICA DEI FLUSSI

8 8 PRODUZIONE E TECNOLOGIA IL FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA LOGISTICO SI BASA SUI SEGUENTI STRUMENTI GESTIONALI LA PREVISIONE DELLE VENDITE LA PREVISIONE DELLE VENDITE LA GESTIONE DELLE SCORTE LA GESTIONE DELLE SCORTE LA PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE LA PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE LA PROGRAMMAZIONE DEGLI APPROVVIGIONAMENTI LA PROGRAMMAZIONE DEGLI APPROVVIGIONAMENTI LA GESTIONE DEGLI ORDINI E LA FATTURAZIONE LA GESTIONE DEGLI ORDINI E LA FATTURAZIONE IL SERVIZIO AL CLIENTE IL SERVIZIO AL CLIENTE LA GESTIONE DEI TRASPORTI LA GESTIONE DEI TRASPORTI LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI LOGISTICI LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI LOGISTICI LA PIANIFICAZIONE E IL BUDGET LOGISTICO LA PIANIFICAZIONE E IL BUDGET LOGISTICO FINALITÀ PRINCIPALE: GARANTIRE LA DISPONIBILITÀ DEI BENI AL MOMENTO GIUSTO, NEL POSTO GIUSTO E NELLE QUANTITÀ RICHIESTE

9 9 PRODUZIONE E TECNOLOGIA MISURE DELLA PRODUTTIVITÀ

10 10 PRODUZIONE E TECNOLOGIA IL PUNTO DI PAREGGIO PER L ’ ANALISI E LA VALUTAZIONE DELLE POLITICHE PRODUTTIVE RICAVI/COSTI RICAVI/COSTI VOLUMI DI PRODUZIONE VOLUMI DI PRODUZIONE COSTI VARIABILI COSTI FISSI RICAVI B.E.P.

11 11 PRODUZIONE E TECNOLOGIA SVILUPPI RECENTI DELLE POLITICHE AZIENDALI ORIENTATE ALLA PRODUZIONE LEAN PRODUCTION LEAN PRODUCTION TOTAL LOGISTIC STRATEGY TOTAL LOGISTIC STRATEGY COMAKERSHIP COMAKERSHIP CONCURRENT ENGINEERING CONCURRENT ENGINEERING JUST IN TIME JUST IN TIME STOCKLESS PRODUCTION STOCKLESS PRODUCTION QUALITÀ ED ELIMINAZIONE DEGLI SPRECHI QUALITÀ ED ELIMINAZIONE DEGLI SPRECHI

12 12 PRODUZIONE E TECNOLOGIA UNA DEFINIZIONE DI QUALITÀ LA QUALITÀ CORRISPONDE ALLA GLOBALITÀ DEGLI ASPETTI E DELLE CARATTERISTICHE DI UN PRODOTTO DA CUI DIPENDONO LE SUE CAPACITÀ DI SODDISFARE COMPLETAMENTE UN DETERMINATO BISOGNO (CARATTERISTICHE FISICHE, ASPETTO, DURATA, AFFIDABILITÀ, RIPARABILITÀ, PRATICITÀ, SPENDIBILITÀ, MANUTENIBILITÀ,..) CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO QUALITÀ = BISOGNI CLIENTE

13 13 PRODUZIONE E TECNOLOGIA QUALITÀ OGGETTIVA QUALITÀ OGGETTIVA LA QUALITÀ COME FATTO OGGETTIVO, LEGATO AGLI ASPETTI TANGIBILI DEL PRODOTTO, OSSIA ALLE SUE CARATTERISTICHE PREDETERMINABILI E MISURABILI RISPETTO A STANDARD TECNICI E SPECIFICHE OPERATIVE LA QUALITÀ COME FATTO OGGETTIVO, LEGATO AGLI ASPETTI TANGIBILI DEL PRODOTTO, OSSIA ALLE SUE CARATTERISTICHE PREDETERMINABILI E MISURABILI RISPETTO A STANDARD TECNICI E SPECIFICHE OPERATIVE QUALITÀ SOGGETTIVA QUALITÀ SOGGETTIVA LA QUALITÀ COME FATTO SOGGETTIVO, LEGATO ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE. QUESTA DIMENSIONE DERIVA DALLA POSITIVA INTERAZIONE TRA IMPRESA E CLIENTE LA QUALITÀ COME FATTO SOGGETTIVO, LEGATO ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE. QUESTA DIMENSIONE DERIVA DALLA POSITIVA INTERAZIONE TRA IMPRESA E CLIENTE

14 14 PRODUZIONE E TECNOLOGIA CONCEZIONI DELLA QUALITÀ A CONFRONTO QUALITÀ COME TATTICA QUALITÀ COME STRATEGIA LA QUALITÀ NON È IMPORTANTE FINCHÈ NON È UN PROBLEMA LA QUALITÀ È OGGETTO DI ANALISI E MIGLIORAMENTO SI RISPONDE SULLA BASE DI RECLAMI E LAMENTELE LA CUSTOMER SATISFACTION È AL CENTRO DELL ’ AZIONE LA QUALITÀ È TARATA SULLE ABITUDINI DEL CLIENTE LA QUALITÀ MIRA A SUPERARE LE ABITUDINI DEL CLIENTE LA QUALITÀ È VISTA COME PROBLEMA TECNICO LA QUALITÀ È LEGATA ANCHE ALLE DIMENSIONI INTANGIBILI LA QUALITÀ È LEGATA AGLI STANDARD LA QUALITÀ DERIVA DALLA CUSTOMER SATISFACTION OBIETTIVO È MANTENERE GLI STANDARD NEL TEMPO OBIETTIVO È IL MIGLIORAMENTO CONTINUO

15 15 PRODUZIONE E TECNOLOGIA QUALITÀ E COMPETIZIONE PER LE IMPRESE LA QUALITÀ RAPPRESENTA UNA VARIABILE RILEVANTE PER LA COMPETIZIONE NEI MERCATI GLOBALI E UNA SPINTA PER UN CONTINUO RIPOSIZIONAMENTO DI STRATEGIE, OBIETTIVI E COMPORTAMENTI PER LE IMPRESE LA QUALITÀ RAPPRESENTA UNA VARIABILE RILEVANTE PER LA COMPETIZIONE NEI MERCATI GLOBALI E UNA SPINTA PER UN CONTINUO RIPOSIZIONAMENTO DI STRATEGIE, OBIETTIVI E COMPORTAMENTI LA STRATEGIA DELLA QUALITÀ ASSUME LE CARATTERISTICHE DI UNA VERA E PROPRIA STRATEGIA COMPETITIVA FINALIZZATA ALL ’ OTTENIMENTO DI VANTAGGI DI COSTO E DI DIFFERENZIAZIONE LA STRATEGIA DELLA QUALITÀ ASSUME LE CARATTERISTICHE DI UNA VERA E PROPRIA STRATEGIA COMPETITIVA FINALIZZATA ALL ’ OTTENIMENTO DI VANTAGGI DI COSTO E DI DIFFERENZIAZIONE

16 16 PRODUZIONE E TECNOLOGIA QUALITÀ E SISTEMA ORGANIZZATIVO

17 17 PRODUZIONE E TECNOLOGIA PRINCIPI DELLA QUALITÀ TOTALE PRIORITÀ AL CLIENTE PRIORITÀ AL CLIENTE MIGLIORAMENTO CONTINUO DI TUTTE LE ATTIVITÀ AZIENDALI MIGLIORAMENTO CONTINUO DI TUTTE LE ATTIVITÀ AZIENDALI MOBILITAZIONE DEL PERSONALE DELL ’ AZIENDA MOBILITAZIONE DEL PERSONALE DELL ’ AZIENDA FORMAZIONE CONTINUA FORMAZIONE CONTINUA APPROCCIO SCIENTIFICO AL PROBLEM SOLVING APPROCCIO SCIENTIFICO AL PROBLEM SOLVING FAR ENTRARE IL CLIENTE IN AZIENDA FAR ENTRARE IL CLIENTE IN AZIENDA

18 18 PRODUZIONE E TECNOLOGIA IL MIGLIORAMENTO CONTINUO KAIZEN KAYRIO

19 19 PRODUZIONE E TECNOLOGIA SISTEMA QUALITÀ D ’ IMPRESA E NORME ISO 9000 ISO 9000 FORNISCE LA DESCRIZIONE DEI FONDAMENTI DEI SISTEMI DI GESTIONE DELLA QUALITÀ ISO COSTITUISCE UN MANUALE PER LE VERIFICHE ISPETTIVE DEI SISTEMI DI GESTIONE DELLA QUALITÀ E AMBIENTALI ISO 9001 FISSA I REQUISITI TIPICI DEI SISTEMI DI GESTIONE DELLA QUALITÀ DA SVILUPPARE NELLE AZIENDE ISO 9004 STABILISCE LE LINEE GUIDA PER L ’ EFFICACIA E L ’ EFFICIENZA DEI SISTEMI DI GESTIONE DELLA QUALITÀ NORMATIVA UNI EN ISO 9000

20 20 PRODUZIONE E TECNOLOGIA LE NORME VISION 2000 LE NUOVE NORME SULLA QUALITÀ PRENDONO IL NOME DAL DOCUMENTO CHE PREVEDE LA REVISIONE DELLA NORMATIVA PRECEDENTE ISO 9001 LE NUOVE NORME SULLA QUALITÀ PRENDONO IL NOME DAL DOCUMENTO CHE PREVEDE LA REVISIONE DELLA NORMATIVA PRECEDENTE ISO 9001 LE VISION 2000 MANTENGONO INALTERATI I PRINCIPI DISCIPLINATI NELLE NORME PRECEDENTI, MA AGGIUNGONO AD ESSI: LE VISION 2000 MANTENGONO INALTERATI I PRINCIPI DISCIPLINATI NELLE NORME PRECEDENTI, MA AGGIUNGONO AD ESSI: LA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE LA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE IL MIGLIORAMENTO CONTINUO IL MIGLIORAMENTO CONTINUO IN QUESTO MODO INTENDONO PROMUOVERE IL PASSAGGIO DALLA CONFORMITÀ ALL ’ EFFICACIA DEI COMPORTAMENTI IN QUESTO MODO INTENDONO PROMUOVERE IL PASSAGGIO DALLA CONFORMITÀ ALL ’ EFFICACIA DEI COMPORTAMENTI

21 21 PRODUZIONE E TECNOLOGIA LA CERTIFICAZIONE DI QUALITÀ LA CERTIFICAZIONE DEL SISTEMA DI QUALITÀ È L ’ ATTO FINALE CON CUI UN ORGANISMO DI CERTIFICAZIONE ESAMINA, MEDIANTE PROPRI ISPETTORI QUALIFICATI, LA CONFORMITÀ ALLE NORME DE: LA CERTIFICAZIONE DEL SISTEMA DI QUALITÀ È L ’ ATTO FINALE CON CUI UN ORGANISMO DI CERTIFICAZIONE ESAMINA, MEDIANTE PROPRI ISPETTORI QUALIFICATI, LA CONFORMITÀ ALLE NORME DE: I PIANI DI QUALITÀ DELL ’ IMPRESA I PIANI DI QUALITÀ DELL ’ IMPRESA IL MANUALE DELLA QUALITÀ IL MANUALE DELLA QUALITÀ LE CONSEGUENTI ORGANIZZAZIONI STRUTTURALI, DI CONTROLLO, DI TRATTAMENTO DELLA NON CONFORMITÀ E DI REGISTRAZIONE DELLA QUALITÀ LE CONSEGUENTI ORGANIZZAZIONI STRUTTURALI, DI CONTROLLO, DI TRATTAMENTO DELLA NON CONFORMITÀ E DI REGISTRAZIONE DELLA QUALITÀ LA CERTIFICAZIONE COMPORTA UN CONTROLLO PERIODICO DA PARTE DELL ’ ORGANISMO CERTIFICATORE, CHE A SUA VOLTA È SOTTOPOSTO A PROCEDURA DI ACCREDITAMENTO DA UN ENTE DI LIVELLO SUPERIORE (IN ITALIA IL SINCERT) LA CERTIFICAZIONE COMPORTA UN CONTROLLO PERIODICO DA PARTE DELL ’ ORGANISMO CERTIFICATORE, CHE A SUA VOLTA È SOTTOPOSTO A PROCEDURA DI ACCREDITAMENTO DA UN ENTE DI LIVELLO SUPERIORE (IN ITALIA IL SINCERT)

22 22 SINTESI DELLA LEZIONE IV LE FASI DI PROGETTAZIONE, IMPLEMENTAZIONE E GESTIONE DI UN SISTEMA DI PRODUZIONE LE FASI DI PROGETTAZIONE, IMPLEMENTAZIONE E GESTIONE DI UN SISTEMA DI PRODUZIONE DEFINIZIONE E SCOPI DEL SISTEMA LOGISTICO DEFINIZIONE E SCOPI DEL SISTEMA LOGISTICO PRODUZIONE E PUNTO DI PAREGGIO PRODUZIONE E PUNTO DI PAREGGIO LA QUALITÀ COME STRUMENTO DELLA COMPETIZIONE LA QUALITÀ COME STRUMENTO DELLA COMPETIZIONE PRINCIPI DELLA QUALITÀ TOTALE PRINCIPI DELLA QUALITÀ TOTALE

23 23 INDICAZIONI BIBLIOGRAFICHE G. Balestri – MANUALE DI ECONOMIA E GESTIONE AZIENDALE – Hoepli G. Balestri – MANUALE DI ECONOMIA E GESTIONE AZIENDALE – Hoepli A. Galgano – I SETTE STRUMENTI DELLA QUALITÀ TOTALE – Il sole 24 ore A. Galgano – I SETTE STRUMENTI DELLA QUALITÀ TOTALE – Il sole 24 ore


Scaricare ppt "ECONOMIA AZIENDALE E GESTIONE DELLE IMPRESE LEZIONE IV PRODUZIONE E QUALITÀ PRODUZIONE E QUALITÀ LUCIO DEL BIANCO ANNO ACCADEMICO 2013 - 2014."

Presentazioni simili


Annunci Google